Argonaut Games

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Argonaut Games
Stato Regno Unito Regno Unito
Tipo azienda privata
Fondazione 1982
Fondata da Jeremy Elliot San
Chiusura 2004
Sede principale Inghilterra Edgware, Londra
Settore videogiochi

Argonaut Games Plc è stata un'azienda inglese dedita allo sviluppo di videogiochi per home computer e console. Fondata nel 1982 dall'allora sedicenne Jeremy 'Jez' San come Argonaut Software Limited, col passare degli anni divenne una delle più importanti case produttrici di software indipendenti, arrivando a contare 300 dipendenti;[1] fu chiusa nel 2004.

Oltre che a diversi videogiochi molto conosciuti come la serie Starglider, Croc: Legend of the Gobbos, Creature Shock e Star Fox, Argonaut è nota per avere sviluppato, insieme a Nintendo, il chip Super FX contenuto nelle cartucce di alcuni videogiochi per Super Nintendo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1982 a Edgware, un quartiere di Londra, il primo gioco prodotto da Argonaut Software fu Skyline Attack (1984) per il Commodore 64.

Nel 1986 pubblicò Starglider, un gioco spaziale con grafica 3D ispirato dal gioco Star Wars del 1983 per piattaforma Amiga e Atari ST. Dallo stesso anno la società iniziò a pubblicare i propri propri giochi con l'etichetta Argonaut Games.

Con la nuova etichetta, la società pubblicò altri giochi per Amiga ed Atari, tra cui Starglider 2 (1988), il seguito del precedente titolo del 1986, un gioco molto apprezzato dalla critica per il suo motore grafico in 3D.[2]

Nel 1993 Argonaut iniziò lo sviluppo di Star Fox, un gioco per il Nintendo Entertainment System (NES), noto in origine come NesGlider ed ispirato a Starglider. Durante la sua scrittura, Nintendo inviò ad Argonaut Games un prototipo del Super Nintendo Entertainment System (SNES o Super Nintendo), una nuova console giochi. I programmatori iniziarono a convertire il gioco anche per il Super Nintendo ma, durante lo sviluppo, Jez San contattò Nintendo per chiedere se poteva inserire nella cartuccia un chip grafico per aumentare le prestazioni 3D della console. Nintendo accettò la proposta ed insieme formarono un'azienda per lo sviluppo di tale chip, A/N Software Inc., con sede presso Nintendo in America. Inizialmente noto come "MARIO chip", acronimo di Mathematical, Argonaut, Rotation & I/O chip, il processore fu messo in commercio come Super FX e fu utilizzato, oltre che nel gioco StarFox, in Stunt Race FX, StarFox 2 (mai rilasciato), Yoshi’s Island ed altri. Il chip era così potente che Argonaut Games dominò il mercato dei processori RISC surclassando in termini di vendite processori come i MIPS e gli ARM dell'epoca.[1]

Dopo lo sviluppo del Super FX, Argonaut Games sviluppò altri chip per altre aziende: per Philips sviluppò un chip per una console giochi (nome in codice GreenPiece, alias CD-I 2), per Apple Inc. un chip per un sistema da gioco (nome in codice VeggieMagic), e per Hasbro un microprocessore per un gioco in realtà virtuale (nome in codice MatriArc). Tutti questi progetti non furono però mai messi in commercio.[1]

Nel 1996 la società fu divisa in Argonaut Technologies Limited (ATL) e Argonaut Software Limited (ASL). ATL cambiò sede mentre ASL continuò nei vecchi uffici a progettare CPU e GPU ed a proseguire nello sviluppo del 'BRender', il motore 3D proprietario.

Nel 1997 il gruppo Argonaut cambiò sede e gli uffici delle due filiali furono riportati all'interno della compagnia.

Nel 1998 ATL fu ridenominata Argonaut RISC Core (ARC) ed iniziò la commercializzazione di soluzioni per sistemi embedded. In seguito ARC fu assorbita da Synopsys, una società produttrice di sistemi elettronici di automazione.

Nel 1999 Argonaut Software Limited divenne Argonaut Games PLC e nel 2000 fu quotata alla Borsa di Londra. Seguirono le acquisizioni di alcuni piccoli studi di sviluppatori software, tra cui Just Add Monsters (adesso Ninja Theory, sviluppatori di Heavenly Sword per la PlayStation 3) e di Particle Systems.

Nonostante queste operazioni la società ebbe problemi di liquidità e soffrì la transizione dai giochi per la PlayStation a quelli per la PlayStation 2 e l'Xbox: alla fine del 2004 Argonaut Games, in seguito al calo dei profitti e con sempre più manifesti problemi di liquidità, fu chiusa e messa in vendita.[3]

Videogiochi pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi cancellati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Syd Bolton, Intervista a Jez San, The Armchair Empire. URL consultato il 20/09/2011.
  2. ^ Starglider 2, Moby Games. URL consultato il 20/09/2011.
  3. ^ Argonaut Games PLC, Moby Games. URL consultato il 20/09/2011.
  4. ^ Croc 3: Stone Of The Gobbos, xpgamesaves. URL consultato il 29/12/2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]