Serie A1 (pallanuoto femminile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serie A1
FINlogo.svg
SportWater polo pictogram.svg Pallanuoto
TipoClub
FederazioneFIN
PaeseItalia Italia
TitoloCampione d'Italia
Partecipanti8
Retrocessione inSerie A2
Sito Internet[1]
Storia
Fondazione1985
DetentoreOrizzonte CT
Record vittorieOrizzonte CT (20)
Ultima edizione2019-20
Prossima edizione2020-21
Scudetto.svg
Trofeo o riconoscimento

La Serie A1 è la massima divisione del campionato italiano femminile di pallanuoto, organizzato dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN).

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

La prima fase del torneo, la cosiddetta regular season, consta di un girone all'italiana che vede le 10 squadre partecipanti al campionato di Serie A1 affrontarsi a turno nel girone di andata e in quello di ritorno, per un totale di 18 partite per squadra. Per ogni partita vengono assegnati 3 punti alla squadra vincente e 0 a quella perdente. In caso di pareggio, ciascuna delle due squadre somma un punto. Alla fine di questa fase, le ultime due squadre classificate retrocedono direttamente in Serie A2.

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

La fase dei play-off vede in scena le prime 4 squadre della regular season. I play-off si dividono in semifinali e finale.

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Partecipano alle semifinali le prime 4 squadre . le semifinali si gioca con andata e ritorno.

Finale[modifica | modifica wikitesto]

La finale vedrà scontrarsi le due squadre vincitrici delle semifinali. Essa si svolgerà al meglio delle 2 partite su 3, quindi la prima squadra a sconfiggere 2 volte l'avversaria su 1 incontri disponibili, si laureerà Campione d'Italia. La prima, la terza e l'eventuale terza partita si giocheranno in casa della squadra con il miglior piazzamento in classifica durante la regular season.

Formula del campionato 2011-2012[modifica | modifica wikitesto]

A causa della rinuncia da parte di Nervi e Palermo, la FIN ha deliberato[1] la riduzione del numero delle squadre partecipanti a 10, per un totale di 18 giornate nella Regular Season. In luogo dei play-off verrà disputata una Final Four tra le prime quattro classificate della Regular Season, in sede da stabilirsi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima stagione della massima serie femminile fu quella del 1985, vinta dal Volturno di Santa Maria Capua Vetere; la squadra casertana iniziò così ad imporre il proprio dominio sul campionato, che durò fino al 1991, vincendo sette titoli su sette. Nel 1992 fu l'Orizzonte Catania ad interrompere la serie di affermazioni del Volturno. Come le sammaritane, anche le siciliane imposero un lungo dominio sulla massima divisione, che durò sino al 2011, con un'unica interruzione: la vittoria del titolo nel 2007 da parte della Fiorentina Waterpolo. Le successive tre edizioni videro il trionfo di altrettante compagini liguri: la Pro Recco, il Rapallo e l'Imperia. Dal 2014-15 al 2017-2018 è stato il Plebiscito Padova a monopolizzare il torneo con quattro affermazioni consecutive, prima del ritorno al successo, nel 2018-19 dopo otto stagioni di astinenza, dell'Orizzonte Catania che conquista contestualmente anche la sua seconda stella.

La stagione 2019-2020 è stata dapprima interrotta, dopo dieci turni di regular season, e successivamente annullata dalla FIN a causa dell'emergenza coronavirus. Lo scudetto non è stato assegnato, così come i posti per la partecipazione alle coppe europee dell'anno successivo. Sono state inoltre bloccate anche le retrocessioni in Serie A2 e le promozioni dalla stessa categoria.

Organico 2020-21[modifica | modifica wikitesto]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Albo d'oro della Serie A1 (pallanuoto femminile).
Squadra Scudetti
Orizzonte CT 20
Volturno 7
Plebiscito PD 4
Fiorentina 1
Pro Recco 1
Rapallo 1
Imperia 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

Pallanuoto Portale Pallanuoto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pallanuoto