Terza guerra mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Generalmente si ipotizza che le armi nucleari possano giocare un ruolo decisivo in un'eventuale futura guerra mondiale

La terza guerra mondiale è un'ipotesi storica di conflitto mondiale esaminata e presentata dai media di massa in più occasioni, già a partire dal periodo immediatamente successivo alla fine del più grande conflitto armato di sempre, la seconda guerra mondiale, a causa della guerra fredda.[1] È un tema spesso dibattuto da giornalisti, scienziati e politici ed è stato narrato, oppure è presente come antefatto, in molte opere di fantascienza apocalittica e postapocalittica,[2] oltre ad essere stata oggetto di studi e pianificazioni sui possibili scenari da parte delle autorità militari e civili.[3]

Il termine viene spesso associato all'utilizzo di un qualche tipo di arma di distruzione di massa, come armi nucleari, armi chimiche o biologiche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

«I do not know how the Third World War will be fought, but I can tell you what they will use in the Fourth: rocks.»

(IT)

«Io non so come sarà combattuta la terza guerra mondiale, ma posso dirvi che cosa useranno nella quarta: pietre.»

(Albert Einstein[4][5][6][7])

Nella seconda metà del XX secolo si considerò che il confronto militare tra le due superpotenze poneva a rischio la pace mondiale, nei momenti particolari durante la guerra fredda che videro l'acuirsi del confronto tra i due blocchi controllati rispettivamente da Stati Uniti d'America ed Unione Sovietica. Molti pensavano (nonostante alcuni scettici)[8] che, se tale ostilità fosse peggiorata e si fosse verificata un'escalation[9] che avesse condotto a una guerra aperta, il conflitto sarebbe sfociato in una "terza guerra mondiale"[10] che si sarebbe potuta probabilmente concludere con la distruzione di gran parte della vita sulla Terra, l'estinzione della specie umana oppure, in definitiva, il collasso parziale della civiltà, con un numero di vittime non inferiore al miliardo di morti, come si evince dalla dottrina politico-militare della distruzione mutua assicurata.[11]

Questo tipo di eventi catastrofici può essere paragonato ai più grossi impatti da asteroide o cometa, alle peggiori pandemie globali ed ai tipi più gravi di catastrofi da mutamento climatico, rendendoli classificabili come eventi di estinzione di massa che potrebbero cancellare l'umanità oppure tutta la vita sulla Terra.

L'espressione "terza guerra mondiale" è sopravvissuta alla fine della guerra fredda ed è riferita attualmente ad ogni potenziale conflitto globale futuro in cui solitamente sono coinvolte armi nucleari. La possibilità che un terzo conflitto mondiale abbia luogo tra superpotenze è stata sostituita dalla minaccia di un attacco nucleare da parte di una piccola fazione non legata necessariamente ad uno Stato particolare, evento che potrebbe provocare rappresaglie capaci di dare il via ad un distruttivo effetto domino[12]. Questo timore è infatti nutrito dall'elevato numero di armi nucleari ancora in circolazione, sia negli USA che in Russia, e dal sempre maggior rischio di attentati terroristici a seguito degli attentati dell'11 settembre 2001 e della successiva cosiddetta "Guerra al terrorismo" lanciata dagli Stati Uniti[13] contro il regime talebano in Afganistan e Al-Qaida.

Dopo il 2001, la locuzione è stata spesso ripresa per vari conflitti e crisi mondiali. Papa Francesco, nel 2014, riferendosi a vari conflitti in corso nel mondo (guerra civile siriana, crisi della Crimea del 2014, la guerra del Donbass, guerra degli islamisti in Iraq e in Africa, il tutto in una situazione di grave crisi economica, cambiamento climatico, migrazioni di massa e proteste globali) e le operazioni militari in Afghanistan ha dichiarato che, a suo parere, il mondo è già entrato nella terza guerra mondiale, ma "a pezzi".[14] L'espressione "Terza guerra mondiale a pezzi" è stata utilizzata dal Papa in numerose altre occasioni, negli anni successivi.[15]

Nel febbraio 2017, Robert Kagan, un politologo politico americano e cofondatore del think tank Project for the New American Century, scrive un articolo sulla rivista americana Foreign Policy[16] che è preoccupato per il possibile avvento della "terza guerra mondiale" di fronte all'eccessivo espansionismo territoriale, il crescente militarismo e la politica egemonica della Russia (nell'Europa orientale) e della Cina (sulle isole Spratleys, Paracels e Senkaku), assimilati ai "poteri revisionisti" come la Germania nazista o il Giappone responsabili della seconda guerra mondiale. Per lui, quei poteri insoddisfatti dell'ordinato ordine internazionale approfittano della debolezza e del lassismo delle democrazie occidentali per adottare un atteggiamento nazionalista, militarista e sempre più bellicoso e lamentano la presunta debolezza dell'amministrazione Obama prima dei russi e dei cinesi.[16]

Sull'orlo della terza guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Prima del collasso dell'Unione Sovietica e della fine della guerra fredda, un'apocalittica guerra tra gli Stati Uniti e l'URSS era presa seriamente in considerazione. Varie crisi rischiarono di mettere a repentaglio la pace fra le due superpotenze:

Coppia di SS-5 Skean
  • 15–28 ottobre 1962, crisi dei missili di Cuba: la scoperta da parte di ricognitori americani dell'installazione a Cuba di basi per missili sovietici SS-4 Sandal e SS-5 Skean, dotati di testate nucleari e in grado di colpire gran parte degli Stati Uniti continentali, provocò uno stato di massima tensione tra le due superpotenze. Il 22 ottobre il presidente statunitense John Fitzgerald Kennedy ordinò d'istituire un blocco navale su Cuba allo scopo d'impedire l'installazione di ulteriori missili; il 27 ottobre, a seguito dell'abbattimento di un aereo-spia americano U-2, lo Strategic Air Command innalzò, per la prima e unica volta dalla sua istituzione, il livello dell'indicatore DEFCON, che indica lo stato di allerta delle forze armate degli USA, a DEFCON 2, appena un gradino sotto lo stato di guerra totale.[21] La crisi venne poi risolta per vie diplomatiche, i missili furono ritirati da Cuba nel novembre seguente e il blocco navale fu poi formalmente sciolto il 21 novembre.
  • ottobre 1973, guerra del Kippur: l'attacco a sorpresa da parte di Egitto e Siria contro Israele provoca una grave crisi in seno alle forze israeliane, che rischiano di essere travolte; il capo di Stato Maggiore israeliano Moshe Dayan chiese ed ottenne il permesso preliminare per l'uso di armi nucleari tattiche contro le forze arabe;[22] la comunicazione, intercettata dai sistemi di rilevamento, provocò l'immediato stato d'allerta nucleare in Unione Sovietica e l'innalzamento a DEFCON 3 per le forze armate americane di stanza nell'area.[21] Le due superpotenze si fecero immediatamente promotrici di pressioni diplomatiche volte a pervenire ad un cessate il fuoco tra i due contendenti.[23]
Stemma del NORAD, il Comando di difesa aerospaziale del Nordamerica
  • 9 novembre 1979, gli addetti al lancio dei missili balistici LGM-30 Minuteman americani vennero messi in stato di massima allerta dopo che venne loro comunicato il lancio da parte dei sovietici di un massiccio attacco nucleare contro gli Stati Uniti; l'allarme era in realtà generato da un video di esercitazione, erroneamente trasmesso sui computer del sistema di primo allarme americano. L'allarme raggiunse il NORAD, provocando il panico e scatenando reazioni disordinate; solo dopo sei minuti la rete satellitare americana diede conferma che nessun attacco sovietico era realmente in corso.[24]
  • 30 marzo 1981, dopo l'attentato a Ronald Reagan, temendo si trattasse di una cospirazione sovietica, complice il fatto che l'URSS aveva aumentato la presenza di nuovi sottomarini nucleari strategici rispetto ai giorni precedenti, le forze armate rimasero in stato di massima allerta, ma senza innalzare l'allerta DEFCON. Dopo aver scoperto che si trattava del gesto isolato di un folle, l'allerta fu eliminata.
  • 26 settembre 1983, incidente dell'equinozio d'autunno: un satellite di pre-allarme sovietico segnalò erroneamente il lancio di cinque missili balistici degli Stati Uniti d'America diretti in URSS. Il colonnello Stanislav Petrov, in servizio nel centro di controllo della rete satellitare sovietica, ritenne improbabile un attacco condotto con soli cinque missili, capì che probabilmente era in corso un malfunzionamento del sistema e come tale riportò l'accaduto ai superiori; poco dopo si scoprì che c'era effettivamente stato un guasto e lo stato di emergenza fu annullato. Il falso allarme risultò essere stato originato da dei riflessi del Sole dovuti ad una particolare congiunzione astronomica tra la Terra, l'orbita dei satelliti ed il Sole stesso, congiunzione che si poteva verificare solo in quel periodo dell'anno, motivo per cui l'evento passò alla storia con il nome con cui è noto.[25][26]
Probabili assi di attacco del Patto di Varsavia in Germania Ovest durante la guerra fredda (1976)
  • 8–9 novembre 1983, esercitazione Able Archer 83: l'URSS interpretò un test sulle procedure d'attacco nucleare della NATO come una copertura per un vero attacco e conseguentemente innalzò il proprio livello di allerta. La dinamica della risposta sovietica tuttavia non è chiara: fonti statunitensi[27] riportano che l'URSS mobilitò bombardieri in Germania Est e Polonia, ma alcuni politici e militari sovietici negarono che l'accaduto fosse stato portato all'attenzione del ministero della Difesa o del Politburo.[28][29]
  • 25 gennaio 1995, incidente del missile norvegese: il lancio di un razzo norvegese per ricerche scientifiche fu rilevato da un centro di controllo radar russo nei pressi di Pečora e scambiato per il lancio di un missile Trident a testata nucleare diretto su Mosca; la Norvegia aveva precedentemente avvisato 30 paesi del lancio, Russia inclusa, ma il ministero della difesa russo aveva presumibilmente dimenticato di avvisare di questo i tecnici del rilevamento radar.[26] Per la prima e fino ad oggi unica volta vennero attivate le procedure complete per ordinare un attacco di risposta da parte delle forze nucleari russe, che il presidente Boris Eltsin autorizzò facendo uso delle "chiavi nucleari" (in russo Cheget).[26] Dopo che furono trascorsi otto dei dieci minuti disponibili per decidere se avviare o meno la rappresaglia nucleare, i satelliti russi confermarono che il razzo era diretto non su Mosca ma sulle isole Svalbard e il conto alla rovescia venne annullato.
  • 12–26 giugno 1999, incidente di Pristina: le forze NATO ebbero l'ordine di impossessarsi dell'aeroporto di Pristina (Kosovo), ma vennero precedute dalle truppe russe. In risposta, il comandante statunitense Wesley Clark, capo della missione Allied Force, ordinò al generale inglese Mike Jackson di far intervenire i paracadutisti, ma questi si rifiutò rispondendo: "Non ho intenzione di iniziare la terza guerra mondiale per voi".[30]
  • 3 gennaio 2020, attacco aereo dell'aeroporto di Baghdad: il generale iraniano Qasem Soleimani, comandante della Forza Quds, mentre era in una visita ufficiale in Iraq, fu ucciso in un attacco con drone su ordine del presidente statunitense Donald Trump. In molti paragonarono l'assassinio di Soleimani all'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando d'Austria (casus belli della prima guerra mondiale), paventando il rischio di una terza guerra mondiale. L'Iran reagì bombardando due basi militari statunitensi situate in Iraq, ma l'attacco non causò danni degni di nota.[31] Sui social network si registrò come tema ricorrente una possibile terza guerra mondiale.[32][33]
  • 24 febbraio 2022-in corso, invasione russa dell'Ucraina: dopo anni di tensioni militari e diplomatiche tra Russia e Ucraina, il Presidente russo Vladimir Putin dà il via a quella che definisce una "operazione militare speciale", invadendo l'Ucraina con l'obiettivo di "denazificare e demilitarizzare il Paese" e scatenando un conflitto armato nel cuore dell'Europa. Diversi Paesi nel mondo iniziano a riferirsi a ciò utilizzando l'espressione "terza guerra mondiale", pronunciata anche dalla Cina e dalla Russia stessa il 26 aprile seguente, le quali riferiscono un potenziale rischio di un conflitto mondiale dopo le sanzioni emanate dall'UE e dagli Stati Uniti nei confronti della Russia.[34][35][36][37] Il 21 settembre 2022 in un discorso alla nazione il presidente russo Putin annuncia una "mobilitazione parziale"[38][39] in Russia e la creazione di referendum in tutti i territori occupati.[40][41] Poche ore dopo numerosi funzionari russi, compreso Putin, minacciano apertamente la possibilità dell'utilizzo di armi nucleari in Ucraina, scatenando forti reazioni da parte della comunità internazionale e dell'Alleanza Atlantica.[42][43][44][45] Il 6 ottobre 2022 il presidente statunitense Joe Biden, in un discorso tenutosi in una convention degli elettori democratici, dichiara esplicitamente che "per la prima volta dalla crisi dei missili cubani, abbiamo la minaccia di un'apocalisse nucleare. Il 15 novembre 2022 un missile antiaereo ucraino è esploso in un paesino della Polonia a pochi chilometri dal confine Ucraino causando 2 vittime. Dopo diverse ore di tensione internazionale, nelle quali si pensò da subito ad un possibile attacco Russo, chiedendo da più parti l'invocazione dell'articolo 4 della Nato; è stato successivamente appurato che si è trattato soltanto di uno "sfortunato incidente" e la crisi rientrò nel corso della giornata successiva.

Rappresentazione nei media[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fantascienza apocalittica e postapocalittica.
Il fumetto Atomic War! (novembre 1952) è incentrato su un'ipotetica terza guerra mondiale atomica

La rappresentazione di una terza guerra mondiale, quasi sempre combattuta con armi atomiche, è il tema principale di vari romanzi apocalittici, scritti principalmente durante la guerra fredda tra la fine degli anni cinquanta e gli anni ottanta e in alcuni casi trasposti in film, di fumetti e di alcune serie televisive.

Varie opere hanno cercato di raccontare con una certa verosimiglianza lo scoppio della guerra nucleare e le sue catastrofiche conseguenze, lanciando di fatto un forte messaggio antimilitarista. Ad esempio nel romanzo L'ultima spiaggia di Nevil Shute del 1957, da cui è tratto l'omonimo film del 1959, si immaginava la fine della vita umana sulla Terra a seguito di una guerra atomica totale, narrata dal punto di vista degli ultimi sopravvissuti non ancora raggiunti dalle radiazioni. Livello 7 (1959) di Mordecai Roshwald, è il diario di uno dei testimoni della distruzione nucleare dell'umanità (un soldato addetto al meccanismo della rappresaglia atomica, in realtà automatica). In Addio, Babilonia (Alas, Babylon, 1959) di Pat Frank, il rapido svolgimento del conflitto atomico è visto da un remoto paesino della Florida che sfugge alla distruzione. Il romanzo L'anno del sole quieto (1970) di Wilson Tucker utilizza l'espediente del viaggio nel tempo per accertare le più pessimistiche previsioni politiche e sociali fatte in quel periodo, un inquietante futuro che il protagonista scopre attraverso successivi balzi temporali.

Nel campo cinematografico è possibile citare il film satirico Il dottor Stranamore (Dr. Strangelove, Stanley Kubrick, 1964), quindi il film per la televisione del 1983 The Day After - Il giorno dopo e il film Alba rossa (1984) in cui è immaginata un'invasione parziale degli Stati Uniti da parte delle truppe sovietiche e suoi alleati centroamericani; ma qui, a differenza degli altri due film, non vengono usate armi nucleari.

Numerose sono anche altre opere di fantascienza postapocalittica più o meno recenti ambientate dopo un'ipotetica terza guerra mondiale atomica, nel quadro di una civiltà morente o comunque fortemente regredita a causa di essa.

La terza guerra mondiale è un tema presente anche in vari videogiochi, ad esempio nelle serie di Fallout — ambientata in un futuro alternativo, rimasto con le ideologie e timori degli anni '50 — e nella famosa serie di Metro 2033, nella quale i russi si rifugiano nelle metropolitane sotto Mosca per sopravvivere alla guerra nucleare scoppiata 40 anni prima.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Vottari, La guerra fredda, Alpha test, 2002, p. 12, ISBN 978-88-483-0277-7.
  2. ^ Roberto Chiavini, Gian Filippo Pizzo e Michele Tetro, Il grande cinema di fantascienza: da "2001" al 2001, Gremese Editore, 2001, ISBN 978-88-8440-114-4. URL consultato il 2 marzo 2022.
  3. ^ Sergio A. Rossi, Rischio atomico ed equilibri mondiali, SEI 1980.
  4. ^ Alice Calaprice, The new quotable Einstein, Princeton University Press, 2005, p. 173, ISBN 0-691-12075-7.
  5. ^ Alice Calaprice e Trevor Lipscombe, Albert Einstein: a biography, Greenwood Publishing Group, 2005, p. 124, ISBN 0-313-33080-8.
  6. ^ Fred Shapiro e Joseph Epstein, The Yale book of quotations, Yale University Press, 2006, p. 229, ISBN 0-300-10798-6.
  7. ^ A variation of the quote, appearing in sources such as the video game Call of Duty 4: Modern Warfare, runs: I know not with what weapons World War III will be fought, but World War IV will be fought with sticks and stones...
  8. ^ Luigi Sturzo, Politica di questi anni: consensi e critiche, N. Zanichelli, 1954. URL consultato il 2 marzo 2022.
  9. ^ James Burk, La guerra e il militare nel nuovo sistema internazionale, FrancoAngeli, 1998, ISBN 978-88-464-0407-7. URL consultato il 2 marzo 2022.
  10. ^ Gianni Ferraro, Enciclopedia dello spionaggio nella Seconda Guerra mondiale, S. Teti, 2010, ISBN 978-88-88249-27-8. URL consultato il 2 marzo 2022.
  11. ^ Vincenzo Ferrari, Filosofia giuridica della guerra e della pace: atti del XXV Congresso della Società italiana di filosofia del diritto, Milano e Courmayeur, 21-23 settembre 2006, FrancoAngeli, 2008, ISBN 978-88-464-9578-5. URL consultato il 2 marzo 2022.
  12. ^ corriere.it, su archiviostorico.corriere.it.
  13. ^ Roberto Quaglia, Il mito dell'11 settembre e l'opzione dottor Stranamore, Roberto Quaglia, 2006, ISBN 978-88-902775-1-1. URL consultato il 2 marzo 2022.
  14. ^ Il Papa: "La Terza guerra mondiale è già iniziata", su la Repubblica, 18 agosto 2014. URL consultato il 2 marzo 2022.
  15. ^ Parigi: Papa Francesco "Questo non è umano, una terza guerra mondiale a pezzi" - Cronaca, su ANSA.it, 14 novembre 2015. URL consultato il 2 marzo 2022.
  16. ^ a b (EN) Backing Into World War III, su foreignpolicy.com, Foreign Policy, 6 febbraio 2017. URL consultato il 6 gennaio 2018.
  17. ^ Lee 2001, p. 77.
  18. ^ a b Lee 2001, pp. 79-80.
  19. ^ Lee 2001, p. 83.
  20. ^ (EN) The Real History of the Nuclear Age, su publishing.cdlib.org. URL consultato il 12 aprile 2011.
  21. ^ a b fas.org - DEFCON DEFense CONdition, su fas.org. URL consultato il 12 aprile 2011.
  22. ^ Sam Katz, Le forze di difesa israeliane dal 1973, Osprey Publishing, 1998, pp. 4 - 5. ISBN 84-7838-983-0
  23. ^ Hutchinson 2003, p. 130.
  24. ^ Hutchinson 2003, p. 31.
  25. ^ Stanislav Petrov, il russo che salvò il mondo, su doxaliber.it. URL consultato il 12 aprile 2011.
  26. ^ a b c Hutchinson 2003, pp. 25-27.
  27. ^ Oberdorfer 1991, p. 67.
  28. ^ Garthoff 1994, p. 139, nota 160.
  29. ^ (EN) ABLE ARCHER 83, su cia.gov. URL consultato il 12 aprile 2011.
  30. ^ (EN) Confrontation over Pristina airport, su bbc.co.uk, 9 marzo 2000. URL consultato l'11 aprile 2011.
  31. ^ (EN) Peter Baker, Trump Backs Away From Further Military Conflict With Iran, in The New York Times, 8 gennaio 2020. URL consultato il 2 marzo 2022.
  32. ^ Morte Qassem Soleimani, Twitter reagisce all'attacco Usa: hashtag #WWIII evoca la terza guerra mondiale, su la Repubblica, 3 gennaio 2020. URL consultato il 3 aprile 2020.
  33. ^ Soleimani, su Twitter 'scoppia' la terza guerra mondiale, su Adnkronos. URL consultato il 3 aprile 2020.
  34. ^ Ucraina, Biden evoca la Terza Guerra mondiale e avverte: “La Russia potrebbe invadere in 48 ore”, su fanpage.it.
  35. ^ Biden: americani via, rischiamo la terza guerra mondiale, su ilmanifesto.it.
  36. ^ Terza Guerra Mondiale, dopo gli Usa anche Russia e Cina rompono il tabù., su ilfattoquotidiano.it.
  37. ^ Sky TG24, Lavrov: terza guerra mondiale pericolo reale. Cina: nessuno la vuole | Sky TG24, su tg24.sky.it. URL consultato il 3 maggio 2022.
  38. ^ Russia, Putin annuncia mobilitazione parziale: "Useremo ogni mezzo per difenderci" - Adnkronos.com, su www.adnkronos.com. URL consultato il 28 settembre 2022.
  39. ^ Ucraina. Putin annuncia mobilitazione, proteste e arresti. Biden: minacce spericolate, su www.avvenire.it, 21 settembre 2022. URL consultato il 28 settembre 2022.
  40. ^ Ucraina, Stoltenberg: "Referendum Russia una farsa, escalation di Putin" - Adnkronos.com, su www.adnkronos.com. URL consultato il 28 settembre 2022.
  41. ^ Ucraina, annunciati referendum per l'annessione alla Russia in Donbass: quando si terrano, su notizie.virgilio.it. URL consultato il 28 settembre 2022.
  42. ^ Medvedev: "È nostro diritto usare le armi nucleari se necessario, non è un bluff" - HuffPost Italia, su www.huffingtonpost.it. URL consultato il 28 settembre 2022.
  43. ^ Redazione Agenzia Nova, Utilizzo di armi nucleari in Ucraina, Peskov: "Tutto scritto nella dottrina della Federazione Russa", su Agenzia Nova, 17 settembre 2022. URL consultato il 28 settembre 2022.
  44. ^ AMP | Gli Stati Uniti avvertono Putin: "Conseguenze catastrofiche se ricorrerà ad armi nucleari", su www.rainews.it. URL consultato il 28 settembre 2022.
  45. ^ Sky TG24, Guerra Ucraina Russia, Medvedev: 'Uso di armi nucleari se necessario, non è bluff' | Sky TG24, su tg24.sky.it. URL consultato il 28 settembre 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85148541 · GND (DE4189592-7 · J9U (ENHE987007529752505171