Charles Jean de la Vallée-Poussin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles-Jean de la Vallée Poussin

Charles Jean Étienne Gustave Nicolas Baron de la Vallée Poussin (Lovanio, 14 agosto 1866Watermael-Boitsfort, 2 marzo 1962) è stato un matematico belga, noto per aver dimostrato il teorema dei numeri primi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Visse per tutta la vita a Lovanio, in Belgio. Studiò matematica all'Università cattolica di Lovanio avendo come professore Louis-Philippe Gilbert. Divenne professore alla stessa università (come suo padre Charles-Louis-Joseph-Xavier de la Vallée-Poussin, che insegnò mineralogia e geologia) nel 1892, ottenendo la cattedra che era stata del suo professore.

Nel 1961 si ruppe la spalla, e quest'incidente lo portò alla morte, avvenuta qualche mese dopo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene i suoi primi interessi matematici fossero rivolti all'analisi, divenne famoso per aver dimostrato il teorema dei numeri primi nel 1896, simultaneamente ma in modo indipendente da Jacques Hadamard. Curiosamente, lui e Hadamard erano pressoché contemporanei, ed entrambi vissero quasi un centinaio d'anni.

In seguito si interessò di teoria dell'appossimazione. Definì, per ogni funzione continua f sull'intervallo [-1,1] le somme

 V_n=\frac{S_n+S_{n+1}+\ldots+S_{2n-1}}{n}

dove

 S_n=\frac{1}{2}c_0(f)+\sum_{i=1}^n c_i(f) T_i

e  c_i(f) sono i vettori delle basi duali rispetto alle basi polinomiali dei polinomi di Čebyšëv, definiti come

 (T_0/2,T_1,\cdots,T_n)

Più tardi lavorò nella teoria del potenziale e in analisi complessa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 114895187 LCCN: n90625652