Stefano Vignaroli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stefano Vignaroli
Stefano Vignaroli daticamera 2018.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Movimento 5 Stelle
Circoscrizione Lazio 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Movimento 5 Stelle
Titolo di studio Diploma di Istituto Tecnico Industriale
Professione Impiegato

Stefano Vignaroli (Roma, 5 agosto 1976) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma, ha conseguito il diploma di Istituto tecnico industriale[1] e lavora come tecnico video della Rai.[senza fonte]

Vignaroli nasce vicino alla discarica di Malagrotta, dove ancora oggi risiede.[senza fonte] Aderisce al movimento di Beppe Grillo nel 2007.

Fa parte del Comitato contro la discarica di Malagrotta e contestualmente inizia a diffondere come attivista la strategia Rifiuti Zero.[senza fonte]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Fin dal 2007 è stato un attivista del Movimento 5 Stelle,[senza fonte] che allora si chiamava "Amici di Beppe Grillo". Con il movimento di Beppe Grillo ha lavorato alla creazione della Lista civica per le elezioni del 2008.[senza fonte]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2013 è stato eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione XV Lazio 1 per il Movimento 5 Stelle.[senza fonte]

Dopo l'elezione alla Camera dei Deputati, è stato assegnato alla Commissione XIV- Politiche Unione Europea, lavorando in costante sinergia con la Commissione Ambiente.[senza fonte] Dal 9 settembre 2014 è Vicepresidente della Commissione bicamerale d'inchiesta per il ciclo illecito dei rifiuti.[2]

Alle elezioni politiche del 2018 viene rieletto deputato. Membro dell'VIII commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici, il 14 novembre 2018 viene eletto presidente della Commissione bicamerale d'inchiesta per il ciclo illecito dei rifiuti della XVIII legislatura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda della Camera dei Deputati
  2. ^ Christian Raimo, Come nasce lo scandalo dei rifiuti a Roma, e a chi conviene, in Internazionale, 26 agosto 2016. URL consultato il 10 maggio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]