Valentina Matvienko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Valentina Matvienko

Presidente del Consiglio Federale
In carica
Inizio mandato21 settembre 2011
PresidenteDmitrij Medvedev
Vladimir Putin
Capo del governoDmitrij Medvedev
Vladimir Putin
PredecessoreSergej Mironov

Governatore di San Pietroburgo
Durata mandato15 ottobre 2003 –
22 agosto 2011
PresidenteDmitrij Medvedev
Capo del governoVladimir Putin
PredecessoreVladimir Jakovlev
SuccessoreGeorgij Poltavčenko

Senatrice del Consiglio Federale da San Pietroburgo
In carica
Inizio mandato31 agosto 2011
PresidenteDmitrij Medvedev
Vladimir Putin
Capo del governoDmitrij Medvedev
Vladimir Putin
PredecessoreVladimir Barkanov

Vice-Primo Ministro di Russia
Durata mandato24 settembre 1998 –
11 marzo 2003
PresidenteBoris El'cin
Vladimir Putin
Capo del governoVladimir Putin
Michail Kas'janov

Dati generali
Partito politicoRussia Unita
UniversitàIstituto di chimica e farmaceutica di Leningrado
ProfessionePolitica
FirmaFirma di Valentina Matvienko

Valentina Ivanovna Matvienko (in russo Валенти́на Ива́новна Матвие́нко?, in ucraino Валентина Іванівна Матвієнко?, Valentina Ivanivna Matvijenko; Šepetivka, 7 aprile 1949) è una politica e diplomatica russa, la prima donna Governatore di San Pietroburgo dal 2003 al 2011.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Šepetivka nell'oblast' di Khmelnytskyi, nell'Ucraina Occidentale, in Unione Sovietica, Nel 1972 si è laureata presso l'Istituto di Chimica e Farmaceutica di Leningrado. Matviyenko ha ricoperto varie posizioni di leadership all'interno dell'organizzazione Komsomol fino al 1984.

Dopo aver ricoperto gli incarichi di ambasciatore russo a Malta (dal 1991 al 1995) e in Grecia (dal 1995 al 1998), nel 1998 venne nominata Ministro del Lavoro, carica che occuperà fino al 2003.

Governatrice di San Pietroburgo[modifica | modifica wikitesto]

Il Presidente francese Jacques Chirac, il Cancelliere tedesco Gerhard Schroeder e Valentina Matviyenko durante la celebrazione del 300º anniversario di San Pietroburgo nel 2003

Il 24 giugno 2003, dopo che il governatore di San Pietroburgo Vladimir Jakovlev si è dimesso prima del previsto, Matviyenko ha annunciato di essere pronta a candidarsi alla carica. La sua nomina è stata sostenuta dal partito politico Russia Unita e dal presidente Vladimir Putin che si è espresso pubblicamente il 2 settembre in un incontro trasmesso da due emittenti televisive statali. In precedenza, alla fine di giugno, la nuova gestione del canale locale St. Petersburg Television aveva chiuso una serie di programmi analitici sulla politica locale, che si pensava fosse uno dei fattori nell'esito delle elezioni.

Nel primo turno delle elezioni tenutesi il 21 settembre 2003, Matviyenko è arrivata prima con il 48,61% dei voti, seguita da Anna Markova, ex membro dello staff di Jakovlev, con il 15,89%. Il 10,97% dell'elettorato ha votato contro tutti e nove i candidati. L'affluenza è stata bassa, appena il 29%. Il 5 ottobre 2003, Matvienko vinse il secondo turno con il 63% (contro il 24% di Anna Markova) e fu eletta governatore di San Pietroburgo, capo dell'amministrazione della città di San Pietroburgo. Divenne la prima donna capo del governo di San Pietroburgo.

Nel 2005 è entrata in vigore una nuova legge federale russa in base alla quale i governatori sono proposti dal Presidente della Russia e approvati o disapprovati dalle assemblee legislative regionali invece che eletti con voto popolare diretto. Il 6 dicembre 2006, un anno prima della scadenza del suo mandato di governatore eletto, Valentina Matvienko chiese a Vladimir Putin di nominarla per l'approvazione secondo la nuova legislazione, e lui accettò. È stata approvata dall'Assemblea legislativa di San Pietroburgo il 22 dicembre 2006.

Vladimir Putin e Valentina Matvienko nel 2008

Proteste pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 marzo 2007, decine di partecipanti alla Marcia dei dissidenti, organizzata da partiti di opposizione, hanno manifestato nel viale principale della città, la Prospettiva Nevskij, chiedendo il licenziamento del governatore Matvienko.[1] A sua volta lei li ha accusati di fomentare problemi in vista delle elezioni dell'Assemblea legislativa di San Pietroburgo previste per l'11 marzo, di criticare lo sviluppo dinamico percepito della città e di aver presumibilmente ricevuto sostegno finanziario da fonti dubbie. Il 15 aprile 2007, la Marcia dei dissidenti si è svolta a San Pietroburgo per la seconda volta.

Tentativo di assassinio[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 maggio 2007, il Servizio di Sicurezza Federale della Federazione Russa ha annunciato di aver arrestato diversi membri di un gruppo religioso giovanile che erano accusati di preparare un tentativo di assassinio della vita di Valentina Matviyenko usando bombe a mano ed esplosivo plastico. Il 23 maggio, il direttore dell'FSB Nikolaj Patrušev ha annunciato che il tentativo impedito era stato programmato per giugno.

I megaprogetti[modifica | modifica wikitesto]

Dall'inizio del servizio di Matviyenko come governatore di San Pietroburgo, una quota significativa del denaro delle tasse è stata trasferita dal bilancio federale al bilancio locale e, insieme al boom economico e al miglioramento del clima degli investimenti, il tenore di vita della città è notevolmente aumentato, rendendo livelli di reddito molto più vicini a Mosca e molto al di sopra della maggior parte degli altri centri federali russi. Il profilo di San Pietroburgo nella politica russa è aumentato, segnato dal trasferimento della Corte costituzionale russa da Mosca nel 2008.

La diga di San Pietroburgo è stata completata quando Matviyenko era in carica. La diga è l'ultima parte della tangenziale di San Pietroburgo, con il tunnel sottomarino più lungo della Russia che passa sotto la chiusa più grande della diga

Matviyenko ha sviluppato un gran numero di megaprogetti in alloggi e infrastrutture, come la costruzione della tangenziale di San Pietroburgo, compreso il ponte Big Obukhovsky (l'unico ponte non levatoio sul fiume Neva in città), il completamento della diga di San Pietroburgo mirava a porre fine alle disastrose inondazioni di San Pietroburgo, il varo della linea 5 della metropolitana di San Pietroburgo e l'avvio della bonifica del terreno nella baia di Neva per la nuova facciata marina della città (il più grande progetto di sviluppo del lungomare europeo)[2] contenente il porto passeggeri di San Pietroburgo.

Diverse grandi aziende produttrici di automobili furono attratte a San Pietroburgo o nelle sue vicinanze, tra cui Toyota, General Motors, Nissan, Hyundai, Suzuki, Magna International, Scania e MAN SE (tutte con stabilimenti nella zona industriale di Shushary), trasformando così il città in un importante centro dell'industria automobilistica in Russia, specializzata in marchi stranieri. Un altro sviluppo del governatorato di Matviyenko fu il turismo; nel 2010, con un numero di turisti raddoppiato sino a toccare i 5,2 milioni di persone, collocò la città tra i primi cinque centri turistici d'Europa.[3][4]

Alcune azioni e pratiche del governatore Matviyenko hanno suscitato critiche significative da parte dell'opinione pubblica, dei media e dei gruppi di opposizione di San Pietroburgo. In particolare, le nuove costruzioni in aree già fortemente edificate e diversi progetti edilizi sono stati ritenuti in conflitto con l'architettura classica della città, dove l'intero centro è Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO. Alcuni progetti alla fine sono stati cancellati o modificati, come il controverso progetto di un grattacielo Okhta Center alto 400 metri, progettato per essere costruito adiacente al centro storico della città; tuttavia, dopo una campagna pubblica e il coinvolgimento personale del presidente russo Dmitry Medvedev, il progetto è stato trasferito al sobborgo di Lakhta. Un altro importante motivo di critica è stata la gestione da parte di Matviyenko dei problemi di rimozione della neve della città durante gli inverni insolitamente freddi e nevosi del 2009-10 e 2010-11. Il 22 agosto 2011, subito dopo il completamento della diga di San Pietroburgo, Matviyenko si è dimesso dall'incarico. In qualità di membro del Partito Russia Unita al potere, il 21 settembre 2011, Matviyenko è stata eletta Presidente del Consiglio della Federazione, la terza più alta carica elettiva del paese.

Sanzioni[modifica | modifica wikitesto]

A causa del suo ruolo nel referendum sullo status di Crimea, Matviyenko è diventata una delle prime persone sottoposte a sanzioni esecutive dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Le sanzioni congelano i suoi beni negli Stati Uniti e le vietano di entrare negli Stati Uniti.[5] È stata inserita in un elenco di sanzioni dagli Stati Uniti e dal Canada il 17 marzo 2014, dall'Unione europea il 21 marzo 2014, dalla Svizzera il 2 aprile 2014, dal Liechtenstein il 17 aprile 2014, dall'Australia il 19 giugno 2014 e dall'Ucraina il 16 ottobre 2016.[6][7][8][9]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Quando frequentava l'Università di Leningrado, ha incontrato suo marito, Vladimir Vasil'evič Matvienko. Ebbero un figlio, Sergej, nel 1973. Nel maggio 2003, Sergey Matviyenko è stato nominato vicepresidente della Banca di San Pietroburgo.[10] In seguito divenne anche vicepresidente e primo vicepresidente (2005) di Vneshtorgbank.[11]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze sovietiche[modifica | modifica wikitesto]

Ordine del Distintivo d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine della Bandiera rossa del Lavoro - nastrino per uniforme ordinaria

Onorificenze russe[modifica | modifica wikitesto]

Ordine d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria
«Per i servizi allo Stato, un grande contributo alla politica estera in grado di garantire gli interessi nazionali della Russia, il coraggio e la dedizione mostrata nella linea del dovere»
— 21 giugno 1996[13]
Ordine al merito per la Patria di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria
«Per i servizi resi allo Stato e per i tanti anni di lavoro diligente»
— 7 aprile 1999[14]
Ordine al merito per la Patria di IV Classe - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine al merito per la Patria di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria
«Per i servizi resi allo Stato e il contributo personale alla sviluppo socioeconomico della città»
— 19 marzo 2009[15]
Ordine al merito per la Patria di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria
«Per gli eccezionali servizi alla Patria e i molti anni di fruttuosa attività statale»
— 28 marzo 2019[16]
Medaglia per il rafforzamento della cooperazione militare - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia per la cooperazione militare - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia per i servizi al Servizio Sanitario Nazionale - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia di cooperazione militare - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia per la cooperazione con il Servizio di Sicurezza Federale russo - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dell'ammiraglio Nikolaj Gerasimovič Kuznecov - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia per i cento anni del servizio di emergenza russo - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia per il rafforzamento delle dogane comunitarie - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia per l'interazione - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia di Stolypin di I classe - nastrino per uniforme ordinaria
«Per i suoi meriti nell'assolvere i compiti strategici dello sviluppo socioeconomico del Paese e i molti anni di lavoro coscienzioso»
— 28 marzo 2014[17]
Medaglia commemorativa per il 300º anniversario di San Pietroburgo - nastrino per uniforme ordinaria

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Decorazione d'Onore in Oro dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine dell'Amicizia (Azerbaigian) - nastrino per uniforme ordinaria
«Per meriti speciali nel rafforzamento della cooperazione e dell'interazione tra la Repubblica dell'Azerbaigian e la Federazione Russa»
— 7 aprile 2019[18]
Ordine dell'Amicizia tra i Popoli (Bielorussia) - nastrino per uniforme ordinaria
«Per un contributo significativo alla costruzione dell'unione, al rafforzamento delle relazioni amichevoli, all'unità dei popoli della Bielorussia e della Russia»
— 8 dicembre 2009[19][20]
Ordine di Skarina (Bielorussia) - nastrino per uniforme ordinaria
«Per un significativo contributo personale al rafforzamento delle relazioni amichevoli e allo sviluppo della cooperazione tra la Repubblica di Bielorussia e la Federazione Russa»
— 3 aprile 2019[21]
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine del Leone di Finlandia (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine d'Onore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine dell'Amicizia di II Classe (Kazakistan) - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine dell'Amicizia di I Classe (Kazakistan) - nastrino per uniforme ordinaria
«Per un grande contributo al rafforzamento e allo sviluppo delle relazioni bilaterali tra la Repubblica del Kazakistan e la Federazione Russa»
— 12 luglio 2019[24]
Compagna Onoraria con Stella dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta) - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine per il Grande Amore per il Turkmenistan Indipendente (Turkmenistan) - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine della Principessa Olga di III Classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria
«Per un significativo contributo personale allo sviluppo della cooperazione ucraino-russa e la partecipazione attiva nel garantire l'Anno dell'Ucraina nella Federazione Russa»
— 6 dicembre 2002[28]
Ordine dell'Amicizia (Uzbekistan) - nastrino per uniforme ordinaria
«Per gli sforzi attivi e il contributo personale al rafforzamento delle relazioni di amicizia, partnership strategica e alleanza tra la Repubblica dell'Uzbekistan e la Federazione Russa, il sostegno a tutto tondo per lo sviluppo delle relazioni interparlamentari, k'assistenza nell'effettiva attuazione di programmi e progetti della multiforme cooperazione uzbeko-russa, compresi quelli volti alla massima divulgazione del potenziale di interazione interregionale e di scambio culturale e umanitario bilaterale»
— 27 agosto 2021[29]

Onorificenze religiose[modifica | modifica wikitesto]

immagine del nastrino non ancora presente
«Per il suo grande contributo personale alla lotta contro la tossicodipendenza, l'alcolismo e altri fenomeni dannosi»
— 2001[30]
immagine del nastrino non ancora presente
immagine del nastrino non ancora presente
immagine del nastrino non ancora presente
immagine del nastrino non ancora presente
«In considerazione dell'aiuto della Chiesa ortodossa russa»
— 2010[34]
immagine del nastrino non ancora presente
«In considerazione del contributo allo sviluppo dei rapporti Chiesa-Stato e in connessione con il 70º compleanno»
— 2006[35]
immagine del nastrino non ancora presente
«Per un importante contributo al rafforzamento dell'amicizia dei popoli armeno e russo e alla conservazione dei valori spirituali e nazionali armeni a San Pietroburgo»
— 2012[36]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Anti-Kremlin protesters beaten by police, in CNN, 3 marzo 2007 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2007).
  2. ^ (EN) Marine facade.
  3. ^ (EN) Saint Petersburg expects 5 million tourists by the end of the year, in RIAN.
  4. ^ (RU) Petersburg among the top five tourist centers in Europe, su maris-spb.ru. URL consultato il 22 settembre 2011.
  5. ^ (EN) Brett Logiurato, Obama Just Announced Sanctions Against 7 Russian 'Cronies', in Business Insider, 17 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014.
  6. ^ (EN) Canadian Sanctions Related to Russia], su international.gc.ca.
  7. ^ (EN) Side-by-Side List of Sanctioned Russian and Ukrainian/Crimean Entities and Individuals (PDF), in Bryan Cave, 22 dicembre 2014. URL consultato il 26 aprile 2018.
  8. ^ (UK) Petro Poroshenko, "Про застосування персональних спеціальних економічних та інших обмежувальних заходів (санкцій)", su President of Ukraine website, 17 ottobre 2016. URL consultato il 25 maggio 2018.
  9. ^ (UK) Petro Poroshenko, Додаток 3 до рішення Ради національної безпеки і оборони України від 16 вересня 2016 року "Про застосування персональних спеціальних економічних та інших обмежувальних заходів (санкцій)" ЮРИДИЧНІ ОСОБИ, до яких застосовуються обмежувальні заходи (санкції) (PDF), su president.gov.ua, 17 ottobre 2016. URL consultato il 25 maggio 2018.
  10. ^ (RU) Банк "Санкт-Петербург" оказался в центре внимания. Бизнес присматривается к новому фавориту городской администрации [Bank Saint Petersburg is in the spotlight. Business is eyeing a new favorite of the city administration], in Delovoy Peterburg, 7 ottobre 2003. URL consultato il 13 febbraio 2020.
  11. ^ (RU) Sergey Matviyenko biography, in Vedomosti.
  12. ^ a b c d e f (RU) Матвиенко Валентина Ивановна, su council.gov.ru. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  13. ^ (RU) Decreto del Presidente della Federazione Russa del 21 giugno 1996 n. 973 "Sull'assegnazione dei premi statali della Federazione Russa", su graph.document.kremlin.ru, 21 giugno 1996. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  14. ^ (RU) Decreto del Presidente della Federazione Russa del 7 aprile 1999 n. 437 "Sull'assegnazione dell'Ordine al Merito per la Patria" III classe Matvienko V. I.", su graph.document.kremlin.ru, 7 aprile 1999. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2014).
  15. ^ (RU) Decreto del Presidente della Federazione Russa del 19 marzo 2009 n. 296 "Sull'assegnazione dell'Ordine al Merito per la Patria, II classe, Matvienko V. I.", su document.kremlin.ru, 19 marzo 2009. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2009).
  16. ^ (RU) Decreto del Presidente della Federazione Russa del 28 marzo 2019 n. 132 "Sull'assegnazione dei premi statali della Federazione Russa", su publication.pravo.gov.ru, 28 marzo 2019. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  17. ^ (RU) Матвиенко удостоена медали Столыпина I степени, su /ria.ru, 1º aprile 2014. URL consultato il 24 febbraio 2022.
