Akvarium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aquarium
Akvarium live (2004)
Akvarium live (2004)
Paese d'origine Russia Russia
Genere Rock psichedelico
Folk rock
Rock and roll
Periodo di attività 1972 – in attività
Album pubblicati 45
Studio 28
Live 12
Raccolte 5
Sito web

Gli Akvarium (Аквариум) sono un gruppo rock russo, formatisi a Leningrado (San Pietroburgo) nel 1972 su iniziativa di Boris Grebenščikov (Борис Гребенщиков) detto familiarmente BG, allora studente di matematica applicata all'Università Statale di Leningrado e Anatolij Gunickij (Анатолий Гуницкий), all'epoca scrittore di pièces teatrali e poeta 'dell'assurdo'.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni settanta e primi anni ottanta la musica rock era bandita in URSS (eccezion fatta per alcuni gruppi approvati dal governo), pertanto gli Akvarium avevano come unico palcoscenico gli appartamenti dei loro amici. Addirittura le esibizioni avvenivano con gli strumenti non amplificati, nel timore che il volume troppo alto insospettisse i vicini con conseguente denuncia alle autorità. Lo spazio limitato creò subito un'atmosfera di intimità tra il gruppo ed il suo pubblico il quale ascoltava in silenzio, mentre qualche ardito registrava i brani con un radio-registratore.

Particolarità[modifica | modifica wikitesto]

Di certo questo fu uno dei fattori che conferirono agli Akvarium lo stile estremamente 'discreto' dei primi album, ove la voce di Boris Grebenščikov e gli altri strumenti recitano la propria parte quasi in sordina, nel timore, sembra proprio, di farsi troppo notare. I concerti per pochi intimi non erano una novità per la Russia, nelle cui piazze e case da secoli si esibivano bardi e cantastorie, eredi di una grande tradizione, e unica espressione musicale 'tollerata' dal governo, oltre ai già citati gruppi 'politicamente innocui'.

Gli Akvarium comunque non hanno mai negato di aver preso più ispirazione dai gruppi occidentali che dalla musica tradizionale russa: Beatles, Bob Dylan, David Bowie, Jethro Tull, King Crimson, Roxy Music e anche dal reggae. Boris Grebenshchikov inoltre coltivava già da tempo un interesse personale per la musica indiana e celtica. Questa formidabile miscela di rock occidentale, reggae, musica tradizionale russa, celtica ed indiana, fecondata dall'estro di Boris Grebenščikov diedero luogo ad uno dei gruppi più poliedrici e raffinati della storia della musica moderna.

Fino al 1987 gli Akvarium incisero i loro album in studi di registrazione 'clandestini', da loro stessi equipaggiati (molti componenti del gruppo erano di formazione tecnica). La copertura alle sedute era una generica 'Associazione di Giovani Tecnici'. Addirittura per l'incisione di "Radio Africa" (Радио Африка), nel 1983, utilizzarono clandestinamente uno studio di proprietà del governo, corrompendo un tecnico ivi impiegato. Malgrado queste condizioni proibitive per le registrazioni, la qualità degli album incisi risultò essere ottima, e sono considerati tuttora i migliori dell'intera loro produzione.

Successo[modifica | modifica wikitesto]

L'avvento della glasnost' di Michail Gorbačëv nel 1985 ebbe come effetto l'uscita dalla clandestinità di moltissimi movimenti culturali ed artistici e gli Akvarium, ovviamente, divennero subito popolarissimi. Finalmente il gruppo poté esibirsi in sale per concerti, parchi pubblici, e soprattutto canali radiofonici, dando così libero sfogo al proprio talento artistico. Nel 1987 registrarono il loro primo album per l'etichetta statale Melodija (l'unica esistente all'epoca). Grazie al supporto degli organi ufficiali e della distribuzione su larga scala, l'album "Ravnodenstvie" (Равноденствие) fu un successo senza precedenti per il mercato musicale sovietico e vendette milioni di copie in pochi mesi.

Questo fu l'ultimo album registrato del gruppo nella sua formazione storica, in quanto la band si sciolse poco dopo. Boris Grebenščikov si diede alla carriera solista, esibendosi insieme a numerosi gruppi spalla e arrivando a realizzare anche due album in inglese. Nel 1991, anno del crollo dell'URSS, Boris Grebenshchikov realizzò "Russkij Al'bom" (Русский альбом), una raccolta di canzoni popolari russe rivedute e corrette, ancora una volta, dalla sua verve artistico-interpretativa. Ufficialmente però l'album uscì come lavoro della BG-Band, un gruppo di musicisti raccolti intorno a Boris Grebenščikov. Infatti, poco dopo, la BG-Band si ribattezzò proprio Akvarium, benché essa non fosse altro, si fa per dire, che l'insieme degli strumentisti di Boris Grebenščikov e quindi avesse ancora poco a che vedere con la formazione originale.

Questo gruppo, tuttavia, non sconfessò l'eclettismo musicale a cui il suo nome era legato, producendo anzi una serie di album che non sfigurano affatto accanto ai lavori "mitici" degli anni ottanta. Inoltre spetta alla formazione degli Akvarium "seconda edizione" il merito della loro diffusione nel resto del mondo (ove fino a quel momento erano totalmente sconosciuti): USA e Israele (sedi delle comunità russe più numerose) oltre a Germania e Gran Bretagna ospitarono molti loro concerti, facendo da cassa di risonanza mondiale.

Il gruppo oggi[modifica | modifica wikitesto]

La critica ufficiale non vide mai di buon occhio il fatto che Boris Grebenščikov praticamente usasse il nome Akvarium per i suoi lavori da solista, ma questo pare non aver mai dato molto fastidio alla band, che continua a raccogliere molti fan attorno a sé, specialmente nei concerti che tengono costantemente in tutto il mondo.

Attualmente la formazione è composta da:

  • Boris Grebenščikov
  • Boris Rubekin
  • Andrej Surotdinov
  • Vladimir Kudrjavcev
  • Oleg Šar
  • Al'bert Potapkin
  • Oleg Gončarov
  • Aleksandr Berenson
  • Igor' Timofeev
  • Fëdor Kuvajcev

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sinij al'bom (Синий альбом), 1981
  • Treugol'nik (Треугольник), 1981
  • Električestvo (Электричество), 1981
  • Akustika, (Акустика) 1982
  • Tabu (Табу), 1982
  • Radio Africa, (Радио Африка) 1983
  • Ihtiologija (Ихтиология), 1984
  • Deti dekabrya (Дети декабря), 1984
  • Den' serebra (День серебра), 1985
  • Desjat' strel (Десять стрел), 1986
  • Ravnodenstvie (Равноденствие), 1987
  • Russkij al'bom (Русский альбом), 1991 (BG-Band)
  • Kostroma mon amour (Кострома mon amour), 1993;
  • Lubimye pesni Ramzesa IV (Любимые песни Рамзеса IV), 1994;
  • Navigator, (Навигатор) 1995;
  • Snežnyj lev (Снежный лев), 1996
  • Giperboreja (Гиперборея), 1997
  • Lilit (Лилит), 1997 (BG-Band uscito negli USA come Black Moon)
  • Psi (Ψ), 1999
  • Territorija (Территория), 2000
  • Sestra Haos (Сестра Хаос), 2002
  • Pesni rybaka (Песни рыбака), 2003
  • Zoom Zoom Zoom, 2005

Lavori di Boris Grebenščikov da solista (in inglese):

  • Radio Silence, 1989
  • Radio London, 1990

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]