Viola di mare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Viola di mare
Viola di marе.png
Sara e Angela in una scena del film
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2009
Durata 105 min
Genere drammatico
Regia Donatella Maiorca
Soggetto Pina Mandolfo (dal romanzo Minchia di re di Giacomo Pilati)
Sceneggiatura Donatella Maiorca, Pina Mandolfo, Mario Cristiani, Donatella Diamanti
Produttore Maria Grazia Cucinotta, Giovanna Emidi, Silvia Natili, Rosanna Thau, Giulio Violati
Casa di produzione Italian Dreams Factory
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Fotografia Roberta Allegrini
Montaggio Marco Spoletini
Musiche Gianna Nannini
Scenografia Beatrice Scarpato
Interpreti e personaggi
Premi
  • Capri Peace Award 2009[1]

Viola di mare è un film del 2009 diretto da Donatella Maiorca, basato sul romanzo Minchia di re di Giacomo Pilati.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film racconta la storia d'amore tra Angela e Sara nella Sicilia dell'Ottocento (Intorno al 1860 durante lo sbarco dei Mille). Per sopravvivere allo scandalo la famiglia di Angela arriverà a farla passare per un ragazzo variando persino il suo atto di nascita, Angela porterà i capelli corti e occulterà la propria femminilità, come sfida alle mentalità del luogo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto dalla Italian Dreams Factory, con il supporto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione Siciliana. Il film, girato tra la Tonnara di San Vito Lo Capo, Trapani e Favignana, è stato presentato in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma 2009 e distribuito nella sale cinematografiche il 16 ottobre 2009.

Il titolo del film fa riferimento al nome siciliano della donzella di mare, un pesce proteroginico che nasce femmina e crescendo diventa maschio.

"La Viola è un pesce e lo ha voluto Dio. Quando è maschio si chiama Minchia di Re. Per amore diventa femmina e ha i colori del fiore. Torna di nuovo maschio dopo che l'acqua si è presa le sue uova"[2].

Il film ha vinto due premi al New Italian Film Festival 2009, per la miglior pellicola e per la miglior attrice, Valeria Solarino, che di "Viola di mare" è protagonista nel ruolo di Angela. Il Nice Film Festival, giunto alla diciannovesima edizione, diretto da Viviana del Bianco, rappresenta la più importante rassegna del cinema italiano in America, con le sue proiezioni a New York, Seattle e San Francisco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Capri. Un premio contro l’omofobia a “Viola di mare”
  2. ^ Giacomo Pilati, Minchia di Re, Mursia, 2004.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]