Chiese Elim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiese Elim
Classificazione evangelica
Orientamento pentecostale
Fondatore George Jeffreys
Fondata 1915

Monaghan, Irlanda

Separazioni Associazione ecclesiastica del modello biblico
Congregazioni 9 000
Sito ufficiale [1]

Le chiese evangeliche Elim (Elim Pentecostal Churches) sono un movimento di chiese evangeliche di fede pentecostale fondato nel 1915 dai fratelli evangelici gallesi George e Stephen Jeffreys.

Derivano il loro nome da un luogo citato nella Bibbia:

« Poi giunsero a Elim, dov'erano dodici sorgenti d'acqua e settanta palme; e si accamparono lì presso le acque. »
(Esodo 15:27)

Origine[modifica | modifica wikitesto]

George Jeffreys (1889-1962), un gallese, fondò la Chiesa pentecostale Elim a Monaghan, in Irlanda nel 1915. Jeffreys era un evangelico cresciuto in una chiesa gallese congregazionale. Si convertì all'età di quindici anni durante il Risveglio Gallese del 1904. Alexander A. Boddy, di Sunderland lo invitò a predicare alla sua Convention pentecostale internazionale a Sunderland nel maggio 1913. Tra il 1915 e il 1934, Jeffreys fu estremamente attivo come revivalista, e predicava a grandi folle in tutto il Regno Unito.

La chiesa fu fondata come Banda Evangelistica Elim, ma il nome fu cambiato in Elim Foursquare Gospel Alliance nel mese di aprile 1934. Il nome "Elim" compare nel libro dell'Esodo, capitolo 15 , versetto 27, dove gli Israeliti, lasciando la schiavitù d'Egitto sotto la guida di Mosè, trovano un'oasi chiamata Elim: "Allora giunsero a Elim, dove c'erano dodici sorgenti di acqua e settanta palme, così si accamparono lì vicino alle acque". L'oasi rappresenta un luogo di rinfresco nel caldo soffocante del deserto egiziano, e all'epoca fu ritenuto appropriato per un movimento revivalista [1].

Dottrina[modifica | modifica wikitesto]

Le dottrine fondamentali delle chiese evangeliche Elim includono: la Bibbia come divinamente ispirata; la Trinità; la nascita verginale di Gesù Cristo e la sua umanità completa e vita senza peccato, espiazione vicaria, resurrezione corporale, celeste intercessione, la seconda venuta di Gesù; la peccaminosità universale del genere umano; l'opera dello Spirito Santo come convinzione profonda, il pentimento, la rigenerazione e la santificazione; il battesimo dello Spirito Santo "con i segni seguenti"; che la salvezza si riceve per sola fede e testimonia il frutto dello Spirito. Il battesimo dei credenti per immersione e comunione sono tenuti ad essere ordinanze[2].

Diffusione in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Le Chiese Elim in Italia sono un'associazione di chiese di fede pentecostale sparse su tutto il territorio nazionale, presenti con 118 comunità anche con culti in lingua straniera. Esse sono nate in data relativamente recente: infatti, l'Associazione è stata costituita il 6 settembre 1993. Subito dopo la costituzione dell'Associazione, venne chiesta ed ottenuta l'affiliazione all'associazione britannica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.elimitalia.it/?page_id=4701
  2. ^ http://www.elimitalia.it/?page_id=53

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]