Wikipedia:Oracolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbreviazioni
WP:O

L'oracolo

Attenzione!!!

Hai già provato a fare una ricerca...?

 

Cos'è l'Oracolo?
  • Se ci sono informazioni che non riesci a localizzare sull'enciclopedia, o hai domande su contenuti che normalmente potresti trovare su un'enciclopedia ma non trovi su Wikipedia, prova a lasciare un messaggio qui.
  • Non c'è alcuna garanzia che le risposte che ti vengono fornite siano corrette, né che qualcuno ti risponda.
  • Alcune risposte potrebbero essere accompagnate da ironia e voglia di scherzare, che non vanno scambiate per intento apertamente derisorio: qui non morde nessuno.
  • Se in seguito trovi la risposta alla tua domanda qui o in altra sede, per favore aggiungi alle voci relative le informazioni mancanti, aiutando Wikipedia a crescere e diventare sempre più completa.
  • Le risposte alle tue domande vengono scritte in questa pagina, dove resteranno visibili per alcuni giorni; in seguito verranno spostate nell'Archivio dell'Oracolo.
  • Per favore, non lasciare il tuo indirizzo e-mail: Wikipedia è pubblicamente consultabile e rischi di ricevere posta indesiderata.
  • Firma sempre i tuoi messaggi con 4 tildi: ~~~~ (vedi anche Aiuto:Firma).


Viaggio nel tempo[modifica | modifica wikitesto]

Caro Oracolo. Confesso di essere sempre stato affascinato dalla trilogia di Zemeckis, e di aver sempre desiderato viaggiare nel tempo (o per lo meno, di conoscere uno come il doc Brown). Si sà, il viaggio nel futuro è possibile, basta muoversi su un velivolo ad una velocità prossima a quella della luce (che, ricordo, è impossibile da raggiungere), oppure partire con una navicella verso il centro della nostra galassia, compiere molti giri attorno al buco nero (senza essere risucchiati in esso e tornare a casa: il tempo a bordo dei due velivoli scorrerà comunque più lentamente rispetto a qualunque cittadino terrestre nella sua casa. Ma il viaggio nel passato è possibile? Occorre tenere presente che:

  • Il viaggio nel futuro, se avviene come descritto sopra, non potrebbe comportare rischi nel continuum spazio-tempo: infati non potrà mai accadere che un uomo (inteso come essere umano, non come maschio) incontri il se stesso del futuro, non potrà mai rischiare di compromettere eventi che avvengono su quella linea temporale (ad esempio, mettendo che uno è partito nel 2016 e arrivi nel 2026, egli in quel decennio era a bordo del velivolo, non sulla terra) e soprattutto svolgerebbe un viaggio di conoscenza globale; Un ipotetico viaggio nel passato invece averrebbe senza la conoscenza della gente dell'epoca di arrivo, e sarebbe molto pericoloso, per la facilità col cui si andrebbe a modificare il continuum.
  • Il viaggio nel futuro, stando a ciò che si sa ora, sarebbe irreversibile, mentre un ipotetico viaggio nel passato potrebbe avere ritorno (basta fare come detto sopra). Tuttavia un alterazione del continuum potrebbe portare, nella linea spazio-tempo alternativa che si crea, al fatto che questo viaggio nel tempo non fosse mai avvenuto (mettiamo che il crononauta provochi il deceso involontario di un suo avo o di uno degli avi dei ricercatori che hanno permesso questo viaggio: si creerebbe un paradosso che potrebbe portare a conseguenze ignote. Vedere il Paradosso del nonno)
  • Il viggio nnel passato offre per lo meno la certezza di spere dove e cosa accadde nell'epoca di arrivo (si sa che fare un viaggio nel passato in un annto tra il 1939 e il 1945 sarebbe altamente sconsigliato), mentre un viaggio nel futuro avrebbe l'incognita dell'arrivo: se la nazione che sta monitorando l'operazione verrebbe invasa? se un meeorite cadesse sulla terra, causando la fine dell'umanità?

La cosa incredibile è che in teoria possiamo viaggiare nel futuro, ma non lo possiamo osservare, mentre al momento non possiamo viaggiare nel passato, ma possiamo osservarlo, senza però poter interferire su di esso: Non parlo delle fotografie, ma di un fenomeno astronomico. Se osserviamo un pianeta a n anni luce da noi, possiamo osservare in tempo reale cosa accadde in passato, esattamente a n anni fa. Dunque, se ipotizziamo che a un pianeta a 100 milioni di anni luce dal nostro viva una specie molto evoluta, che con potentissimi telescopi (o per lo meno quello che sarebbero gli equivalenti dei nostri telescopi) che riescono a mettere a fuoco i soggetti presenti sul nostro pianeta, oserverebbe un mondo popolato da dinosauri. Sto parlando di un esperimento mentale ovviamente (come del resto Schrödinger non ha mai messo un gatto in una scatola con del cianuro), ma potrebbe portare alla conclusione dell'argomento.

Non credo sia possibile viaggiare nel passato: in qualunque momento passato la terra si trovava in una posizione diversa nella galassia, quindi nell'universo, quindi nelllo spazio, e perciò per viaggiare nel passato occorre calcolare con precisione la posizione esatta, inoltre non trovo un modo di invertire in modo concreto il corso della linea dello spazio-tempo.

  • Non è possibile osservare in tempo reale ciò che avverrà in futuro, ma è possibile effettuare un viaggio in avanti nella linea dello spazio-tempo, per raggiungerlo e poter intervenire su di esso.
  • É possibile osservare in tempo reale lo svolgersi di fatti accaduti in passato senza tuttavia intervenire su di esso, mentre è impossibile effettuare un viaggio indietro nella linea spazio-temporale, per poter intervenire sul passato, considerando anche che facendo ciò si potrebbe dar vita ad un paradosso, che rischierebbe di compromettere il continuum stesso.

Voi wikipediani, pensate che sia giusto tutto ciò, oppure ho sbagliato qualcosa?

--95.237.158.131 (msg) 10:32, 1 mag 2015 (CEST)

Aggiungo, per la precisione, che l'ipotetico alieno col telescopio distante 100 milioni di anni luce non osserverebbe il passato "in tempo reale", ma vedrebbe semplicemente un "film" sul passato, in quanto (per così dire) riceverebbe la "trasmissione" degli avvenimenti effettuata da Terra alla velocità della luce. Ecco perché non potrebbe interferire col passato: quello che vedrebbe non sarebbe il passato "vero", ma una semplice trasmissione in differita delle sue immagini (l'audio ovviamente sarebbe perso). --Lepido (msg) 10:44, 1 mag 2015 (CEST)

Regola delle 6 stagioni[modifica | modifica wikitesto]

Ho letto sulla voce di Disney Channel America che una serie verrà interrota perchè 6 stagioni è il numero massimo di stagioni. Mi ricordo di aver letto che questa era una regola per stimolare la creatività delle persone che producono la serie, ma non trovo la voce. Quindi vorrei saperne di più. Grazie in anticipo


--Ferdi2005 (msg) 16:51, 3 mag 2015 (CEST)

percorsi ottimizzati[modifica | modifica wikitesto]

mi sapreste dire se esiste un sito web che datogli dei luoghi prima di calcolare il percorso che gli unisce gli riordina per ottimizzare?

--193.204.128.150 (msg) 11:10, 4 mag 2015 (CEST)

http://www.drivingrouteplanner.com/
Non li riordina autonomamente, ma propone varie soluzioni evidenziando quella che risulta essere più veloce. -- Rojelio (dimmi tutto) 16:44, 7 mag 2015 (CEST)

Film straniero con scritte in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Come si chiama quella pratica che in fase di produzione di un film cambia tutte le scritte che appaiono a schermo (targhette, indicazioni, segnali, ecc.) in versione originale traducendole nelle principali lingue di distribuzione e integrandole nelle scene? Aveva un nome preciso, ma non lo ricordo. Per fare un esempio, con WALL•E scritte e didascalie stampate sugli oggetti compaiono nella lingua scelta da menu, perfettamente integrate nella scena (non sono sottotitoli, né sovraimposizioni).--95.235.117.176 (msg) 02:38, 5 mag 2015 (CEST)

Vuoi dire adattamento?--Pierpao.lo (listening) 10:01, 5 mag 2015 (CEST)
Certamente fa parte dell'adattamento, come ne fa parte il doppiaggio, ma è quella pratica che oggi credo sopravviva solo nei film dedicati ai bambini (es. cartoni animati Disney) ma che una volta era molto più invasiva. Ad esempio ho una vecchia edizione del film La vita è meravigliosa di Frank Capra (quella in bianco e nero) che presenta questo tipo di adattamento: le insegne dei negozi o i disegni presenti nel film sono rifatti in italiano. Non so però se questo tipo di adattamento abbia un nome. --Lepido (msg) 10:36, 5 mag 2015 (CEST)
Si chiamano cartelli. --Vabbè (msg) 12:55, 5 mag 2015 (CEST)
No, è un termine inglese, in effetti credo sia soprattutto usato nei film d'animazione. L'avrò sentito una volta in tv, ora la parola non mi sovviene proprio. Aggiungo che è un termine che si usa solo in questo contesto, almeno credo :| e non è 'seamless branching', che è quella tecnica in grado di permettere l'integrazione di dette scene a video tramite player DVD o blu-ray, né il multiangolo che serve più o meno a fare la stessa cosa; la parola ha a che fare più col marketing, immagino, è una sorta di sinonimo di 'localizzazione per i mercati esteri in fase di pre-produzione', ma proprio non la ricordo. --95.235.117.176 (msg) 13:57, 5 mag 2015 (CEST)

Video di Favij[modifica | modifica wikitesto]

Quanti video ha pubblicato Favij fino ad oggi?


--93.36.112.24 (msg) 08:59, 5 mag 2015 (CEST)

Troppi direi. --Vito (msg) 09:00, 5 mag 2015 (CEST)

Durezza dell'acqua[modifica | modifica wikitesto]

Buongiorno. Ho letto la pagina relativa, ma non mi è chiara solo una cosa: Come si è arrivati a dire che ogni ml di EDTA 0,01 M in 100ml di campione di acqua (con aggiunta della soluzione tampone) equivalga esattamente a 1°f. Quale calcolo matmatico conferma ciò? Grazie in anticipo.

--95.237.156.207 (msg) 11:20, 5 mag 2015 (CEST)

C'è poca matematica, in realtà, solo semplici fattori di conversione.
Questo metodo sfrutta il fatto che EDTA si lega in rapporto 1:1 con gli ioni di calcio e magnesio: nel momento in cui il nero eriocromo vira di colore, il numero di moli di EDTA aggiunte alla soluzione è quindi esattamente pari al numero di moli di CaCO3/MgCO3 originariamente presenti nell'acqua.
Per definizione del grado francese, per ogni grado si hanno 0,1 mmol/l di sali, ovvero 0,01 mmol all'interno del nostro campione di 100ml; e ogni ml di soluzione 0,01M di EDTA contiene anch'esso 0,01 mmol di EDTA. Quindi ogni ml di EDTA necessario per legare tutti gli ioni corrisponde ad un grado francese di durezza del campione. -- Rojelio (dimmi tutto) 15:33, 5 mag 2015 (CEST)

Insetto sconosciuto[modifica | modifica wikitesto]

La povera bestiola, neanche la pagina su Wikipedia...

Buondì! Qualcuno sa dirmi che insetto (coleottero?) è quello raffigurato qui a fianco? L'ho fotografato due sere fa, sottraendolo alla mia gatta che ci stava giocando. Particolare interessante di cui anche mi piacerebbe capire l'origine: la povera bestiola, una volta portata al sicuro dalle grinfie di Ulla, ansimava: ossia, faceva qualcosa che a me ricordava l'umano ansimare (emettendo un suono simile a un gemito o, appunto, a un ansimo, e anche il corpo si "gonfiava" e "sgonfiava" esattamente come succede quando uno inspira ed espira. Qualcuno sa illuminarmi? --Syrio posso aiutare? 17:12, 5 mag 2015 (CEST)

E' un coleottero Cerambycidae, una numerosa famiglia comune in Europa le cui larve si nutrono di legno morto. Alcune specie raggiungono dimensioni grandi, Cerambyx cerdo a quanto ne so se non è il coleottero più grande d'Europa poco ci manca. Non so che dirti dell'"ansimare" se non che un insetto non può ansimare dato che è privo di polmoni. Forse è una strategia difensiva.--l'etrusco (msg) 20:12, 5 mag 2015 (CEST)
Inquietante. Sicuro che fosse un ansimare? Oppure qualcosa tipo questo? Nel caso, preoccupati. ;)--Flazaza (msg) 20:56, 5 mag 2015 (CEST)
Volendo azzardare anche un genere ed una specie, proporrei il Morimus asper--Samuele Madini 20:58, 5 mag 2015 (CEST)
Beh intanto abbiamo la famiglia, che è già una buona cosa, grazie :) per la specie, potrebbe essere una qualsiasi delle due che avete citato (non l'ho misurato, mannaggia!), sembra simile a entrambe. Sull'ansimare, al 99% non era un reale ansimare (ho antropomorfizzato, perché sembrava proprio quello); potrei pensare in effetti anch'io a qualche reazione per scoraggiare i predatori (in effetti mi aveva colpito il fatto che a richiamarmi "sul posto" era stata la stessa gatta, ma con un miagolio che direi "da disagio" - di quelli che usa quando non riesce ad apire una porta, circa). Comunque finora nessun incendio :P --Syrio posso aiutare? 23:45, 5 mag 2015 (CEST)
Per la misura forse si può capire dal diametro dello stecchetto se ce l'hai ancora--Pierpao.lo (listening) 06:45, 6 mag 2015 (CEST)
Sì, stasera a casa controllo; ho anche alcune foto con oggetti sullo sfondo (questa l'ho ritagliata) che forse potrebbero essere più comode ancora. --Syrio posso aiutare? 08:45, 6 mag 2015 (CEST)

Dunque, sono stato molto fortunato! Anziché dover misurare il diametro del bastoncino, i miei gatti mi hanno fornito un nuovo esemplare dell'insetto in questione (la gatta sempre miagolando sconcertata; non so se è lo stesso di due sere fa, non credo); questo era lungo 4 centimetri. Stavolta ho documentato la cosa un po' più decentemente sia con foto (questa e questa), sia con video dove si può sentire chiaramente il suono che emette quando viene disturbato/minacciato (NB: l'altra sera lo faceva in continuazione, quindi era molto più simile ad un ansimare rispetto a quello che si sente nel video). --Syrio posso aiutare? 21:46, 6 mag 2015 (CEST)

I (due) testi che possiedo che trattano i Cerambycidae non mi sono stati d'aiuto...non ho idea di cosa sia insomma. Mi sa che la cosa migliore che tu possa fare sia postare le foto su un qualche forum specialistico tipo naturamediterraneo o entomologiitaliani. Se lo fai forniscici i link grrrrazie :).--l'etrusco (msg) 22:44, 6 mag 2015 (CEST)
Allora ho aperto una discussione sul sito entomologiitaliani qui :) --Syrio posso aiutare? 14:08, 7 mag 2015 (CEST)
Ho messo la discussione sul forum tra i preferiti, sono veramente curioso di sapere che cosa sia!--l'etrusco (msg) 14:26, 7 mag 2015 (CEST)
Syrio, ma perché scrivi "sono stato molto fortunato" per il fatto che i gatti ti hanno portato un altro esemplare? A me pare evidentissimo, da quanto scrivi, che è la tua gatta che vorrebbe sapere di che coleottero si tratti, e che ti sta chiedendo in tutti i modi di trovarlo su Wikipedia (dato che lei ha qualche comprensibile problema a farlo da sola). Quanto al coleottero, le sue vivaci manifestazioni di disappunto non sono solo relative alle attenzioni indesiderate da parte della tua gatta, ma anche e soprattutto al fatto che su it.wiki non ci sia la voce che lo riguarda (se è effettivamente Cerambyx scopolii). --93.48.239.190 (msg) 16:40, 7 mag 2015 (CEST)
93.48.239 ecc. non ha gatti. Se li avesse saprebbe che tutto quel che si muove essi l'acchiappano un po' per curiosità, un po' per esaminarlo da vicino, a prescindere poi che se lo mangino oppure no. :-)) --Pracchia 78 (scrivimi) 16:47, 7 mag 2015 (CEST)
Al contrario: di gatti ne ho avuti eccome, e se quelli di Syrio i coleotteri li hanno portati a lui, invece di giocarci per conto loro, è per un motivo preciso. Piuttosto: carina, la discussione su entomologiitaliani. La risposta, implicitamente, te l'hanno data, ma quanto a stile fanno concorrenza a questi...--93.48.239.190 (msg) 16:54, 7 mag 2015 (CEST)
Quoto l'IP secondo me ansimava perchè era una settimana che ti urlava "voglio la mia pagina su ITWP" ma tu non lo sentivi ed era rimasto senza fiato. Allora la gatta commossa lo ha portato dentro per pietà felina, confidando nel notorio fuoco sacro di scrivere nuove voci, di cui siamo tutti noi pervasi senza speranza di salvezza. Non vorrai deludere la tua gatta Utente:Syrio?--Pierpao.lo (listening) 17:11, 7 mag 2015 (CEST)
Haha XD Non sia mai che mi sottraggo! Appena ho un attimo la voce arriva (magari anche quella del Morimus asper, che manca anche lui, mi pare) :) comunque credo che i due avventurosi insetti siano entrati in casa di loro sponte, perché se i gatti non li hanno voluti toccare quando li ho visti io, allora non li hanno nemmeno traghettati all'interno :) --Syrio posso aiutare? 17:21, 7 mag 2015 (CEST)
Ma no, non fatevi fuorviare, è solo che ci si attiene ad una certa disciplina, e poi preferiamo che le foto siano inserite nel Forum. In fondo (un po' in fondo :-)) siamo dei cordiali... Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 2.34.62.192 (discussioni contributi) 18:46, 7 mag 2015‎.

A.A.A. cercasi fine traduttore inglese[modifica | modifica wikitesto]

arms? signboard?

Come si chiama 'sto coso in inglese? per me è uno stemma, ma arms o peggio signboard mi suonano male--Pierpao.lo (listening) 07:11, 6 mag 2015 (CEST)

La butto lì... cartouche? --Ricordisamoa 08:31, 6 mag 2015 (CEST)
Apparentemente il traducente italiano dovrebbe quindi essere Cartiglio, ma la voce italiana mi pare incompleta (e giustamente non è collegata alla voce inglese cartouche), anche se il riferimento nella voce italiana al corrispondente francese cartouche (da cartuccia) potrebbe essere una conferma della mia teoria. --Lepido (msg) 10:29, 6 mag 2015 (CEST)

Test statistico[modifica | modifica wikitesto]

Salve,

ho questo problema: ho una serie di misure approssimate, M1, M2, M3... ognuna delle quali ha un certo errore. Se le sommo ottengo un valore S, di cui pure conosco l'errore. Quest'ultimo errore è molto minore (in assoluto, non solo in senso relativo) di quelli relativi alle singole misure. Esiste un test per appurare quanto è probabile che le misure non fossero indipendenti, ma vincolate ad avere una certa somma?

Grazie! --93.45.117.153 (msg) 17:31, 7 mag 2015 (CEST)

Temo che il problema non mi sia chiaro. Per errore intendi un margine di incertezza? E quando dici che conosci anche quello della somma S, da dove viene fuori? Perché se discende dalla somma stessa fatico a capire come esso possa essere qualcosa di diverso dalla somma degli errori delle singole misure, quindi non solo non minore, ma sicuramente maggiore di ciascuno di essi. Sono perplesso. -- Rojelio (dimmi tutto) 17:46, 7 mag 2015 (CEST)

Per errore intendo semplicemente la differenza col dato vero. Conosco indipendentemente la differenza dal dato vero per le singole misure e per la loro somma. Quest'ultima differenza è significativamente minore di tutte le differenze per le singole misure.

--93.45.117.153 (msg) 18:44, 7 mag 2015 (CEST)

E' una situazione ipotetica o reale? Se è reale è necessario sapere in quale modo sono state rilevate le misurazioni approssimate ed in quale modo modo quelle corrette, e soprattutto perchè si ritiene che le seconde siano corrette e le prime no (l'errore potrebbe essere nella seconda misurazione anzichè nella prima). Se invece la situazione è ipotetica ed il numero di misurazioni M è sufficientemente grande può dipendere dalla statistica: errori in eccesso o in difetto su uno spettro ampio tendono a compensarsi (ma diminuisce il valore dell'approssimazione percentuale, non quella assoluta). --StefBiondo 20:39, 7 mag 2015 (CEST)

Forse ho capito qual è l'equivoco, quindi provo a chiarire. Le misure di cui parlo non sono misure della stessa grandezza, ma misure (singole) di grandezze diverse, di ognuna delle quali conosco il valore reale. Gli errori delle singole misure sono molto maggiori (ripeto: in assoluto) dell'errore che si commette se si sommano i valori e si paragona questa somma al valore reale della stessa. Esiste un test statistico per valutare la probabilità che le misure non fossero indipendenti, ma vincolate ad avere proprio quella somma?

--2.39.176.124 (msg) 22:13, 7 mag 2015 (CEST)

No. -- Rojelio (dimmi tutto) 22:36, 7 mag 2015 (CEST)
Forse mi son perso qualcosa, ma non capisco davvero come si possano sommare misure di grandezze diverse... --^musaz 10:51, 8 mag 2015 (CEST)
Ha detto "diverse", non "disomogenee". Se spezzo una bacchetta in frammenti e misuro la lunghezza di ciascun frammento per determinare quella della bacchetta originale ho misurato grandezze diverse (ma omogenee: tutte lunghezze) allo scopo di sommarle. -- Rojelio (dimmi tutto) 10:59, 8 mag 2015 (CEST)
Io quando leggo "grandezza" penso a grandezza :-) Ad essere precisi forse si dovrebbe parlare di misure di differenti quantità della stessa grandezza, ma in effetti ci potevo arrivare! --^musaz 14:24, 8 mag 2015 (CEST)

Io invece non capisco proprio la domanda. Hai fatto una serie di misure, ottenendo dei valori: chiamiamoli X_i. Per ciascuna di queste misure conoscevi anche il valore "vero" (o atteso, in qualche senso): chiamiamo x_i questi valori "veri". Per ciascuna misura hai quindi osservato uno scostamento fra valore misurato e dato atteso, che è \Delta_i=X_i-x_i. La somma delle misure ottenute sarà \sum_i X_i, mentre il valore "vero" atteso per la somma non può che essere la somma dei valori "veri": \sum_i x_i. Lo scostamento fra la somma osservata e la somma "vera", quindi, non può che essere esattamente uguale alla somma di tutte le differenze osservate (con il loro segno): \sum X_i-\sum x_i=\sum (X_i-x_i)=\sum\Delta_i. Se non è così, significa che i termini in cui è formulata la domanda hanno un significato diverso. Se, ad esempio, intendi come "errore della misura" non lo scostamento \Delta_i=X_i-x_i bensì il suo valore assoluto, |X_i-x_i|, allora c'è poco da stupirsi che l'"errore" sulla somma sia minore della somma degli "errori" sulle singole misure. Il valore assoluto di una somma è sempre minore della somma dei valori assoluti (a meno che gli scostamenti non abbiano tutti lo stesso segno), e potrebbe benissimo risultare minore di ciascuno degli "errori" osservati nelle singole misure: la probabilità c'entra ben poco, in questo. --130.192.193.197 (msg) 13:33, 8 mag 2015 (CEST)

La somma infatti ha (ovviamente) un errore che è la somma degli errori. Non ho mai scritto il contrario. Ho solo scritto che questa somma è molto più piccola degli errori singoli, cioè degli addendi. (Quanto al concetto di grandezza, anch'io penso a grandezze fisiche, e allora? Le grandezze fisiche non possono essere omogenee? L'esempio di Rojelio dell'asta spezzata era calzante al mio caso).

--151.100.88.98 (msg) 17:48, 8 mag 2015 (CEST)

Scusami se sono stato inutilmente pignolo, ma pensare che se divido una lunghezza trovo grandezze che si possono sommare per la strana coincidenza che, guarda te, sono tutte omogenee fra loro, mi sembra una cosa degna dell'anti-didattica che caratterizza l'Istruzione_Italiana. --^musaz 18:23, 8 mag 2015 (CEST)

Perdonami musaz, ma proprio non riesco a seguirti. Io intendo per grandezza sia il concetto generale sia i relativi valori particolari (come credo facciano centinaia di libri di matematici e fisici matematici pignoli). Se dico che sommo delle grandezza questo significa ipso facto che sono omogenee, e mi sembra una strana contorsione pensare che potrebbero non esserlo.

--93.144.183.248 (msg) 14:09, 10 mag 2015 (CEST)

Un esempio pratico che potrebbe riflettere la tua situazione è misurare la percentuale di persone di un dato sesso in una popolazione; la misura potrebbe consistere in contare quanti sono uomini e quanti sono donne in campioni di N persone. È abbastanza intuitivo che da un gruppo all'altro la dispersione è maggiore quando si contano gli uomini (o le donne), rispetto a quando si contano uomini e donne. In pratica, stai misurando grandezze correlate (in questo caso negativamente) tra loro. --Cruccone (msg) 23:16, 8 mag 2015 (CEST)

Cucina post-etnica[modifica | modifica wikitesto]

Mi sapreste dire cosa è la cucina post-etnica? --87.18.225.199 (msg) 14:51, 8 mag 2015 (CEST)

Dopo che sei andato a mangiare in un ristorante etnico, esci sempre con molta fame. Quindi, quando torni a casa, vai in cucina e ti fai un panino. Questa si definisce cucina post-etnica ;) Scherzo. Googlando azzardo la spiegazione: dopo aver esplorato le cucine tradizionali etniche, le tecniche e gli ingredienti, i cuochi rivedano le ricette attualizzandole e contestualizzandole. Lo stesso termine post-etnico viene utilizzato in svariati contesti (oreficeria, moda, ecc...) --Flazaza (msg) 15:55, 8 mag 2015 (CEST)

Domanda di Ingegneria meccanica (resistenza a trazione di un filo metallico)[modifica | modifica wikitesto]

Ho un dubbio. Un filo di rame ricotto avente un carico di rottura di 22 kg/mm² è stato sottoposto a trazione con un carico che ha portato il filo in deformazione plastica. Tolta la trazione si è constatato che il filo si è allungato e la sezione areale diminuita (C.V.D.). La domanda è: il filo, una volta entrato nella deformazione plastica, mantiene o no ancora il primitivo carico di rottura unitario o no? (preciso che è una domanda "da laboratorio", nel senso che con l'eventuale risposta non si mette in alcun pericolo la sicurezza di persone, animali o cose). --Pracchia 78 (scrivimi) 15:35, 8 mag 2015 (CEST)

Si: se nella prima prova è stato applicata una forza superiore al carico di snervamento ma inferiore al carico di rottura il filo si è deformato permanentemente ma il suo carico di rottura è ancora valido. Se invece la forza applicata era superiore al carico di rottura e il filo non si è spezzato è perchè la prova è stata interrotta ad una determinata lunghezza. Dopo aver superato il carico di rottura infatti il filo non si spezza immediatamente ma continua ad allungarsi con un carico decrescente. In questo caso il filo è compromesso.--StefBiondo 19:43, 8 mag 2015 (CEST)

Caricare con computer in stand-by[modifica | modifica wikitesto]

O sommi profeti dell'onniscente Oracolo, sapete se esiste un modo per permettere il caricamento di dispositivi collegati alla presa USB del laptop (ad esempio smartphone e simili) anche quando il computer é in modalitá standby (o "sleep mode"), con lo schermo chiuso?--Daniele Pugliesi (msg) 10:16, 9 mag 2015 (CEST)

E tutta una questione di hardware per esempio se non sbaglio gli ultimi asus, se il computer è sotto carica, caricano anche se sono spenti. Al contrario se il pc è in standby o peggio sospeso non si può modificare il funzionamento delle porte usb via software. Il consiglio e controllare se nel bios c'è qualche impostazione. Se non risolvi, visto anche la scarsa durata degli alimentatori in dotazione nei computer venduti attualmente, il consiglio è quello di comprare un alimentatore universale di marca magari sovradimensionato, che ti rimane anche con il prossimo pc, con un presa usb. Che tra l'altro ti garantisce una carica molto veloce.--Pierpao.lo (listening) 11:59, 9 mag 2015 (CEST)
Un alimentatore sovradimensionato non dovrebbe garantire una carica più rapida del notebook in realtà.
Comunque le impostazioni sotto Windows vengono da:
  • gestione del risparmio energetico -> vai in Pannello di controllo\Hardware e suoni\Opzioni risparmio energia\Modifica combinazioni per il risparmio di energia e controlla le opzioni che ti dà (variano da hardware a hardware)
  • BIOS -> se il produttore ti permette di cambiare bene, sennò prova ad aggiornare il bios, magari è una possibilità inserita successivamente
  • gestione periferiche-> leggi qui
--Vito (msg) 22:19, 9 mag 2015 (CEST)
Intendevo che: l'alimentatore sovradimensionato può essere riutilizzato anche se si compra un computer più potente come spesso accade e che la ricarica veloce era non quella del computer ma del telefonino attaccato alla presa usb del alimentatore universale perchè di solito hanno un più elevato amperaggio rispetto a quelli in dotazione ai telefonini.--Pierpao.lo (listening) 01:21, 10 mag 2015 (CEST)
Oddio i portatili col tempo richiedono amperaggi sempre più bassi, considera che un portatile con uno schermo medio-grande col Pentium IV arrivava a volere 7.4A, oggi la media è poco più di 3. Per quanto riguarda l'usb una porta standard deve dare 0,5A, poi i caricatori dei cellulari, le usb degli alimentatori e alcuni produttori di mobo (tipo l'ASUS) ne danno 1. --Vito (msg) 17:54, 10 mag 2015 (CEST)
Dipende magari uno si toglie lo sfizio e si compra una workstation :). Comunque la porta usb del mio konig da 19v 6.3A (non so quanti watt), alimentatore non notebook, eroga, cito la targhettina 5v 2.1A, e mi ricarica il kindle più velocemente dell'alimentatore originale che ne eroga 1.8A e così anche altri apparecchietti. Il Nokia no perchè è un telefonino microsoft(=bastardo) e se non gli metti l'alimentatore originale dice che è lento, anche se non è vero, e ci mette di più.--Pierpao.lo (listening) 18:13, 10 mag 2015 (CEST)

Bruco ninja[modifica | modifica wikitesto]

Il video a latere mostra il bizzarro (o quantomeno a ma pare tale) comportamento di un bruco (con tutta probabilità un esemplare di Cucullia verbasci, o Shargacucullia scrophulariae) che ho filmato pochi giorni fa. Se importunato, il bruco "attaccava" con rapidi scatti degni di un ofide, emanando dalla bocca delle goccioline di un liquido viscoso color verde scuro (velenoso?), le due macchioline scure che si vedono sulla foglia. Ho provato a cercare sul web, ma non ho ottenuto granché... di cosa può trattarsi? Qualcuno ne sa di più?--Samuele Madini 00:16, 11 mag 2015 (CEST)

futuro in opere di fantasia[modifica | modifica wikitesto]

Qual è opera di fantasia (cinema, tv, libro ed ecc) ambientata nel futuro "più futuro"? --95.247.23.11 (msg) 15:04, 12 mag 2015 (CEST)

Temo che la domanda sia troppo generica: è fin troppo facile, nella narrativa, collocarsi in un "remotissimo futuro" senza però mai dargli una precisa collocazione temporale, o addirittura "alla fine del tempo". Tra le opere che citano esplicitamente l'anno, l'unica che mi viene in mente è La macchina del tempo di Wells (anno 802.701), ma senza citare l'anno esatto ci sono ad esempio un paio di episodi di Doctor Who: uno (La fine del mondo) si svolge alla fine dell'esistenza del pianeta Terra (quindi presumibilmente 4-5 miliardi di anni nel futuro); un altro (Utopia) in un futuro talmente remoto (cento trilioni di anni) che tutte le stelle si sono spente o sono così lontante l'una dall'altra da non essere più visibili. -- Rojelio (dimmi tutto) 15:29, 12 mag 2015 (CEST)
E perché non citare L'ultima domanda di Isaac Asimov? Si parla di centinaia di esalioni di anni da adesso, qualunque cosa significhi. Più futuro remoto di così... --Lepido (msg) 17:16, 12 mag 2015 (CEST)

Nell'anno del Signore 203.001.987.098.762.789.984.882.341.129.765.551.932.765.201.003.987.201.487.123, quando oramai la nostra galassia è stata interamente risucchiata nel buco nero che era presente al suo centro, c'e Kyr§arom, l'alienetto provenente dalla galassia NGC 1300 che sta osservando gli asteroidi a bordo della sua navicella spaziale Il raccontino di fantascenza da me appena scritto è la risposta alla tua domanda.--79.6.130.99 (msg) 20:46, 13 mag 2015 (CEST)

Se è per questo in una puntata di futurama (mi pare la stagione 6) i protagonisti viaggiano nel futuro, vedono la fine dell'universo (supponendo sia valida la teoria della Cosmologia ciclica conforme, in cui l'universo smette di espandersi poi si genera un nuovo big bang) e continuano a vivere in 2 o 3 universi dopo quello attuale. --^musaz 11:07, 14 mag 2015 (CEST)
Vero! La puntata in cui hanno una macchina del tempo che può solo andare in avanti e non riescono (per un paio di volte) a fermarsi nel punto giusto. --Vito (msg) 16:50, 15 mag 2015 (CEST)

Penso che questo libro sia ambientato nel futuro più remoto possibile. --Arres (msg) 15:23, 19 mag 2015 (CEST)

aventura per ragazzi[modifica | modifica wikitesto]

È I Goonies è il piú vecchio film d'avventura con protagosti dei ragazzi? Se no mi sapreste dire quale è?

--95.244.54.86 (msg) 16:47, 15 mag 2015 (CEST)

Chiedere se un film uscito praticamente l'altro ieri sia il più vecchio film di avventura di ragazzi? Ma dai... :-) Senza neanche sforzarmi troppo ho trovato Tom Sawyer (film 1907) un film tratto dal romanzo Le avventure di Tom Sawyer (essendo "le avventure di Tom Sawyer", è ovviamente un film di "avventura") :-) Non so se sia il più vecchio in assoluto, ma se non altro è almeno un po' "antico" --Lepido (msg) 17:11, 15 mag 2015 (CEST)
Se per "film d'avventura con ragazzi" consideriamo il genere "teen films", ovvero lungometraggi che trattano di tematiche relative ai giovanissimi, alla ribellione, ai problemi adolescenziali ecc. allora dovrebbe essere Selvaggi ragazzi di strada del 1933, una lista di "teen films" la trovi sulla wiki inglese.--79.26.119.234 (msg) 17:16, 15 mag 2015 (CEST)
chiedo scusa, ma da qualche parte se avevo letto qualcosa, forse che aveva rinnovato il genere avventura con protagonisti i ragazzi.--151.26.186.157 (msg) 19:26, 15 mag 2015 (CEST)

Bacino o lago artificiale?[modifica | modifica wikitesto]

I termini "bacino artificiale" e "lago artificiale" sono perfettamente sinonimi? E se sì, quale dei due è il più diffuso/corretto? Lo chiedo perché intendo unire queste due categorie.--Tenebroso discutiamone... 21:33, 16 mag 2015 (CEST)

Bah, posso supporre che un lago abbia almeno un immissario (magari anche un emissario), mentre il bacino è un invaso contenente un liquido in senso generico. Bisogna poi considerare che il bacino è generalmente una cosa non creata naturalmente e viceversa. --Umberto NURS (msg) 22:23, 16 mag 2015 (CEST)
Credo che uno specchio d'acqua artificiale possa essere chiamato lago solo se alimentato da un corso d'acqua immissario (mentre un bacino può anche essere alimentato solo dalla falda o dall'acqua piovana) e se ha una superficie sufficientemente ampia (che non saprei quantificare). Un "bacino" è anche lo stagnetto di 10 mq dove il mio vicino fa abbeverare le pecore, per dire.--l'etrusco (msg) 11:25, 17 mag 2015 (CEST)

Gialli irrisolti[modifica | modifica wikitesto]

Esistono libri e/o film gialli nei quali non viene fornita la soluzione? --Ricordisamoa 11:20, 17 mag 2015 (CEST)

Mi sembra di capire dall'autobiografia di Agatha Christie che quando scrisse Dieci piccoli indiani lo fornì senza una vera e propria soluzione. La biografia legge: "Il libro, nato da una lunga fase di elaborazione, mi riempì di soddisfazione. Era chiaro, lineare e al tempo stesso sconcertante, tanto che, nonostante fosse retto da una logica ferrea, dovetti aggiungere un epilogo per spiegare come si erano svolti i fatti." --Pep-k (msg) 12:52, 17 mag 2015 (CEST)
In Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, che a suo modo è un romanzo poliziesco, il caso non viene risolto. --93.38.152.144 (msg) 14:15, 17 mag 2015 (CEST)
Ne ho visto uno giusto ieri: Devil's Knot - Fino a prova contraria. Essendo tratto da una storia vera che non ha avuto una soluzione, non ce l'ha neanche il film. --Micione (msg) 14:49, 17 mag 2015 (CEST)
In Picnic a Hanging Rock (romanzo) (IMHO giallo portentoso) il mistero non viene svelato, anche se l'autrice aveva scritto un 18° capitolo chiarificatore.--Flazaza (msg) 18:34, 17 mag 2015 (CEST)

giacca di Lupin III[modifica | modifica wikitesto]

leggendo sia su Wikipedia che su altri siti mi è sembrato di capire che il colore della giacca sia utilizzato per suddividere evoluzione del personaggio in periodi, mi sapreste spiegare meglio la cosa? --79.3.253.228 (msg) 18:38, 19 mag 2015 (CEST)