  18. ^ (AZ) Decreto del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian sull'assegnazione a V. I. Matvienko dell'Ordine dell'Amicizia, su president.az, 7 aprile 2019. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  19. ^ (BE) Decreto del Presidente della Repubblica di Bielorussia dell'8 dicembre 2009 n. 604 "Sull'assegnazione dei premi statali della Repubblica di Bielorussia", su pravo.by, 8 dicembre 2009. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  20. ^ (RU) Медведев и Лукашенко вручили государственные награды, su vz.ru, 10 dicembre 2009. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  21. ^ (BE) Decreto del Presidente della Repubblica di Bielorussia del 3 aprile 2019 n. 135 "Sull'assegnazione dei premi statali della Repubblica di Bielorussia", su pravo.by, 3 aprile 2019. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  22. ^ (RU) Валентину Матвиенко наградили рыцарским крестом, su baltinfo.ru, 15 dicembre 2009. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  23. ^ (RU) Рабочий график Главы государства, su nomad.su. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  24. ^ (KK) Decreto del Presidente della Repubblica del Kazakistan del 12 luglio 2019 n. 59 "Sull'assegnazione dell'Ordine dell'Amicizia di I Classe a V. I. Matvienko", su akorda.kz, 12 luglio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  25. ^ (RU) Спикер СФ обсудила с руководством Мальты пути расширения двустороннего сотрудничества, su council.gov.ru. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  26. ^ (RU) Матвиенко награждена Орденом Республики Сербской, su aif.ru, 24 aprile 2018. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  27. ^ (RU) Матвиенко получила орден «За большую любовь к независимому Туркменистану», su vz.ru, 29 settembre 2009. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  28. ^ (RU) Decreto del Presidente dell'Ucraina n. 1139/2002 del 6 dicembre 2002 "Su designazione delle città sovrane dell'Ucraina", su zakon.rada.gov.ua, 6 dicembre 2002. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  29. ^ (RU) Decreto del Presidente della Repubblica dell'Uzbekistan del 27 agosto 2021 "Sull'assegnazione a Valentina Ivanovna Matvienko dell'Ordine dell'Amicizia", su xs.uz, 27 agosto 2021. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  30. ^ (RU) Патриарх Московский и всея Руси Алексий II вручил орден Святого мученика Трифона вице-премьеру России Валентине Матвиенко и полномочному представителю президента в Центральном округе Георгию Полтавченко, su echo.msk.ru, 10 luglio 2001. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  31. ^ (RU) Седмица 7-я по Пятидесятнице, su stsl.ru. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2007).
  32. ^ (RU) В. Матвиенко приняла участие в субботнике в Александро-Невской Лавре и получила орден из рук митрополита Владимира, su patriarchia.ru, 13 maggio 2006. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  33. ^ (RU) Орден Русской Православной Церкви преподобного Сергия Радонежского. Именные Списки 1978—2005, Roshchin VK - M, 2006, p. 139, ISBN 5-98738-031-6.
  34. ^ (RU) Святейший Патриарх Кирилл совершил чин великого освящения Екатерининского собора в Царском Селе, su patriarchia.ru, 27 giugno 2010. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  35. ^ (RU) Председатель Совета Федерации В. Матвиенко стала первым полным кавалером ордена святой равноапостольной княгини Ольги, su council.gov.ru, 1º febbraio 2017. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  36. ^ (RU) Валентину Матвиенко наградили орденом Армянской церкви, su novostink.ru. URL consultato il 25 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Governatore di San Pietroburgo Successore
Vladimir Jakovlev 2003 - 2011 Georgij Poltavčenko
Controllo di autoritàVIAF (EN187684756 · ISNI (EN0000 0003 5781 215X · LCCN (ENno2012069858 · GND (DE102709399X · WorldCat Identities (ENlccn-no2012069858