Appennino siculo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Appennino Siculo)
Appennino siculo
Appennino siculo
Scorcio dei Peloritani, paesaggio tipico dell' Appennino Siculo.
Continente Europa
Stati Italia Italia
Catena principale Appennino meridionale (negli Appennini)
Cima più elevata Pizzo Carbonara (1.979 m s.l.m)
Massicci principali Monti Peloritani
Nebrodi
Madonie

È denominato Appennino siculo l'insieme di catene montuose a ridosso della costa nord-orientale dell'isola di Sicilia separato dallo Stretto di Messina dall'Appennino calabro[1][2]. Si divide nei tre gruppi dei Peloritani, dei Nebrodi e delle Madonie, arrivando fino alla valle del Torto.

L'altezza massima è il Pizzo Carbonara, seconda cima della Sicilia dopo l'Etna.

Fiumi della catena[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi sono i corsi d'acqua che nascono dall'Appennino siculo, talvolta ricchi d'acqua in inverno, mentre in estate presentano i letti vuoti e secchi.

Principali fiumi per importanza da ovest verso est sono:

Parchi regionali[modifica | modifica wikitesto]

Sono aree protette con rigogliosa flora e ricca fauna:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dizionario Geografico, 1160.
  2. ^ Sono centinaia le fonti che considerano i monti della Sicilia settentrionale come "Appennino Siculo". Se ne citano qui alcune in ordine cronologico:
    • Alfeo Pozzi L'Italia nelle sue presenti condizioni fisiche, politiche, economiche, e monumentali descritta alle scuole ed alle famiglie G. Agnelli, 1870 (pagina 84, testo consultabile su Google libri);
    • Società italiana di scienze naturali, Atti della Società italiana di scienze naturali e del Museo civico di storia naturale in Milano, Volumi 37-38 (pagina 326);
    • Theobald Fischer, La penisola italiana: saggio di corografia scientifica, Unione Tipografico-editrice, 1902 (pagina 312);
    • Autori vari, Rivista geografica italiana, Volumi 77-78 edito dalla Società di studi geografici, 1970 (pagina 247)
    • L. Vizzani L'appennino Siculo-Calabro-Lucano, in: Moderne vedute sulla geologia dell'Appennino, atti dell'Accademia Nazionale dei Lincei, 1973 (pagine 15-37);
    • Adriana Pintori, Maribel Andreu, Adriana Pintori, Diamoci dentro!: cultura e civiltà italiana editore Univ. Autònoma de Barcelona, 1996 (pagina 138);
    • Micaela Vissani, Regioni d'Italia dall'A alla Z Giunti Editore, 1999 (pagina 159);
    • Giuseppe Maurici, Giuseppe Maurici Roby Manfrè Scuderi, Guide dei Monti d'Italia - Sicilia Touring Editore, 2001 (pagina 28)
    • Touring club italiano, Sicilia: Palermo e la Conca d'oro, Agrigento, Siracusa, Catania, Taormina, gli arcipelaghi e le isole Touring Editore, 2002 (pagina 271);
    • Domenico Ligresti, Dinamiche demografiche nella Sicilia moderna editore FrancoAngeli, 2002 (pagina 67)
    • Ruggiero Scrofani, Turismo nautico e distretti turistici siciliani editore FrancoAngeli, 2009(pagina 99);
    • F. Toppetti, Paesaggi e città storica. Teorie e politiche del progetto Alinea Editrice, 2011 (pagina 143)-
  3. ^ Fiume Simeto in Sicilia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA VV, Dizionario Geografico, Novara, De Agostini Editore S.p.A., 2004, ISBN 9771124883008.