Riserva naturale Bosco dei Rocconi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale Bosco dei Rocconi
Tipo di areaRiserva naturale regionale
Codice WDPA178781
Codice EUAPEUAP1009
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatiItalia Italia
RegioniToscana Toscana
ProvinceGrosseto Grosseto
ComuniRoccalbegna, Semproniano
Superficie a terra371 ha
Provvedimenti istitutiviD.C.P. 89, 15.06.98 - D.D. 1490, 16.11.98
GestoreProvincia di Grosseto
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale

Coordinate: 42°47′15.36″N 11°30′05.15″E / 42.7876°N 11.50143°E42.7876; 11.50143

La Riserva naturale Bosco di Rocconi è un'area naturale protetta situata nella Toscana meridionale e si estende per circa 371 ettari[1], nei comuni di Roccalbegna e Semproniano, lungo il corso del fiume Albegna.

Parte della Riserva naturale (130 ha) è proprietà WWF, che vi ha istituito l'omonima Oasi a cui si accede dalla Strada Statale 323, al km 49. In parte ricade nel sito di interesse comunitario "Monte Labbro e Alta Valle dell'Albegna"[2].

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio è di alta collina con rilievi principali di altitudine massima intorno ai 500 m s.l.m. ed è situato nella parte orientale della Provincia di Grosseto, ad una distanza di circa 35 km in linea d'aria da Grosseto. Nella riserva sono presenti diverse grotte poco frequentate.

Il tratto del fiume Albegna, alla confluenza del torrente Rigo, compreso nella Riserva, è caratterizzato da un paesaggio aspro e selvaggio, con profonde gole parzialmente ricoperte da lecceta. La geologia annovera formazioni a calcari vari compreso il rosso ammonitico, a calcareniti, ad argilliti e a diapri.

Il panorama è facilmente osservabile dal piccolo borgo di Rocchette di Fazio.

Il clima rientra nel tipo sub-umido, con precipitazioni medie fra i 1.000-1.100 mm. Dal punto di vista fito-climatico, secondo Pavari, la Riserva rientra nel Castanetum.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

La Riserva è caratterizzata da vegetazione boschiva autoctona nel comune di Roccalbegna, mentre nel Comune di Semproniano prevalgono le coltivazioni erbacee e i pascoli.

La già citata lecceta, che cresce nelle zone più impervie e per questo si è salvata dal taglio ceduo, ospita, oltre al leccio, aceri minori, filliree, lentischi e qualche bagolaro. Altre specie riscontrabili sono l'orniello, il corniolo e il sorbo. Il bosco di caducifoglie alla base delle pareti rocciose è costituito da roverelle, carpini, ecc. ed impreziosito dalla presenza di ben 28 specie di orchidee, tra cui Ophrys bertolonii, Anacamptis laxiflora e Limodorum abortivum.

Nelle zone più umide a ridosso dei fiumi, da specie più igrofile come carpino bianco e carpino nero, pioppi, olmo, nocciolo.

Biancone
Pieride su Anacamptis laxiflora.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La fauna è rappresentata da innumerevoli specie, fra cui alcune di interesse comunitario (Direttiva CEE 92/43) come Triturus cristatus, Bombina variegata, Elaphe quatuorlineata e Salamandrina perspicillata, oltre che da una notevole presenza di mammiferi come il gatto selvatico, la martora, il tasso e, erratico, il lupo.

Fra le numerose specie di uccelli presenti, rivestono particolare importanza i rapaci nidificanti ed in particolare il falco pellegrino, il simile ma ben più raro lanario ed il biancone; frequentano l'area anche corvo imperiale, passero solitario e picchio muraiolo. Altri uccelli riscontrabili sono il martin pescatore, il gruccione, la ghiandaia marina e il merlo acquaiolo.

Numerosi sono poi i rettili, fra cui biacco, biscia dal collare, altri colubri, vipera e testuggine di Hermann.

Tra gli invertebrati, è importante la presenza della rara farfalla Zerynthia polyxena, oltre a quella di un grillo endemico (Dolichopoda letitiae etrusca), scoperto nelle numerose grotte presenti nell'area.

Strutture ricettive[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Riserva naturale Pescinello § Strutture ricettive.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guido Ceccolini e Anna Cenerini - Parchi e Aree protette della Toscana - Editrice "il mio Amico", 2004.
  • Guido Ceccolini e Anna Cenerini - Monte Labbro Alta Valle dell'Albegna - Editrice "il mio Amico", 2002.
  • Guido Ceccolini e Anna Cenerini - L'avifauna del Monte Labbro e dell'Alta Valle dell'Albegna - Editrice "il mio Amico", 2007.
  • Federico Selvi, Paolo Stefanini, Biotopi naturali e aree protette nella Provincia di Grosseto: componenti floristiche e ambienti vegetazionali, "I quaderni delle Aree Protette", Vol. 1, cit. in maremmariservadinatura.provincia.grosseto.it. (fonte)
  • Pietro Giovacchini e Paolo Stefanini - La protezione della natura in Toscana - Siti di Importanza Regionale e fauna vertebrata della Provincia di Grosseto. Provincia di Grosseto - Quaderni delle aree protette.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]