Tulobuterolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tulobuterolo
Tulobuterol Enantiomers Structural Formulae.png
Nome IUPAC
(RS)-2-(tert-butylamino)-1-(2-chlorophenyl)ethanol
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC12H18ClNO
Massa molecolare (u)227,730 g/mol
Numero CAS41570-61-0
Numero EINECS640-961-9
Codice ATCR03CC11
PubChem5606
DrugBankDB12248
SMILES
CC(C)(C)NCC(C1=CC=CC=C1Cl)O
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeuticabroncodilatatori, beta 2 agonisti selettivi
Modalità di
somministrazione
Orale, inalazione (aerosol)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H---
Consigli P---

Tulobuterolo è un composto a breve durata d'azione, con attività di tipo agonista selettivo sui recettori β2-adrenergici. Come farmaco viene utilizzato per ridurre il broncospasmo in alcune condizioni patologiche quali l'asma e la broncopneumopatia cronica ostruttiva. In questi disturbi della respirazione si assiste ad un marcato restringimento delle vie aeree che trasportano aria ai polmoni attraverso i bronchi e le loro ramificazioni più fini. Questo restringimento è secondario allo spasmo della muscolatura bronchiale ed all'infiammazione delle vie aeree. Tulobuterolo rilassa i muscoli lisci che circondano queste vie aeree, aumentandone così il diametro e facilitando il flusso di aria attraverso di esse.
La molecola è stata commercializzata in Giappone da Hokuriku Seiyaku (una società controllata di Knoll-BASF Pharma) nella forma farmacologica di compresse per uso orale. Dalla collaborazione tra questa società farmaceutica e la giapponese Nitto Denko è nata una formulazione transdermica[1] in applicazione unica quotidiana contro le crisi di asma bronchiale, che i giornali hanno definito il primo cerotto contro l'asma.

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Tulobuterolo è una molecola adrenergica, un agonista selettivo dei recettori β2-adrenergici, particolarmente presenti a livello della muscolatura liscia bronchiale. La stimolazione di questi recettori da parte del farmaco comporta un incremento dell'AMP ciclico endocellulare. Questo aumento di AMP ciclico determina l'attivazione della protein chinasi A, la quale inibisce la fosforilazione della miosina e riduce la concentrazione intracellulare di calcio ionico, con conseguente rilassamento e determinazione di un effetto di tipo broncodilatatore con risoluzione del broncospasmo.
Tulobuterolo inoltre sembra esercitare anche effetti di tipo antinfiammatorio che sono di tipo complementare a quelli dei corticosteroidi, i quali, contrariamente a tulobuterolo, non inibiscono l'adesione degli eosinofili alle cellule endoteliali vascolari.[2][3][4]

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'applicazione di un cerotto transedrmico di tulobuterolo da 2 mg il picco di concentrazione plasmatica (Cmax) viene raggiunto a distanza di 9-12 ore dall'applicazione (Tmax) e viene mantenuto per circa 24 ore. Ne consegue che l'applicazione del cerotto nelle ore serali consente il raggiungimento del picco di efficacia nelle ore del risveglio. Come è noto, nei pazienti asmatici è proprio nelle prime ore del mattino che la funzione respiratoria è più gravemente depressa, ed è proprio in queste ore che il soggetto asmatico necessita di un maggior supporto farmacologico di tipo broncodilatatore.[1][5][6] Un farmacocinetica assolutamente simile si registra nei bambini quando si procede all'applicazione di cerotto transdermico di 1–2 mg. Anche in questa popolazione gli incrementi del picco di flusso espiratorio (PEF) dimostrano l'utilità pratica di questo trattamento nei pazienti con asma infantile.[1]

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

Tulobuterolo può essere impiegato nel trattamento del broncospasmo associato all'asma bronchiale[7][8][9] ed in altre malattie che determinano occlusione delle vie respiratorie: ad esempio la broncopneumopatia cronica ostruttiva. L'applicazione tramite cerotto transdermico nei soggetti con BPCO sembra comportare non solo un miglioramento delle funzioni respiratorie, ma anche un incremento della qualità della vita dei pazienti. Se si considera che molti pazienti con BPCO sono anziani e possono mostrare problemi e difficoltà nel padroneggiare la tecnica di utilizzo degli inalatori, si comprende come via di somministrazione più comoda in questi soggetti possa rivelarsi estremamente utile.
Il miglioramento della qualità di vita potrebbe essere legato ad un miglioramento della funzionalità delle vie aeree periferiche, che sono particolarmente coinvolte in caso di BPCO. I recettori adrenergici β2 nelle vie aeree sono particolarmente presenti a livello periferico e sono attivati da tulobuterolo cerotto transdermico mediante la circolazione sistemica. La combinazione dell'azione di tulobuterolo con tiotropio, una molecola che esercita i suoi effetti attraverso i recettori muscarinici M3, localizzati principalmente nella zona centrale delle vie aeree,[10] determina effetti complementari e sinergici migliorando le funzioni sia delle vie aeree periferiche che di quelle centrali.[11]
Il farmaco è stato anche impiegato nella prevenzione del broncospasmo associato all'esercizio fisico.[12]

Effetti collaterali ed indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

In corso di trattamento con tulobuterolo sono stati segnalati alcuni effetti collaterali tra i quali i più frequenti sono: palpitazioni, cardiopalmo, cefalea, ansia, secchezza delle fauci, crampi muscolari. In alcuni pazienti tulobuterolo può comportare l'insorgenza di tremori fini a carico della muscolatura scheletrica. I tremori sono evidenziabili con maggiore facilità alle mani. Questo effetto avverso, tipico e comune a tutti gli stimolanti beta-adrenergici, è in strettamente correlato al dosaggio utilizzato.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Tulobuterolo è controindicato nei soggetti con ipersensibilità nota al principio attivo oppure ad uno qualsiasi degli eccipienti della formulazione farmaceutica. Il farmaco non deve essere assunto da pazienti con una storia pregressa di cardiopalmo, palpitazioni o tachiaritmie. Ulteriori controindicazioni sono rappresentate dallo stato di gravidanza e dall'allattamento al seno, tranne in quei casi nei quali il beneficio atteso per la madre sia considerato superiore al possibile rischio per il feto.

Interazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Simpaticomimetici: è opportuno non associare tulobuterolo ed altri principi attivi con attività simpaticomimetica per la possibilità che si verifichi un potenziamento dei rispettivi effetti farmacologici.
  • Inibitori delle monoamino ossidasi e antidepressivi triciclici: la somministrazione di tulobuterolo richiede grande cautela in pazienti in terapia con inibitori delle MAO o antidepressivi triciclici, in quanto l'azione di tulobuterolo sul sistema cardiovascolare può essere potenziata da tali farmaci.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Y. Iikura, H. Uchiyama; K. Akimoto; M. Ebisawa; N. Sakaguchi; T. Tsubaki; H. Ishizu; H. Kabayama; K. Yagi; K. Miura, Pharmacokinetics and pharmacodynamics of the tulobuterol patch, HN-078, in childhood asthma., in Ann Allergy Asthma Immunol, vol. 74, nº 2, Feb 1995, pp. 147-51, PMID 7697473.
  2. ^ A. Sutani, M. Nagata; H. Yamamoto; M. Sakurai; Y. Sakamoto, Dexamethasone does not modulate eosinophil adhesion to endothelial cells., in Int Arch Allergy Immunol, 125 Suppl 1, 2001, pp. 12-6, DOI:10.53845, PMID 11408765.
  3. ^ J. Kaiser, CA. Bickel; BS. Bochner; RP. Schleimer, The effects of the potent glucocorticoid budesonide on adhesion of eosinophils to human vascular endothelial cells and on endothelial expression of adhesion molecules., in J Pharmacol Exp Ther, vol. 267, nº 1, Ott 1993, pp. 245-9, PMID 7693913.
  4. ^ (JA) S Hozawa, Haruta Y., The relationship between cytokines and control of allergic inflammation., in Respiration Research, vol. 21, 2002, pp. 1044-1058.
  5. ^ Gen Tamura, Masakazu Ichinose; Yoshinosuke Fukuchi; Terumasa Miyamoto, Transdermal Tulobuterol Patch, a Long-Actingβ2-Agonist (PDF)[collegamento interrotto], Allergology International. URL consultato il 19 luglio 2013.
  6. ^ S. Yoshihara, H. Fukuda; T. Abe; O. Arisaka, Comparative study of skin permeation profiles between brand and generic tulobuterol patches., in Biol Pharm Bull, vol. 33, nº 10, 2010, pp. 1763-5, PMID 20930390.
  7. ^ J. Vergeret, A. Taytard, [Effects of oral tulobuterol on bronchial obstruction in asthmatic patients]., in Therapie, vol. 43, nº 1, pp. 21-4, PMID 3358248.
  8. ^ L. Pérez-Martini, RA. Blanco; G. Heffner; R. Ordóñez-Comparini, [Pulmonary function tests in asthmatic children in treatment with tulobuterol]., in Bol Med Hosp Infant Mex, vol. 46, nº 4, Apr 1989, pp. 241-5, PMID 2719810.
  9. ^ J. Sanchez, A. Rivero; R. Dal-Re; JR. Azanza, Open cross-over comparison of tulobuterol and fenoterol in asthmatic adult patients., in Int J Clin Pharmacol Res, vol. 8, nº 4, 1988, pp. 279-85, PMID 3182119.
  10. ^ PJ. Barnes, Neural control of human airways in health and disease., in Am Rev Respir Dis, vol. 134, nº 6, Dic 1986, pp. 1289-314, PMID 3538958.
  11. ^ M. Ichinose, K. Seyama; M. Nishimura; Y. Fukuchi; A. Nagai; M. Mishima; K. Kubo; K. Matsuoka; H. Toga; H. Aizawa; N. Kouno, Additive effects of transdermal tulobuterol to inhaled tiotropium in patients with COPD., in Respir Med, vol. 104, nº 2, Feb 2010, pp. 267-74, DOI:10.1016/j.rmed.2009.09.012, PMID 19875277.
  12. ^ KR. Patel, Bronchodilator activity of a new inhaled beta 2-adrenoceptor agonist, tulobuterol and its protective effect in exercise-induced asthma., in Br J Clin Pharmacol, vol. 21, nº 2, Feb 1986, pp. 234-7, PMID 3513811.