Wikipedia:Oracolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torna a inizio pagina ↑
Abbreviazioni
WP:O

L'oracolo

Attenzione!!!


Hai già provato a fare una ricerca...?

 

Cos'è l'Oracolo?
« Ogni uomo è un eroe e un oracolo per qualcuno » (Ralph Waldo Emerson, Letters and Social Aims (1876))
  • Se ci sono informazioni che non riesci a localizzare sull'enciclopedia, o hai domande su contenuti che normalmente potresti trovare su un'enciclopedia ma non trovi su Wikipedia, prova a lasciare un messaggio qui.
  • Non c'è alcuna garanzia che le risposte che ti vengono fornite siano corrette, né che qualcuno ti risponda.
  • Alcune risposte potrebbero essere accompagnate da ironia e voglia di scherzare, che non vanno scambiate per intento apertamente derisorio: qui non morde nessuno.
  • Se in seguito trovi la risposta alla tua domanda qui o in altra sede, per favore aggiungi alle voci relative le informazioni mancanti, aiutando Wikipedia a crescere e diventare sempre più completa.
  • Le risposte alle tue domande vengono scritte in questa pagina, dove resteranno visibili per alcuni giorni; in seguito verranno spostate nell'Archivio dell'Oracolo.
  • Per favore, non lasciare il tuo indirizzo e-mail: Wikipedia è pubblicamente consultabile e rischi di ricevere posta indesiderata.
  • Firma sempre i tuoi messaggi con 4 tildi: ~~~~ (vedi anche Aiuto:Firma).



Richiesta di aiuto per modificare un albero genealogico[modifica wikitesto]

In questa e quest'altra notizia, è riportato che Andrea Mascioni si è sposato con Margherita Gianola, ed è diventato padre di una bambina. Mi aiutate ad aggiungere Margherita nell'albero genealogico di Mascioni? --2001:B07:6442:8903:29EC:480:F21F:A906 (msg) 18:01, 13 nov 2017 (CET)

A parte che questa domanda è già stata posta allo Sportello Infornazioni, che è il posto giusto, avrà senso inserire ulteriori rami nell’albero genealogico se questi corrisponderanno ad ulteriori nembri della famiglia che svolgano l’attività di organari. Fino a quel momento, secondo me non c’è alcuna ragione di inserire mogli e figli. A dirla tutta, in quella voce di informazioni di dubbia rilevanza enciclopedica ce n’è già non poche. --93.36.167.230 (msg) 18:31, 13 nov 2017 (CET)

Sito strano nella cronologia[modifica wikitesto]

Io non sono iscritto su facebook, e non ci vado mai. Noto tuttavia che spesso nella cronologia del mio browser (edge) trovo il sito (ve lo metto in nowiki così nessuno ci va per sbaglio) https://www.facebook.com/tr/. se vado in questo sito appare una pagina completamente bianca. Ho già provato a ripulire i cookie del mio browser (non volevo fosse qualche biscottino) ma nonostante ciò riappare, eppure non sono mai entrato in quel sito. Qualcuno saprebbe dirmi cosa sarebbe questo sito ho paura sia un virus. --79.54.132.38 (msg) 15:16, 14 nov 2017 (CET)

Se l'indirizzo è quello non può essere un virus perchè è nel dominio di Facebook. Se non ricordo male all'inizio Facebook usava quella sottopagina ma non so perchè è potrebbe essere un falso ricordo. Che estensioni hai nel browser? Ho chiesto a facebook--Pierpao.lo (listening) 15:26, 14 nov 2017 (CET)
Ti ringrazio per l'assistenza. Da quel che posso vedere, non ho alcuna estensione sul browser.
--79.54.132.38 (msg) 15:41, 14 nov 2017 (CET)
Pagina modificata l'ultima volta il 21 dicembre 2012 alle 01:00:01. È presente una immagine GIF di dimensioni 1*1px. Codifica testo ISO-8859-1. La pagina non rispetta gli standard. Responso di Mozilla Firefox portable edition. --Pracchia 78 (scrivimi) 16:57, 14 nov 2017 (CET)
Si chiama Facebook Pixel, un classicissimo sistema per il rilevamento del pubblico di un sito, usato sia per misurare il successo di una campagna promozionale, sia per raccogliere informazioni sulla distribuzione anagrafica del pubblico, tipicamente allo scopo di focalizzare le campagne verso un target che più probabilmente genera "conversione" (proporzione tra quanta gente viene esposta al contenuto promozionale e quanta effettivamente "risponde" andando a visitare/acquistare).
Visitare quella pagina, in sé e per sé, non fa nulla di strano: per fare il suo mestiere, l'immagine dev'essere inserita nella pagina web del cliente (assieme a un pochino di javascript). Il "trucco" su cui si basa per svolgere il suo lavoro è che quando l'immagine (e relativo javascript) viene caricata come parte integrante della suddetta pagina web:
  • il fatto stesso che sia stata caricata fornisce già di per sé l'informazione che la pagina è stata visitata;
  • essendo un'immagine "di proprietà" di Facebook (nel senso che viene dal loro dominio), il javascript ad essa associato è autorizzato ad accedere ai cookie di Facebook e quindi (se su quel browser hai anche una sessione di FB aperta) sapere chi sei e contribuire quindi alla statistica "anagrafica" dei visitatori (età, area geografica, interessi mostrati...).
Che poi è esattamente il motivo per cui FB si fa pagare: l'inserzionista paga per avere 1) una piattaforma su cui pubblicare il proprio materiale promozionale, 2) un sistema per rilevare indicatori di efficacia della campagna per cui sta pagando e 3) un sistema per identificare fasce di pubblico su cui concentrare la propria attività (anche perché, in generale, più ampio è il pubblico che vede il tuo materiale più ti fanno pagare, quindi hai tutto l'interesse a non "sprecare" visualizzazioni su persone che ben difficilmente potrebbero mostrare interesse per il tuo prodotto). -- Rojelio (dimmi tutto) 20:58, 14 nov 2017 (CET)
Ah, dimenticavo: trovo curioso che Edge lo elenchi esplicitamente in cronologia. Se da un lato è tecnicamente del tutto vero che quell'"immagine" viene caricata ogni volta che visiti una qualsiasi pagina che si avvale del servizio di monitoraggio di FB (e quindi potenzialmente anche più volte al giorno), dall'altro non è un indirizzo che hai visitato esplicitamente, quindi non mi sarei aspettato che un browser lo metta in cronologia. Vabbé, dettagli implementativi. -- Rojelio (dimmi tutto) 21:06, 14 nov 2017 (CET)
Datemi un pixel e solleverò il web--Pierpao.lo (listening) 21:47, 14 nov 2017 (CET)

Calcolo vettoriale[modifica wikitesto]

Ragazzi, volevo chiedervi un passaggio che mi sfugge per quanto semplice. Non capisco come arrivare da a∧(a∧c) [a e c sono ortogonali e diversi dal nullo]. A questo −||a||^2*c usando le proprietà del prodotto vettoriale. Intuitivamente ho capito che deve aver semplificato, ma non capisco come.

Mi dareste una mano per favore. --93.146.44.157 (msg) 21:44, 15 nov 2017 (CET)

(uhm, qui sento odore di statale) se trasformi a^c in un logaritmo neperiano (in base e) credo che il tuo dubbio sparirà, perché a quel punto diventa... banale (come dice qualcuno)--5.169.39.51 (msg) 11:15, 16 nov 2017 (CET)

Con ∧ intendevo prodotto esterno su tre vettori :D --93.146.44.183 (msg) 13:23, 16 nov 2017 (CET)

per fare un esempio semplice, supponiamo che a sia orientato come l'asse x (a=ai) e c come l'asse y (c=cj). a∧c è orientato come l'asse z (=ack). a∧(a∧c) è orientato come l'asse y ma ha verso opposto (=-a^2cj). Pensa a come ruotare il tuo sistema di riferimento e tutto torna. --Cruccone (msg) 13:49, 16 nov 2017 (CET)
Conflittato: noto che Cruccone ha usato il mio stesso trucco... mi sento meno in colpa per aver "imbrogliato". :-P
Per semplificarmi la vita, considero una base di vettori di riferimento (ortonormale e levogira) collocata ad arte nello spazio in modo che î sia allineato con e ĵ sia allineato con : posso quindi riscrivere e (occhio che adesso le lettere "a" e "c", senza simbolo di vettore, sono componenti rispetto ai versori î e ĵ, ovvero scalari con segno). Usando la proprietà di bi-linearità del prodotto esterno e sfruttando il fatto di aver scelto appositamente la base di riferimento levogira:
Essendo elevato al quadrato, il segno di a è irrilevante e vale sempre la sostituzione , da cui deriva il risultato originale:
Una dimostrazione alternativa, più "geometrica", si ottiene con due osservazioni:
  • Il prodotto esterno è perpendicolare ad entrambi i fattori, quindi il risultato del prodotto tra parentesi è perpendicolare ad a, e il modulo del risultato finale è ||a||2||c||.
  • Usando due volte la regola della mano destra, il risultato finale ha verso opposto al secondo fattore del prodotto tra parentesi (ovvero il vettore c).
Non riesco però a fornire una versione formalmente rigorosa del secondo punto, per cui tendo a preferire il primo metodo. -- Rojelio (dimmi tutto) 15:18, 16 nov 2017 (CET)
Credo di poter dare una dimostrazione alternativa, senza regole della mano destra o terne levogire, ma bisogna vedere se 93.146.44.183 sa fare il prodotto di una matrice per un vettore... --93.36.167.230 (msg) 18:04, 16 nov 2017 (CET)

Singolare o plurale[modifica wikitesto]

  1. Il funerale si è svolto
  2. I funerali si sono svolti

Quale delle due è più corretta e più comune?

--151.49.119.153 (msg) 23:39, 17 nov 2017 (CET)

Sono sinonimi, entrambi perfettamente accettabili. La forma singolare si concentra sul fatto che si tratta di un evento; quella plurale probabilmente deriva dal fatto che si compone di una pluralità di riti (analogamente a "esequie" e "onoranze funebri"). Se proprio devo trovare una differenza, la forma plurale suona leggermente più formale, ed è quella preferita in espressioni tipo "funerali di stato". -- Rojelio (dimmi tutto) 00:21, 18 nov 2017 (CET)

Storiografia[modifica wikitesto]

La storiografia contemporanea è concorde nel ritenere che le responsabilità dei nazisti (eccidi di ebrei e slavi) siano più gravi di quelle dei sovietici (gulag), degli americani (bombe atomiche su due città giapponesi) e degli inglesi (bombardamenti terroristici a tappeto sulle città tedesche). Ma io mi chiedo: è solo un caso che il più colpevole sia proprio il perdente? Siamo sicuri che, se Hitler avesse vinto la guerra, gli storiografi non sarebbero molto più indulgenti verso di lui e molto più severi verso gli Alleati? In fin dei conti quando i francesi dichiararono Parigi città aperta Hitler rispettò i patti, mentre gli angloamericani non lo fecero con Roma--3knolls (msg) 12:13, 18 nov 2017 (CET)

Mai sentito il detto "La storia la scrivono i vincitori"? Vabbè, citazioni a parte, considera che è stata la Germania nazista a iniziare il conflitto. Dato che Terzo reich, Italia (vabbè, l'Italia era un po' la marionetta dei crucchi...) e Giappone sono quelli che hanno iniziato per primi, reputo le risposte alleate più che legittime, compresa la bomba atomica (i giapponesi sono stati molto più brutali dei loro camerati europei, con l'appoggio devoto di tutta la popolazione. I buonisti mi criticheranno, ma IMO se la sono cercata).
Per quanto riguarda i gulag, non mi risulta che si dia una gravità minore alle purghe di Stalin rispetto a molte altre repressioni dell'opposizione di altri regimi, il motivo che c'era dietro era ben diverso: per Stalin era un perverso modo per conservare il potere, quello di Hitler era invece per il gusto di sterminare un intera religione/etnia considerata inferiore, con l'appoggio omertoso della popolazione indottrinata (ma questa situazione non si può paragonare al Giappone, la natura dell'"appoggio" popolare è completamente diverso).--95.232.130.22 (msg) 13:26, 18 nov 2017 (CET)
La storiografia contemporanea è molto critica riguardo ai gulag, alle bombe atomiche americane (en:Debate over the atomic bombings of Hiroshima and Nagasaki), al bombardamento di Dresda (en:Bombing of Dresden in World War II#Post-war debate) e in generale verso i crimini perpetrati dagli Alleati; forse è alla storiografia dell'epoca, quella più vicina ai fatti in questione, che si può imputare una maggiore accondiscendenza e clemenza di giudizio verso i crimini degli Alleati, in ragione dei plurisecolari principii del "la storia la scrivono i vincitori" e del "vae victis": ma questi atteggiamenti non mi pare siano più propri della storiografia di oggi (almeno, della buona storiografia di oggi).
Non sempre il più colpevole corrisponde al perdente: gli Stati Confederati d'America hanno straperso la guerra di secessione americana, ma per molti decenni hanno goduto di una storiografia "favorevole" nei loro confronti e nei confronti dei loro ideali (ah, il vecchio Sud!); scatta spesso il meccanismo per cui le simpatie vanno verso Davide e non Golia, anche quando è Golia a vincere. I giudizi storiografici non sono poi scevri da considerazioni politiche: per molto tempo si è insistito che i crimini di guerra dei tedeschi fossero da imputarsi quasi esclusivamente alle sole SS, mentre le forze armate regolari sarebbero state in gran parte estranee ai massacri; e questo, perché molti ufficiali della disciolta Wehrmacht erano stati riciclati nelle nuove forze armate della Germania ovest, membro della NATO. Vedi anche Armadio della Vergogna.
Limitatamente alla storia della città aperta: Roma fu dichiarata città aperta unilateralmente dagli italiani, senza che questa dichiarazione fosse riconosciuta e accettata dagli Alleati. E anche i tedeschi interpretavano il concetto molto liberamente: nell'aprile 1941 Belgrado fu dichiarata città aperta dagli jugoslavi, ma i tedeschi la bombardarono comunque. --Franz van Lanzee (msg) 14:36, 18 nov 2017 (CET)
Grazie per le delucidazioni, anche se mi resta ancora qualche dubbio. Ad esempio: non appena si scoprì che l'attore Horst Tappert aveva fatto parte delle SS, scattò subito il veto immediato e irrevocabile nei confronti dei telefilm L'ispettore Derrick, quasi come se il servizio militare nella Germania nazista fosse stato facoltativo (o, come spiegato da Franz van Lanzee, quasi che i crimini li avessero commessi solo le SS). Spero che almeno l'Oracolo sappia indicarmi qualche analogo esempio di censura che abbia colpito attori (o comunque protagonisti del mondo dello spettacolo) che avevano militato fra le forze Alleate--3knolls (msg) 17:01, 18 nov 2017 (CET)
Ma ci fai o ci sei? Dalle risposte che ti sono state date qui ti sei forse fatto l'idea che aver militato nelle Waffen-SS (che non era certo il "servizio militare obbligatorio", nemmeno nella Germania nazista) sia paragonabile ad aver militato nelle forze armate inglesi o statunitensi? I 4000 militari alleati che sono morti nello sbarco in Normandia stavano commettendo crimini di guerra, secondo te? Spero bene che oltre all'Oracolo di Wikipedia qualche libro di storia tu lo abbia letto... (peraltro, per discutere di argomenti come questi eviterei di usare espressioni come "marionette dei crucchi" o "se la sono cercata", come ho letto nella prima risposta alla tua domanda: quelle vanno bene per commentare le partite di calcio il giorno dopo, non per parlare delle più grandi tragedie del XX secolo) --93.36.167.230 (msg) 17:29, 18 nov 2017 (CET)
[× Conflitto di modifiche]In realtà non è vero che l'ispettore Derrick non venga più trasmesso.
Tuttavia non è corretto mettere tutto e tutti sullo stesso piano. Gli eserciti di ogni nazione commisero atti più o meno criminali (compreso quello italiano) ma la natura sistematica di quelli commessi dal regime nazista attraverso ampi settori della Wehrmatch durante l'ultimo conflitto è innegabile, così come le vicende analoghe dei giapponesi in Cina. Le SS sono state dichiarate un'organizzazione criminale sia "dai vincitori" che dalla Germania stessa, nelle quali si entrava generalmente come volontari: poi si possono fare infiniti distinguo sull'età in cui ciò avveniva e sull'indottrinamento di massa che lo favoriva. Per chi ha militato nell'esercito tedesco nella successiva fase storica della Germania non è scattata alcuna "censura", anzi per la verità destò (e desta) ancora oggi scandalo il fatto che per varie ragioni (non da ultima la guerra fredda) molte figure pesantemente colluse con gli aspetti più sordidi del regime nazista avessero incarichi di rilievo anche nel dopoguerra. --Vito (msg) 17:33, 18 nov 2017 (CET)
(rispondo all'utente 93.36.167.230) Può anche darsi che ignoro la storia, ma non quella locale. Nel sud-Italia, ove abitualmente risiedo, nel 1943 passarono due eserciti: quello tedesco-nazista transitò in modo pressochè pacifico, mentre gli Alleati si lanciarono in attacchi di distruzione di massa a scopo terroristico come questo, tanto per fare un esempio a caso. Nessuno nega che i nazisti si siano marchiati dell'infamia per aver sterminato ebrei e slavi (su ordine tassativo di Hitler e di alcuni altri, non perché tutti i militari tedeschi fossero feroci per definizione, ovviamente), però non è giusto, a mio avviso, sottovalutare i crimini commessi dagli Alleati--3knolls (msg) 18:18, 18 nov 2017 (CET)
Fino all'8 settembre era un "alleato", che non aveva interesse a rendere più costose le proprie operazioni nel settore di un alleato che teneva in pugno: l'occupazione di un territorio ostile è costosissima e come tale va evitata sino all'ultimo, anche ricorrendo a stati fantoccio come Vichy o Salò. --Vito (msg) 18:41, 18 nov 2017 (CET)

[ Rientro] Inserisco alcune riflessioni/risposte ad alcune affermazioni (perché non nascondo che questo argomento, alla lunga, ha stancato :D).
Intanto non è la "storiografia ufficiale" (che deve trattare l'argomento con neutralità) a "ritenere che le responsabilità dei nazisti siano più gravi di quelle dei sovietici", ma il consenso comune (il quale si è formato grazie alla vecchia storiografia del Dopoguerra, la quale tendeva a distanziarsi dalle ideologie di destra del governo Mussolini, che furono condannate in seguito alla vittoria degli Alleati).
Poi, il consenso comune tende sempre a considerare più grave il danno che comporta più morti umane perché la morte di una persona, violenta e pacifica che sia, comporta sempre il dilemma del trasferimento dei beni (praticamente l'eredità), perché se anche morissero 1000 persone, lo Stato (democratico) deve aprire 1000 procedure di trasferimento dei beni, e tutte queste procedure possono rischiare di paralizzarne la burocrazia interna a scapito di altre questioni. Ma anche in senso giuridico in ogni parte del mondo (o quasi), il costo di vite umane è superiore a qualunque altra cosa, perfino al danno fisico-psicologico o al danneggiamento di beni, quindi è naturale che in questioni come questa venga messa la priorità alla parte che ha causato il maggiore danno. I famosi "6 milioni di ebrei morti nei campi di sterminio/concentramento" (dato che però, ricordiamo, è stato in seguito considerato impreciso, sia perché non sono stati contati i zingari, gli omosessuali, i Testimoni di Geova e tutte le altre categorie di persone bersaglio del governo Hitler, sia perché non sono stati contati eventuali casi di tedeschi morti da connazionali) sono quindi superiori in costo di vite umane alle peripezie del governo sovietico (che si sono dipanate in un periodo di tempo molto più lungo) e al bombardamento delle città giapponesi da parte del governo statunitense (che hanno causato danni in vite umane decisamente inferiori). I costi in questione, infatti sono calcolati solo quando i danni/morti si verificano, non in previsione degli stessi (ecco perché le morti dovute al nucleare in Giappone non hanno fatto eco se non decenni dopo), e se il governo è in grado di nascondere/censurare eventuali danni/morti, il numero che ne viene fuori al momento del calcolo per forza è approssimativo.
In soldoni, il "colpevole" non è il perdente, ma chi ha causato più danni.--Gybo 95 (msg) 19:02, 18 nov 2017 (CET)

Sì, è stancante parlar qui di tutto questo in termini sbrigativi (d'altra parte non è qui che possiamo approfondire più di tanto questioni di questa portata), però non si può semplicemente concludere che le differenze sono state solo "quantitative": "ha torto chi ha fatto più morti".
Non è così, e non è una questione di storiografia, né d'epoca né contemporanea: è una questione di giudizio morale.
Nella I guerra mondiale ci sono state atroci (e assurde) carneficine, ma prevalentemente di soldati sui vari fronti di guerra. Nella II guerra mondiale è iniziata la pratica dei bombardamenti aerei delle grandi città (a cominciare dai bombardamenti dei tedeschi sull'Inghilterra, 1940-41: quelli degli Alleati su Germania e Italia iniziarono nel 1943) e ci sono state moltissime vittime civili. Sono stati atti di guerra esecrabili, da diversi punti di vista, ma erano atti di una nazione belligerante contro un'altra; avevano una motivazione strategica (che non li giustifica moralmente), quella di distruggere le infrastrutture (civili, oltre che militari) del nemico, non primariamente quella dello sterminio della popolazione civile.
Ben diverso è aver rastrellato sistematicamente, nel proprio Paese, in Paesi alleati e in Paesi che erano stati già occupati, milioni di persone selezionate in base all'appartenenza a minoranze considerate "inferiori", e averli a un certo punto avviati allo sterminio di massa. Non furono atti di guerra contro una nazione nemica, fu il genocidio - motivato solo da un'ideologia aberrante - di civili residenti nella stessa Germania, in Italia, e in Paesi che erano sotto il pieno controllo militare dei tedeschi. È di questo che si sono macchiati i nazisti e le SS, non solo di devastazioni e stragi in Paesi con i quali c'era una guerra in corso. Dire che la differenza sta solo nel numero di morti che si è causato significa non averci riflettuto bene, oppure aver rinunciato a dare giudizi morali. --93.36.167.230 (msg) 23:40, 18 nov 2017 (CET)
In quanto ai crimini contro l'umanità commessi dai nazisti ribadisco che le responsabilità non erano ascrivibili ai singoli arruolati in quanto la soluzione finale venne elaborata solo alla fine del 1940. Chi per necessità economiche si era iscritto alle SS prima di quella data non poteva poi rifiutarsi di eseguire gli ordini aberranti del Fuhrer, altrimenti sarebbe stato deportato a sua volta (non dimentichiamo che per minime divergenze le SA erano state annientate).
Ribadisco anche che bombardare a tappeto le aree residenziali (a Coventry ma anche a Foggia come a Dresda, a Messina come a Hiroshima) non aveva alcuna motivazione strategica. Per i massacri indiscriminati di civili non vi sono scuse o giustificazioni di sorta, erano crimini di guerra a tutti gli effetti, che però rimasero impuniti e ancora oggi vengono sottaciuti. Personalmente sono disgustato dal fatto che oggi si parli molto piú spesso delle fosse Ardeatine che dei bombardamenti di Foggia del 1943. A mio avviso quest'ultimo episodio (chi non lo conoscesse a fondo è pregato di informarsi prima di rispondere) fu enormemente più grave perché la strage fu indiscriminata e anche donne e bambini vennero massacrati.--3knolls (msg) 07:50, 19 nov 2017 (CET)
Le SA non furono "annientate per minime divergenze", ma semplicemente perché quello fu il prezzo della "normalizzazione" del regime. Analogamente le SS e RSHA erano il braccio del crimine nazista praticamente sin da subito e i reparti Waffen (di gran lunga i più numerosi) vennero creati dopo il '40.
La differenza "qualitativa" fra le Ardeatine e Foggia (ma anche San Lorenzo) è che questi ultimi avevano una finalità militare. C'è comunque un errore di fondo: non si può usare un crimine per giustificarne un altro. Spesso vi possono essere rapporti di causa-effetto, ma non sono giustificazioni.
--Vito (msg) 11:43, 19 nov 2017 (CET)
Chi per necessità economiche si era iscritto alle SS prima di quella data non poteva poi rifiutarsi di eseguire gli ordini aberranti del Fuhrer: questa è la cosiddetta "difesa Norimberga", adottata praticamente da tutti i criminali di guerra e contro l'umanità portati alla sbarra per i loro crimini, da Norimberga in poi: "stavo solo eseguendo gli ordini dei superiori, non potevo rifiutarmi o sarei stato punito". Generalmente, questa linea di difesa è sempre stata rifutata dai giudici: se un ordine è palesemente illegale, il sottoposto non solo può disobbedire ma deve disobbedire, e se non lo fa è colpevole tanto quanto il superiore che ha emanato l'ordine. Questo principio è ormai codificato anche in diversi codici penali nazionali: non da ultimo quello italiano (art. 51 commi 2, 3 e 4), che paradossalmente è ancora il codice Rocco del 1930 approvato in piena era fascita.
Sui bombardamenti aerei: la (migliore) storiografia dibatte da tempo sulla loro utilità strategica e sulla loro efficacia nel quadro delle operazioni militari; degli obiettivi strategici c'erano (i porti, le industrie e gli snodi ferroviari, che sono obiettivi legittimi per l'azione militare, si trovavano piazzati in mezzo alle case, e i sistemi di puntamento delle bombe degli anni 1940 non consentivano di colpire i primi escludendo le seconde), e in ogni caso i vertici politici e militari ritenevano più che legittimo, nel quadro della guerra totale, incutere terrore nelle popolazioni civili tramite i bombardamenti. Se tutto questo sia legale è ovviamente tutta un'altra questione: vedi en:Aerial bombardment and international law. Confido poi che sia patrimonio di tutti il principio secondo cui "i crimini degli altri non sono una giustificazione né una scusa per i crimini che commetti te".
Una nota all'anonimo più in alto: i bombardamenti strategici sulle città iniziarono da molto prima, i tedeschi bombardarono Varsavia nel 1939, i sovietici bombardarono Helsinki durante la guerra d'inverno del 1939-1940, e i britannici bombardarono le città del nord Italia già pochi giorni dopo la dichiarazione di guerra. --Franz van Lanzee (msg) 12:50, 19 nov 2017 (CET)
(Già nel '18 il Parisgeschütz era volto a creare terrore fra la popolazione civile nemica).
Il codice Rocco s'innesta in una tradizione "tecnica" di diritto penale italiano che non era malaccio, anche se divenne ipso facto obsoleto nel '46.
Danneggiare una fabbrica di cuscinetti a sfera è una "mossa" militarmente molto molto valida, ma il 40% di Wuppertal finì in pezzi delle dimensioni di un cuscinetto a sfera.
Premetto di non avere una risposta: i due bombardamenti atomici posero fine alla guerra. Gli americani avevano "preventivato" mezzo milione di morti durante l'invasione del Giappone, facendo una proporzione con Okinawa si arriverebbe all'aberrante cifra di 8 milioni di vittime fra civili e soldati giapponesi. L'alternativa, proposta da vari commentatori, era quella di lasciare che il Giappone si arrendesse poiché privo di risorse industriali e alimentari essenziali, insomma che fosse preso per fame, considerato inoltre che era ormai alla mercé delle aviazioni alleate. Non so se sia più giusto incenerire 240.000 vite per evitare tutto ciò. Per citare qualcuno (ancor oggi attuale) si usò un'arma sotto l'ombra della quale il mondo vive ancora oggi nel terrore, ma probabilmente fu "grazie" a quel terrore se la crisi di Berlino o la guerra di Corea non sfociarono in qualcosa di molto peggiore e fu per colpa di quel terrore che lo sviluppo di interi continenti fu piegato a logiche di guerra non dichiarata.
La guerra è sempre e solo una merda, ma quanto ci si tuffa in profondità nella merda dipende praticamente solo dal singolo. --Vito (msg) 14:58, 19 nov 2017 (CET)

Download and Unzip[modifica wikitesto]

Sapete se esiste un programma che "unzippa" direttamente mentre si fa il download di un grande file in formato bz2 (attualmente circa 17 giga compressi)? Visto che ho una normale ADSL non particolarmente veloce potrei risparmiare parecchio tempo se esistesse qualcosa del genere. Però non so se è possibile con il formato, bzip2. Per i curiosi sto parlando dei dump settimanali di Wikidata che si trovano qua per esempio --ValterVB (msg) 12:14, 18 nov 2017 (CET)

Usando i multistream non dovrebbe essere difficile scrivere un po' di python che lavora sul file temporaneo prendendo uno stream per volta. --Vito (msg) 17:34, 18 nov 2017 (CET)
Mi sa che farlo è un po' oltre le mie capacità, quello che mi sembra strano è che non è ancora stato fatto o per lo meno io non l'ho trovato; probabilmente significa che non da i vantaggi che immagino? Per il download ci metto quasi 5 ore, e circa 3 per decomprimerlo, durante il download il microprocessore è praticamente fermo e quindi può dedicarsi a decomprimere, e risparmierei anche una lettura e una scrittura su disco: download -> decompressione -> scrittura su disco. Così magari da 8 ore totali ce ne posso mettere solo 5. --ValterVB (msg) 18:43, 18 nov 2017 (CET)
Da linea di comando sh credo basti wget -O - https://dumps.wikimedia.org/wikidatawiki/entities/20171113/wikidata-20171113-all.json.bz2 | bzip2 -d > wikidata-20171113-all.json. Non testato :) --Valerio Bozzolan (msg) 19:09, 18 nov 2017 (CET)
A occhio direi di no, perché non ha controllo su quali segmenti di file decomprimere. --Vito (msg) 21:08, 18 nov 2017 (CET)
Nono, funziona funziona ;) --Valerio Bozzolan (msg) 22:19, 18 nov 2017 (CET)
Ora il problema è trovare un wget che funzioni in Windows 10, tutte quelli provati finora non funzionano, si apre e poi si chiude subito la finestra. Per ora grazie. --ValterVB (msg) 22:25, 18 nov 2017 (CET)
Il problema grosso sotto Windows è la logica del piping.
A ogni modo l'ho ritestato sotto Debian e non va.
--Vito (msg) 22:31, 18 nov 2017 (CET)
Sto provando con Ubuntu (server) e mi pare che vada, per lo meno sta lavorando e dà una buona impressione. Ne saprò di più tra qualche po', quando avrà finito. Se funzionasse il consiglio più semplice sarebbe di non tentare di farlo direttamente con Windows 10, ma di mettere su una macchinina virtuale Linux (con Windows 10 è abbastanza semplice) e fare tutto da lì. --Lepido (msg) 09:13, 21 nov 2017 (CET)
Update - La cosa sembrerebbe funzionare, dico "sembrerebbe" perché il processo è abortito dopo aver esaurito i 100 giga a disposizione sul disco (l'archivio è moooolto grande e lo spazio disco della mia macchina virtuale è invece moooolto piccolo, e le cose non vanno insieme, purtroppo). Quindi non so se valga quanto ho scritto prima su fare tutto su una macchina virtuale Linux, perché ci sarebbe poi da tenere conto del tempo di trasferimento su Windows del mega-file ottenuto. --Lepido (msg) 11:23, 21 nov 2017 (CET)
Quindi al momento l'unica soluzione possibile sembrerebbe essere quella di Valerio, devo vedere se riesco a installare in qualche maniera wget e fare la prova. --ValterVB (msg) 19:04, 21 nov 2017 (CET)
@Lepido: infatti la prova l'ho fatta con un bz2 a caso più piccolo. --Vito (msg) 19:17, 21 nov 2017 (CET)
Funzia
0h Valteree!! A me mi funziona; Madonnina davvero! Codesto pirulino del Valerio. Maremma decompressa! (Windows 10 pro N con solo Net Framework di prima installazione :-P, Powershell non elevato, wget originale, bzip2 ver. 1.05) --Pierpao.lo (listening) 19:51, 21 nov 2017 (CET)
Cavolo, ho provato adesso sul portatile: wget è di serie in windows :) Venerdì provo. --ValterVB (msg) 20:33, 21 nov 2017 (CET)
[ Rientro] [@ Valerio Bozzolan, Pierpao, Vituzzu] E' vero funziona nel senso che con un unico comando fa il download e unzippa, ma li fa in serie, prima scarica tutto e poi unzippa il file, quindi non fa quello che chiedevo. Me ne sono accorto perché è andato in errore e mi sono trovato il file ancora compresso sul disco. --ValterVB (msg) 09:03, 24 nov 2017 (CET)
Parlo per ipotesi (non conosco nè i Wiki dump ne bzip2) e giusto per sicurezza, non è che il file lo avevi già scaricato e invece il processo non ha creato niente semplicemente perchè è andato in errore. Perchè se nel file di dump c'è solo un file e il processo si interrompe non dovresti trovare niente nell'hard disk se non il file temporaneo (magari nascosto) creato da bzip2. Mi sembra strano che faccia tutti e due le operazioni come dici tu, forse Wget non accetta il pipe, crei il file e finisca lì. Perchè al contrario se accetta il pipe dovrebbe funzionare. Se invece mi sbaglio e qualcuno non ha soluzioni migliori bisognerebbe lanciare prima wget e poi immediatamente dopo bzip sul file temporaneo che viene via via creato nel frattempo da wget. In parallelo. Questo ammesso che bzip2 non faccia controlli sull'integrità del file e modificando il codice di bzip2 in modo che vada in pausa per un tot di tempo e non si blocchi quando arriva alla fine, aspettyando invece che il file si allunghi.--Pierpao.lo (listening) 10:03, 24 nov 2017 (CET)
[@ Pierpao] E' sicuro, ho ripulito la directory prima (e comunque non l'avevo scaricato), e il file scaricato da wget ha un nome temporaneo: - (senza estensioni). Ho limpressione che il pipe lo fa eseguire in sequenza non contemporaneamente. Il comando utilizzato era wget -O - https://dumps.wikimedia.org/wikidatawiki/entities/20171120/wikidata-20171120-all.json.bz2 | D:\BZIP2\bin\bzip2 -d > D:\Wikipedia\Dump\wikidata-20171120-all.json --ValterVB (msg) 12:42, 24 nov 2017 (CET)
O.O Quel comando non deve generare file temporanei. Se avviene è perchè Windows non è un sistema unix like, non lo sarà mai, non ha una shell unix-like, non ha pipe, ha probabilmente dei bei workaround per farlo sembrare tale, ma vanno evitati come la peste. Le scelte sono due: usare una bella distribuzione unix-like "live" (Puppy? Debian? Ubuntu?) da chiavetta o da DVD, o installate una bella distribuzinoe unix-like su una macchina virtuale che supporti cartelle condivise :D --Valerio Bozzolan (msg) 16:21, 24 nov 2017 (CET)
A meno che non esista un Visual Studio che gira su unix o qualcosa di simile (ambiente visuale + c#) dubito di poter seguire il consiglio. --ValterVB (msg) 16:31, 24 nov 2017 (CET)
Capisco l'amore per Windows ma... anzi no, non lo capisco :), però se devi per forza usare Visual studio mentre scarichi puoi provare a installare Visual Studio dentro una Virtual machine in Linux per esempio Vine. [Qui c'è un vecchio tread] che da poche speranze ma è vecchio e magari da qualche spunto.ValterVB --Pierpao.lo (listening) 12:24, 27 nov 2017 (CET)
Non è amore per Windows, ma per Microsoft, ha creato/commercializzato molti prodotti che per me sono di estrema facilità d'uso ci sono pecche ma chi non le ha? se le conosci sai come gestirle e difatti non ho mai avuto particolari problemi. --ValterVB (msg) 13:25, 27 nov 2017 (CET)

Strana voce[modifica wikitesto]

Questa richiesta mi è venuta ascoltando più attentamente un brano di un gruppo diventato famoso per altri motivi (che non riporterò qui). La canzone è Death - Pierce Me, prima dell'unico album dei Silencer (inutile che cercate su Wiki, pagina cancellata anni or sono), e sto parlando della sezione iniziale del brano, quella con l'arpeggio in chitarra classica. Quasi subito dopo l'inizio del brano, a 4 secondi circa, si sente una strana voce che dice qualcosa di incomprensibile perché messa a volume molto basso nel mix. Ho provato a cercare informazioni a riguardo su internet ma pare che non se ne trovino (e ci credo), però è una lacuna che mi piacerebbe colmare.--Gybo 95 (msg) 13:10, 18 nov 2017 (CET)

Vecchio film[modifica wikitesto]

Buonasera, chissà se potete aiutarmi, ho pochi ricordi di un vecchio film italiano che ho visto parecchio tempo fa, probabilmente risalente agli anni 50 o 60, direi di genere drammatico, in bianco e nero, c'è una coppia in cui a un certo punto lui chiede l'annullamento del matrimonio... mi rendo conto che è poco ma magari qualcuno se lo ricorda, che film può essere?

--91.253.37.243 (msg) 21:56, 18 nov 2017 (CET)

Il primo film che mi è venuto in mente leggendo la tua domanda è Il vedovo con Alberto Sordi, anche se lì lui non chiede l'annullamento del matrimonio. --Postcrosser (msg) 23:55, 18 nov 2017 (CET)

2 domande sul codice della strada[modifica wikitesto]

Ciao ho due domande sul codice della strada: 1) chi circola senza assicurazione gli viene sequestrato il veicolo, viene multato oppure gli vengono tolti punti dalla patente (se non sospesa)? oppure tutti e tre? 2) chi circola senza carta di circolazione gli viene sequestrato il veicolo, viene multato oppure gli vengono tolti punti dalla patente (se non sospesa)? oppure tutti e tre? Grazie per l'attenzione --87.9.133.214 (msg) 16:41, 19 nov 2017 (CET)

L'oracolo si interpella per pertinenze a wikipedia. Per il codice della strada suggerisco di cercare in google codice stradale o simili.--☼Windino☼ [Rec] 17:05, 19 nov 2017 (CET)
Ma l'Oracolo, che ha a cuore la conoscenza in sé, sa anche essere infinitamente misericordioso e paziente.
Chi circola senza assicurazione si becca (art. 193 codice stradale) una multa da 841 a 3.287 euro e il sequestro del veicolo, che verrà restituito dopo il pagamento della sanzione prevista, del trasporto, del deposito e dell'assicurazione per un periodo di almeno 6 mesi. Se l'assicurazione è stata contraffatta o falsificata, in aggiunta alle sanzioni precedenti c'è anche la sospensione della patente per un anno.
Se si circola senza carta di circolazione, la sanzione (art. 180) è una multa da 41 a 168 euro (da 25 a 99 euro se si è alla guida di un ciclomotore) con annessa ingiunzione a presentarsi entro un certo termine all'ufficio competente per esibire la carta di circolazione; se, senza giustificato motivo, non ci si presenta all'ufficio nel termine indicato, ci si becca una multa da 419 a 1.682 euro e in aggiunta la sanzione prevista in caso di mancata emissione della carta di circolazione, ovvero la confisca del veicolo di cui all'art. 213. --Franz van Lanzee (msg) 18:06, 19 nov 2017 (CET)

Dazi doganali per ogni prodotto..."quantificabile"?[modifica wikitesto]

Alla dogana di USA e Canada o di altri paesi, importare prodotti od oggetti commerciali per venderlo nel paese è legale, ma devi pagare una tassa. La mia domanda è la seguente. Se io dovessi vendere in questi paesi beni artistici come sceneggiature, libri, quadri o sculture da me realizzate, album musicali... 1 - Teoricamente dovrebbe essere legale, pur ammettendo che potrebbero assumerti per via del tuo talento... (?) 2 - Un bene artistico è praticamente inquantificabile. Come possono calcolare i dazi doganali su un prodotto commerciale "astratto" e non quantificabile?

Grazie in anticipo 😊- Questo commento senza la firma utente è stato inserito da Freebird73 (discussioni · contributi) 19:05, nov 20, 2017.

premesso che la normativa fiscale è un casotto, in generale vale il prezzo di vendita. ad esempio se importi una scultura per venderla dovrai prendere come riferimento il prezzo fatto al compratore. E se la importi e poi cerchi un compratore? boh....--Hal8999 (msg) 08:41, 21 nov 2017 (CET)
Non è assolutamente vero che i beni artistici siano inquantificabili: case d'asta, antiquari e banchi dei pegni attribuiscono continuamente valori monetari a quadri, antichi manoscritti, porcellane Ming o scrivanie Luigi XIV. Presumo che in questi casi la dogana provveda a nominare un perito esperto nella materia, cui affidare la stima del valore del bene. --Franz van Lanzee (msg) 12:09, 21 nov 2017 (CET)
user:Freebird73 Intanto non confondiame capre e carciofi, i dazi doganali si applicano solo sui beni fisici, una sceneggiatura, come un brano musciale inviato in via elettronicanon è soggetta a dazi; deve essere il venditore a dichiarare il valore; in sede di verifica se non lo trovano congruo applicano la differenza sui dazi e le sanzioni e la denuncia e l'arresto a seconda dei casi perchè si va dal valoro incongruo al contrabbando. Se vendi un quadro tuo e si vede che è una crosta se lo dichiari un minimo non ci sono problemi. Altrimenti applicano il prezzo di mercato. Hanno delle tabelle e usano quelle. PRego oin posticipo.
user:Hal8999 non ho capito, se importi il compratore sei tu e comunque puoi venderla al prezzo che vuoi. E nel secondo caso se la importi... è uguale al primo. Forse volevi dire che se la esporti applichi i dazi al prezzo di vendita ed è corretto. Se importi paghi i dazi e l'iva. Una volta importata le regole sono quelle nazionali cerchi un compratore e gli metti il prezzo che ti pare, possibilmente guadagnandoci.--Pierpao.lo (listening) 12:51, 21 nov 2017 (CET)

Account mail su server estero da Italia[modifica wikitesto]

Premessa forse inutile: devo trasferirmi all'estero per lavoro per molto tempo e la mail di quel paese mi serve. Io dall'Italia, con i codici di navigazione italiani, posso creare un account di posta elettronica di un paese estero non UE (e nemmeno europeo)? Se si dove posso trovare la lista dei mail-server gratuiti con dominio di quel paese più affidabili (equivalenti agli italiani libero virgilio alice etc.)? Qualcosa del tipo "server di posta per paese" (a me in particolare servono quelli del Mozambico, però chiedo di tutti per curiosità). Non ditemi di usare gmail o yahoo o hotmail perché quelli non li voglio usare ti fregano

--5.168.160.137 (msg) 12:58, 21 nov 2017 (CET)

Stabo proprio per scrivere di usare gmail... :-) Ma adesso che account hai? Perché non lo puoi continuare ad usare? Quello che chiedi infatti stride un po' col concetto di Internet: che bisogno hai di usare un server del Mozambico, quando un server italiano va altrettanto bene? --Lepido (msg) 14:20, 21 nov 2017 (CET)
Ecco... Avrai capito che non sono proprio un esperto di internet e server. Io ho un account mail su virgilio.it, solo che mi hanno detto che non è possibile utilizzare un mail server di un dominio di un paese se sei fuori dal paese stesso, tranne che per i paesi dell'UE e per i domini .com o comunque internazionali. Quindi da quello che so in Mozambico non potrò usufruire dei server di posta elettronica che finiscono con .it, ma solo i .mz o quelli internazionali. Visto che sono fermamente contrario a Google e Yahoo (ho i miei motivi ma non voglio far nascere discussioni che non c'entrano nulla) volevo sapere quali erano i server mail del Mozambico gratuiti ma comunque affidabili. Ma quindi io posso usare il mio account virgilio in Mozambico? E dall'Italia posso registrare un account su un server con dominio di uno specifico paese estero non UE?--79.50.222.134 (msg) 14:38, 21 nov 2017 (CET) Sono lo stesso che ha posto la domanda, solo che ora sono connesso al wifi aziendale
Generalmente casi simili si verificano per via delle leggi diverse in singoli stati. Questo è il caso tipico di server che sono ospitati in stati dove le leggi possono essere più o meno permissive rispetto ai contenuti salvati negli hard disk o rispetto alle leggi sulla privacy degli utenti (esempio). E' però davvero strano avere un account di posta con le e-mail che transitano e sono salvate in server in Mozambico ... da dove nasce la certezza che lì non "ti fregano"? E chi ti ha detto che "non è possibile utilizzare un mail server di un dominio di un paese se sei fuori dal paese stesso"? In pochi casi questo accade (in Cina con Google ad esempio). X-Dark (msg) 14:49, 21 nov 2017 (CET)
[× Conflitto di modifiche] Intanto c'è da dire che i problemi sarebbero due: come spedire e come ricevere la posta. Se per ricevere la posta dal proprio account non dovrebbero esserci problemi, ritengo che quanto ti è stato detto si riferisca all'azione dello spedire. La trattazione del problema sarebbe quindi un po' lunga, ma se ti accontenterai di accedere alla tua casella posta tramite un browser internet ritengo che non dovrebbero esserci problemi a prescindere dal dominio del tuo server. Se hai qualche conoscenza in Mozambico, puoi chiedergli di fare una prova, creando un'utenza su Virgilio e vedere se funziona. --Lepido (msg) 14:56, 21 nov 2017 (CET)

Sperando di non fare scattare qualche filtro e che Vito non se ne accorga :) vi posto da sloggato parte di un messaggio autoinviato via Web con email.IT (ultimo rigo) da un IP del sud africa:

Delivered-To: p xxxxxxx @gmail.com
Received: by 10.37.75.67 with SMTP id y64csp5385817yba;
       Tue, 21 Nov 2017 09:07:25 -0800 (PST)
ARC-Authentication-Results: i=1; mx.google.com;
      dkim=pass header.i=@email.it header.s=mail header.b=Pkzyv8oc;
      spf=pass (google.com: domain of xxxxx  @email.it

Poi se in Mozambico gli isp hanno filtri non lo so. - Pierpao on proxy (ahi ahi ahi!) sloggato--129.232.130.181 (msg) 18:15, 21 nov 2017 (CET)

Perchè appunto esistono anche le VPN con cui si possono superare alcune limitazioni geografiche, sempre che appunto i gestori internet in Mozambico non applichino filitri particolari come succede in Cina.--Pierpao.lo (listening) 18:23, 21 nov 2017 (CET)

(sono quello che ha posto la domanda) Scusami Pierpao se sono ignorante in materia, ma non ho capito se col proxy sudafricano la mail te l'ha fatta inviare (o se te l'ha fatta ricevere) tramite email.it. Non ho comunque idea delle politiche sulle telecomunicazioni del Mozambico, per questo nel caso ho chiesto se è possibile attivare un account mail che finisce con .mz qui dall'Italia, ed eventualmente dove trovo la lista dei server gratuiti.--87.4.142.70 (msg) 07:45, 22 nov 2017 (CET)
Ovviamente l'ho mandata da email.it. Suppongo un account si possa attivare da qui, ma supppongo si possa attivare anche dal Mozambico :) perchè semplicemente non aspetti di arrivare lì prima e provare a usare Virgilio via web, in ogni caso registrare un indirizzo email anche in Mozambico ci vogliono 5 minuti. Perchè se usi Virgilio via Web la mail come ho fatto io, la mail non viene inviata dal Mozambico ma dall'italia quindi teoricamente non viola le loro regole salvo che non siano pazzi e oltre a bloccare l'accesso a tutti i server email non .mz, e blocchino anche i siti web di email che terminino in it e tutti i proxy, il che mi sembra veramente fuori di ogni logica perchè significherebbe impedire a tutti gli stranieri di leggere le proprie email. Comunque esiste una ambasciata italiana in Mozambico [[1]]. Scrivi una mail o telefona.--Pierpao.lo (listening) 10:05, 22 nov 2017 (CET)
Un buon sistema se riconosce un client come proxy aperto dovrebbe impedire di mandare un'email. --Vito (msg) 10:32, 22 nov 2017 (CET)
Tra l'altro la maggior parte dei contatti mail dell'ambasciata italiana termina con .it--Postcrosser (msg) 11:19, 22 nov 2017 (CET)
Per quanto sia convinto che l'ip si sbagli, non è una prova provata, l'ambasciata è territorio ITaliano, il Mozambico non può applicargli le sue leggi--Pierpao.lo (listening) 11:32, 22 nov 2017 (CET)
Io continuo a dire che se il sito di Virgilio "arriva" in Mozambico, ovvero se non è bannato, può essere usato per leggere e spedire la posta, visto che comunque l'azione è svolta direttamente dal server italiano, senza passaggi intermedi. --Lepido (msg) 13:45, 22 nov 2017 (CET)

Ringrazio tutti, scusate se non ho "colto" al volo il senso della cosa ma questo è un argomento in cui non sono afferrato. Quando sarò giù proverò a connettermi a virgilio.it e nel caso registro un altro account laggiù, tanto penso esistano provider di posta non a pagamento. Al massimo mi arrenderò alla grande G anche se la cosa non mi va. Chiedo solo un ultima cosa (forse sto un po abusando dell'oracolo): esiste un sito dove posso trovare i provider email gratuiti di un determinato paese, o meglio dominio? Almeno nell'improbabile caso che non potrò usare virgilio non brancolo totalmente nel buio? Grazie ancora--79.20.149.236 (msg) 07:34, 23 nov 2017 (CET)

In realtà la tua richiesta era stata chiara fin dall'inizio, e il fatto che nessuno ti abbia risposto direttamente ma tutti abbiamo tentato di trovare dei work around sta a significare che tale lista, sempre che esista, non è facile da trovarsi. Io ho fatto qualche ricerca e ho trovato questa pagina e questa pagina. Come si può vedere, accanto a servizi locali principalmente gestiti dalle società di appartenenza, ci sono tanti gmail.com, yahoo.it e anche un libero.it. Immagino inoltre che una volta in Mozambico, la società che ti darà il servizio di connessione, ti fornirà tratuitamente un servizio di e-mail, se proprio desideri un dominio "co.mz". Credo che sia successo ad uno degli indirizzi email delle pagine che ti ho linkato, che si appoggia a questa società: non conosco il portoghese, ma credo sia un provider, come sono provider quelli elencati alla pagina http://www.satproviders.com/it/list-of-all-services/MOZAMBIQUE. Come vedi non è subito semplice reperire informazioni, il dubbio è che tu ti stia preoccupando per nulla. --Lepido (msg) 17:08, 23 nov 2017 (CET)

Differenza tra palloni da calcio[modifica wikitesto]

Su un noto sito di acquisti ho trovato un pallone da calcio in due misure: n. 4 e n. 5. Che differenza c’è tra loro? --94.247.8.8 (msg) 17:51, 21 nov 2017 (CET)

Lo trovi scritto su una nota enciclopedia ;-) --Sesquipedale (non parlar male) 18:15, 21 nov 2017 (CET)

ALT + tastierino numerico sballato[modifica wikitesto]

Salve. Da poco più di due ore, e senza nessuna causa apparente, la funzione "ALT + tastierino numerico" (quella per digitare parole accentate) è sballata. Ad esempio, ALT+154, invece di Ü, mi da ♣. ALT+160, invece di ó, mi da ☻. ALT+155, invece di ø, mi da 7... E così via. Da altri comandi non esce proprio nulla. Premesso che ho controllato il bloc num ed ho anche cercato soluzioni su qualche sito, finora non ho trovato una soluzione. Ringrazio chi possa darmi un aiuto. --87.18.16.123 (msg) 11:26, 22 nov 2017 (CET)

L'unica cosa che mi viene in mente è che i due tasti alt della tastiera funzionano in modo diverso, nel senso che restituiscono diversi caratteri ascii. E' possibile che ti si siano invertiti, magari perchè per errore hai modificato la lingua della tastiera? --Postcrosser (msg) 11:50, 22 nov 2017 (CET)
@Postcrosser: ma sulle tastiere Windows non c'è un ALT solo? O stai contando anche l'ALT GR (che però non mi pare faccia nulla col tastierino numerico)? Quelle dei Mac ne hanno due, ma fanno la stessa cosa. --Syrio posso aiutare? 12:26, 22 nov 2017 (CET)
Magari basta riavviare il computer--Pierpao.lo (listening) 12:28, 22 nov 2017 (CET)
@Syrio si, intendevo ALT-GR. Con windows 10 mi sembra che non funzioni con nessuna combinazione del tastierino numerico, mentre sul vecchio pc restituiva qualche carattere, ma diversi da quelli classici (che si ottengono con il normale ALT di sinistra) --Postcrosser (msg) 12:36, 22 nov 2017 (CET)
Magari basta formattare l'hard disk, oppure contattare lui ... X-Dark (msg) 13:43, 22 nov 2017 (CET)
[@ X-Dark] c'è solo il titolo e non la notizia... dove la trovo? --2001:B07:6442:8903:C095:ECB2:DC58:1FA6 (msg) 18:59, 22 nov 2017 (CET)
LOL, la notizia è il titolo! :) --87.18.133.18 (msg) 19:54, 22 nov 2017 (CET)
Per l'articolo completo devi fare l'abbonamento ;) --ValterVB (msg) 19:56, 22 nov 2017 (CET)

Pedale[modifica wikitesto]

Qualcuno saprebbe dirmi la differenza fra d:Q1231985 e d:Q7836568? ja.wiki ha due voci distinte, ma fatico a comprenderne la differenza. Ho la sensazione che un pedale (probabilmente il primo) sia un tipo di "pulsante" azionabile col piede, mentre l'altro pedale sia vero e proprio un componente meccanico grazie al quale il lavoro viene trasferito dal piede alla macchina. Linko anche al Progetto:Ingegneria e Progetto:Scienza e tecnica. --Horcrux九十二 19:55, 22 nov 2017 (CET)

Più che altro direi che il primo sia un caso particolare del secondo, per il quale non credo abbiamo, in italiano, un nome "dedicato" (ma qui può essere semplice ignoranza da parte mia) ma inglese e giapponese apparentemente sì. Mi pare altresì evidente, vedendo il contenuto delle rispettive voci, che il nostro pedale (meccanica) era finito associato all'item sbagliato su wikidata, e ho provveduto a trasferirlo a quello più generale (e che infatti esiste in pressoché ogni altra versione linguistica). -- Rojelio (dimmi tutto) 20:27, 22 nov 2017 (CET)
Ok... Ma su quale base il primo è un caso particolare del secondo? Qual è la differenza? --Horcrux九十二 20:29, 22 nov 2017 (CET)

(confl) A quello che vedo io in d:Q7836568 andrebbe solo la voce Giappone ammesso che sia corretta perchè sia la voce italiana che quella inglese parlano in generale di pedali da azionare col piede come credo la maggior parte delle voci di d:Q1231985. La seconda voce in apparenza confonde capre e cavoli perchè è puntata da Velocipede e Macchina da Cucire e di una macchina da scrivere tutti e tre mossi da un pedale con meccanismo di trasformazione del moto oscillatorio in rotatorio. E più o meno è quello scritto all'inizio, salvo che chi l'ha scritto voleva scrivere macchina (come apparato meccanico) e ha scritto auto. Nel secondo paragrafo si parla dell'unica cosa certamente corretta. Una sorta di pulsante ferroviario che non trasmette nessun moto. Da questo sito la maggior parte degli usi sembrebbe per il secondo significato. Però se cerchi il termine in google immagini si vedono effettivamente switch ferroviari e pedali che fanno ruotare--Pierpao.lo (listening) 20:35, 22 nov 2017 (CET)

No anche la voce inglese parla di un pedale oscillante. Io non la vedo però un caso generale del primo; mi sembrano due cose diverse. Un pedale in genere preme a volte può funzionare in rilascio ma non è obbligatorio come il vincolo su cui si muove può cambiare da pedale a pedale. Un treadle ha un vincolo fisso sempre perchè avere un moto oscillatorio, per la voce Giapponese può anche essere un pedale della bicicletta.--Pierpao.lo (listening) 20:43, 22 nov 2017 (CET)

Film misterioso[modifica wikitesto]

Ancora una volta mi rivolgo al Sommo Oracolo nella speranza che mi aiuti a risalire al titolo di un film (o era una serie tv? O una miniserie? O un film televisivo?) che vidi almeno 10 anni fa in tv. Ricordo solo una scena, e mi pare che fosse quella iniziale: delle persone vestite tutte nello stesso modo e arrivate da non si sa dove arrivavano a nuoto sulla spiaggia di un'isola tropicale. La storia aveva dei risvolti fantascientifici/paranormali, infatti l'isola era una specie di oltretomba e i tizi arrivati a nuoto erano anime di persone defunte. Non era Lost.


--Mandalorian Messaggi 20:25, 25 nov 2017 (CET)

Campo ricerca[modifica wikitesto]

Fino a poco tempo digitando nel campo ricerca era presente la ricerca facilitata. Ad esempio digitando Marco apparivano tutte le voci di Wikipedia che iniziavano con Marco. Questo era utile per le mie ricerche ma soprattutto per il mio lavoro su WP. Ora questo succede solamente con la pagine di discussione delle voci. Volevo sapere se ultimamente è cambiato qualcosa o è solo un mio problema. Grazie --BART scrivimi 09:40, 26 nov 2017 (CET)

Hai per caso installato una qualche estensione che blocca gli script? X-Dark (msg) 16:49, 26 nov 2017 (CET)
Prova a verificare le opzioni che trovi nelle tue preferenze alla linguetta "Ricerca". Io ho il "Predefinito" e mi funziona. --ValterVB (msg) 17:02, 26 nov 2017 (CET)
Spero che ora ti funzioni di nuovo Bart, ma non era una domanda da Oracolo :) --Elwood (msg) 17:42, 26 nov 2017 (CET)
[@ ValterVB] [@ Elwood] Grazie sono riuscito a sistemare. Chiedo scusa per la perdita di tempo e il luogo poco adatto  :) --Bart ryker (msg) 19:00, 26 nov 2017 (CET)

Squadra più rappresentativa di una città[modifica wikitesto]

Dubbio calcistico: qual è la squadra più torinese di torino? e quella più milanese di Milano?? Sembra una domanda senza senso, ma in realtà c'è dietro un ragionamento sulla tradizione di una città. Tenendo presente del nome della società, dei simboli, della storia soprattutto prima degli anni '60 e della tifoseria soprattutto prima degli anni '60 (dagli anni '60 si è vista un omogeneizzazione delle tifoserie, anche come distribuzione a livello nazionale, e i club sono diventate delle vere e proprie aziende a discapito di un qualcosa basato su il sostegno della gente di un territorio) si può affermare con assoluta e insindacabile certezza che

  • Il club più genovese di genova è il Genoa
  • Il club più veronese di Verona è l'Hellas Verona
  • Il club più romano di Roma è la Roma

Ma a Milano e torino? La Juventus, al di là del fatto che è più vecchia del Torino (anche se bisogna considerare che il club granata discende da squadre molto più vecchie), è stata da sempre il club più blasonato e più tifato dai torinesi, ed è oggi come un tempo un simbolo della città del mondo. Tuttavia ha un nome è dei simboli come la zebra che con Torino non c'entrano un tubo. al contrario il Torino ha come simbolo un toro, che è anche quello della città, e il nome vabbè non sto nemmeno a spiegare il perché è più torinese sotto sto aspetto (il Torino, della città di Torino). A Milano è un po più complicata. perché Milan e Inter si equivalgono da sempre, sia come numero di tifosi, sia come titoli vinti. Il Milan ha un nome che ricorda più la città rispetto ad Internazionale (o Ambrosiana se la prendiamo durante il fascismo), ma il simbolo della squadra nerazzurra ovvero il biscione è il simbolo della città mentre un diavolo non ha nulla a che fare con Milano. L'Inter venne fondata da italiani, il Milan da un gruppo di soci inglesi e italiani. Per quanto riguarda le tifoserie: l'Inter aveva una tifoseria prevalentemente borghese, il Milan operaia e di immigrati, quindi storicamente l'Inter aveva più tifosi milanesi doc. Ma questo lo si può vedere un po' anche oggi (si ma infatti... ma perché poi gli immigrati africani in Italia sono per la maggior parte tifosi del Milan? boh). Milano è forse un caso più incerto che Torino, ma comunque rinnovo la domanda, qual è il club più torinese/milanese di Torino/Milano (tra quelli che esistono oggi, si intende)?

--95.245.75.170 (msg) 16:27, 26 nov 2017 (CET)

Tieni conto che la pagina dell'Oracolo (e tutto il resto di Wikipedia) non è un forum, dove si possa dibattere di argomenti "da bar" estremamente opinabili come quelli che proponi. Se vuoi sapere quanti gol ha fatto la Juve l'anno scorso, ti possiamo indicare dove puoi reperire l'informazione, ma se vuoi sapere "con assoluta e insindacabile certezza" cose che di insindacabile non hanno nulla, be' credo che rimarrai deluso :-) --Lepido (msg) 15:21, 27 nov 2017 (CET)
E poi, oltre a tutte le considerazioni che hai fatto tu, condivisibili o meno che siano (anche se bene o male sono sempre le stesse che girano da quando esiste il calcio), non si saprebbe proprio cosa aggiungere.--StefBiondo 15:53, 27 nov 2017 (CET)
in realtà la questione è stata dibattuta a lungo da giornalisti sportivi e non, le conclusioni sono concordi per Torino (il Torino) ma incerte su Milano, solo che essendo alla fine sempre opinioni non so quanto possano essere alla fine dei conti accettabili "accademicamente" ;).. --37.119.104.230 (msg) 17:40, 1 dic 2017 (CET)

Articolo determinativo nel nome degli stati[modifica wikitesto]

Caro Oracolo c'è una cosa che non riesco a capire. Il nome comune della Repubblica italiana, in lingua italiana, è "Italia", in inglese invece "Italy". Questo è ovviamente banale, e succede con tutti gli stati del mondo, o quasi. Ci sono infatti due casi: Bahamas e Gambia. Il nome comune del Commonwealth delle Bahamas in italiano è "Bahamas", mentre in inglese è "The Bahamas". Stessa cosa per il Gambia. Si può vedere benissimo guardando Wikipedia in inglese, o anche solo confrontando due carte geografiche, una in italiano l'altra in inglese, per vedere che nella nostra versione non c'è alcun articolo, mentre nell'altra appare il "the". Perché Bahamas e Gambia hanno questa caratteristica? E per caso noi italiani sbagliamo a non mettere l'articolo nella denominazione dei due paesi? Grazie in anticipo

--95.232.154.95 (msg) 21:24, 27 nov 2017 (CET)

Potrebbe aiutare questo articolo della BBC. --Franz van Lanzee (msg) 19:41, 28 nov 2017 (CET)
A parte il fatto che confondi il nome proprio (non comune) o toponimo di uno stato (o nazione), con il nome "ufficiale" della forma statuale di governo (l'Italia ora era una repubblica, ma fino a qualche decennio fare era ancora un regno), ma il tuo discorso non ha proprio senso: non puoi fare paragoni sull'uso degli articoli con lingue così diverse come l'italiano e l'inglese. In italiano i nomi di nazioni vogliono generalmente l'articolo (come peraltro i nomi propri di tantissime realtà inanimate), tranne rare eccezione come Panama o San Marina (in generala, si può dire, che prendono l'articolo quelli che si introducono con in, mentre non lo vogliono quelli che si introducono con a) --93.37.2.186 (msg)

Algebra lineare[modifica wikitesto]

Mi è nato e cresciuto un dubbio di intepretazione su cosa sia un vettore sortomi nello studio delle applicazioni lineari, avevo posto qualche tempo fa una domanda su prodotti vettoriali e mi piacerebbe chiedervi un'altra dritta interpretativa avendomi aiutato così tanto.
Io ho sempre pensato a una terna come vettore, poi a seconda del cambiamento di base potevo rappresentarlo il modi differenti:
- mettiamo di avere la base canonica allora esso sarebbe Componenti:
- mettiamo ora di avere la base: , la terna vettore si rappresenterebbe rispetto ad essa così: .
A questo punto avrei l'entità vettore che si può esprimere in modi diversi e componenti (interpretabili come terne e quindi vettori nel senso di terne) diversi. Il vettore però resta () cambiano i modi di rappresentarlo. Mettiamo il vettore sia l'immagine di una qualche applicazione allora io dico: beh (2,3,4) è il vettore, poi quel vettore ha componenti che lo descrivono, ma non è l'immagine non essendo il vettore.

Mi sembra altri la interpretino diversamente, e che dicano: il vettore è un'entità "" alla quale associo un valore terna es: . Questo vettore lo chiamo così perché rispetto ad altri vettori che avevo chiamato ha dei valori univoci.
Adesso cambio base e l'entità prende nome (2,3,2).
L'immagine che è l'entità "x" potrà chiamarsi (2,3,4) o (2,3,2) entrambe sono x, in altre parole (2,3,4) o (2,3,2) sono l'immagine.

La differenza soggiace nel fatto che come lo intuivo io mi pareva che il vettore immagine fosse solo (2,3,4) (essendo lui il vettore), mentre per altri è sia (2,3,4) che (2,3,2) in quanto meri rappresentati dell'entità "x" vettore.
Sono sfumature leggermente diverse --93.146.44.185 (msg) 22:42, 27 nov 2017 (CET)

Come direbbe Quelo, «la seconda che hai detto»: il vettore (come lo si intende in fisica) è un ente geometrico che esiste (per i fatti suoi e in quanto tale) nello spazio n-dimensionale, caratterizzato da un punto di applicazione, una direzione e un modulo. Solo se e quando decidi di imporre su quello spazio un sistema di riferimento, allora di quel vettore (e, separatamente, del suo punto di applicazione, definito a sua volta come "vettore posizione" rispetto a un punto di origine) puoi dare una rappresentazione tramite n-upla ordinata di valori scalari, corrispondenti ai coefficienti della combinazione lineare dei vettori di riferimento che risulta nel vettore assegnato. Dato un riferimento (con opportune caratteristiche che do per scontate, tipo che sia formato da vettori linearmente indipendenti, sennò crolla tutto) esiste una corrispondenza 1-a-1, bi-univoca, tra vettori e rappresentazioni, ma riferimenti diversi forniscono "mappature" diverse.
Dire che (2,3,4) "è un vettore" è quindi, a voler essere pignoli, una frase errata: l'unica cosa che "è", è una terna ordinata. È solo perché nel 99% dei casi si dà per scontato che il riferimento esiste ed è quello cartesiano orto-normale, che si accetta di dire che quella terna "è" il vettore: come hai appena constatato, si tratta solo di una "scorciatoia" mentale, che mostra i suoi limiti non appena ammetti che ti possa interessare un arbitrario sistema di riferimento, o di poter "saltare" da un riferimento a un altro.
(Qui sotto, tutte le volte che vedi le <parentesi angolate> figurati me che gesticolo che indico cose in aria XD)
Alla base del calcolo tensoriale c'è proprio questa essenziale distinzione tra "ciò che voglio descrivere" (grandezze fisiche che esistono nello spazio in quanto tali) e "i numeri che uso per descriverle" (dipendenti dal sistema di riferimento). Ad esempio, la grandezza vettoriale "gradiente di temperatura" in ciascun punto di una stanza, e come esso determini il trasferimento di calore nella stanza stessa, esiste per conto suo: in <questo punto qui> è un vettore che <punta di là> ed ha modulo <tanto così>; non importa se usi coordinate cartesiane, cilindriche, sferiche o chissà cos'altro per "assegnare" una terna di coordinate a <questo punto qui>: pretendo che nelle tue formule, se ti do le coordinate nel tuo riferimento di <questo punto qui>, vengano fuori le componenti corrette, sempre nel tuo riferimento, di <questo gradiente qui>. I numeri saranno ovviamente diversi tra un riferimento e l'altro, ma devono tutti descrivere la stessa cosa. Rendo l'idea? -- Rojelio (dimmi tutto) 18:52, 28 nov 2017 (CET)
Le avrei dato la lode se avesse usato un esempio riferito all'elettromagnetismo classico :p
--Vito (msg) 19:13, 28 nov 2017 (CET)

Molto interessante, essendomi affacciato da poco allo studio dell'algebra lineare non mi è stata fatta vedere in realtà l'applicazione pratica. Mi sembrava tuttavia fosse stato fatto un processo inverso, mi spiego meglio: si era passati da nozioni astratte (il vettore visto come ente di spazio vettoriale che soddisfa certi assiomi) può essere una terna di quel tipo. Da qui nasceva il mio dubbio, perché vedo bene la spiegazione che tu mi fai ed è davvero affascinante, ma non riesco a negare tuttavia che la mia sia scorretta (ma in realtà penso proprio lo sia). Intendo dire, di per sè quell'entità (2,3,4) gode di quelle proprietà assiomatiche e pertanto è un vettore che è addirittura slegato dalla nozione di componente e base, almeno inizialmente. Se poi volessi riferirlo a certe basi riceverei delle mere componenti. Invece se lo interpretassi come dici tu: prendiamo un piano cartesiano, il vettore x è quello e rappresentarlo con coordinate diverse rappresenterebbe comunque la medesima freccina nel piano solo con assi ruotati traslati o altro...
Prendiamo ora una applicazione lineare da V->W e ho il vettore v->f(v) bene, io so che a questa applicazione lineare posso associare una matrice rispetto a due basi (una del dominio e una del codominio). Scrivo le coordinate di un certo vettore rispetto alla base di V, me le incolonno per benino e le faccio moltiplicare a questa matrice: ottendo altre componenti nella base di W (scelta per ottenere la matrice). Qui viene il mio problema: se io interpreto il vettore immagine come entità x (come dicevi tu) allora io posso affermare che le colonne della matrice sono span del mio sottospazio immagine (infatti le componenti non sono altro che diversi "Nomi" per chiamare l'entità x che è l'immagine).
Se interpreto "a modo mio" (spero di non beccare denuncia per aver fregato lo spot :P) dico: eh no le colonne di quella matrice non sono span del mio sottospazio immagine, perché quelle che ottengo applicandola a un vettore v (di V) sono componenti rispetto alla base di W, poi per ottenere il vero vettore (che è la terna mettiamo (2,3,4)) devo scriverle moltiplicandole ai vettori della base di W e sommarli (es 2*b1+2*b2+2*b3 = vettore immagine terna, con b vettori della base di W): ecco, quello sarà il vettore immagine parte del sottospazio immagine.
Il fatto è che il mio modo di vedere il vettore, più astratto, non mi sembra andare contro gli assiomi insegnatimi, quindi dove sbaglio. Grazie :)
Tra l'altro la tua spiegazione mi sembra poi io possa interpretarla come sottocaso del mio (creando una sorta di isomorfismo, diciamo. Passami il termine forse impropriamente usato) --93.146.44.203 (msg) 20:25, 28 nov 2017 (CET)

Quello che ha descritto sopra Rojelio rappresenta l'approccio "intuitivo" al concetto di vettore (ente caratterizzato da punto di applicazione, direzione e modulo) che in genere viene proposto nei corsi di Fisica (già nella scuola superiore), prima della formalizzazione matematica a cui tu fai invece riferimento.
Nella matematica moderna - come hai già visto - non si dà una definizione del concetto di "vettore" ma piuttosto del concetto di "spazio vettoriale", come insieme dotato di una particolare operazione fra elementi (la combinazione lineare, con coefficienti in un campo - nel nostro caso, quello dei numeri reali); un vettore è semplicemente un elemento di uno spazio vettoriale (e questa non è una tautologia).
Esistono innumerevoli esempi di insiemi "reali" che possono essere modellizzati matematicamente come spazi vettoriali: l'esempio tipico, lo spazio fisico tridimensionale a cui faceva riferimento Rojelio, è per l'appunto il più intuitivo (e vicino all'origine storica dell'idea di vettore), ma a stretto rigore non è del tutto appropriato perché la struttura matematica corrispondente non è quella di spazio vettoriale ma quella di spazio affine euclideo.
L'avvitamento concettuale che tu descrivi, secondo me, deriva dall'abitudine (universale e inveterata) di identificare il concetto astratto di spazio vettoriale reale di dimensione con , l'insieme delle -ple (ordinate) di numeri reali.
Senza dubbio, è uno spazio vettoriale. Come tu stesso ha osservato, se scegli come base gli elementi della forma - la "base canonica" - allora le componenti di un elemento coincidono con i numeri reali . Se scegli una base diversa, le componenti non saranno più quelle. Di fatto, scegliere in una base diversa da quella canonica è una complicazione che per lo più è del tutto inutile.
Se però stai considerando uno spazio vettoriale qualunque, di dimensione , questo non è : è isomorfo a , ma l'isomorfismo non è unico. Qualunque scelta di una base in determina un isomorfismo da in , che fa corrispondere alla base che hai scelto in la base canonica di , e a ciascun elemento di l'elemento di corrispondente alle componenti di relative alla base . Quando cambi la base in non stai cambiando base in , stai cambiando l'isomorfismo che associa a ogni elemento di un elemento di (ma la base in resta sempre quella canonica). Verifica se ragionando in questo modo si risolve il tuo dubbio. --93.36.167.230 (msg) 12:08, 29 nov 2017 (CET)

Ringrazio moltissimo
Mi sembra davvero di iniziare a vederci più chiaro ora, diciamo che le mie erano solo intuizioni ma formalizzarle così mi mette molta più sicurezza.
C'è solo un punto critico ora che forse mi rimane:
-Mettiamo io voglia cambiare base in V, a questo punto, quando creo la matrice cambiamento di base con le mie componenti (o meglio le componenti dei vettori della base a cui ho applicato l'omomorfismo), noto che queste componenti del vettore (inteso in modo fisico come elemento-freccina) che sono le colone della matrice, saranno sistema di generatori per le componenti matrice colonna che rappresenta il vettore. Insomma, con una scorciatoia logica potrei dire: queste colonne della matrice associata all'applicazione lineare sono span del mio vettore, cioè generatori di Immagine di f (perché sono sistema di generatori per quelle matrici colonna) di e che a loro volta sono solo dei "nomi" per chiamare il mio vettore fisico. Il vettore è uno, ho solo diversi nomi (matrici colonna) per chiamarlo e cambio l'isomorfismo R,V, come mi spiegavi.
-Se cambio invece base in uno spazio , le componenti che metto nella matrice associata all'applicazione saranno span di nuove componenti rispetto a una nuova base. Però qui non potrò, in generale, dire che: "l'immagine di un'applicazione lineare coincide con il sottospazio generato dalle colonne della matrice rappresentativa- non importa rispetto a quali basi essa sia riferita" questo perché la matrice rappresentativa mi genererà delle matrici colonna di numeri che non sono di certo il vettore immagine. Solo quando andrò a scrivere quelle componenti rispetto alla base relativa, sommandole, troverò il vero vettore immagine (matrice colonna intesa come vetore di ). In questo secondo caso sarebbe più corretto dire: le componenti dell'immagine di un'applicazione lineare coincidono con il sottospazio generato dalle colonne della matrice rappresentativa e non con Imf vera e propria.
Sbaglio? --93.146.44.162 (msg) 13:38, 29 nov 2017 (CET)

Non c'è alcuna contraddizione, stai dicendo due volte la stessa cosa e se ti sembrano diverse ti stai confondendo da qualche parte (mi risulta difficile capire dove di preciso, perché usi la terminologia matematica in modo non troppo rigoroso e non è sempre possibile essere sicuri al 100% che ciò che scrivi corrisponda a ciò che pensi :-P ).
Dunque, vediamo di intenderci... Tu hai uno spazio vettoriale; non importa cosa sia, è un insieme di elementi per i quali sono definite le operazioni di somma e moltiplicazione per uno scalare. Per poterci lavorare sopra, decidi di "rappresentarlo" tramite isomorfismo su Rn:
  • Scegli, essenzialmente arbitrariamente, n elementi del tuo insieme aventi la caratteristica di essere linearmente indipendenti (ovvero nessuno di loro può essere ottenuto per combinazione lineare degli altri, date le summenzionate operazioni di somma e moltiplicazione): questa è la tua base.
  • Dato un qualsiasi elemento dello spazio vettoriale, è esprimibile per combinazione lineare degli elementi della base: l'n-upla ordinata dei coefficienti della combinazione è un elemento di tutt'altro spazio vettoriale, ovvero Rn. Abbiamo creato l'isomorfismo tra lo spazio vettoriale originale e Rn: dato un vettore, scompongo tramite la base e ottengo un n-upla, e data una n-upla combino gli elementi di base per ottenere un vettore. L'n-upla in quanto tale è un vettore del suo spazio vettoriale (Rn); nel tuo spazio vettoriale rappresenta uno dei tuoi vettori una volta nota la base.
Nota che la base non è necessaria per avere uno spazio vettoriale; una base ti serve per rappresentare lo spazio vettoriale tramite n-uple di Rn. E questo è il punto: se cambi la base, a partire dal medesimo vettore del tuo insieme originale V ottieni una nuova n-upla, ovvero le componenti rispetto alla nuova base. Questo è un nuovo isomorfismo tra il tuo spazio vettoriale e Rn, e non devi lasciarti ingannare dal fatto che è ancora e sempre "lo stesso" Rn di prima: lui non è il tuo spazio vettoriale, è una "mappa" (nel senso matematico del termine) che associa, tramite la base che hai scelto tu, vettori di Rn facili da manipolare a vettori del tuo spazio.
Adesso siamo liberi di usare tutti gli strumenti matematici a disposizione per lavorare con Rn sapendo che i risultati hanno un significato, attraverso l'isomorfismo, anche nel tuo spazio.
In particolare, una generica applicazione lineare f:V->W può essere "convertita" in un'equivalente funzione f:Rm->Rn avendo "mappato" V e W tramite opportune basi, e in questa forma equivalente f è esprimibile tramite matrice F. La matrice è rettangolare, ha m colonne e ciascuna colonna ha n componenti: le colonne sono vettori di Rn (lo spazio di destinazione della funzione), e la moltiplicazione Fv è la combinazione lineare di quelle m colonne usando per coefficienti le m componenti del vettore in Rm dato in ingresso alla funzione.
Le colonne della matrice, quindi, sono i generatori dell'immagine della funzione f, che è la stessa cosa che dire che l'immagine di f è lo span (copertura lineare) delle colonne della matrice. Assumendo che quelle colonne siano linearmente indipendenti e che m<n, l'immagine sarà un sotto-spazio m-dimensionale di Rn.
Qualsiasi altra considerazione nasce solo ed esclusivamente da come tu stai usando questi strumenti e cosa quindi questi spazi rappresentano per te.
Nel caso di un cambio di base per lo spazio vettoriale n-dimensionale V, assumiamo di avere le due basi B1 e B2 (entrambe composte da n vettori di V linearmente indipendenti). Queste due basi ci forniscono due diversi isomorfismi da V a Rn. Di nuovo, non lasciarti ingannare dal fatto che siano entrambi Rn: il primo è lo "spazio vettoriale V1 delle componenti rispetto a B1" e il secondo è lo "spazio vettoriale V2 delle componenti rispetto a B2". Sia V1 che V2 sono "mappe" sul V originale, ma tecnicamente nessuno dei due è V stesso.
Esprimo il cambio di base f:V1->V2 tramite la solita matrice F, a questo giro quadrata nxn. Le colonne, come sempre, sono vettori dello spazio di destinazione, V2: sono le componenti degli elementi della base B1 (che sono pur sempre vettori di V) espressi tramite la base B2. A questo punto posso "tradurre" le componenti di un qualsiasi vettore tra una base e l'altra: prendo il vettore v1 delle sue componenti rispetto a B1, e per moltiplicazione v2=Fv1 ottengo il vettore delle sue componenti rispetto a B2.
Né v1 né v2 può arrogarsi il titolo di "vero" vettore, o di vettore "più vero" dell'altro: sono entrambi vettori a pieno titolo all'interno dei loro rispettivi spazi vettoriali (V1 e V2), che a loro volta sono differenti isomorfismi dello spazio vettoriale V di partenza. Quello che sappiamo (abbiamo costruito F apposta con questo scopo) è che il vettore v1 di V1 e il vettore v2 di V2 sono entrambi corrispondenti, nei rispettivi isomorfismi, del medesimo vettore v di V.
Il tuo secondo punto è perfettamente identico al primo, solo che in questo secondo caso sembri stupito che le colonne di F siano vettori dello spazio di destinazione, ovvero hanno componenti riferite alla nuova base (lo fanno sempre), e che per questo motivo il loro span non possa fregiarsi del titolo di "immagine" della funzione f (lo è eccome, esattamente come lo era prima e lo sarà sempre). --Rojelio (dimmi tutto) 16:48, 30 nov 2017 (CET)

Credo grazie a voi due di aver individuato dove sbagliavo approccio, in effetti stavo mischiando il concetto di vettore di uno spazio vettoriale qualsiasi V, con il concetto di e mi trovavo così a influenzare le due entità a vicenda. Ora ho capito che sostanzialmente l'isomorfismo che creo tra oggetto di V e n-upla in è un "etichettare" quell'elemento tramite una base e otterrò a seconda che sia Base1 o Base2 degli spazi di che chiamo V1 e V2 (isomorfi a V), grazie alle quali posso associare un vettore n-upla dello spazio che sono le componenti di v (vettore) rispetto a un spazio qualsiasi ai vettori V iniziali.
L'unica punta di incertezza nel ragionamento intuitivo è capire come comportarmi se il mio spazio di partenza (che avevi chiamato V) sia proprio . Ed era quello che embrionalmente parlando avevo intuito non tornarmi prima di questa spiegazione approfondita che hai fatto, proprio il "punto due" cui tu accenni. Dopo le tue rivelazioni, ragionerei così: trattandosi di uno spazio di partenza che ha come oggetti proprio le n-uple di anche in questo caso forse dovrei pensare a un isomorfismo di e una relativa mappa che da mi porta ancora ad . Insomma vado a prendere delle n-uple che eleggerò a mie basi e esprimerò tutte le altre n-uple possibili dello spazio rispetto a queste come combinazioni lineari di esse, poi, forte della mia mappa "etichettatura" che ho creato, quando andrò a cambiare base andrò ad associare i vettori del primo ismorfismo a quelli di un secondo (con altre basi).
Insomma ho solamente selezionato come "vettore" (elemento da mappare) un elemento che è anche della tipologia della la mappa stessa.
Quel che facevo erroneamente prima era pensare a un cambiamento di base in come: scrivo le componenti dello spazio vero, quando faccio Fx=nuove componenti io trovo le componenti di quella che è l'immagine, in realtà dalla tua spiegazione ho capito (se ho capito giusto) che trovo l'immagine nello spazio isomorfo a cui ho associato il vettore "originario" (passami il termine tramite :D) la mappatura. Grazie per l'aiuto. --93.146.44.137 (msg) 18:36, 30 nov 2017 (CET)

Hai capito correttamente. Il fatto che Rn si presti così bene a rappresentare isomorficamente qualsiasi spazio vettoriale n-dimensionale (incluso sé stesso!) è da un lato la sua grande potenza, e dall'altro l'origine di tutta questa confusione: lo "strumento matematico" ti fornisce i mezzi per manipolare quelle n-uple, che "strutturalmente" sono tutte uguali, ma sta a te tenere traccia degli isomorfismi che stanno "dietro le quinte", e quindi di cosa "significhi per te nel tuo problema" ciascuna n-upla e in quale "mappa" essa viva. (2,3,4) era il tuo vettore originale in R3; (2,3,2) era un vettore di un diverso R3, corrispondente a quello originale tramite la funzione f (e ri-mappabile all'indietro tramite l'inversa f-1, descritta dalla matrice F-1, nell'ipotesi di non complicarci l'esistenza e che sia tutto quadrato e linearmente indipendente).
Se ci pensi, è solo una versione "agli steroidi" dello stesso concetto di quando alle elementari/medie ti dicono che non puoi fare "2 mele + 4 transatlantici": la matematica non avrebbe alcun problema a dirti quanto fa "2+4", tanto sono entrambi numeri naturali, no? La responsabilità di sapere 1) cosa c'è dietro ogni numero e 2) se quelle operazioni abbiano davvero senso nel tuo problema resta tutta tua. ;-) -- Rojelio (dimmi tutto) 19:08, 30 nov 2017 (CET)

Caspita, grazie! Sei riuscito a capire il dubbio che nessuno riusciva a capire (colpa delle mie scarse doti comunicative, temo, oltre la mia poca predisposizione all'intuizione che probabilmente altri non hanno come problema: vedo che vanno via lisci come l'olio sugli esercizi senza porti domande:( ), prendilo come un gran complimento XD.
La cosa più affascinante dello studio di questa materia è che noto ogni volta che capisco una cosa 20 pagine dopo devo riprenderla da capo e cambiarne tutta la intepretazione che avevo fondato, e la cosa più comica è che pur interpretandolamale, fino ad oggi, funzionava come la pensavo io!
Hai perfettamente ragione, è una grande metafora dellamatematica in generale, ha molte più applicazioni, vanno capite. :) --93.146.44.138 (msg) 20:52, 30 nov 2017 (CET)

Questa interessante discussione mi ha fatto nascere una curiosità su cui non avevo mai riflettuto per avendo già dato AL in informatica. Se prendessi due vettori su un piano che hanno tra loro un angolo di 30°, creo l'isomorfismo con R2 prendendo come base proprio i due vettori. Mi ritroverei così con due ennuple: vettori nel mio spazio vettoriale isomorfo. Se ora svolgessi il prodotto scalare standard con le ennuple troverei il valore nullo come output. Se ora tornassi alla controimmagine nello spazio V di origine affermerei sbagliando di avere due vettori ortogonali.
Se invece architettassi un isomorfismo a metà, ovvero, prendo quei vettori come basi ma le componenti non le trattassi come ennuple nellospazio isomorfo svolgerei un prodotto scalare del genere con la nozione di angolo compreso : (con v vettori della base e x,y componenti). L'isomorfismo l'ho già costruito ma non l'ho espicitato.
Mi verrebbe da concludere che l'immagine del mio isomorfismo (le ennuple) non si comportano esattamente come i vettori dello spazio V. Dove risiede l'errore?
Purtroppo nel mio corso la parte geometrica dell'algerba lineare fu un po' sottovalutata (lo dico per discolparmi dalla stupidità della domanda, ammetto)
Magari qualcuno sa rispondere anche al mio quesito. --31.157.111.122 (msg) 16:08, 4 dic 2017 (CET)
Esiste una differenza fra spazio vettoriale e spazio metrico (o spazio normato). Su di uno stesso spazio vettoriale si possono "avere" diversi prodotti scalari che daranno diversi angoli e lunghezze. X-Dark (msg) 16:27, 4 dic 2017 (CET)
Quindi in poche parole i diversi isomorfismi che posso creare non mantengono tutti quanti le proprietà di prodotto scalare? Solo quando creo un isomorfismo tra una base ortogonale (in V) e Rn il prodotto scalare in V è il medesimo di quello standard in Rn.
Oppure devo interpretareil risultato così: creo un isomorfismo da V ad R2 prendendo i vettori x e y (con un angolo tra loro di 30°) come mia base e che avranno rispetto a loro stessi componenti (1,0),(0,1). Stabilito questo isomorfismo V->R2 definisco il prodotto scalare standard su R2 come il mio prodotto scalare, questo mi da come risultato che sono due vettori ortogonali (prodotto scalare =0 per definizione) concludo che anche in V i due vettori sono ortogonali rispetto a questo prodotto scalare stabilito nell'isomorfo di V.
Non capisco come vada letto il risultato tra i due modi in pratica.--31.157.111.122 (msg) 17:27, 4 dic 2017 (CET)
Per la risposta completa possiamo aspettare Rojelio (sono pigro ;-) ), la risposta breve e non rigorosa è che in uno spazio euclideo rispetto al prodotto scalare standard solo una trasformazione ortogonale preserva gli angoli e le lunghezze. Comunque, sia in V che in Rn puoi definire prodotti scalari diversi. X-Dark (msg) 18:09, 4 dic 2017 (CET)

(Rientro) Sìsì, che possa definirli diversi sia su V che su Rn mi risulta chiaro. Era più che altro una curiosità su quel punto che esternavo nel primo mio commento. Ammetto di frequentare anche io l'oracolo soprattutto per le risposte di Rojelio che spazia davvero in ogni ambito. E' sempre una piacevole lettura serale. Un "se non lo sai, sallo". --31.157.111.122 (msg) 18:27, 4 dic 2017 (CET)

Il punto mi sembra però proprio quello: se vuoi preservare il prodotto scalare (con la definizione di norma e di angolo), devi ricorrere su Rn ad un prodotto scalare che non è dato semplicemente dalla somma del prodotto delle componenti. Parto sul mio spazio vettoriale originale con una base v_1 ... v_n, definisco un prodotto scalare fra questi elementi, in effetti una metrica, come S_ij = <v_i, v_j>. Cambio base, vado a v_1' ... v_n', dove i nuovi vettori sono una combinazione lineare dei vecchi v_1' = c_i v_i. Adesso, se voglio mantenere lo stesso prodotto scalare, il prodotto scalare deve essere definito in base a S_ij' = <v_i', v_j'> = c_i c_j <v_i, v_j>= c_i c_j S_ij. Naturalmente potrei benissimo definire un nuovo prodotto scalare (ad esempio quello dato ancora dalla somma del prodotto delle componenti), ma nessuna sorpresa se scopro che quello che prima era ortogonale, adesso non lo è più (o viceversa). Prendi come esempio lo spazio vettoriale euclideo in due dimensioni con il suo prodotto scalare e la sua base ortogonale standard, e considera la nuova base e_x' = e_x e e_y' = e_y/2. Adesso, nella nuova base un vettore (1,1) (alias e_x + e_y) diventa (1,2) (alias e_x' + 2 e_y'). La norma di questo vettore al quadrato sarebbe 2 nella base originale, e ancora 2 nella nuova base se come prodotto scalare usi la somma del prodotto della prima componente più un quarto della seconda (c_2 c_2 = (1/2)^2). X-Dark (msg) 20:37, 4 dic 2017 (CET)
(conflittato)Premessa: quello che hai descritto è il prodotto scalare, non quello vettoriale, e il risultato è il numero zero, non un "vettore nullo" che puoi anti-trasformare. È però correttissimo che il prodotto scalare calcolato prima e dopo il cambio di base viene diverso, non-zero prima e zero dopo.
In generale, come è stato osservato qui sopra, un cambio di base (e più in generale, un cambio di sistema di coordinate, con questo intendendo anche il passaggio a coordinate polari, cilindriche o quant'altro) non preserva lunghezze e angoli, pertanto la risposta corta (e poco soddisfacente) è che sì, può tranquillamente succedere che il prodotto scalare, calcolato in modo "tradizionale" dopo il cambio di base, sia completamente diverso da quello originale, per il semplice motivo che i concetti di "modulo dei vettori" e "ortogonalità" non sono indipendente dal riferimento.
D'altra parte, a noi questo potrebbe pure non far affatto piacere, soprattutto in ambito fisico: se quei vettori sono, per esempio, una forza e uno spostamento, il loro prodotto scalare ha per noi un significato ben preciso (il lavoro compiuto dalla forza), e l'idea che possa venir fuori un risultato completamente diverso solo perché ho deciso di descrivere lo stesso identico fenomeno fisico solo da un diverso sistema di riferimento dà estremamente fastidio.
La soluzione si chiama tensore metrico: detto a grandissime parolacce, è la rappresentazione di quanto i singoli "prodotti incrociati" tra le componenti dei vettori moltiplicati "contribuiscono" al totale del prodotto scalare. Si tratta di una matrice quadrata i cui elementi sono i prodotti scalari (calcolati nella vecchia base) a coppie tra i vettori della nuova base (ovvero il valore dell'elemento {i,j} della matrice corrisponde a ). In particolare:
  • Gli elementi sulla diagonale sono i moduli quadri dei vettori di base.
  • Gli elementi fuori dalla diagonale sono nulli se le corrispondenti coppie di vettori di base sono "perpendicolari" (e la matrice è quindi diagonale se l'intera base è ortogonale e tutti i suoi elementi sono perpendicolari a due a due).
Conseguentemente, un sistema di riferimento ortonormale (vettori di base di modulo unitario e tutti perpendicolari tra loro) ha come tensore metrico la matrice identità (1 sulla diagonale, 0 altrove).
La formula del prodotto scalare "generalizzato", che tiene conto del tensore metrico, va quindi ampliata: se chiamo Tij le componenti del tensore metrico per lo spazio in cui mi trovo, vi le componenti del vettore v e wj le componenti del vettore w:
(in notazione di Einstein si scriverebbe più formalmente , con le sommatorie rese "implicite" dal fatto che gli indici i e j compaiono una volta sopra e una volta sotto, e la posizione degli indici sopra o sotto che ha uno speciale significato... è una lunga storia :-) )
Compaiono cioè tutti i prodotti a coppie tra componenti di v e componenti di w, e ciascuna coppia contribuisce al totale tramite un "peso" dato dalla corrispondente cella del tensore metrico. Nel caso del classico spazio euclideo n-dimensionale, con tensore metrico pari all'identità, i "prodotti misti" hanno peso nullo e scompaiono, e i "prodotti corrispondenti" hanno peso 1, e resta quindi solo v1w1+v2w2+...+vnwn, la classica formula che tutti conosciamo e amiamo.
Dato uno spazio con un suo tensore metrico associato, una trasformazione di base produce un nuovo spazio che, se vogliamo mantenere la coerenza delle misure, avrà un suo diverso tensore metrico associato, che si può ricavare a partire da quello originale e dalla conoscenza dei nuovi vettori di base così come sono visti dai vecchi (cosiddetta metrica indotta).
Prendendo il tuo esempio, assumendo che lo spazio vettoriale di partenza sia il classico euclideo, e che i due nuovi vettori di base v e w abbiano in tale spazio lunghezza unitaria (così mi semplifico un po' la vita nello scrivere le formule) e angolo tra loro di 30°; il tensore metrico del nuovo spazio, calcolato a partire dal vecchio, sarà:
Se adesso, in questo nuovo spazio e con questo tensore metrico, calcolo il prodotto scalare tra v={1,0} e w={0,1} ottengo:
(tutti gli altri elementi della sommatoria sono nulli, essendo zero di volta in volta v2, w1 o entrambi)
Che è esattamente lo stesso valore di prodotto scalare che avremmo avuto nello spazio euclideo di partenza (e ci mancherebbe: T è stato definito così apposta :-) ): per farlo, ci siamo dovuti "portare dietro" la consapevolezza, tramite il tensore metrico T, che la nuova base offre una "visione distorta" del prodotto scalare originale, proprio a causa del fatto che la base originale non considera i nuovi vettori di base ortogonali (che si concretizza negli elementi non nulli al di fuori della diagonale). -- Rojelio (dimmi tutto) 20:45, 4 dic 2017 (CET)
Ringrazio per avermi dato corda ragazzi. Ora mi è più chiaro.
@Rojelio: grazie per avermi fatto notare l'erroraccio, tra l'altro, non so come abbia fatto a scrivere vettore nullo e mi viene davvero da andare in segreteria a farmi annullare il pregresso voto! Ho provveduto a correggere per rendere più chiara la lettura a futuri e altri utenti.
Speravo, Rojelio, in una tua risposta del genere. Lo ammetto. Ha sempre un giusto grado di complessità unita a spiegazione molto intuitiva, chapeau. --37.176.208.215 (msg) 08:54, 5 dic 2017 (CET)

Come girerebbe la Terra se perdesse massa?[modifica wikitesto]

Se la Terra perdesse progressivamente parte della sua massa, girerebbe più velocemente o più lentamente? --93.37.2.186 (msg) 22:39, 28 nov 2017 (CET)

Se perdesse abbastanza massa, la Terra si metterebbe a ruotare attorno alla Luna! Battute a parte, dipende da come questa massa viene persa (e da dove va a finire). X-Dark (msg) 22:54, 28 nov 2017 (CET)

Almascalera[modifica wikitesto]

Grande elogio a tutti i bravi estensori di pagine Wikipedia e nella fattispecie della pagina APPIO LATINO METRONIO ASSOCIAZIONE SPORTIVA. Mi piacerebbe sapere il significato di Scalera aggiunto per poco tempo nell'immediato dopoguerra. Ancora bravi e grazie. Devo precisare che l'Almas di oggi non risponde ad email. Ma e' molto probabile che non lo sappia.

--79.31.74.159 (msg) 19:12, 30 nov 2017 (CET)

Forse (ma è solo una mia ipotesi) il nome ha a che fare con la Scalera Film, che all'epoca aveva sede proprio nel quartiere Appio-Latino, più precisamente in via della Circonvallazione Appia, n. 180 [2]? --Nungalpiriggal (msg) 21:39, 30 nov 2017 (CET)

Grazie a Nungalpiriggal. Da un po' di tempo rincorro Almascalera. Non abito a Roma e forse questo ha procurato qualche difficoltà in più. Però ho chiesto ad un certo numero di persone in tutta Italia. Chi ne ricorda la fugace esistenza non sa altro e tuttavia propende per Scalera film. A questo punto WikipediaOracolo(che ho scoperto colpevolmente solo ora)è praticamente l'ultima spiaggia. Se la soluzione fosse veramente Scalera Film sarebbe il primo (o uno dei primi) casi di sponsorizzazione. Poi siccome sono un patito di storia calcistica del cosiddetto livello secondario o inferiore (da serie B in giù) dalle origini fino agli anni 60, provo ad elencare i rimanenti misteri del calcio romano che fu:

  1. RST Littorio I div 1941/42 serie C 1942/43 qualcosa di statale ??? acronimo???
  2. SIET I div 1941/42 serie C 1942/43 forse un'azienda??? acronimo ???
  3. Priori Luigi I div 1926/27 sicuramente una persona uno sportivo o cos'altro ???
  4. Alba Motor serie C 1939/40÷1942/43 la vecchia e gloriosa Alba abbinata ad un dopolavoro o sponsorizzata da un'azienda ???
  5. Gualtieri Velletri I div 1941/42 una persona o il dopolavoro di un'azienda ???

Rimanendo in argomento mi congratulo con i cultori di calcio romano minore. Nel 1955/56 battagliarono nell'allora IV serie ben cinque squadre romane: Chinotto Neri, Federconsorzi, Romulea, Atac e San Lorenzo Artiglio. Qualcosa come venti derby. Retrocedettero le ultime due ma salì la Spes e l'anno dopo furono in quattro. E sempre in tema di riconoscibilità avevano tutte una denominazione societaria facilmente decifrabile (compresa l'Artiglio che fu una famosa nave recupero, protagonista di un salvataggio come ricorda per l'appunto Wikipedia). Solo Spes potrebbe essere la parola latina Speranza oppure il diffusissimo acronimo Società per esercizi sportivi.--79.31.74.159 (msg) 17:33, 1 dic 2017 (CET)

più probabile la seconda ipotesi, anche qui bisogna scavare nelle emeroteche locali, cosa non facile :((.. --37.119.104.230 (msg) 16:23, 5 dic 2017 (CET)

Algoritmo di Berger[modifica wikitesto]

Chiedo scusa se la domanda appare un po' controversa, ma è possibile impiegare l'algoritmo di Berger per programmare turni di lavoro (ad esempio un calendario mensile) ? Per esempio può abbinare i lavorati (poniamo) 1, 2, 3, 4 e 5 con i turni: mattutino, pomeridiano, notturno, smonto e riposo ? Questo, beninteso, tenendo conto di parametri "restrittivi" (giorni di ferie, permesso ecc.); è possibile generare - di fatto - un girone all'italiana ? Grazie. --79.49.68.152 (msg) 12:53, 1 dic 2017 (CET)

Quell'algoritmo lavora nel presupposto che gli elementi siano tutti dello stesso genere e che debbano essere accoppiati, prima o dopo, "tutti contro tutti". Tu invece hai due gruppi distinti e vuoi accoppiamenti "tutti di un gruppo contro tutti dell'altro" (di certo non vuoi vedere generate coppie tipo "1 al turno 3" o "mattina al turno serale"): non ci assomiglia neppure. :-)
Il tuo problema, in realtà, ha una soluzione ben più semplice: crea un accoppiamento iniziale (1->mattina, 2->pomeriggio, 3->sera...) e a ogni nuovo giro "ruota" tutto (1->pomeriggio, 2->sera,... 5->mattina). -- Rojelio (dimmi tutto) 15:20, 1 dic 2017 (CET)
Ho capito, grazie. Era una domanda che avevo in mente da tempo. --79.49.68.152 (msg) 21:00, 1 dic 2017 (CET)

Jader, re di Siria: chi era costui?[modifica wikitesto]

Ciao a tutti! Ieri sera stavo cercando di individuare un fantomatico re di Siria di nome Jader, citato da due dizionari di onomastica (uno dei due lo trovate in anteprima su google qui); nessuno dei due libri dà ulteriori dettagli oltre che avrebbe regnato sulla Siria "nell'antichità"; sono riuscito a ritrovarlo in un altro libro (1-2 Kings, 1-2 Chronicles, Ezra, Nehemiah, Esther, anteprima online qui), dove, credo citando Origene, riporta: in the times of Elisha, when the son of Jader, king of Syria, came up against Samaria and besiged it. Per il resto zero, l'internet non ne vuole sapere di darme altre informazioni su di lui; qualcuno sa dirmi qualcosa? --Syrio posso aiutare? 16:20, 2 dic 2017 (CET)

Nella traduzione della Bibbia dei Settanta vengono impropriamente chiamati "re di Siria" i re di Aram-Damasco. Il "re di Siria" il cui figlio ha assediato Samaria al tempo di Eliseo dovrebbe essere stato Dad'idri Hadadezer (Benhadad II) [3]. Forse "Jader" è un altro modo per scrivere il nome di questo re? --Nungalpiriggal (msg) 16:45, 5 dic 2017 (CET)
Mi pare plausibile, ma a meno che non spunti una conferma, essendo un'ipotesi non posso inserirla in voce. Pazienza, mi accontento della soddisfazione personale :) grazie! --Syrio posso aiutare? 18:41, 5 dic 2017 (CET)

% modifiche verificate[modifica wikitesto]

È possibile trovare da qualche parte i dati del numero complessivo di edit su it.wiki e la percentuale di quelli verificati? Sarebbe interessante soprattutto avere delle medie annuali da confrontare fra loro. Grazie--3knolls (msg) 12:48, 4 dic 2017 (CET)

Potresti pensare a una query sql. --Vito (msg) 19:38, 4 dic 2017 (CET)

campionato calcio italiano prima divisione annata 1942/43 veneto[modifica wikitesto]

Gli estensori della serie di tutti i campionati italiani di ogni livello (addirittura in certi casi il quinto inferiore) a partire dalle origini hanno fatto un lavoro stratosferico e gigantesco al di sopra di ogni aggettivo encomiastico. Proprio per questo mi sento di segnalare non un errore o carenza ma una disfunzione probabilmente solo informatica. Dal campionato suddetto, riportato nel titolo, sono spariti i gironi C e D che prima erano visibili. Non so se questa è la sezione giusta per una semplice segnalazione. Ma nel mare magnum di Wikipedia si rischia di annegare.


