Gold e Stardust

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da The Rhodes Dynasty)
Gold e Stardust
Immagine del tag team o della stable}
Membri Goldust
Stardust
Altezza Goldust (198 cm)
Stardust (188 cm)
Peso combinato 210 kg
Debutto 6 ottobre 2013
Federazioni WWE
Progetto Wrestling

Gold e Stardust (conosciuto anche come The Brotherhood, Rhodes Brothers, Rhodes Family e Rhodes Dynasty) è stato un tag team di wrestling formato dai fratelli Rhodes, Goldust e Stardust, entrambi sotto contratto con la WWE.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

WWE Tag Team Champion (2013)[modifica | modifica wikitesto]

Questo tag team si è formato soprattutto per la storia del licenziamento di Cody (Kayfabe), da parte dell'Authority, dopo che Rhodes si è espresso male durante la puntata di Raw del 2 settembre, e a causa di questo, ha dovuto disputare un match contro Randy Orton, che ha perso, nonostante abbia combattuto un gran match ed è stato licenziato. La settimana dopo, sempre a Raw, c'è il ritorno di Goldust, il quale è tornato per vendicare il fratello e se avesse vinto il fratello sarebbe stato riassunto. Ha un match anche lui contro Randy Orton, il quale non riesce a vincere, nonostante anche lui avesse disputato un'ottima prestazione. Anche il padre, ovvero Dusty Rhodes, ritorna a Raw, ed ha subito un diverbio con Stephanie McMahon, che gli offrì un'opportunità, e gli chiese quale dei suoi due figli volesse far rientrare in federazione, ma lui ovviamente non volle scegliere, quindi Stephanie ordinò a The Big Show d finirlo con il suo KO punch, e costretto a farlo, anche contro la sua volontà, dovette obbidire. Il 23 settembre a Raw, attaccano lo Shield. Anche loro hanno un diverbio sia con Stephanie, che con Triple H, i quali però hanno voluto essere "buoni" e dargli un'altra opportunità: i due fratelli dovranno affrontare lo Shield nel nuovo PPV di ottobre, ovvero Battleground (in sostituzione di Over the Limit), se vinceranno potranno riavere i loro posti di lavoro e il padre potrà rimanere ad allenare i giovani talenti di NXT, mentre se perderanno saranno tutti e tre banditi a vita dalla WWE. A Battleground, i Rhodes riescono a sconfiggere lo Shield dopo un grandissimo match da parte di entrambi le fazioni, in un finale molto movimentato; questo incontro entrerà anche tra i quattro candidati come Match of the Year. Inoltre nella puntata di Raw del 14 ottobre gli viene data una chance titolata avendo battuto i campioni di coppia che riescono a sfruttare al meglio riuscendo a strappare i titoli allo Shield in un No Disqualification match, soprattutto grazie all'aiuto di The Big Show, che stende tutti e tre i membri dello Shield con il KO punch. Nella puntata di SmackDown del 18 ottobre Cody Rhodes e Goldust in coppia con Daniel Bryan sconfiggono lo Shield. Nella puntata di SmackDown del 25 ottobre Cody Rhodes, Goldust, Big E Langston e Daniel Bryan sconfiggono lo Shield e Randy Orton in un 8-Man Tag Team match. A Hell in a Cell Cody Rhodes e Goldust mantengono i titoli di coppia sconfiggendo lo Shield e gli Usos in un Triple Threat Tag Team match. Nell'edizione di Raw del 28 ottobre i Rhodes Brothers vengono sconfitti dai Real Americans in un Non Title match. Nella puntata di SmackDown del 1º novembre i Rhodes Brothers e John Cena sconfiggono Damien Sandow e i Real Americans. Nella puntata di WWE Raw del 4 novembre la Rhodes Family e John Cena sconfiggono di nuovo Damien Sandow e i Real Americans in un 6-Man Tag Team match. Nell'edizione di WWE Raw dell'11 novembre la Rhodes Dynasty sconfigge Randy Orton per count-out in un Handicap match, dopo che Orton si fa contare fuori. Nella puntata di Raw del 18 novembre i Rhodes Brothers, gli Usos, Daniel Bryan e CM Punk sconfiggono la Wyatt Family e lo Shield in un 12-Man Tag Team match. Nell'edizione di SmackDown del 22 novembre Cody Rhodes e Goldust sconfiggono i Real Americans mantenendo i WWE Tag Team Championship. A Survivor Series nel 5 vs 5 Traditional Survivor Series Elimination Tag Team match, il team formato da Cody, Goldust, gli Usos e Rey Mysterio perde contro il team composto dallo Shield e i Real Americans. Nella puntata di WWE Raw del 25 novembre la Rhodes Family e Rey Mysterio perdono contro lo Shield in un 6-Man Tag Team match. Nella puntata di WWE SmackDown del 29 novembre i Rhodes Brothers vincono per squalifica un match valido per i WWE Tag Team Championship contro lo Shield a causa dell'intervento di Dean Ambrose, ma poi la GM Vickie Guerrero annuncia che Goldust, Cody Rhodes e CM Punk affrontano lo Shield in un 6-Man Tag Team match, Cody Rhodes, Goldust e CM Punk vincono per squalifica a causa dell'intervento della Wyatt Family, Vickie Guerrero annuncia che CM Punk, Goldust], Cody Rhodes, Rey Mysterio e gli Usos affronteranno lo Shield e la Wyatt Family; a vincere alla fine sarà il team composto da i Rhodes Brothers, CM Punk, Rey Mysterio e gli Usos. Nella puntata di WWE SmackDown del 6 dicembre, i RybAxel sconfiggono Cody Rhodes e Goldust in un Non Title match, grazie ad un roll-up di Axel su Cody. Nella puntata di Raw del 9 dicembre dedicata agli Slammy Awards, il team composto dai Real Americans e i RybAxel perde contro il team formato da Cody Rhodes, Goldust, Rey Mysterio e The Big Show in un 8-Man Tag Team match. Nella puntata di WWE SmackDown del 13 dicembre la Rhodes Dynasty perde contro i Real Americans in un Non Title Match. A TLC la Rhodes Dynasty mantiene i titoli di coppia sconfiggendo The Real Americans, RybAxel e il team formato da Rey Mysterio e Big Show in un Fatal Four-Way tag team elimination match riuscendo a mantenere i WWE Tag Team Championship. Nel Kick-off della Royal Rumble del 2014 perdono i titoli contro i New Age Outlaws. La notte successiva a Raw non riescono a conquistare i titoli di coppia a causa dell'intervento di Brock Lesnar, il quale attacca la Brotherhood. Il rematch avviene la settimana successiva a Raw in uno Steel Cage match, dove vengono sconfitti dagli Outlaws.