Non c'è molto da spiegare: in ogni serie, il personaggio ha la giacca sempre dello stesso colore; in serie diverse, gli autori hanno scelto un colore diverso. È quindi relativamente facile, osservando il colore della giacca, capire a quale serie l'episodio possa appartenere. La cosa è emblematica nell'OAV Verde contro Rosso in cui i colori diversi della giacca sono usati apposta per distinguere visivamente il vero Lupin dall'impostore. -- Rojelio (dimmi tutto) 18:55, 19 mag 2015 (CEST)
ma non ci sono solo le serie ma anche oav,film e speciali tv, dove appaiono giache di diverso colore indica che è un anello di congiunzione tra due periodi.--79.3.253.228 (msg) 11:10, 20 mag 2015 (CEST)

Identificazione ragno[modifica | modifica wikitesto]

Sapete aiutarmi a identificare questo ragno? L'ho trovato un paio di giorni fa in casa a Genova. Dall'estremità di una zampa all'altra era lungo sui 4 cm. --Postcrosser (msg) 16:29, 21 mag 2015 (CEST)

Non saprei la specie, ti consiglio di postare la foto su un forum specializzato. Posso però tranquillizzarti che non si tratta nè di una malmignatta nè di un ragno violino, le uniche due specie di ragno con un veleno pericoloso presenti in Italia.--l'etrusco (msg) 16:44, 21 mag 2015 (CEST)
Postcrosser perchè non lo hai caricato su commons? hai chiesto ad un forum? se si, ci dai il link? vuoi che lo faccia io? Dio esiste? è nata prima wikipedia o il primo wikipediano?--Pierpao.lo (listening) 12:47, 22 mag 2015 (CEST)
Grazie Etrusco, già quello è rassicurante ^_^ @Pierpao non ho caricato la foto su commons perchè se si tratta di una specie comune è probabile che ne siano già presenti altre 50 di qualità migliore, quindi pensavo fosse superfluo. Nessun problema a farlo comunque. Ho provato a registrarmi su entomologiitaliani alcuni giorni fa, ma sono ancora in attesa del'attivazione del mio utente. Non ho provato a chiedere da nessuna altra parte per il momento. Se per caso hai la possibilità di chiederlo tu mi saresti di grande aiuto. --Postcrosser (msg) 13:07, 22 mag 2015 (CEST)
Buona fortuna allora, io è almeno una settimana che sto aspettando l'attivazione dell'utenza su quel forum...--Samuele Madini 13:33, 22 mag 2015 (CEST)
C'è anche naturamediterraneo.com che fa al caso vostro ;)--l'etrusco (msg) 14:35, 22 mag 2015 (CEST)
Forse si può chiedere anche qui --93.48.230.112 (msg) 15:57, 22 mag 2015 (CEST)
Ho chiesto su naturamediterraneo, dove mi hanno detto che dovrebbe essere un maschio di Pisaura --Postcrosser (msg) 22:37, 23 mag 2015 (CEST)

Serie A e Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Ho già fatto questa domanda in Sportello informazioni e mi hanno consigliato di riscriverla qui.

Premetto che non seguo il calcio da almeno 15 anni: su serie A 2014-2015 vedo che la Juventus ha vinto campionato e Coppa Italia. La Coppa Italia centra con la Serie A o sono due tornei diversi? Se così fosse non vedo il motivo di specificare in una voce che parla di Serie A che la Juve ha vinto un torneo diverso... --93.147.68.72 (msg) 21:07, 21 mag 2015 (CEST)

La Coppa Italia ha ripercussioni sulle qualificazioni europee (chi la vince può iscriversi all'Europa League, liberando anche un posto per i preliminari nel caso in cui la vincente sia già qualificata per la Champions), e decide anche chi giocherà la Supercoppa Italiana che vede scontrarsi la vincente dello scudetto contro la vincente della coppa. Detto ciò, l'informazione è utile per capire chi e perché si qualifica o meno per l'Europa Leaugue, l'indicazione della squadra vincitrice della Coppa nella pagina della serie A pertanto mi pare corretta. --79.56.113.153 (msg) 02:32, 22 mag 2015 (CEST)

Vescicola (?) sulla lingua[modifica | modifica wikitesto]

Gentile Oracolo, vorrei sapere il nome di un lieve disturbo della lingua: si tratta di una specie di bollicina/puntolino in rilievo, più chiaro della lingua, ma senza siero all'interno, fastidioso e talvolta doloroso, soprattutto quando si mangia. Non è un'afta. Grazie --185.5.62.237 (msg) 22:27, 21 mag 2015 (CEST)

Da come la descrivi sembrerebbe proprio un'afta, cosa ti dà la certezza che non lo sia?--Samuele Madini 11:39, 22 mag 2015 (CEST)
Come dalla voce, non presenta "un'area rossa o una bolla, che precedono una piccola ulcera aperta." Nè "appare come un'apertura di forma ovale o, a volte, affusolata e colore bianco-giallastro, circondata da un anello rosso e infiammato, che nella maggioranza dei casi ha un diametro di circa 3-4 mm". Per questo la escludo. --185.5.62.237 (msg) 19:04, 22 mag 2015 (CEST)

monasteri e convento[modifica | modifica wikitesto]

Qual é il più grande monastero o convento del mondo? --87.17.177.19 (msg) 12:10, 23 mag 2015 (CEST)

Dovrebbe essere il monastero Tawang, in India. Secondo en.wiki è inferiore per estensione solo al Palazzo del Potala che, però, dopo essere stato la residenza del Dalai Lama fino al 1959, oggi non è più un monastero bensì un museo. --Sesquipedale (non parlar male) 22:20, 23 mag 2015 (CEST)