Coevorden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coevorden
comune
Coevorden – Stemma Coevorden – Bandiera
Coevorden (Drenthe, Paesi Bassi): l'Arsenale, complesso classificato come rijksmonument
Coevorden (Drenthe, Paesi Bassi): l'Arsenale, complesso classificato come rijksmonument
Localizzazione
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Provincia Flag Drenthe.svg Drenthe
Amministrazione
Capoluogo Coevorden
Territorio
Coordinate
del capoluogo
52°39′00″N 6°43′58.8″E / 52.65°N 6.733°E52.65; 6.733 (Coevorden)Coordinate: 52°39′00″N 6°43′58.8″E / 52.65°N 6.733°E52.65; 6.733 (Coevorden)
Superficie 299,68 km²
Abitanti 35 916 (2011)
Densità 119,85 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 7740-7759, 7840-7843, 7845-7857, 7860-7869, 7917, 7929
Prefisso (+31) 0524, 0528, 0591
Fuso orario UTC+1
Codice CBS 0109
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Coevorden
Coevorden – Mappa
Sito istituzionale

Coevorden ascolta[?·info] è un comune nederlandese di 36.146 abitanti situato nella provincia della Drenthe.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Pianta di Coevorden

In età medievale Coevorden appartenne al principato ecclesiastico di Utrecht a cui era stata data dagli imperatori Corrado II ed Enrico III nell'XI secolo. La lontananza e l'assenza di continuità della Drenthe con il territorio di Utrecht, la resistenza degli abitanti della Drenthe a riconoscere l'autorità vescovile, e la debolezza dei vescovi di Utrecht, resero soltanto nominale tale appartenenza. Per di più uno dei vescovi di Utrecht, Hardbert, nominò a metà del XII secolo suo fratello Leffard burgravio di Coevorden, dando così origine a una dinastia che cercò di rendersi autonoma da Utrecht anche formalmente. Uno di questi burgravi, Rudolf II di Coevorden, resistette al vescovo Otto II che sconfisse nella battaglia di Ane (28 luglio 2027) ma fu ucciso a tradimento dal vescovo Wilbrand di Oldenburg nel 1230. Nel 1288 un nipote di Rudolf, Reinoud van Coevorden, ottenne nuovamente il potere a Coevorden dando così inizio a dinastia che sarebbe durata fino al 1402.

Coevorden ricevette i diritti comunali nel 1408.

La città fu ricostruita nel XVII secolo per opera di Maurizio di Nassau il quale la ideò con una pianta simile a quella di Palmanova.

In occasione della riorganizzazione delle province dei Paesi Bassi avvenuta nel 1998, Coevorden è stata unita a Dalen, Sleen, Oosterhesselen e Zweeloo.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Il territorio, pianeggiante e attraversato da una fitta rete di canali e corsi d'acqua, è coltivato a cereali, patate e barbabietole da zucchero; diffuso l'allevamento bovino e suino. Il sottosuolo è ricco di petrolio e gas naturale. La città presenta alcune industrie (metalmeccaniche, del legno, della carta e conciarie). Di recente (2010) Coevorden è stata dotata di un grande parco di divertimenti ("Plopsa Indoor Coevorden").

Persone legate a Coevorden[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paesi Bassi