Gold e Stardust; split (2014-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 16 giugno ritornano insieme dopo un periodo da singoli, ma Cody Rhodes assume una nuova gimmick, quella di Stardust, indossando una tuta e una maschera molto simili a quelle del fratello. Dopo vari incontri con gli altri tag team della federazione (tra cui quello contro i RybAxel a Money in the Bank in cui hanno vinto), all'indomani di SummerSlam, iniziano una faida contro The Usos (Jimmy e Jey Uso) per il WWE Tag Team Championship, turnando heel, che li porterà a scontrarsi in un match titolato a Night of Champions, il 21 settembre. Nel Pay-per-View vincono l'incontro, grazie a Stardust che con una contromossa evita il Samoan Splash e procede con il pin vincente, e diventano i nuovi WWE Tag Team Champions. Nel Pay-per-View successivo, Hell in a Cell il 26 ottobre, mantengono il titolo nel rematch contro i gemelli samoani, così come nella notte successiva a Raw, dove sconfiggono Big Show e Mark Henry, dopo che il World Strongest Man ha attaccato il compagno. Il 7 novembre a SmackDown, conservano il titolo in uno Steel Cage match sempre contro The Usos. Alle Survivor Series, perdono i titoli di coppia in un Fatal-4 Way match contro i Los Matadores i Usos e The Miz e Damien Mizdow dove sono questi ultimi a vincere. Dopo di che iniziano un Feud con i New Day, perdendo però il feud a TLC. Nei mesi successivi subiscono molte sconfitte ed iniziano i primi screzi con Stadust che abbandona più volte Goldust nel corso dei Match. Nella puntata del 16 febbraio, avviene lo split tra i due dopo che perdono contro i New Day, Stardust attacca Goldust con la Cross Rhodes.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali di Goldust

Mosse finali di Cody Rhodes

Mosse finali di Stardust

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]
  • "Gold & Smoke" di Jim Johnston (25 ottobre 2013–1º luglio 2014) (remix delle theme di Goldust & Cody Rhodes)
  • "Written in the Stars" ("Gold-Lust" Intro) di Jim Johnston (4 agosto 2014–presente)
Fazioni[modifica | modifica wikitesto]
  • Ottobre 2013 - Settembre 2014: Face
  • Settembre 2014 - Febbraio 2015: Heel
Condotta in pay-per-view[modifica | modifica wikitesto]

2013

2014

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

World Wrestling Entertainment / WWE

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling