Uniplux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Uniplux
Uniplux RCA 1982.jpg
Gli Uniplux nel 1982
Paese d'origineItalia Italia
GenereRock[senza fonte]
Punk rock[senza fonte]
Periodo di attività musicale1979 – in attività
EtichettaRCA Italiana, Blond records, Pogo records, Atman records, Rave Up Records
Album pubblicati5
Studio4
Raccolte1

Gli Uniplux sono un gruppo musicale italiano formato a Roma nel 1979.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo musicale rock formatosi negli ultimi mesi del 1979 a Roma, fondato da Fabio Nardelli[1], chitarrista, cantante, compositore e leader della formazione, che aveva già militato in diverse band Romane nel corso degli anni settanta.

Nel 1979 Nardelli conosce il batterista Francesco Mancinelli e dopo alcune session insieme, decidono di dar vita a una band: arruolano nel gruppo il bassista Renato Dalpiaz ed iniziano a provare e registrare materiale inedito.[2]

Etichettato come gruppo punk, Uniplux è una derivazione del rock e del beat degli anni sessanta influenzata dai musicisti proto-punk statunitensi quali Lou Reed, Iggy Pop o New York Dolls[3] e rock britannici come Led Zeppelin, Cream, The Rolling Stones o David Bowie.[senza fonte]

Il debutto discografico[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver partecipato al Festival Rock di Roma del 1980 e a diversi concerti live sia dentro che fuori la capitale, nel febbraio del 1981 gli Uniplux presentano alla RCA italiana un demo di propri brani[3].

La Major nelle figure di Fulvio Mancini e la supervisione di Giacomo Tosti, mette sotto contratto il trio rock chiedendogli però di scrivere solo testi in italiano e concedendogli l'uso della sala prove del Cenacolo. I tre Uniplux registrano nel 1981 nello studio B della RCA due brani, UX e Rock in Italia, che sarebbero dovuti uscire come primo singolo.[3]

L'attrice Antonella D'Orsi chiede al gruppo un brano originale per una sua partecipazione cinematografica dove recita il ruolo di una giovane cantante punk nel film Grog di Francesco Laudadio[4]. Il gruppo viene ingaggiato per interpretare sé stesso nel film ed eseguire il brano Chi siamo noi?, pubblicato dalla RCA nel 45 giri Chi siamo noi/UX nell'inverno del 1982, in concomitanza con l'uscita del film Grog. Antonella D'Orsi entra così nella formazione come voce femminile.[3] Inoltre l'assolo di chitarra finale del lato A di Chi siamo noi? verrà usato come sigla di apertura della trasmissione radiofonica RAI Onda Verde.[5]

Gli Uniplux comunque registrano un'altra decina di brani alla RCA[3], che però non vengono pubblicati. Il rapporto con la major si protrae dal 1981 fino all'inizio del 1983, anno in cui la prima formazione, dopo aver partecipato al Festival Rock di Bologna nel 1982 e a una serie di concerti dal vivo[6][7], si divide e Nardelli recide il rapporto discografico con la RCA.

La seconda formazione (1983-1985)[modifica | modifica wikitesto]

Gli Uniplux nel 1981

Nei primi mesi del 1983, Nardelli rimette in piedi una nuova formazione (con Davide Erpini alla batteria, Stefano Maggioli al basso e Denise Humphreys alla voce femminile). La nuova formazione partecipa a diverse trasmissioni sui network nazionali e locali (Orecchiocchio, Rai Stereo 2, Domenica Rock) e registra Maledetto rock, secondo singolo del gruppo pubblicato nel 1984 per la Pogo Records, che diventa sigla di apertura del programma omonimo in onda sulla Rai e condotto da Gianni Orazi e Dario Salvatori.[8]

Gli Uniplux partecipano a diversi concerti al Uonna Club, al Piper di Roma, al Rock Village e altri.[9][10][11][12]

Lo scioglimento e la riformazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 anche la seconda formazione si scioglie per divergenze interne sul percorso musicale da seguire e Fabio Nardelli continua da solo il suo cammino come musicista, collaborando con il maestro Marco Schiavoni per la realizzazione di musica per cinema e teatro: Aminta di A. Fabrizi, La vespa e la regina di A. de Leo, Da qui a cinque anni - Las Rosas - Cover Stairway to heaven con Caterina Genta) e con artisti della musica leggera italiana (Scialpi al festival di Sanremo 1986, Rita Rusić Azzurro 1987[13] e varie sessioni di registrazioni per altri. Oltre a fare il turnista, continua a scrivere proprie composizioni.

Con l'aiuto di nuovi musicisti (il batterista Alessandro Custodia, il tastierista Enrico Cosimi, il bassista Gianni Savarese), il progetto Uniplux rimane vivo e si ripresenta a fasi alterne per esibizioni live[14][15][16] o partecipazioni televisive e radiofoniche fino alla prima metà degli anni novanta.

Nel 2000, con una nuova formazione che lo accompagna, Fabio Nardelli è ospite al 22° Girofestival trasmesso da Rai 3, partecipa a Demo su Rai 1 nel 2004, Cosa succede in città di Red Ronnie nel 2004, Notturno italiano di Carlo Posio su Rai Radio 2 nel 2005 e 2006.[17]

Fabio Nardelli live 2012

La collaborazione con l'editore Lanfranco Gambini e con il leader dei Karmablue, Giacomo Caruso, portano alla realizzazione di 3 album, il primo pubblicato dall'etichetta Blond Records del cantautore Enrico Capuano[18][19][20][21][22][23] Segue un lungo periodo di stasi degli Uniplux in cui Nardelli si esibisce solo dal vivo in varie formazioni di tribute e cover band come chitarrista, collaborando con altri musicisti.

Nel dicembre 2016 viene pubblicato dalla Rave Up Records un album[3] che raccoglie le prime registrazione della formazione storica effettuate tra il 1981 e il 1982 presso la RCA e il gruppo si riunisce nella prima formazione originale per la presentazione del disco Uniplux 1981 a Roma (ad eccezione del batterista Francesco Mancinelli, prematuramente scomparso). Dopo la reunion, il gruppo inizia a lavorare su nuovo materiale che porterà trà il novembre-dicembre 2017 alla pubblicazione dell'album Aspettando il domani.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Prima formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabio Nardelli (dal 1979 a tutt'oggi) - voce, chitarre
  • Francesco Mancinelli (dal 1979 al 1982) - batteria
  • Renato Dalpiaz (1979-1982) - basso, cori
  • Antonella D’Orsi (1982) - voce

Seconda formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabio Nardelli - voce, chitarre
  • Davide Erpini (1983-1984 e 2017) - batteria
  • Stefano Maggioli (1983-1986) - basso
  • Denise Humphreys (1983-1984) - voce

Terza formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabio Nardelli - voce, chitarre
  • Alessandro Custodia - batteria
  • Enrico Cosimi - tastiere
  • Gianni Savarese - basso

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabio Nardelli - voce, chitarre, tastiere
  • Renato Dalpiaz - chitarra ritmica, cori
  • Valter Bernardi (dal 2013) - basso

Collaboratori attuali -[modifica | modifica wikitesto]

  • Caterina Genta - performer, voce e cori
  • Giulia Atzori - voce e cori

Ex-componenti e collaboratori -[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Di Cioccio (1979) - basso
  • Alessandro Frati (dal 1982 al 1982) - chitarra, cori
  • Enrico Cosimi (dal 1981 al 2010) - tastiere
  • Alessandro Custodia (dal 1985 al 1995 e dal 2000 al 2004) - batteria
  • Gianni Savarese (dal 1990 al 1999) - basso
  • Rocco Salzano (dal 1996 al 1997) - batteria
  • Davide Erpini (2017) - batteria
  • Riccardo Stefani (dal 2014 al 2016) - batteria

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2000 - Radiazione Orgonica
  • 2006 - I Dannati, i militanti e lo stregone
  • 2007 - Spacciatori di soldi
  • 2017 - Aspettando il domani

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • 2016 - Uniplux 1981

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1982 - Chi siamo noi?/U.X.
  • 1984 - Maledetto rock/Sally
  • 2000 - Fermare il Mondo/Il fantasma della libertà

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 - AAVV Killed By Death #201 - D'Italia
  • 2002 - AA.VV. Ombre rosse, canzoni per la pace

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Uniplux - I Dannati, i militanti e lo stregone, su Rockit.it. URL consultato l'8 maggio 2018.
  2. ^ Rock del mio stivale, in Ciao 2001, n. 46, 17 novembre 1981.
  3. ^ a b c d e f Uniplux (1981), su L'ultima Thule, WordPress, 10 marzo 2017. URL consultato l'8 maggio 2018.
  4. ^ Rai trasmissioni televisive partecipazioni Uniplux: partecipazione al Film Grog di Francesco Laudadio 1982 - Rai Teche
  5. ^ Davide Passoni, Uniplux: Storia, su Cantine. URL consultato il 29 maggio 2018.
  6. ^ Cartellone 3, in la Repubblica, dicembre 1982.
  7. ^ Ernesto Assante, Concerto degli Uniplux al teatro Belli, Ma che colpa abbiamo noi? Il Punk canta Italiano, in la Repubblica, 13 gennaio 1983.
  8. ^ Rai trasmissioni televisive partecipazioni Uniplux: Orecchiocchio 08/12/1983, Maledetto rock 29/04/1984( Video sigla del programma di tutte le tre puntate regia di Gianni Orazi e Dario Salvatori), brano Radio rock 13/05/1984 Rai Teche
  9. ^ Rock village ad Ostia. Dalle cantine al palcoscenico parlano gli Uniplux, in Il Messaggero, 19 agosto 1983.
  10. ^ E stasera Uniplux "Ecco chi siamo", in Paese Sera, 20 settembre 1983.
  11. ^ Uniplux, in Frigidaire, n. 39, febbraio 1984.
  12. ^ Ernesto Assante, Rubrica Jazz Pop Rock, in la Repubblica, 20 febbraio 1984.
  13. ^ Esibizioni di Fabio Nardelli come session man al Festival di San Remo 1986 con artista RCA Scialpi e Azzurro 1987 con artista RCA Rita Rusic - Rai Teche
  14. ^ Luigi Leone, Concerto al Palladium, Maledetti Uniplux rocchettari sotto falso, in Paese Sera, 18 febbraio 1993.
  15. ^ Il Caruso a tutto Rock, Uniplux, in Il Messaggero, 28 marzo 1993.
  16. ^ Ritorno al Castello Palco centrale, Uniplux live, in L'Unità, 25 settembre 1995.
  17. ^ Rai trasmissioni televisive partecipazioni Uniplux: RAI 3 XXII Girofestival Della Canzone Italiana, brano Fermare il mondo Uniplux trasmesso il 12/08/2000 - Rai Teche
  18. ^ Giuseppe Catani, Radiazione Orgonica Uniplux, Blond Records, in Rockit, 29 agosto 2002.
  19. ^ M.Salvatori, Chitarre, n. 38, agosto 2002.
  20. ^ Gianni Licini, Sulle tracce degli Area, Uniplux stasera a Roma, in Liberazione, 12 settembre 2003.
  21. ^ M. Salvatori, Uniplux "I dannati i militanti e lo stregone" Atman Records, in Chitarre, n. 255, maggio 2007.
  22. ^ Aurelio Pasini, Uniplux "I dannati i militanti e lo stregone" Atman Records, in Il Mucchio, giugno 2007.
  23. ^ Esibizioni Uniplux live al Piper, al Uonna Club, al Festival Rock di Bologna 1982, al teatro Belli di Roma, al teatro Palladium di Roma, Feste dell'Unità e Liberazione e altre documentate dalla rassegna stampa Uniplux presentata al MEI di Faenza 2006/2007

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]