Paronimia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La paronimia (dal greco pará, «vicino», e ónyma, variante di ónoma, «nome»), chiamata anche malapropismo, è lo scambio (voluto o accidentale) di parole somiglianti nella forma, ma diverse nel significato: spiccicare-spiaccicare, infettare-infestare, implementare- incrementare, eccetera.

Malapropismo è, infatti, termine derivato dall'inglese, dove malapropos (a sua volta derivato dal francese mal à propos) significa "inappropriato" (e "in maniera inappropriata"). Il termine è stato reso celebre dal nome del personaggio di una commedia di Richard Sheridan, Mrs. Malaprop.

L'uso della paronimia è diffuso nei testi comici. Un esempio si ha in Gomito, un personaggio dell'opera shakespeariana Misura per misura.

Se la paronimia "voluta" è da considerarsi un espediente retorico (come tale sfruttato in vari ambiti, tra cui, ad esempio, il linguaggio della pubblicità e quello della comunicazione politica), d'altra parte quella "involontaria", in quanto solecismo, è indice di competenze linguistiche limitate, o quanto meno di scarso controllo dei registri linguistici "alti" da parte di chi non ha molta confidenza con essi, e quindi sociolinguisticamente stigmatizzata. Nell'evoluzione dell'italiano contemporaneo, in cui sempre più spesso i mass-media mettono i locutori a contatto con linguaggi specialistici e registri più o meno ricercati, il fenomeno del malapropismo involontario è sempre più diffuso.

Esempi di malapropismo[modifica | modifica sorgente]

Alcuni esempi di malapropismi involontari:

  • ha usato un termine derogatorio (per: ha usato un termine denigratorio; in questo caso sarebbe opportuno parlare di calco dall'inglese "derogatory")
  • istigare una certa curiosità (per: instillare una certa curiosità)
  • valuteremo nel proseguio (per: valuteremo nel prosieguo)


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica