Storia di Laura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Storia di Laura
PaeseItalia
Anno2011
Formatofilm TV
Generedrammatico
Durata96 min.
Lingua originaleItaliano
Crediti
RegiaAndrea Porporati
SoggettoIvan Cotroneo
SceneggiaturaIvan Cotroneo
Interpreti e personaggi
FotografiaAlessandro Pesci
MontaggioSimona Paggi
MusicheCarlo Crivelli
ScenografiaBeatrice Scarpato
CostumiMary Montalto
ProduttoreFanio Petrocchi
Casa di produzione11 Marzo Film per Rai Fiction
Prima visione
Data1º aprile 2011
Rete televisivaRai 1

Storia di Laura è un film TV italiano del 2011, diretto da Andrea Porporati e con protagonista Isabella Ferrari. Nel cast, figurano inoltre Vincenzo Amato, Beatrice Galati, Lorenzo Orsini, Ivana Monti, Angela Baraldi e Andrea Gherpelli.[1][2][3][4][5][6]

La fiction, prodotta dalla 11 Marzo Film[5][6][7], fu girata nel 2009[4][5][8][9] e presentata al Roma Fiction Fest.[4]

La messa in onda era stata prevista inizialmente per l'autunno del 2010,[5] ma è stata trasmessa per la prima volta da Rai Uno soltanto nel 2011 (nella prima serata di venerdì 1º aprile) a causa dei numerosi rinvii[5][6] dovuti ai temi trattati.[5][6][10]

Tale fiction è una sorta di remake dello sceneggiato RAI di Salvatore Nocita Storia di Anna, con Laura Lattuada, trasmesso nel 1981 ed anch'esso incentrato sulla storia di una donna di ceto medio-alto caduta nel tunnel della droga (in quel caso eroina).

Trama[4][5][6][9][10][modifica | modifica wikitesto]

Laura è una giovane donna a cui apparentemente non manca nulla: ha una bella famiglia, con un marito che l'adora e due figli, vive in una bella casa e gestisce una gioielleria, conducendo una vita piuttosto agiata. Tuttavia, si insinua in lei un'inspiegabile insoddisfazione e una sorta di depressione che - con la complicità di conoscenze poco raccomandabili (in particolare, quella con Edo Martini) - la porta a far uso di cocaina.

Della tossicodipendenza di Laura rimangono all'oscuro sia il marito Luigi, sia la madre Luisa e la sorella Serena, fino a quando la donna non ha un incidente d'auto in cui rimane lievemente ferita insieme ai due figlioletti Giulia e Antonio.

Laura a quel punto viene cacciata di casa dal marito, che le impedisce anche di entrare in contatto con i figli. Così, dopo essere stata ospitata per un breve periodo dalla madre, decide di entrare in una comunità per disintossicarsi, con il fermo proposito di riconquistare la fiducia del marito e dei figli.

Produzione e backstage[modifica | modifica wikitesto]

  • Per realizzare il film TV, la troupe e la stessa Isabella Ferrari hanno dovuto frequentare un vero SERT, il Servizio per le tossicodipendenze[6][8]
  • Visti i continui rinvii a cui la fiction ha dovuto sottostare, la protagonista Isabella Ferrari dichiarò così in un'intervista[6]:

«Ho temuto che il film alla fine non andasse in onda per mancanza di coraggio rispetto a un tema scottante come la droga»

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

La messa in onda in prima TV su Rai 1 fece registrare una media di 4.641.000 spettatori, con uno share del 17,23%, che ne ha fatto diventare il secondo programma più visto della serata del 1º aprile 2011.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione