Continental O-190

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Continental O-190
Descrizione
Costruttore Stati Uniti Teledyne Continental
Tipo motore a cilindri contrapposti
Numero di cilindri 4
Raffreddamento ad aria
Alimentazione a carburatore
Distribuzione OHV, a 2 valvole per cilindro
Dimensioni
Cilindrata 3,1 L (188 in³)
Alesaggio 103 mm (4.0625 in)
Corsa 92 mm (3.625 in)
Rap. di compressione 6,3:1
Peso
A vuoto 81 kg (180 lb)
Prestazioni
Potenza 85 hp (63 kW) a 2 575 giri/min
Consumo specifico 5,4 US gal/h
Combustibile benzina da 80 a 87 ottani
Note
Dati riferiti alla versione C85 tratti da:
Continental Aircraft Engine Operator's Manual[1]
voci di motori presenti su Wikipedia

I Continental O-190 (designazione aziendale Continental C75 e C85) erano una famiglia di motori aeronautici a 4 cilindri contrapposti, raffreddati ad aria, prodotti dall'azienda statunitense Teledyne Continental Motors a partire dagli anni quaranta e destinati a velivoli leggeri per l'aviazione generale.

Tecnologicamente simili, avendo stesse misure di alesaggio e corsa e stesso rapporto di compressione, i modelli si differenziavano sostanzialmente per la potenza erogata, 75 hp (56 kW) a 2 275 giri/min per il C75 ed 85 hp (63 kW) a 2 575 giri/min per il C85, grazie al diverso regime di rotazione massimo raggiungibile.[1]

La versione C75 venne prodotta dal 1943 al 1952, la C85 dal 1944 al 1970.

Aeromobili utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Aerei[modifica | modifica sorgente]

C75[modifica | modifica sorgente]

Brasile Brasile
Regno Unito Regno Unito
Stati Uniti Stati Uniti

C85[modifica | modifica sorgente]

Elicotteri[modifica | modifica sorgente]

Brasile Brasile

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Teledyne Continental Motors: Continental Aircraft Engine Operator's Manual, pages 4-5. Teledyne Continental Motors, FAA Approved December 1980. Continental Form No. X30012

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Bill Gunston, World Encyclopedia of Aero Engines: All Major Aircraft Power Plants, from the Wright Brothers to the Present Day, Wellingborough, Patrick Stephens, 1986.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]