Perpetuo Guasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Perpetuo Guasco, O.F.M.
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
Incarichi ricoperti
Nato 2 luglio 1803, Solero
Ordinato presbitero 1826
Nominato vescovo 7 giugno 1839 da papa Gregorio XVI
Consacrato vescovo 29 settembre 1839 da Francisco Villardel O.F.M.
Deceduto 25 agosto 1859, Il Cairo
Perpetuo Guasco, O.F.M.

138º Custode di Terra Santa
Durata mandato 4 settembre 1838 –
7 maggio 1841
Predecessore Francesco Saverio da Malta
Successore Cherubino Maria da Cori

Perpetuo Guasco (Solero, 2 luglio 1803Il Cairo, 26 agosto 1859) è stato un vescovo cattolico italiano dell'Ordine dei Frati Minori.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Perpetuo Guasco nacque a Solero il 2 luglio 1803 da Perpetuo Bruno e Francesca Maria Mantelli, era il quarto di cinque figli.

All'età di sedici anni decise di entrare in convento presentandosi ad Assisi al convento di Santa Maria degli Angeli. Prese il nome religioso di Luigi, terminò gli studi a Narni nel 1826 e fu ordinato sacerdote nella cattedrale di Narni[1].

Si distinse nella sua vita cristiana tanto che il 14 febbraio 1836, venne eletto superiore del convento di San Salvatore di Gerusalemme. Due anni dopo, il 4 settembre 1838, divenne il 138º Custode di Terra Santa[2].

Secondo le lettere che Pepertuo inviò al Ministro Generale dell'Ordine, Giuseppe d’Alessandria della Rocca, il suo mandato custodiale fu caratterizzato da molte difficoltà e tumulti dovendo lottare per difendere i diritti dei francescani in Terra Santa.

Il 7 giugno 1839 fu nominato vescovo e vicario apostolico del neonato vicariato apostolico di Alessandria d'Egitto, eretto il 18 maggio dello stesso anno con il breve Ex munire pastoralis di papa Gregorio XVI ricavandone il territorio dal vicariato apostolico di Siria, Egitto, Arabia e Cipro e dalla missione dell'Egitto inferiore. Contestualmente fu nominato anche delegato apostolico in Egitto e Arabia.

Si prodigò per il convento francescano del Muski a Il Cairo e fece costruire la cattedrale di Santa Caterina ad Alessandria d'Egitto.

Il 26 agosto 1859 morì nel convento del Muski all’età di 56 anni. Fu sepolto nella chiesa dell'Assunta adiacente al convento, nel pavimento del presbiterio[3].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Custode di Terra Santa e Guardiano del Monte Sion Successore Croix de l Ordre du Saint-Sepulcre.svg
Francesco Saverio da Malta 4 settembre 1838 - 7 maggio 1841 Cherubino Maria da Cori
Predecessore Vescovo Titolare di Fesseë Successore Template-Bishop.svg
Patrick MacMahon 7 giugno 1839 - 26 agosto 1859 Edward Ilsley
Predecessore Vicario apostolico d'Egitto Successore Template-Bishop.svg
carica creata 7 giugno 1839 - 26 agosto 1859 Pasquale Vujcic, O.F.M.
Predecessore Delegato apostolico in Egitto e Arabia Successore Emblem Holy See.svg
Jean-Baptiste Auvergne 7 giugno 1839 - 26 agosto 1859 Pasquale Vujcic, O.F.M.