The Prosopography of the Later Roman Empire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Prosopography of the Later Roman Empire
Autore Arnold Hugh Martin Jones, John Robert Martindale, John Morris
1ª ed. originale 1971, 1980, 1992
Genere dizionario biografico
Sottogenere storico
Lingua originale inglese

The Prosopography of the Later Roman Empire ("Prosopografia del tardo impero romano"), spesso abbreviato in PLRE, è un'opera in tre volumi, che descrive ogni persona attestata dalle fonti storiche che sia vissuta nel mondo dell'impero romano tra il 260 e il 641.[1]

Le fonti utilizzate sono storie, opere letterarie, epigrafi e altre fonti scritte. Le figure citate solo da fonti inaffidabili come l'Historia Augusta o quelle di cui è andato perso il nome sono accluse accompagnate da segni che ne indicano l'affidabilità.

I tre volumi sono stati pubblicati dalla Cambridge University Press. Il Volume 1, pubblicato nel 1971, è di 1176 pagine, e copre il periodo dal 260 al 395; il Volume 2, pubblicato nel 1980, è di 1355 pagine e copre gli anni dal 395 al 527; il Volume 3, pubblicato nel 1992, è diviso in due volumi, per un totale di 1626 pagine, che copre gli anni dal 527 al 641.

Il progetto nacque sotto l'egida di Arnold Hugh Martin Jones, John Robert Martindale e John Morris; è stato poi completato da Edward Arthur Thompson, Alan D.E. Cameron e Philip Grierson.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sono state tralasciate le figure religiose, in quanto oggetto dell'opera francese Prosopographie chrétienne du Bas-Empire, di André Mandouze, mentre il periodo precedente è coperto dalla Prosopographia Imperii Romani.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]