Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Shōkō Asahara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Shoko Asahara)

Shōkō Asahara (麻原 彰晃 Asahara Shōkō?), pseudonimo di Chizuo Matsumoto (松本 智津夫 Matsumoto Chizuo?; Yatsushiro, 2 marzo 1955), è un criminale giapponese, uno dei fondatori del controverso nuovo movimento religioso giapponese Aum Shinrikyō.

Nel febbraio 2004 Asahara è stato riconosciuto colpevole di essere stato la mente organizzatrice e il mandante dell'attentato alla metropolitana di Tokyo del 1995 e di molti altri crimini (tra cui l'assassinio della moglie e del figlioletto di un anno) ed è stato condannato a morte per impiccagione.[1] Il suo team legale ha fatto ricorso contro la sentenza, ma l'appello è stato rifiutato ed attualmente si trova in carcere in attesa dell'esecuzione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Affetto da grave deficit della vista, studiò medicina tradizionale e, una volta rientrato da un viaggio in Tibet, fondò a metà degli anni ottanta l'Aum Shinrikyō ("verità suprema"). Il movimento fu riconosciuto dal governo giapponese, ottenendo l'esenzione fiscale.[2] Nel 1990 si candidò alle elezioni parlamentari. A seguito delle investigazioni sull'attentato del marzo 1995, si scoprì che il gas nervino sarin era già stato utilizzato da appartenenti al gruppo in un attentato a Matsumoto nel giugno 1994, che aveva provocato sette morti.[2] Un articolo del New York Times del 1998 riferì che il gruppo tentò anche diversi attentati con armi biologiche, che però fallirono.[3]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Shōkō Asahara è citato nel testo della canzone Robert Fuzzo, tratta dall'album The Jewels, della band sperimentale tedesca Einstürzende Neubauten. Appare inoltre sullo sfondo del saggio/inchiesta Underground di Haruki Murakami. Anche gli Elio e le storie tese lo citano nella canzone T.V.U.M.D.B., nel verso ...Olfa il gas nervino del santone... (il verbo olfare, proveniente dal gergo giovanile, significa inspirare, annusare). Il brano è pubblicato nell'album Eat the Phikis, uscito nel 1996, l'anno successivo all'attentato. Compare inoltre in una tavola del manga Sesame Street di Izumi Matsumoto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A morte il guru del gas nervino, repubblica.it, 28 febbraio 2004, p. 19. URL consultato il 29 marzo 2015.
  2. ^ a b Il gas nervino la loro arma preferita, corriere.it, 22 giugno 1995, p. 8. URL consultato il 29 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  3. ^ (EN) Sowing Death: A special report.; How Japan Germ Terror Alerted World, nytimes.com, 26 maggio 1998. URL consultato il 29 marzo 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN84032261 · LCCN: (ENn88062479 · ISNI: (EN0000 0003 7249 9974 · GND: (DE119317621 · BNF: (FRcb149784462 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie