Violino muto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Violino muto
Violon sourd.JPG
Un violino muto, realizzato dal liutaio cremonese Pietro Grulli nel 1893.
Informazioni generali
Origine Europa
Invenzione XVII secolo
Classificazione 321.322-71
Cordofoni composti, con corde parallele alla cassa armonica, ad arco
Famiglia Viole da braccio
Uso
Didattica musicale
Estensione
Violino muto – estensione dello strumento
Genealogia
 Antecedenti
violino

Il violino muto (o violino sordino) è uno strumento ad arco privo di cassa armonica, o munito di una cassa armonica estremamente ridotta. Per tale motivo, il suono risulta debole e viene percepito solo dall'esecutore. Lo strumento veniva utilizzato nell'Ottocento per lo studio della musica senza disturbare gli astanti (ad esempio, durante i viaggi).

Questo strumento non va confuso con la pochette, altro strumento di dimensioni ridotte, ma dotato di una piccola cassa armonica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi violini muti conosciuti sono stati realizzati da Ernst Büsch[1] all'inizio del XVII secolo[2]. Leopold Mozart cita questo strumento, con il nome di brettlgeige, nel suo celebre trattato Versuch einer gründlichen Violinschule (1756)[3].

Come strumento da studio, è stato ripreso da alcuni produttori di strumenti musicali (come Yamaha Corporation), ma viene attualmente integrato con le tecnologie elettroniche, come amplificatori e cuffie di ascolto (per l'esecutore).

Impiego[modifica | modifica wikitesto]

Il violino muto è stato riutilizzato da alcuni artisti sperimentali, come Laurie Anderson. Willem Pijper ha previsto l'utilizzo di un violino muto per la parte del primo violino nel suo Quartetto per archi n. 1 (1914). Nelle registrazioni il violino muto viene talvolta sostituito da un normale violino, munito di una sordina particolarmente pesante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ernst Büsch (1590-1650), liutaio di Norimberga.
  2. ^ DEUMM, p. 734.
  3. ^ Leopold Mozart, Versuch einer gründlichen Violinschule, III ed., Augusta, Johann Jakob Lotter und Sohn, 1787.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti, voce Violino muto, Il Lessico, vol. 4, Torino, UTET, 1984, ISBN 88-02-03820-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]