Bernardo di Quintavalle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da San Bernardo di Quintavalle)
Jump to navigation Jump to search
Beato Bernardo di Quintavalle
Bernard of Quintavalle.jpg
 

Francescano

 
Morte1241, Assisi
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleAssisi, Basilica inferiore di San Francesco
Ricorrenza10 luglio

Bernardo di Quintavalle (XIII secoloAssisi, 10 luglio 1241) è stato un religioso italiano. Fu il primo seguace di Francesco d'Assisi ed è venerato come beato dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Quintavalle di Berardello, di condizione agiata, si laureò dottore in utroque iure a Bologna. Successivamente conobbe Francesco d'Assisi e - secondo l'agiografia - era assieme a lui, il 16 aprile 1208, quando ascoltò un predicatore pronunciare un passo del Vangelo secondo Matteo[1] che lo indusse a spogliarsi dei suoi averi e distribuirne il ricavato ai poveri seguendo l'esempio tracciato da Francesco.

Qualche tempo dopo Bernardo fece ritorno a Bologna come predicatore insieme a Pietro Cattani. Successivamente si trasferì a Firenze.

Tra il 1213 e il 1214, insieme a Francesco, si diresse in Marocco attraverso la Spagna; durante il viaggio fece tappa a Sangüesa, in Navarra, per assistere un infermo, nel luogo in cui sarebbe stato fondato, in seguito, il primo - probabilmente - convento dell'Ordine francescano.

Continuò le sue peregrinazioni per un'altra quindicina d'anni fino a quando non si ritirò in eremitaggio fino al 1240. È sepolto in Assisi, nella Basilica inferiore.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la croce e mi segua» (Mt.16,24).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ludovico Jacobilli, Vita de' Santi e Beati dell'Umbria, Foligno 1656
  • Vita di frate Bernardo da Quintavalle, il primo che entrò nell'Ordine, in Analecta Franciscana, Quaracchi 1907
  • W. Block, Vivere il vangelo con Francesco d'Assisi. Temi e figure della fraternità minoritica, Bologna 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]