CoopVoce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
CoopVoce
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Divisione (organizzazione aziendale)
Fondazione 2007
Gruppo Coop Italia
Filiali Ricerca punti vendita Coop abilitati
Settore telecomunicazioni
Prodotti telefonia
Slogan «La telefonia Coop»
Sito web www.coopvoce.it
Una SIM card della CoopVoce

CoopVoce è il primo operatore virtuale di telefonia mobile lanciato in Italia.

Operativo dal 1º giugno 2007, dopo una fase sperimentale durata circa tre mesi, è nato dall'accordo tra Coop Italia e Telecom Italia (il servizio utilizza infatti la rete GSM/GPRS di TIM).

CoopVoce utilizza la prima decade del decamigliaio 331 (vale a dire 331-1) e la terza decade del decamigliaio 370 (ovvero 370-3), di cui è assegnataria Telecom Italia.

Il servizio CoopVoce è al momento disponibile solo in versione prepagata ed è sottoscrivibile nei punti vendita Coop delle Cooperative (e società controllate da queste) aderenti all'iniziativa.

Cooperative aderenti[modifica | modifica sorgente]

Clienti[modifica | modifica sorgente]

Al 30 dicembre 2013 CoopVoce registra:

  • 425.250 clienti[1].

Servizi disponibili[modifica | modifica sorgente]

  • Chiamate voce
  • SMS
  • MMS
  • Connessioni dati via GPRS/EDGE/UMTS/HSDPA
  • Videochiamate
  • Roaming internazionale

Modalità di ricarica[modifica | modifica sorgente]

Le ricariche sono disponibili attraverso le seguenti formule:

  • Presso i punti vendita Coop, con addebito diretto sullo scontrino della spesa
  • Mediante carta Bancomat, (presso gli sportelli ATM degli istituti di credito dei gruppi Unipol Banca, UniCredit, MPS nonché nelle Banche aderenti alla Cassa Centrale delle Banche di Credito Cooperativo del Nord Est)
  • Online da Conto Corrente Arancio di ING DIRECT Italia e dall'area clienti del sito CoopVoce.it
  • Presso le ricevitorie Sisal e la rete Lottomatica Servizi
  • Con l'addebito su carta di credito dal sito di CoopVoce
  • Tramite i punti Coop, accumulati sulla tessera con le spese effettuate presso i punti vendita

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]