Gibberish

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gibberish (qualche volta anche Jibberish) (Borbottio, senza senso), in italiano Grammelot, è un termine generico che in inglese indica il parlare usando suoni simili a parole, ma che non hanno alcun significato reale. Questo significato è stato esteso anche al testo senza senso o incomprensibile (es.supercazzola). Il tema comune nelle istruzioni senza senso è una mancanza di senso letterale, che può essere descritto come una presenza di sciocchezze o nonsense. Uno degli esempi più famosi di utilizzo del "gibberish" (senza senso) in letteratura è la poesia "Jabberwocky" di Lewis Carroll.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Una etimologia afferma che deriva dalla radice della parola irlandese gob o gab (bocca), che la stessa fonte asserisce è la radice di jabber, gibber e gobble.[1] Il termine può derivare dalla parola "jabber" ("parlare di sciocchezze senza senso"), con il suffisso "-ish" per indicare una lingua; in alternativa, il termine "gibberish" potrebbe derivare dall'eclettico mix di inglese, spagnolo, ebraico, Hindi e arabo parlato nel territorio britannico di Gibilterra (dall'Arabo Gabal-Tariq, significante la Montagna di Tariq), che è incomprensibile ai non nativi.

Il termine è entrato per la prima volta nella lingua inglese nei primi anni del XVI secolo.[2] Un'altra teoria è che la parola deriva dal nome del famoso alchimista Islamico dell'VIII secolo Jabir ibn Hayyan, il cui nome è stato latinizzato in "Geber", così il termine "gibberish" è sorto come un riferimento al gergo tecnico incomprensibile spesso usato da Jabir e gli altri alchimisi che sono seguiti.[3]

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Questa tecnica può essere utilizzata come un esercizio di recitazione.[4] Vedi Grammelot.

Riferimenti culturali[modifica | modifica sorgente]

Le star di Glee Mark Salling e Lea Michele sono noti per le loro frequenti conversazioni in "gibberish".[5]

Note e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mackay, Charles A Glossary of Obscure Words and Phrases in the Writings of Shakespeare and His Contemporaries, pp. 183-184, S. Low, Marston, Searle, and Rivington, 1887
  2. ^ Glynnis Chantrell, The Oxford Dictionary of Word Histories, Oxford, Oxford University Press, 2002, p. 231, ISBN 0-19-863121-9.
  3. ^ Glenn T. Seaborg, Our heritage of the elements in Metallurgical and Materials Transactions B, vol. 11, nº 1, Springer Boston, marzo 1980, pp. 5–19.
  4. ^ Improvisation for the theater: a handbook of teaching and directing techniques. Viola Spolin. 1999.
  5. ^ http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=X4aiyYsauC4, Ashley Fink on Glee.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti ulteriori[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]