Terbutalina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Terbutalina
formula di struttura
Nome IUPAC
tert-butil-[2-(3,5-diidrossifenil)-2-idrossietil]azina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC12H20NO3
Massa molecolare (u)225,284 g/mol
Numero CAS23031-25-6
Numero EINECS245-385-8
Codice ATCR03AC03
PubChem31620
DrugBankDB00871
SMILES
CC(C)(C)NCC(C1=CC(=CC(=C1)O)O)O
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine
pericolo
Frasi H317 - 334 - 361
Consigli P261 - 280 - 342+311 [1]

La terbutalina, un Beta 2 agonisti selettivo, è il principio attivo di indicazione specifica contro alcune malattie ostruttive respiratorie.

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

In forma di sale solfato, viene utilizzato come trattamento farmacologico contro l'asma e anche altre patologie che occludono le vie respiratorie come la broncopneumopatia cronica ostruttiva. Viene utilizzato anche in neonatologia in casi di nascite premature.

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli effetti indesiderati si riscontrano tremore, crampi muscolari, cefalea, insonnia, tachicardia.

Dosaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Per via orale, 2,5 mg 3 volte al giorno (dose massima 5 mg 3 volte al giorno)
  • Per via enodovenosa (lenta), 250-500 µg anche 4 volte al giorno
  • Per via enodovenosa (continua), nella soluzione 3-5 µg
  • Per inalazione, 500 µg (massimo 4 dosi)

Stereochimica[modifica | modifica wikitesto]

Terbutalene contiene uno stereocentro e consiste di due enantiomeri. Questo è un composto racemico, cioè una miscela 1: 1 di (R) - e la (S) - forma:[2]

Enantiomeri di terbutalina
(R)-Terbutalin Structural Formula V1.svg
CAS-Nummer: 37394-31-3
(S)-Terbutalin Structural Formula V1.svg
CAS-Nummer: 90877-48-8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. dell'11.03.2013
  2. ^ F. v. Bruchhausen, G. Dannhardt, S. Ebel, A. W. Frahm, E. Hackenthal, U. Holzgrabe (Hrsg.): Hagers Handbuch der Pharmazeutischen Praxis: Band 9: Stoffe P-Z, Springer Verlag, Berlin, Aufl. 5, 2014, S. 804, ISBN 978-3-642-63389-8.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • British national formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina