Cinéma Nôvo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la rivista cinematografica italiana, vedi Cinema Nuovo.

Il Cinéma Nôvo fu un movimento cinematografico brasiliano di rinnovamento, influenzato dalla corrente del neorealismo italiano e dal movimento cinematografico francese nato sul finire degli anni ‘50, noto col nome di Nouvelle Vague (nuova onda).

Lo spirito generale del movimento può essere espresso dalla frase «Uma câmera na mão e uma idéia na cabeça» (traducibile come "Una macchina da presa in mano e un'idea in testa"). Era questo lo spirito che accompagnava i giovani registi.

Tale movimento fu inventato da Glauber Rocha nel nordeste contestualmente alla nascita a Bahia del Tropicalismo[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziata sottotono negli anni cinquanta, attorno al 1960 si impose come la più audace e compatta delle nouvelles vagues internazionali.

Il movimento vide tra i suoi padri i registi Glauber Rocha, Nelson Pereira dos Santos e Joaquim Pedro de Andrade, ai quali si aggiunsero altri cineasti come Ruy Guerra, Carlos Diegues, Leon Hirszman, Walter Lima Jr. e Humberto Mauro.

Le tematiche centrali del movimento si focalizzavano attorno alla povera situazione economica e sociale del Brasile, usando spesso come sfondo delle pellicole il nord-est del paese, dove vi è una forte siccità, e le grandi città, e in particolare le loro favelas.

Lo sviluppo del movimento venne interrotto dal colpo di Stato del 1964, che ha avuto tra le altre conseguenze l'esilio di Rocha e di Diegues, ed ha limitato le possibilità espressive degli artisti rimasti per colpa della forte censura governativa.

I temi[modifica | modifica wikitesto]

La segregazione, la frantumazione dei valori, la crisi di identità del singolo, la rassegnazione ai mutamenti storico-sociali e la brutalità delle guerre: sono questi temi maggiormente trattati, in maniera trasparente, dai registi del Cinéma Nôvo.

I temi sociali che vennero ampiamente esplorati in quegli anni, originarono capolavori cinematografici, apprezzati ancora oggi. Ma non bastò a risollevare la situazione del cinema, compromesso dall’infiltrazione straniera.

Nonostante questo, il cinema riuscì a raggiungere un notevole valore, riuscì a crearsi un proprio linguaggio nell'ambito della cinematografia brasiliana, che è così riuscita a cominciare un cammino di riflessione sulla propria realtà, cercando di farla conoscere al resto del mondo.

Cinema e letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Come avvenuto con il romanzo regionalista, il legame che unirà il cinema con la cultura popolare sarà ben evidente.

Di conseguenza, sarà evidente anche il legame cinema/romanzo-nordestino. Il Cinéma Nôvo presenterà gli stessi temi accusati dal romanzo, arrivando a offrire versioni cinematografiche di alcune opere letterarie. Un esempio è il film tratto da “Vidas Secas”, prodotto da Nelson Pereira dos Santos nel 1963.

Il Cinéma Nôvo[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dei film del Cinéma Nôvo affrontano la tematica nordestina, che negli anni ’60 sarà la principale fonte di ispirazione dei registi, caratterizzante l’ambiente fisico e umano: siccità, violenza e fame.

Questo nuovo movimento voleva spingersi oltre, cercando nuove questioni e un nuovo linguaggio da fare proprio per fare del cinema, non solo una semplice forma di intrattenimento, ma anche un vero e proprio strumento di azione sociale e culturale.

Il Cinéma Nôvo con il suo impegno sociale volto alla denuncia di situazione specifiche, avrà una forte volontà di costruire una propria identità cinematografica e istituire una sorta di indipendenza nei confronti della superiorità americana. Sarà un impegno che negli anni a venire porterà a dare un'immagine più complessa e completa di quello che era il Brasile in quegli anni .

Sebbene questo movimento non sia riuscito ad rialzare la debilitata industria cinematografia brasiliana, il significato di questo cinema è stato notevole.

Riuscirà a trasmettere, con immagini forti e coerenti la realtà, la condizione dei ceti sociali discriminanti dalla popolazione, ponendosi, non come mezzo di intrattenimento, ma come forma di divulgazione dei problemi sociali.

Il cinema di Rocha[modifica | modifica wikitesto]

Glauber Rocha (Vitória da Conquista, 14 marzo 1939 – Rio de Janeiro, 22 agosto 1981) è stato uno dei padri del Cinéma Nôvo. Responsabile del “Manifesto del cinema novo”, pubblicato nel 1965, conosciuto anche col nome di “estetica della fame”

È sua una delle principali pellicole del Cinéma Nôvo, “Deus e o Diablo na Terra do Sol” del 1964, ( traducibile come “Dio e il Diavolo nella terra del sole”).

In questo film, Rocha esamina le condizioni sociali derivate dalla miseria, dalla fame e dal latifondo. Non si limiterà a registrare dei fatti ma si immergerà totalmente nella sofferenza e nello strazio.

Il suo sarà un cinema di totale immersione soggettiva, sarà un cinema con un disegno, un cinema d’opinione, dove dolore e oppressione diventano linguaggio.

Con l’aiuto delle immagini, Rocha rivela quello che è l’eterogeneità della sua nazione. Il sertão di Rocha, abitato da banditi e santoni, finisce per raffigurare tutte quelle comunità che hanno combattuto e continuato a combattere contro i poteri accentratori.

Data la scarsa consapevolezza, se non il totale disinteresse dello stato sociale in cui versavano alcune regioni del paese, i film di Rocha compongono una sorta di catalogo delle questioni sociali, un po’ come sfogliare un album fotografico, sostenendo una vera e propria scoperta del Brasile.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gildo De Stefano, Il popolo del samba, Roma 2005 - Capitolo: IL MOVIMENTO TROPICALISTA

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Brasile: "Cinema Nôvo" e dopo: Marsilio Editori, 1981