Alfonso Balzico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alfonso Balzico (Cava de' Tirreni, 18 ottobre 1825Roma, 3 febbraio 1901) è stato uno scultore e pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver frequentato la Accademia di belle arti di Napoli, viaggiò a Firenze e a Milano tra il 1858 ed il 1860; durante questo periodo abbandonò il Neoclassicismo per passare al Realismo ed al Romanticismo. Successivamente le sue opere vennero notate dal re d'Italia Vittorio Emanuele II, il quale invitò l'artista a Torino, commissionandogli alcuni dipinti. Nel 1866 venne nominato scultore reale di Casa Savoia, per poi trasferirsi a Roma nel 1875[1]. Nel 1900 la sua statua raffigurante Flavio Gioia fu premiata con una medaglia d'oro all'Esposizione universale di Parigi. Dopo la morte dell'artista, l'opera venne inizialmente esposta al Museo Balzico di Roma; in seguito venne acquistata dalla città di Amalfi, che la inaugurò in Piazza Duomo nel 1926[2] ed oggi è esposta al centro di Piazza Flavio Gioia.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Alfonso Balzico nei musei[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michele Lessona, Alfonso Balzico, Roux e Favale, Torino 1877.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Art Encyclopedia: Alfonso Balzico
  2. ^ Il monumento di Amalfi a Flavio Gioia fu opera del cavese Alfonso Balzico - Panorama Tirreno

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 96147320