Aminofillina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Aminofillina
Aminophylline Formula V.1.svg
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C₁₆H₂₄N₁₀O₄
Massa molecolare (u) 420.427 g/mol
Numero CAS 317-34-0
Codice ATC R03DA05
PubChem 9433
DrugBank DB01223
SMILES CN1C(=O)N(C)c2nc[nH]c2C1=O.CN3C(=O)N(C)c4nc[nH]c4C3=O.NCCN
Dati farmacocinetici
Emivita 7 - 9 ore
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta

pericolo

Frasi H 301
Consigli P 301+310 [1]

L'aminofillina, teofillina-etilendiammina, è il sale etilendiamminico della teofillina. In forma salificata la teofillina si comporta da acido debole e l'etilendiammina da base.[2] Da dati di Farmacopea Ufficiale Italiana XII ed. la teofillina-etilendiammina contiene non meno dell'84,0 per cento e non più dell'equivalente dell,87,4 per cento di teofillina (C7H8N4O2; Mr 180,2) e non meno del 13,5 per cento e non più dell'equivalente del 15,0 per cento di etilendiammina (C2H8N2; Mr 60,1), entrambe calcolate con riferimento alla sostanza anidra.

Si presenta sotto forma di polvere bianca o leggermente giallastra, a volte granulare, molto solubile in acqua (la soluzione diventa torbida per assorbimento di anidride carbonica), praticamente insolubile in etanolo.  Grazie a tale formulazione la solubilità in acqua viene accentuata (Amminofillina :1g in 6 ml di acqua) (Teofillina: 1 g in 120 ml di acqua).

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Viene utilizzato per trattare particolari tipi di ostruzione che riguardano le vie aeree.

Dosaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • 100–300 mg 3-4 volte (via orale)
  • Asma 500 ug/kg/ora (via infusione endovenosa)

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli effetti collaterali più frequenti si riscontrano ipokaliemia, orticaria, eritema, forme di dermatite, cefalea, nausea, insonnia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 05.10.2012
  2. ^ Farmacopea Italiana XII ed.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • British national formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina