Ipocalcemia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ipocalcemia
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 275.41
ICD-10 (EN) E83.5
MeSH (EN) D006996

L’ipocalcemia, condizione che rientra fra i disturbi metabolici di una persona, consiste nella diminuzione del calcio ematico nell’individuo.

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

I sintomi e i segni clinici riflettono per la maggioranza disturbi nella psiche della persona, portandolo a depressione, irritabilità, psicosi, spasmi muscolari, convulsioni, parestesie periferiche, aritmie, psoriasi.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Si riscontra ipocalcemia quando il valore si attesta o è inferiore a 2,1 mmol/l (8,5 mg/dl).

Nelle forme transitorie le cause sono imputabili a ustioni, sepsi, insufficienza renale acuta.

Le cause che possono portare a tale situazione si riscontrano in difficoltà di assorbimento di sostanze come la vitamina D, insufficienza renale cronica, ipomagnesemia, neoplasia maligna.

Le varie cause si dividono a seconda se il paratormone sia sufficiente, insufficiente o assente.

Terapie[modifica | modifica sorgente]

Viene trattata con la somministrazione endovena di calcio gluconato (1 mg/ml di calcio in glucosata 5% infusa a 30-100 ml/h), altrimenti in via orale calcio e vitamine D in dosi non eccessive.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Sengen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna (il manuale - 16ª edizione), New York - Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-2459-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina