Barbarismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Barbarismo o "barbarie linguistica" fa riferimento a una parola non standard, espressione o pronuncia in una lingua,[1] in particolare considerato come un errore nella morfologia (la forma non esiste), mentre un solecismo fa riferimento a un errore di sintassi (la forma esiste),[2] (se non è il caso specifico, si potrà parlare di Cacografia, o di Ipercorrezione).

Il termine è usato principalmente per la lingua scritta. Questa parola è impiegata soprattutto per gli errori di traduzione dalle lingue antiche (latino, greco, ebraico, arabo classico). Con nessun significato tecnico accettato nella linguistica moderna, il termine è poco utilizzato dagli studiosi descrittivi.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

La parola barbarismo - barbarie è stato originariamente utilizzata dai Greci per i termini stranieri utilizzati nella loro lingua. ("Barbarismo" fa riferimento alla parola "barbaro"; l'ideofono "bar-bar-bar" era nel Greco Antico equivalente al moderno inglese "blah-blah-blah", destinato a sembrare un gibberish[3], un borbottio incomprensibile — da qui la connotazione negativa di barbaro e barbarie).[4] Come tali, gli Anglicismi in altre lingue, o Gallicismi (ad esempio l'utilizzo del verbo assistere per dire essere presente a, cf. il Francese assister), Germanismi, Hispanismi, e così via, in Inglese possono anche costituire esempi di "barbarismi".

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino barbarismus (« espressione viziosa - alterata »), proveniente dalla parola in greco antico barbaros (straniero), per estensione « parola di origine straniera », perché gli stranieri tendevano ad importare nel latino e greco le regole di morfologia, spesso di ortografia e/o di pronuncia, ma anche di flessione, o di derivazione, dalle loro lingue proprie.

Forme di barbarismo[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono diverse forme di barbarismo.

In linguistica (particolarmente in grammatica e in retorica), un barbarismo è una parola che non esiste in relazione a una data lingua e a un tempo specifico, al periodo preso in considerazione. Un barbarismo è anche una parola composta da radici diverse di origine straniera, per esempio "monopersonale" (greca + latina)[5].

Errore involontario, lessicale o morfologico[modifica | modifica wikitesto]

Il barbarismo è un errore lessicale (esempio: ateismo ha per aggettivo derivato ateo e non *ateista; bravo da bravura e non *bravitudine) o morfologica (in latino, nix, niv-is « neve » ha per genitivo plurale niu-ium e non *niv-um, in francese mourir ha per futuro mourrai e non *mourirai), (anche se in italiano in questo caso c'è la possibilità di usare entrambe le parole), mentre nel solecismo è un errore grammaticale (sintattico). Esso è anche un errore involontario, in contrasto con il neologismo, che è volontario. Può essere dovuto a una analogia con altre parole o forme simili (in francese « nous disons » quindi « vous *disez » "noi diciamo" quindi "voi ** dite ") e quindi rientra nell'ipercorrezione (barbarismi infantili o soprattutto dovuti a coloro che parlano lingue straniere non native).

Una forma erronea sulla base di un'analogia con una lingua straniera è un barbarismo (basata su una non corretta trasposizione), se non è un puro e semplice Prestito linguistico.

Da non confondere il "barbarismo" con l'improprietà (uso di una parola per un'altra).

Barbarismi nella lingua russa[modifica | modifica wikitesto]

Nel XVIII e XIX secolo, la Lingua russa delle classi nobili fu gravemente "imbarbarita" di Lingua Francese.[6][7] Durante questo periodo, parlare in francese era diventato non solo di moda ma anche era diventata un segno di distinzione di una persona adeguatamente preparata e colta. Si può vedere un esempio importante di questo in Guerra e Pace di Lev Tolstoj. Mentre la crema dell'alta società poteva permettersi un francese di madre lingua come gouvernante (insegnante), la "upper class" (classe superiore - intellighenzia) della provincia ha avuto problemi con questo. Eppure, il desiderio di mostrare la loro educazione ha prodotto ciò che Griboyedov nel suo Woe from Wit definiva "la Babele delle lingue: Francese con Nizhegorodian" (смешенье языков: французского с нижегородским). Il "Francese-Nizhegorodiano" è stato spesso utilizzato per l'effetto comico in letteratura e teatro.

Note e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nota sull'utilizzo: il termine barbarie contrasta con la barbarie come i due termini hanno differenti significati. Barbarismo specificamente indica un uso improprio della lingua, ma anche più generalmente indica culturalmente privo di raffinatezza o distinzione. In contrasto, la barbarie indica un livello di grave crudelà o brutalità che è generalmente inaccettabile da un popolo civilizzato.
  2. ^ "Livy's Patavinitas," Kurt Latte, Classical Philology, Vol. 35, No. 1 (Jan., 1940), pp. 56-60
  3. ^ Gibberish (a volte scritto jibberish) è un termine generico in lingua inglese parlata che suona come discorso, ma non ha nessun significato reale. Questo significato è stato esteso anche al testo senza senso o incomprensibile.
  4. ^ Vedi Barbarism (etimologia) The American Heritage Dictionary of the English Language: Fourth Edition. 2000.
  5. ^ Critique littéraire II, par Jean-François Boissonade, 1863, p.428
  6. ^ Lev Uspensky, A Word about Words, Ch. 8 (RU)
  7. ^ Карский Е. Ф., О так называемых барбаризмах в русском языке (краткий отчёт Виленской 2 гимназии), Вильна, 1886:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]