Bradypodion melanocephalum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bradypodion melanocephalum
KwaZulu Dwarf Chameleon 30 10 2010.JPG
Bradypodion melanocephalum
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Sauria
Famiglia Chamaeleonidae
Sottofamiglia Chamaeleoninae
Genere Bradypodion
Specie B. melanocephalum
Nomenclatura binomiale
Bradypodion melanocephalum
(Gray, 1865)

Il camaleonte nano dalla testa nera (Bradypodion melanocephalum (Gray, 1865)), conosciuto anche con il nome di camaleonte nano di KwaZulu, è un piccolo sauro della famiglia Chamaeleonidae.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Bradypodion melanocephalum Ilanda 23 11 2010.JPG

È un camaleonte di piccola taglia, non più lungo di 11 cm, di cui circa la metà spettano alla coda.[2] Sul dorso è presente una cresta dorsale che si continua brevemente sulla coda. La colorazione è estremamente variabile e va dal marrone chiaro uniforme al grigio verdastro con macchie più scure lungo i fianchi. La testa è talvolta di un colore più scuro rispetto al resto del corpo, ma mai nera: il suo nome comune è in realtà inappropriato e deriva dal primo esemplare descritto il quale presentava la testa nera a causa del processo di conservazione.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Atteggiamento di minaccia
Esemplare che cattura una cavalletta

Questo rettile si nutre di piccoli insetti come mosche e cavallette, che cattura ,come tutti i camaleonti, per mezzo della lunga lingua.
Come tutte le specie del genere Bradypodion è vivipara, cioè da alla luce piccoli vivi.[3]
Quando si sente in pericolo è solito aprire la bocca per mostrarne l'interno giallo-arancio nel tentativo di spaventare l'aggressore.
I predatori di questo animale includono il serpente maculato dei cespugli (Philothamus semivariegatus), il martin pescatore capobruno (Halcyon albiventris) e il gatto domestico.[senza fonte]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie di camaleonte è endemica della zona costiera meridionale della regione del KwaZulu-Natal, in Sudafrica.[2] Popolazioni di questa specie sono state individuate in particolare nella zona costiera a nord di Durban, e nelle aree di Pietermaritzburg, Boston e Greytown.

Si adatta a differenti habitat, dalle praterie alle foreste ripariali, ai giardini urbani.[2]

La palma del Senegal (Phoenix reclinata) è ella stessa un micro-habitat favorevole.[senza fonte]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale specie potrebbe consistere di diverse specie differenti. Sono state infatti individuate almeno tre varianti regionali: una nelle foreste Karkloof e Gilboa, una nella Foresta di Weza, e infine una nell'area vicina Ixopo e Donnybrook.[senza fonte]

Era stato ipotizzato che il camaleonte nano dalla testa nera e il camaleonte nano del Natal Midlands (Bradypodion thamnobates) potessero essere popolazioni fenotipicamente diverse della stessa specie, e proprio per questo giovani esemplari di entrambe le specie erano stati allevati con le medesime condizioni, ma si svilupparono fenotipicamente secondo quanto ci si aspettasse dalla loro popolazione originale, indicando così che si trattava di due specie distinte.[4]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Il camaleonte dalla testa nera è vulnerabile a causa del suo areale molto limitato. Si ritrova in un certo numero di piccole riserve naturali all'interno del suo habitat, ma al di fuori di queste zone esso è minacciato dalla distruzione del suo habitat, per lo più a causa dello sviluppo industriale e residenziale. Anche le strade costituiscono un pericolo in quanto frammentano il suo areale; questi animali non sono adatti a vivere in spazi aperti in quanto si muovono molto lentamente; tutto ciò fa di loro facili bersagli per predatori e per i veicoli che circolano sulle strade.

È inserito nella Appendice II della Convention on International Trade of Endangered Species (CITES)[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bradypodion melanocephalum in The Reptile Database. URL consultato l'11 luglio 2013.
  2. ^ a b c Tolley & Burger, 2007, op. cit., pp.64-67
  3. ^ Tolley & Burger, 2007, op. cit., pp.48-49
  4. ^ Miller, A.K. & Alexander, G.J., Do Dwarf Chameleons (Bradypodion) Show Developmental Plasticity? in African Zoology, vol. 44, nº 1, 2009, pp. 45-54.
  5. ^ Bradypodion melanocephalum in UNEP-WCMC Species Database: CITES-Listed Species, 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili