Afranio Annibaliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il nipote di Costantino I, vedi Annibaliano.

Afranio Annibaliano (in latino: Afranius Hannibalianus; fl. 286-298; ... – ...) fu un politico e un generale dell'Impero romano, imparentato con la dinastia costantiniana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sposò Eutropia, che in seguito lo lasciò per sposare l'imperatore Massimiano, da cui ebbe Teodora, moglie di Costanzo Cloro; tra i suoi discendenti due ebbero il suo nome, l'Annibaliano figlio di Costanzo e Teodora e il loro nipote Annibaliano.

Annibaliano iniziò la sua carriera militare come comandante dell'esercito sotto l'imperatore Probo. Divenne prefetto del pretorio nel 286, e tenne questa carica almeno fino al 292, quando divenne console assieme a Giulio Asclepiodoto. Intorno al 287/288 fu vittorioso sui barbari, come testimonia un panegirico composto in occasione del matrimonio di Massimiano con Eutropia. Nel 297/298 fu praefectus urbi di Roma.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Predecessore
Gaio Giunio Tiberiano II,
Cassio Dione
Console romano
292
con Giulio Asclepiodoto
Successore
Imperatore Cesare Gaio Aurelio Valerio Diocleziano Augusto V,
Imperatore Cesare Marco Aurelio Valerio Massimiano Augusto IV