Cerotto transdermico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il cerotto transdermico è una preparazione farmaceutica flessibile di varie dimensioni, contenente uno o più principi attivi, da applicare sulla pelle integra per rilasciare il medicinale alla circolazione sistemica, dopo aver attraversato la barriera cutanea.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È costituito normalmente da una protezione esterna che serve da supporto ad una preparazione contenente il principio attivo. La sua superficie di rilascio è protetta da una copertura che viene rimossa prima di applicare il cerotto alla pelle.

La protezione esterna è un foglio impermeabile al farmaco e normalmente impermeabile all'acqua, con funzione di sostegno e di protezione per la preparazione. Può avere le stesse dimensioni oppure essere più larga del cerotto.

La preparazione può contenere eccipienti come stabilizzanti, solubilizzanti o sostanze destinate a modificare la velocità di rilascio o ad aumentare l'assorbimento transdermico. Il cerotto è costituito da una matrice monostrato o multistrato solida o semisolida ed in questo caso sono la composizione e la struttura della matrice che regolano la diffusione del principio attivo alla pelle.

La matrice può contenere adesivi che assicurano l'adesione della preparazione alla pelle. La preparazione può anche essere costituita da un serbatoio semisolido, un lato del quale è costituito da una membrana che controlla il rilascio e la diffusione del principio attivo dalla preparazione.

Il cerotto transdermico, quando viene applicato alla pelle asciutta, pulita e integra, aderisce saldamente per lieve pressione della mano o delle dita e può essere staccato senza provocare danno apprezzabile alla pelle o distacco della preparazione dalla protezione esterna.

Il cerotto non deve essere irritante o sensibilizzante per la pelle, anche dopo ripetute applicazioni. La copertura protettiva della superficie di rilascio generalmente è costituita da un foglio di materiale plastico o metallico. Quando si toglie, questa non deve staccare la preparazione (matrice o serbatoio) o lo strato adesivo dal cerotto.

I cerotti transdermici sono di norma confezionati singolarmente in sacchetti sigillati.

Indicazioni d'uso[modifica | modifica wikitesto]

I cerotti transdermici a base di antinfiammatori non steroidei (FANS), ad es. diclofenac, sono indicati per il trattamento topico del dolore che coinvolge muscoli, tendini, legamenti e articolazioni. Possono essere quindi utilizzati in caso di piccoli traumi e contratture, torcicollo, tendiniti, borsiti, stati infiammatori derivanti da problemi reumatici, mal di schiena o dolori muscolari e articolari.[1][2]

I cerotti medicati offrono numerosi vantaggi: non sono invasivi per il paziente, hanno una lunga durata d'azione (almeno 12 ore), raggiungono il circolo sistemico solo in concentrazioni molto basse, riducendo notevolmente gli eventi avversi gastrointestinali, renali e cardiovascolari e, infine, non manifestano interazioni tra farmaci. Tutto questo migliora l'aderenza alla terapia e li rende particolarmente indicati in certi tipi di popolazioni (anziani, cardiopatici, soggetti in politerapia ecc.).[3][2][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ K. Kuehl, Analgesic efficacy and safety of the diclofenac epolamine topical patch 1.3% (DETP) in minor soft tissue injury., in International Journal of Sports Medicine, vol. 32, nº 8, Aug 2011, pp. 635-43, PMID 21563042.
  2. ^ a b KS. Kuehl, Review of the efficacy and tolerability of the diclofenac epolamine topical patch 1.3% in patients with acute pain due to soft tissue injuries., in Clinical Therapeutics, vol. 32, nº 6, Jun 2010, pp. 1001-14, PMID 20637956.
  3. ^ BH. McCarberg, Topical diclofenac epolamine patch 1.3% for treatment of acute pain caused by soft tissue injury., in International Journal of Clinical Practice, vol. 64, nº 11, Oct 2010, pp. 1546-53, PMID 20666849.
  4. ^ B. Petersen, Diclofenac epolamine (Flector) patch: evidence for topical activity., in Clinical Drug Investigation, vol. 29, nº 1, 2009, pp. 1-9, PMID 19067470.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Farmacopea Ufficiale, XII ed.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]