XV Congresso del Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
XV Congresso del Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico)
15th Congress of the All-Union Communist Party (Bolsheviks).jpg
Una votazione al XV Congresso
Apertura2 dicembre 1927
Chiusura19 dicembre 1927
StatoURSS URSS
LocalitàMosca
Left arrow.svg XIV XVI Right arrow.svg

Il XV Congresso del Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico), o PCU(b), si tenne dal 2 al 19 dicembre 1927 a Mosca.

I lavori[modifica | modifica wikitesto]

Al Congresso presero parte 1669 delegati, di cui 898 con voto deliberativo e 771 con voto consultivo.[1]

L'assemblea sancì la definitiva sconfitta dell'Opposizione di sinistra a Stalin, che riuniva i sostenitori di Trockij e gli esponenti della cosiddetta "nuova opposizione" che si era formata nel 1925, guidata da Grigorij Zinov'ev e Lev Kamenev. La corrente, che si autodefiniva "bolscevico-leninista", aveva preparato una piattaforma politica in contrasto con la teoria del Socialismo in un solo paese, sostenuta da Stalin e da Bucharin.[2]

Messi in minoranza al Congresso, i principali esponenti dell'opposizione fuorno espulsi dal partito e in alcuni casi arrestati, mentre Trockij fu esiliato nella RSSA Kazaka.[3]

Il nuovo Comitato centrale eletto dal XV Congresso si compose di 71 membri effettivi e 50 candidati.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) A. B. Bezborodov, N. V. Eliseeva (a cura di), Istorija Kommunističeskoj partii Sovetskogo Sojuza, Mosca, Političeskaja ėnciklopedija, 2014, pp. 671, ISBN 978-5-8243-1824-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]