--79.31.74.159 (msg) 14:22, 4 dic 2017 (CET)

Se stai parlando della voce Prima Divisione Veneto 1942-1943, guardando com'era quando è stata creata non c'è traccia dei gironi C e D, e oltretutto nel quadro sinottico si parla di "due gironi all'italiana". Potresti indicare esattamente la pagina di cui stai parlando? --Lepido (msg) 14:40, 4 dic 2017 (CET)
Causa veneranda età sono abbastanza sprovveduto in informatica. Cionostante ho recuperato il segmento secondo me sparito tramite CRONOLOGIA (risalendo al 1 ottobre 2016 ore 17,29 collegamenti esterni). Ho anche trovato traccia del girone C nel sito del Belluno calcio dove si ricorda un antico derby Belluno-Montebelluna in quell'annata. Tra l'altro nel girone D compare il Gruppo Sportivo Marina di Mirano. Essendo in periodo di guerra chiedo se sia ipotizzabile trattarsi di una struttura nell'entroterra della Marina Militare.?????
Infine, poichè siamo in Triveneto, chiedo anche se qualche bravo wikipediano riesce a rintracciare l'acronimo UCAMA. L'UCAMA FRIULI di Udine era una società pugilistica di una certa fama (probabilmente frequentata anche da Primo Carnera) che nelle annate 1922/23 e 1923/24 volle cimentarsi anche nel calcio in III divisione (serie C di allora). In rete si trova qualche riscontro. MA MAI L'ACRONIMO. Sembra che se lo siano dimenticato anche ad Udine.
le prime due lettere potrebbero stare per Unione Calcio, per il resto ci vorrebbe un wikipediano topo di biblioteca che vada in zona per scavare nelle emeroteche, solo che la cosa costa tanto tempo ed un bel po' di denaro, quindi penso che sia difficile che si possa approfondire ulteriormente il calcio dell'epoca in quella zona, visto che i wikipediani sono volontari non pagati ;).. il che è un peccato, visto l'importanza del calcio in quella zona :((.. --37.119.104.230 (msg) 16:22, 5 dic 2017 (CET)
Io continuo a non capire. Questa è la cronologia della voce Prima Divisione Veneto 1942-1943 che ho indicato, e come si può vedere, la voce è stata creata il giorno 1 ott 2016‎ alle 21:43, quindi il 1 ottobre 2016 ore 17,29 la voce non esisteva ancora. Continuo a credere che stiamo parlando di due voci diverse, potresti indicarmi il link? --Lepido (msg) 16:41, 5 dic 2017 (CET)


Con linguaggio assolutamente profano posso solo scrivere il percorso che ho fatto: 1 chiamo campionato calcio italiano prima divisione 1942/43. 2 viene divisione 1942/43. 3 apro cronologia (e non Veneto) e viene una pagina molto lunga e generale. 4 vado a 1 ottobre 2016 ore 17,29 collegamenti esterni e riesco a vedere i due gironi in questione. Se necessario come controprova posso mandare l'elenco completo delle squadre dei due gironi. Per quel poco che capisco credo ci sia in un'altra cronologia (forse solo per il Veneto) una pagina simile molto più breve. Purtroppo non conosco le terminologie esatte. Nella mia ignoranza di autodidatta non riesco a dire di più.

Le voci in questione sono due: Prima Divisione 1942-1943 cui fa riferimento l'anonimo qui sopra, Prima Divisione Veneto 1942-1943 cui invece faceva riferimento Lepido più in alto. La modfica in questione è questa qui, opera di Utente:Nipas2: in effetti, nella lista originaria i gironi erano quattro ma sono diventati due quando è stata scorporata in una voce a parte. --Franz van Lanzee (msg) 19:49, 5 dic 2017 (CET)
L'Utente ha pienamente ragione, in fase di trasformazione dei gironi nel nuovo modello di voce li ho erroneamente omessi. Li ricarico trasformandoli.--Nipas2 (msg) 00:19, 6 dic 2017 (CET)

Bravo Nipas2. Confermo la grande stima che sta all'origine di questo capitolo. Approfitto per estendere ammirazione e apprezzamento anche agli estensori di: 1) storia delle singole società calcistiche 2) storia e carriera dei singoli calciatori di tutti i tempi italiani e stranieri. Un lavoro titanico meritevole di ben altro riconoscimento che non un semplice grazie.

1) per il primo segmento io mi sono impallinato del lato linguistico (se così posso dire). Cioè l'origine e l'etimologia delle denominazioni societarie. In altre parole tutti sanno cosa vuol dire Juventus. Già qualcuno in meno conosce l'acronimo SPAL. Se poi si scende di livello e nel tempo ci si avventura in quei misteri quasi impossibili da scoprire come appunto UCAMA ed il blocchetto delle romane del capitolo Almascalera. Sparsi in tutta Italia sono decine. 2) per il secondo conosciamo tutti la tragica storia di Arpad Weisz cui è dedicata anche ampia pubblicistica. In più molto appropriatamente Wikipedia riserva una pagina anche all'omonimo Dionisio Weisz onde evitare confusioni. Tuttavia in Italia giocò anche un terzo Weisz nell'annata 1925/26 con 9 presenze(non poche per quei tempi) nella Pro Roma(cofondatrice tramite la Fortitudo) dell'attuale ROMA AS. Qualche bravo wikipediano esperto in archivistica riesce a rintracciarlo ???

Mi cospargo il capo di cenere. Non posso far altro che ringraziare in ogni caso.

scoprire l'identità di questo terzo Weisz in teoria è pure fattibile, per un errore umano le fonti in materia sono state inspiegabilmente rese di pubblico dominio, solo che per mancanza di volontari ci sarà da aspettare un po' ;) ed è difficile che spunti materiale per ricostruirne la vita :((.. --37.119.104.230 (msg) 17:33, 12 dic 2017 (CET)

dato gli eventi sono stata suggerita[modifica wikitesto]

cb La discussione proviene dalla pagina Aiuto:Sportello informazioni.
– Il cambusiere --Lepido (msg) 09:37, 8 dic 2017 (CET))

Dato gli eventi sono stata suggerita di aggiornare nel sistema operativo windows 8 e successivo windows 10 . domanda dopo essermi registra in questa pagina posso restare con l'installazione di google Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 87.5.142.24 (discussioni · contributi) 07:56, 6 dic 2017.

Ti basterà ricordare il tuo nome utente e la tua password per poter entrare su Wikipedia, visto che tutti i tuoi dati che riguardano questo sito (registrazione, edit e quant'altro) non risiedono sul tuo computer, ma sui server di Wikipedia. --Lepido (msg) 08:49, 6 dic 2017 (CET)
Lepido, sei un esperto in xenolinguistica? :) --151.72.146.38 (msg) 19:19, 6 dic 2017 (CET)
 :-D Ho a che fare con studenti universitari :-) --Lepido (msg) 23:02, 6 dic 2017 (CET)

Gentiloni e il nucleare[modifica wikitesto]

Permetto che non voglio annoiarvi ricordando la politica e quello che combina nei paesi civilizzati (si fa per dire ;)), però ricordo che da qualche parte su Wikipedia, mi pare in una discussione al bar che non sono poi più successivamente riuscito a trovare, si parlava sul fatto che il governo Gentiloni avrebbe in programma la costruzione di una centrale nucleare in Italia... mi sto sbagliando? Se no, sapete dirmi se la storia è vera e come è proseguita nel frattempo?--Gybo 95 (msg) 00:18, 8 dic 2017 (CET)

Non mi risulta, anche perché con due referendum e costi d'avviamento molto ampi non mi parrebbe una scelta possibile. --Vito (msg) 13:49, 8 dic 2017 (CET)
Non è che ti riferisci al Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi, di cui in effetti il governo doveva rendere nota la lista dei possibili siti individuati? --Franz van Lanzee (msg) 17:18, 8 dic 2017 (CET)
Leggermente differente da quanto fornito dal link (ricordo di aver letto la parola "centrale"). Ricordo anche che l'utente aveva scritto addirittura che le risorse per un'eventuale costruzione ci sarebbero e che rimanesse solo da decidere dove metterla... A prima vista, mi sembrava un po' allarmistica, ma considerata l'indifferenza verso questo tipo di notizie, mi è rimasta impressa.--Gybo 95 (msg) 20:09, 8 dic 2017 (CET)
Considerando l'immane casino che la costruzione di ogni nuova "grande opera" genera e considerando la pessima fama che l'energia nucleare ha ormai acquisito, direi che è altamente improbabile che qualcuno del governo se ne sia venuto fuori con un "ma perché non costruiamo una bella centrale nucleare?", oltretutto a pochi mesi dalle elezioni. --Franz van Lanzee (msg) 17:42, 9 dic 2017 (CET)

Gravità buco nero[modifica wikitesto]

Rapportando a 1 la gravità della Terra, a quanto si porterebbe l’intensità gravitazionale di un buco nero? --94.247.8.8 (msg) 18:03, 9 dic 2017 (CET)

Un buco nero può essere un oggetto anche di massa ridotta, perfino meno massivo della Terra. In generale comunque, il punto non è tanto l'intensità di attrazione gravitazionale (sempre riferita ad una data distanza dal centro del buco nero stesso), quanto piuttosto la curvatura dello spazio-tempo che genera in alcuni casi devastanti "forze di marea" (spaghettificazione). Nel caso di buchi neri supermassivi, è perfino possibile attraversare l'orizzonte degli eventi senza subire gravi conseguenze nell'immediato. X-Dark (msg) 18:28, 9 dic 2017 (CET)
Esistono due "versioni" della risposta, a causa del fatto che se parliamo di buchi neri e di stare in loro prossimità, i peculiari (e orrendamente contro-intuitivi) effetti della relatività generale non sono affatto trascurabili.
Innanzitutto, se prendi un qualsiasi oggetto e lo "schiacci" abbastanza, crei un buco nero avente la stessa "massa" dell'originale, con questo intendendo che il campo gravitazionale che il resto dell'universo percepisce a causa di quel corpo resta inalterato: a parità di distanza dal suo centro (~6400Km) si percepirebbe l'usuale accelerazione di gravità di 1g (e la Luna continuerebbe indisturbata nella sua solita orbita).
Più interessante è l'accelerazione di gravità in superficie (che per un buco nero vorrebbe dire in corrispondenza del suo orizzonte degli eventi), ed è lì che bisogna distinguere.
Dal punto di vista di un corpo che si trovi all'orizzonte degli eventi, l'accelerazione di gravità è infinita: se tu fossi su un razzo, ti servirebbe una spinta infinita per "rimanere sul posto" e non avvicinarti ulteriormente (e attraversare) all'orizzonte degli eventi.
Esiste però anche un'altra definizione della cosiddetta gravità di superficie, che è la gravità "vista da un osservatore lontano". L'esempio che viene spesso fatto per rendere l'idea di cosa questo significhi è una persona con una canna da pesca (e una lenza schifosamente lunga :-) ) che, da molto lontano, tenga l'amo sospeso appena sopra l'orizzonte degli eventi. A causa delle summenzionate distorsioni descritte dalla relatività generale, la forza necessaria per tenere l'amo (la tensione della lenza) non è affatto infinita (anche se l'amo, dal suo punto di vista, affermerebbe che lo è... misticismi).
Se non ho completamente frainteso, il valore di questa definizione di gravità di superficie corrisponde (per il caso più semplice di un buco nero fermo, sferico ed elettricamente neutro, ovvero un buco nero di Schwarzschild) a quella che calcoleremmo usando la classica gravità newtoniana. Il calcolo, allora, diventa piuttosto semplice: la gravità cambia con l'inverso quadrato della distanza, il raggio originale della Terra è ~6400Km, e il raggio di un buco nero della stessa massa della Terra (ovvero il suo raggio di Schwarzschild) è dalle parti del centimetro scarso. Approssimando con l'accetta la Terra a 107m e il buco nero a 10-2m, la distanza cala di ~109 volte, e la gravità di superficie quindi si aggirerà nelle lande di 1018g.
Ci tengo però a rimarcare nuovamente che la corretta interpretazione di quel numero non è affatto ovvia, e in particolare non corrisponde affatto al "peso" che sentiresti cercando di non cadere oltre l'orizzonte: quello tende sempre a infinito per qualsiasi orizzonte degli eventi (credo si possa dire per definizione di orizzonte degli eventi) indipendentemente dalla massa del buco nero. -- Rojelio (dimmi tutto) 01:01, 10 dic 2017 (CET)

musica dell'antica Roma[modifica wikitesto]

sia sulla voce Musica nella civiltà romana qui su wikipedia che su altri siti ho trovato informazioni su dove e quando veniva eseguita la musica nell'antica Roma e descrizione degli strumenti musicali usati,ma non riesco a trovare informazioni su la "teoria musicale" ricavata da Gruppi come Synaulia usata poi per ricostruire musiche, mi sapreste aiutare?, possibilmente materiale in italiano o al massimo in inglese.

--93.61.55.121 (msg) 17:28, 12 dic 2017 (CET)

Domanda su Chiang Kai-shek[modifica wikitesto]

Sommo Oracolo ho un dubbio. Ma il gatto di Chiang Kai-shek, quando miagolava, diceva "mao!" ? --5.169.36.9 (msg) 11:06, 13 dic 2017 (CET)

Pare facesse --Samuele Madini (msg) 11:29, 13 dic 2017 (CET)
se non lo avesse fatto sarebbe stato incarcerato come pericoloso dissidente--Pierpao.lo (listening) 13:35, 13 dic 2017 (CET)

Wikiversity - ho perso il conto[modifica wikitesto]

va dove ti porta il segnale

Di che parla, per la categoria. Soprattuto è corretto? In due parole che titolo mettergli? Dio esiste? è nato prima il bit o il computer? La Juve vince la champions? ecc ecc--Pierpao.lo (listening) 13:33, 13 dic 2017 (CET)

Con grande lavoro di fantasia, credo che quell'immagine parta dal generico concetto di sistema T che, dato in ingresso un segnale s, produce un'uscita y (genericamente indicata come funzione T[s]).
Più nel dettaglio (lato destro dell'immagine), partendo da un segnale in ingresso espresso come funzione del tempo s(t), il sistema T può essere (o essere modellato come):
  • tempo-continuo (T-TC), ovvero che produce un output T[s(t)] continuo nel tempo e indicato quindi come y(t);
  • tempo-discreto (T-TD), ovvero che produce un output T[s(t)] esprimibile come sequenza discreta di valori, indicati come funzione y[n] dell'indice intero (o naturale) n.
La mia opinione spassionata è che questa immagine abbia capacità "illustrative" pari a zero tondo, uno dei rari casi in cui un'immagine, in contravvenzione alla regola generale, anziché valere più di mille parole riesce a valerne meno di una manciata ben selezionata. :-D -- Rojelio (dimmi tutto) 14:27, 13 dic 2017 (CET)
Grazie. La faccio sopprimere per una Wikiversità libera. Meglio una morte onorevole che una vita infame.Come dicevano gli Spartani--Pierpao.lo (listening) 22:41, 13 dic 2017 (CET)

SAFOP pordenone[modifica wikitesto]

[..] Negli anni a cavallo dell'ultima guerra il Pordenone si presentava come SAFOP. [..] Da nessuna parte (compreso la bella pagina Wiki ed il sito del Pordenone calcio) si trovava traccia dell'acronimo. --87.15.217.46 (msg) 10:10, 15 dic 2017 (CET)

cb La discussione prosegue nella pagina Discussione:Pordenone Calcio.

– Il cambusiere --Lepido (msg) 13:59, 15 dic 2017 (CET)