Otto II di Lippe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Otto II
vescovo della Chiesa cattolica
Incarichi ricoperti vescovo-principe di Utrech
Nato circa 1180
Consacrato vescovo 1216
Deceduto Ane, 28 luglio 1227

Otto di Lippe (Lippe ?, 1180 circa – Ane, 28 luglio 1227) fu vescovo-principe di Utrech dal 1216 al 1227, come Otto II, e morì nella battaglia di Ane.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Otto II di Lippe scomunica Rudolf II di Coevorden (incisione di Jan Fels, 1835)

Otto era figlio Bernhard II di Lippe (ca. 11401224), un conte che nel 1194 si ritirò nel monastero cistercense di Marienfeld e nel 1218 divenne vescovo presso i Selonici[1]. Otto si dedicò alla carriera ecclesiastica, come molti dei suoi fratelli: fu abate cistiercense in Livonia e nel 1216 era prevosto del duomo di Utrecht quando fu eletto vescovo succedendo a Otto I di Gelre, morto in giovane età l'anno precedente.

I vescovi di Utrecht esercitavano il potere temporale nella città di Utrecht, e nei dintorni, fin dall'VIII secolo; nell'XI secolo furono investiti dagli imperatori-re di Germania dell'autorità di principi del Sacro Romano Impero e la diocesi venne innalzata alla dignità di principato vescovile, che comprendeva anche le contee di Drenthe, Salland e Twente e le città di Groninga e Deventer: un territorio corrispondente, grosso modo, alle attuali province di Utrecht, Groninga, Drenthe ed Overijssel. Il potere dei principi vescovi di Utrecht rimase tuttavia in genere sulla carta: le città di Coevorden e Groninga, i cui territori non erano in continuità con Utrecht, si comportavano come stati autonomi, e per di più la nomina del vescovo di Utrecht era un affare riservato ai conti di Holland e quelli di Gelre. La stessa elezione di Otto II fu infatti frutto di un compromesso fra i conti di Holland e di Gelre.

Otto II di Lippe alla battaglia di Ane (Frederik Zürcher, 1825-1876)

Il vescovo Otto aveva una certa inclinazione per la vita militare. Nel 1217 accompagnò Andrea II d'Ungheria alla Quinta crociata e prese parte fra l'altro all'assedio e alla presa di Damietta in Egitto (1218-1219). Ritornato a Utrecht nel 1223, s'impegnò a riprendere, anche con la forza, i territori appartenenti alla sua diocesi ma riottosi a riconoscere l'autorità di Utrecht. Sottomise pertanto dapprima i sudditi riottosi nel Veluwe e nel Salland, combatté poi contro i conti di Holland e di Gelre, con i quali firmò infine un trattato di pace nel 1226, anche grazie all'appoggio del legato pontificio Corrado di Urach, e cercò di sottomettere infine i ribelli del Drenthe, in particolare Rudolf II di Coevorden (1192-1230). Nell'estate del 1227 il vescovo di Utrecht decise di attaccare il castello di Coevorden. Approfittando della lontananza da Coevorden del castellano Rudolf, impegnato in un assedio alla città di Groninga, Otto radunò un esercito composto da guerrieri di professione bene armati: circa 500 nobili, tra cui i conti di Holland e di Gelre fino a poco tempo prima suoi avversari. Rudolf di Coevorden, tuttavia, interruppe l'assedio a Groninga e con una marcia a tappe forzate cercò di ritornare a Coevorden attraverso il Drenthe; durante la marcia il suo piccolo esercito si ingrossò degli abitanti dei villaggi del Drenthe, i quali temevano il ritorno del dominio vescovile e in particolare il ripristino delle decime.

Le truppe raccogliticce di Rudolf riuscirono a intercettare l'esercito di Utrecht nei pressi di Ane e a sconfiggerlo in una battaglia il cui andamento è noto attraverso la cronaca Quedam narracio de Groninghe scritta probabilmente da uno dei partecipanti allo scontro dalla parte del vescovo[2][3]. Rudolf si dispose in una zona paludosa nella quale, a differenza degli abitanti del luogo, i cavalieri di Utrecht, equipaggiati con armature pesanti, non potevano muoversi agevolmente. Circa 400 cavalieri furono uccisi; moltissimi altri, fra cui il conte di Gelde, furono imprigionati; il vescovo Otto fu ucciso dopo essere stato mutilato orribilmente. Come ricorda il Moroni, i contadini, «immaginando essi che il suo sagro carattere fosse attaccato alla tonsura, gliela strapparono colla cute, per non essere riputati sacrileghi nel dargli la morte»[4].

Il successore di Otto alla diocesi di Utrecht, Wilbrand van Oldenburg, vendicò la morte del suo predecessore mettendo a morte Rudolf di Coevorden, dopo averlo catturato a tradimento e fatto torturare. Impose agli abitanti della Drenthe di edificare, in ricordo di Otto di Lippe, il convento cistercense di Mariënkamp (Santa Maria in Campo); il luogo si rivelò poco adatto, per cui nel 1258 il convento fu trasferito altrove e attorno al convento, nei secoli successivi, si sviluppò Assen, l'attuale capoluogo della provincia del Drenthe[5].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Falkmann: «Bernhard II. (Bischof von Semgallen)». In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). Vol.II, Leipzig: Duncker & Humblot, 1875, pp. 422–424 (on-line) (DE)
  2. ^ (NL) Van Rij, H., Een verhaal over Groningen, Drente, Coevorden en allerlei andere zaken onder verschillende Utrechtse bisschoppen; Quedam narracio de Groninghe, de Thrente, de Covordia et de diversis aliis sub diversis episcopis Traiectensibus, Hilversum 1989. Citato in: M.A.W. Gerding, Encyclopedie van Drenthe, Volume 1, p. 755 (Google books)
  3. ^ Edizione di Quedam narracio de Groninghe, de Thrente, de Covordia et de diversis aliis sub diversis episcopis Traieotensibus, 1977
  4. ^ Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica, Vol. LXXXVII, Venezia : Tipografia Emiliana, 1847, p. 37 (on-line)
  5. ^ «Mariënkamp», Encyclopedie Drenthe Online (NL)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Pieter Lodewijk Muller, «Otto II, Bischof von Utrecht». In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). Vol. XXIV, Leipzig: Duncker & Humblot, 1887, p. 729 (on-line)
  • Aart Heering, «...e poi scotennarono il vescovo». Medioevo 2009, XIII(7):26-31
  • (NL) «OTTO II». In: Abraham Jacob van der Aa (ed.), Biographisch woordenboek der Nederlanden: bevattende levensbeschrijvingen van zoodanige personen, die zich op eenigerlei wijze in ons vanderland hebben vermaard gemaakt, Volume 14, Harlem: J. J. van Brederode, 1867, p. 245 (Google books)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Utrecht Successore BishopCoA PioM.svg
Otto van Gelre
12131215
1215 - 1228 Wilbrand van Oldenburg
1228 - 1235

Controllo di autorità VIAF: 89999367