Valeriano Trubbiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Valeriano Trubbiani (Macerata, 1937) è uno scultore, artista e regista italiano.

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Ha esposto nelle seguenti città: Johannesburg, Il Cairo, Malindi, Teheran, New York, Montreal, Graz, Lisbona, Budapest, Londra, Parigi, Amsterdam, Bruxelles, Berlino, Helsinki, Anversa, Lugano, Atene, ed altre.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ancona, Piazza Pertini, gruppo scultoreo “Mater Amabilis” di Valeriano Trubbiani.

Molte opere di Trubbiani sono presenti ad Ancona, sua patria d'elezione:

Molte altre sue opere sono presenti nei musei e comuni delle Marche:

Numerose altre opere sono sparse per il mondo dagli Stati Uniti al Giappone.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1968 - Buco
  • 1968 - Aspide
  • 1969 - Ova
  • 1970 - Aria di primavera

Scenografie[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo scrittore Premio Nobel José Saramago nel romanzo Manuale di pittura e calligrafia dedica uno spazio significativo alle opere di Trubbiani.

Hanno inoltre scritto di lui: G. C. Argan, E. Crispolti, G. Di Genova, P. Restany, E. Jaguer, G. Marchiori, C. Ragghianti, F. Bellonzi, C. Zavattini, V. Apuleo, P. Zampetti, R. Bossaglia, E. Carli, C. Pirovano, R. Huyghe, R. Barilli, M. Valsecchi, L. Beatrice, F. De Santi, A.Ginesi, Carlo Bo, E. Sanguineti, D. Morosini, F. Scarabicchi, S. Dubrovic.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN96496954 · LCCN: (ENn80066864 · SBN: IT\ICCU\CFIV\022650 · ISNI: (EN0000 0000 8168 5451 · GND: (DE119070065 · BNF: (FRcb123100512 (data) · ULAN: (EN500108949 · NLA: (EN35871312 · BAV: ADV12096406
  1. ^ [1]