Castello Spinola-Mignacco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello Spinola-Mignacco
Castello di Piano
Castelli della Valle Scrivia
Isola del Cantone-castello Spinola.jpg
Mappa di localizzazione: Italia
Ubicazione
Stato Feudi imperiali
Stato attuale Italia Italia
Regione Liguria Liguria
Città Isola del Cantone
Coordinate 44°38′41.49″N 8°57′36.03″E / 44.644858°N 8.960008°E44.644858; 8.960008Coordinate: 44°38′41.49″N 8°57′36.03″E / 44.644858°N 8.960008°E44.644858; 8.960008
Informazioni generali
Tipo castello-dimora nobiliare
Utilizzatore Signoria degli Spinola
Famiglia Mignacco
Primo proprietario Guglielmo II Spinola
Funzione strategica Residenza nobiliare
Inizio costruzione 1553
Termine costruzione 1562
Condizione attuale in buono stato di conservazione
Proprietario attuale Proprietà privata

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello Spinola-Mignacco o castello di Piano è stata un'antica dimora nobiliare della famiglia Spinola in località Piano nell'odierno comune ligure di Isola del Cantone, nella valle Scrivia, in provincia di Genova.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le fonti storiche attribuiscono al capitano Guglielmo II Spinola la decisione dell'edificazione di una nuova residenza, opera che avvenne molto probabilmente tra il 1553 e il 1562 e quindi in epoca più tardiva rispetto al castello Spinola di Isola. L'attuale denominazione Mignacco venne aggiunta dopo l'acquisizione del castello, nel 1865, da parte di Michele Mignacco e ancora oggi la proprietà sul castello appartiene ai discendenti della famiglia.

Destinato a dimora residenziale più che a fortezza difensiva si presenta su uno sperone di roccia, nei pressi della confluenza tra il torrente Vobbia con lo Scrivia, con una struttura a pianta quadrata.

La corte della fortezza, formata da un muro spesso, è raggiungibile attraverso un portale tra le due torri circolari; il corpo principale, anch'esso di forma quadrata, è sviluppato su tre livelli.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]