Dario Resta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dario Resta
Dario Resta.jpg
Dario Resta
Dati biografici
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Automobilismo Automobilismo
Carriera
Carriera nella Formula Grand Prix
Stagioni 1907-1924
Scuderie Peugeot
Sunbeam
 

Dario Resta (Faenza, 19 agosto 1882Brooklands, 2 settembre 1924) è stato un pilota automobilistico britannico, di origine italiana.

Dolly Resta, emigrato in Inghilterra dall'età di due, cominciò a correre nel 1907. Vincitore tra l'altro della 500 miglia di Indianapolis nel 1916.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dagli esordi al 1918[modifica | modifica sorgente]

Gran Premio di Francia, 5 agosto 1907, Dario Resta sulla vettura n° 3 precede J. E. Hutton sulla n° 9

Prese parte alla prima Montagu Cup sul circuito di Brooklands. Nel 1913 partecipò al Gran Premio di Francia.

Nel 1915 si trasferì negli Stati Uniti per correre con Alphonse Kaufman, un importatore in America della Peugeot. A febbraio lui vinse il Gran premio degli Stati Uniti a San Francisco; seguì la prima vittoria della Coppa Vanderbilt. Nella Indianapolis 500 di quell'anno, finì secondo dietro Ralph DePalma per un extra cambio gomme. Vinse, sempre con la Peugeot, l'inaugurale 500 miglia della board track di Chicago il 26 giugno 1915. Alla corsa furono dedicate diciotto pagine del numero della rivista Motor Age del 1º luglio 1915.

L'anno seguente, vinse il United States National Driving Championship, la Vanderbilt Cup, la Indianapolis 500, la Chicago 300, la Minneapolis 150 e l'Omaha 150.

Dopo la prima guerra mondiale, nel 1918, Resta guidò sempre una Peugeot a Sheepshead Bay, Brooklyn, un evento minore con solamente una manciata di partecipanti. Il suo impegno sportivo si fermò in quel periodo; preferì trasferirisi con la famiglia a Bakersfield, in California, e realizzò un circuito a Buttonwillow, oggi ancora frequentato dagli amatori.

Gli anni del ritorno alle corse[modifica | modifica sorgente]

Nel 1923 Resta ritornò a correre, trentanovenne, a Beverly Hills in California. Fece un nuovo tentativo alla Indy500, ma si ritirò dopo 225 miglia. In Europa, Resta finì terzo nel Gran Premio di Penya Rhin, e vinse il Gran Premio di Spagna nella classe voiturette. Nel 1924 corse per la casa Sunbeam con Henry Segrave e Kenelm Lee Guinness.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Dario Resta rimase ucciso nel 1924 all'età di quarant'anni in un tentativo di record di velocità a Brooklands. Guidava una Sunbeam quando una cintura di sicurezza sulla sua macchina si ruppe forando col gancio di metallo uno pneumatico, facendogli perdere il controllo.

Nell'incidente rimase ferito il suo meccanico, Bill Perkins, in auto con lui. Perkins avrebbe dovuto partecipare al Gran Premio di San Sebastián alcuni settimane più tardi come meccanico di Guinness; al suo posto partecipò Tom Barrett. Guinness incappò in un incidente molto serio nel quale rimase ucciso Barrett. Questo incidente condusse alla fine della pratica di portare in gare meccanici a bordo delle vetture.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]