Cerasuolo d'Abruzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cerasuolo d'Abruzzo
Dettagli
Stato Italia Italia
Resa (uva/ettaro) 140 q
Resa massima dell'uva 70,0%
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
11,0%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
12%
Estratto secco
netto minimo
16,0‰
Riconoscimento
Tipo DOC
Istituito con
decreto del
24/05/1968  
Gazzetta Ufficiale del 15/07/1968,
n 178
Vitigni con cui è consentito produrlo
[senza fonte]
Montepulciano d'Abruzzo Cerasuolo

Il Cerasuolo d'Abruzzo è un vino DOC la cui produzione è consentita nelle province di Chieti, L'Aquila, Pescara e Teramo.

Caratteristiche organolettiche [1][modifica | modifica sorgente]

  • colore: rosso ciliegia più o meno carico;
  • odore: gradevole, delicatamente vinoso, fruttato, fine ed intenso;
  • sapore: secco, morbido, armonico, delicato con retrogusto gradevolmente mandorlato.

Note[modifica | modifica sorgente]

È sempre stata considerata, a livello di disciplinare, come una tipologia appartenente al Montepulciano d'Abruzzo, in quanto prodotto fondamentalmente dalle stesse uve. A partire dalla vendemmia 2010/2011 è stato modificato il nome, in quanto è stato riconosciuto come vino D.O.C. a se stante. Per tale motivo la denominazione esatta è di "Cerasuolo d'Abruzzo D.O.C".

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Abbinamenti consigliati[modifica | modifica sorgente]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Provincia, stagione, volume in ettolitri

  • nessun dato disponibile

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Disciplinare di produzione - Consorzio di tutela dei Vini d'Abruzzo

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]