Chloe Frazer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chloe Frazer
Universo Uncharted
Lingua orig. Inglese
Autore Amy Hennig
Studio Naughty Dog
1ª app. in Uncharted 2: Il covo dei ladri
Ultima app. in Uncharted 3: L'inganno di Drake
Voce orig. Claudia Black
Voce italiana Beatrice Caggiula
Sesso Femmina
Etnia australiana
Luogo di nascita sconosciuto
Data di nascita sconosciuta
Professione cacciatrice di tesori
Abilità
  • Sparare

Chloe Frazer è un personaggio immaginario della serie videoludica Uncharted, creata e sviluppata da Naughty Dog. Il suo doppiatore originale è l'attrice Claudia Black, che ha anche recitato per le scene d'intermezzo nei panni di Chloe; la voce italiana è affidata a Beatrice Caggiula.

Chloe è stata ideata per fornire una controparte di Nathan Drake in versione leggermente più cupa e per evidenziare alcuni aspetti della di lui personalità. Chloe è un personaggio forte, che cerca in maniera anche aggressiva di ottenere ciò che vuole per i propri interessi. La sua personalità è focalizzata sulla sua indipendenza e sensualità.

Aspetto e personalità[modifica | modifica sorgente]

Chloe Frazer è stata progettata con una personalità paragonabile a quella di Nathan Drake, protagonista della serie. Attraverso le interazioni, Cloe mette in evidenza aspetti particolari della personalità di Drake.[1] Amy Hennig, autrice della serie, volle che Chloe si comportasse come Drake essenzialmente agendo come una versione leggermente più cupa del personaggio principale; inoltre, continua Hennig, la figura di Chloe è stata creata in modo da essere in contrasto con Elena Fisher, la quale invece ha i modi della "brava ragazza". [2]

Chloe è un'avventuriera impulsiva, spericolata,[3] spiritosa e ambigua, oltre ad essere un personaggio fisicamente attraente.[1] Ha a cuore i propri interessi, senza curarsi di niente altro che non sia ciò che vuole.[1] È molto attaccata a Drake, ma lo lascia quando si rende conto della realtà della situazione.

Comparse[modifica | modifica sorgente]

Uncharted 2: Il covo dei ladri[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Uncharted 2: Among Thieves.

Chloe e Harry Flynn convincono Nate ad aiutarli nel furto ad un museo in Turchia. Sono stati ingaggiati da un ricco benefattore per rubare un'antica lampada cinese, donata da Kublai Khan a Marco Polo. Nate e Flynn, con l'aiuto di Chloe, raggiungono la teca della lampada e, una volta rotta, scoprono una mappa che potrà guidarli nel cuore della giungla nel Borneo. Senza che la ragazza lo sapesse però Flynn tradisce Drake, e questi viene imprigionato. Sarà Chloe a liberarlo chiedendo a Sully di pagare la cauzione.

Da questo momento Chloe agirà in combutta con Nate e Sully per rubare ciò che Flynn e il suo "ricco benefattore" (Zoran Lazarevic, criminale di guerra) stanno cercando: la pietra Cintamani, un oggetto che dona l'immortalità al suo possessore, custodita nella leggendaria città di Shambhala.[4] Facendo il doppio gioco con Flynn e Lazarevic, Chloe incontra Drake in Nepal per assisterlo nella ricerca della mitica città. Quando Chloe viene costretta a salire su un treno diretto verso le montagne, Drake tenta di liberarla, ma la ragazza si rifiuta di seguirlo. Gravemente ferito da Flynn, Nate fa deragliare parte del treno su un pendio della catena dell'Himalaya. Chloe apparirà poi più avanti, in un monastero sulle montagne, dove segue Drake e Lazarevic fino all'entrata di Shambhala. Si prende cura di Elena Fisher, ferita da una granata innescata da Flynn, mentre Drake combatte la battaglia finale contro Lazarevic alle radici dell'Albero della vita. Nell'epilogo Chloe vede che Nate è innamorato di Elena: accettando il fatto, si allontana dai due lasciandoli nel villaggio tibetano.

Impatto culturale[modifica | modifica sorgente]

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Chloe è stata molto impiegata nella promozione di Uncharted 2: Il covo dei ladri per mostrare come la presenza di nuovi personaggi fosse un tema centrale per la storia. La sua figura è stata impiegata in maniera tale da far pensare in un primo momento che Elena Fisher, protagonista femminile nel primo capitolo della serie, fosse stata rimpiazzata da Chloe.[3]

Critica[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte dei critici hanno valutato la figura di Chloe positivamente, focalizzandosi sulla sua forza e sensualità: spesso l'hanno citata come un'eccezionale esempio di personaggio femminile indipendente videoludico. Tom Cross di Gamesutra vede Chloe come una donna dalla personalità forte, comparandola al personaggio di Elika di Prince of Persia.[1] GamesRadar ha nominato Chloe "Miss 2009" tra i "Nuovi Personaggi del Decennio".[5]

Black ha commentato che Chloe è stata divertente da doppiare, ed è essenzialmente una "Indiana Jones con dei bei capelli".[6] Justin Richmond, game designer di Uncharted 2: Among Thieves ha affermato che Chloe è il suo personaggio preferito.[2] Black è stata nominata sotto la categoria "Miglior Voce" allo Spike Video Game Awards 2009.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Analisi: le relazioni in Uncharted 2. URL consultato il 21 gennaio 2010.
  2. ^ a b Intervista su 'Uncharted 2: Among Thieves'. URL consultato il 21 gennaio 2010.
  3. ^ a b Primo sguardo a 'Uncharted 2: Among Thieves'. URL consultato il 21 gennaio 2010.
  4. ^ Matt Casamassina, Editorial: How Uncharted 2 Can Fix Gaming, IGN. News Corporation, 19 novembre 2009, pp. 1–2. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  5. ^ MISS 2009: Chloe Frazer, GamesRadar. Future plc, 30 dicembre 2009. URL consultato il 21 gennaio 2010.
  6. ^ John Gaudiosi, Uncharted 2 Interview with Claudia Black, GameDaily. AOL, 6 ottobre 2009. URL consultato il 21 gennaio 2010.
  7. ^ Dustin Quillen, Halo: Reach to Premiere at VGAs, Nominees Revealed, 1UP.com. Hearst Corporation, 18 novembre 2009. URL consultato il 21 gennaio 2010.