Barriera di parallasse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Confronto tra sistema a barriera di parallasse e lenticolare

La barriera di parallasse è un sistema autostereoscopico che sfrutta il fenomeno fisico della parallasse e che permette di visualizzare immagini tridimensionali senza bisogno di utilizzare dispositivi ottici secondari, quali possono essere lo stereoscopio o gli occhiali, poiché il supporto è munito di un sistema che provvede a indirizzare a ogni occhio l'immagine a esso destinata.

Questo sistema, registrato nel 1903 da Frederic Eugene Ives, trova applicazione inizialmente nel campo della fotografia, successivamente la ricerca tecnologica ha permesso di applicarlo anche ai display a cristalli liquidi.

Principio di funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Consiste in uno strato di materiale con una serie di fenditure ad altissima precisione che permettono ad ognuno degli occhi di vedere solo determinati pixel e quindi creando una percezione di 3D. Viene messo come strato superiore di un comune display LCD.[1][2]

Uno svantaggio di questa tecnologia è il fatto che lo spettatore va posto in un punto preciso affinché possa godere dell'effetto 3D.[3]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Autostereoscopia, Parallasse e Stereoscopia.

Il sistema a barriera di parallasse è uno dei più vecchi sistemi di visione stereoscopica senza l'ausilio di un dispositivo ottico, è stato ideato alla fine del XIX secolo, precedente di pochi anni all'invenzione del sistema lenticolare. Viene ideato indipendentemente sia da Jacobson che da Berthier attorno al 1896[4] e trova applicazione inizialmente nel campo della fotografia: il sistema viene registrato nel 1903 da Frederic Eugene Ives[5] che ne inventa il nome e che lo sfrutta per la realizzazione di fotografie stereoscopiche.[4]

Applicazioni[modifica | modifica sorgente]

Il Nintendo 3DS, console 3D con display a barriera di parallasse
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Autostereoscopia.
  • Fotografia: la barriera di parallasse viene sfruttata per la realizzazione di immagini stereoscopiche olografiche su carta.
  • Display: la barriera di parallasse trova applicazione come tecnologia nella realizzazione di monitor autostereoscopici per PC, per la visione di film 3D e per l'utilizzo di videogiochi.

Display a barriera di parallasse[modifica | modifica sorgente]

L'utilizzo di display autostereoscopici con barriera di parallasse trova applicazione in svariati campi:

  • Scienza: monitor autostereoscopici vengono utilizzati nella modellistica molecolare.[6]
  • Aeroporti: display autostereoscopici vengono utilizzati per la visualizzazione di raggi X tridimensionali per la sicurezza in aeroporto.[6]
  • Automobili: monitor autostereoscopici sono utilizzato in alcuni modelli di Range Rover, ad esempio permettendo di vedere la direzione fornita dal GPS.
  • Videogiochi: display autostereoscopici sono stati implementati nel Nintendo 3DS, console uscita in Giappone il 26 febbraio 2011, mentre in Europa e negli Stati Uniti nel marzo 2011.[7][8]
  • Telefonia: display autostereoscopici sono stati implementati nell'HTC Evo 3D, nell'LG Optimus 3D e successivamente anche nell'LG Optimus 3D max.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Reviews by PC Magazine - Sharp Actius RD3D, www.pcmag.com, 2003. URL consultato il 25 gennaio 2008.
  2. ^ (EN) The Register - Sharp's 3D LCD: how's that work, then?, www.theregister.co.uk, 2004. URL consultato il 25 gennaio 2008.
  3. ^ (EN) Guardian Unlimited - Special reports - The return of 3D, www.guardian.co.uk, 2002. URL consultato il 25 gennaio 2008.
  4. ^ a b History of Lenticular Technology and Related Autostereoscopic Methods
  5. ^ U.S. Patent 725,567 "Parallax Stereogram and Process of Making Same", application filed 25 September 1902, patented 14 April 1903
  6. ^ a b (EN) BBC NEWS - Technology - Easy 3D X-rays for air security, news.bbc.co.uk, 2004. URL consultato il 25 gennaio 2008.
  7. ^ (EN) Nintendo unveils 3DS handheld games console, www.bbc.co.uk, 2010. URL consultato il 17 giugno 2010.
  8. ^ Il Nintendo 3DS in arrivo a Febbraio, www.webnews.it, 2010. URL consultato il 30 settembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]