Alcalosi respiratoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Alcalosi respiratoria
Davenport Fig 11.jpg
Diagramam di Davenport
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 276.3
ICD-10 (EN) E87.3

Per alcalosi respiratoria in campo medico si intende una condizione in cui il pH ematico sale al di sopra del normale valore di 7,4 e la causa che determina questa condizione di alcalosi è polmonare.

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

Esistono due tipi di alcalosi respiratoria, la forma acuta e quella cronica: la forma acuta non è compensata dai meccanismi renali ed è quindi più sintomatica, mentre la forma cronica è più spesso compensata dai meccanismi renali.

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

Clinicamente si osserva iperventilazione, ovvero atti respiratori troppo profondi; tachipnea, ovvero atti respiratori troppo frequenti, solitamente al di sopra dei 20 atti al minuto. Altri sono: nausea, vomito, parestesie, aritmie, coma, rigidità muscolare, vertigini, disturbi del visus.

Eziopatogenesi[modifica | modifica sorgente]

Le cause sono di vario genere e comprendono:

il meccanismo patogenetico si sviluppa a causa di una diminuzione dell'anidride carbonica (CO2) disciolta nel sangue, il che comporta un aumento del pH ematico. Avendo la CO2 attività vasodilatatrice sul circolo cerebrale, una sua riduzione (ipocapnia) dovuta a iperventilazione causa una costrizione del circolo cerebrale, il che determina la sintomatologia neurologica: confusione, capogiri, vertigini, nausea, fino al coma.

L'alcalosi ematica comporta anche uno squilibrio elettrolitico: in alcalosi il calcio ematico tende a legarsi alle proteine, il che determina una ipocalcemia, la quale è poi responsabile delle turbe nervose periferiche e muscolari: parestesie, rigidità muscolare, fascicolazioni muscolari, spasmi muscolari, insensibilità periorale. Sempre l'alcalosi determina uno spostamento a sinistra della curva di dissociazione dell'ossigeno dall'emoglobina, è quindi alterato il rilascio di ossigeno ai tessuti, a livello cardiaco questo può determinare in pazienti già cardiopatici delle aritmie, che sono avvertite quindi come palpitazioni; sempre come palpitazioni possono essere avvertite delle extrasistole che sono però delle aritmie tendenzialmente benigne.

Terapie[modifica | modifica sorgente]

Una volta scoperta la causa che ha comportato la nascita di tale stato patologico questa deve essere trattata. La alcalosi respiratoria da crisi d'ansia generalmente può essere trattata tranquillizzando il paziente, ricorrendo alla respirazione in un sacchetto di carta (la plastica è da evitare per pericolo di soffocamento) perché così facendo si concentra la CO2 nel sacchetto, viene inspirata e quindi si favorisce un abbassamento del pH ematico. Sono altresì efficaci terapie farmacologiche che si basano sull'utilizzo di beta-bloccanti per l'attacco acuto, i quali riducono la sintomatologia. Le benzodiazepine sono invece più utilizzate per il trattamento di lunga durata.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006. ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004. ISBN 88-299-1716-8.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina