Sassetta (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sassetta
comune
Sassetta – Stemma Sassetta – Bandiera
Sassetta – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Livorno-Stemma.png Livorno
Amministrazione
Sindaco Luciano Cencioni (Partito Democratico) dal 29-5-2007
Territorio
Coordinate 43°08′N 10°39′E / 43.133333°N 10.65°E43.133333; 10.65 (Sassetta)Coordinate: 43°08′N 10°39′E / 43.133333°N 10.65°E43.133333; 10.65 (Sassetta)
Altitudine 330 m s.l.m.
Superficie 26,75 km²
Abitanti 528[1] (28-2-2015)
Densità 19,74 ab./km²
Comuni confinanti Castagneto Carducci, Monteverdi Marittimo (PI), Suvereto
Altre informazioni
Cod. postale 57020
Prefisso 0565
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 049019
Cod. catastale I454
Targa LI
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti sassetani
Patrono San Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sassetta
Sassetta
Posizione del comune di Sassetta all'interno della provincia di Livorno
Posizione del comune di Sassetta all'interno della provincia di Livorno
Sito istituzionale

Sassetta è un comune italiano di 528 abitanti della provincia di Livorno in Toscana. Il paese è uno dei comuni facenti parte del circondario della Val di Cornia.

Il toponimo è attestato per la prima volta nel 1115, allorché un Benedetto signore della Sassetta fu Governatore pisano a Maiorca (Jacopo Arrosti, "Cronica di Pisa"), e deriva probabilmente dal latino saxum, "roccia", per cui Sassetta è la "piccola roccia".

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sassetta fu un importante castello della Repubblica Pisana, abbattuto nel 1503 dopo la conquista fiorentina. Nel 1516 furono anche esiliati gli originali Signori del luogo, i pisani Orlandi della Sassetta. Il borgo appartenne dal XVI secolo alla famiglia di origine spagnola Ramirez de Montalvo, giunta a Firenze con la corte di Eleonora da Toledo che andò in sposa al granduca di Toscana Cosimo I de' Medici.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

A sud, verso il fiume Cornia, si estende un percorso del trekking in un'area boschiva di notevole interesse naturalistico, che comprende il monte Calvi a est e le colline di Castagneto Carducci a nord.

Nel comune di Sassetta, nell'ambito del sistema dei Parchi della Val di Cornia, è stato creato il Parco naturalistico-forestale di Poggio Neri e il Museo del Bosco. Sulla cima del monte Bufalaio, nei pressi di una piccola cava, è presente una parete rocciosa, con un crepaccio largo circa un metro che scende a picco per una trentina di metri; si tratta di siti di interesse speleologico. Nelle vicinanze del nuovo acquedotto, lungo il corso del fosso dei mulini, ci sono i ruderi di un vecchio mulino.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 139 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Persone legate a Sassetta[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 luglio 1985 2 giugno 1990 Saverio Baldassarri Partito Comunista Italiano Sindaco [3]
2 giugno 1990 24 aprile 1995 Saverio Baldassarri - Sindaco [3]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Saverio Baldassarri centro-sinistra Sindaco [3]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Rodolfo Anselmi centro-sinistra Sindaco [3]
14 giugno 2004 9 dicembre 2006 Fausto Lorenzelli lista civica Sindaco [3]
29 maggio 2007 7 maggio 2012 Luciano Cencioni Democratici di Sinistra Sindaco [3]
7 maggio 2012 in carica Luciano Cencioni Sindaco [3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2015.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN155093898 · BNF: (FRcb123558294 (data)
Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana