Aristolochia rotunda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Aristolochia rotunda
DSC 0898.JPG
Aristolochia rotunda
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Magnoliidi
Ordine Piperales
Famiglia Aristolochiaceae
Genere Aristolochia
Specie A. rotunda
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Magnoliidae
Ordine Aristolochiales
Famiglia Aristolochiaceae
Sottofamiglia Aristolochioideae
Genere Aristolochia
Specie A. rotunda
Nomenclatura binomiale
Aristolochia rotunda
L.
Nomi comuni

strallogi, erba astrologa, erba astragola

L'aristolochia rotonda (Aristolochia rotunda L., 1753) è una pianta erbacea appartenente alla famiglia Aristolochiaceae[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio di un fiore di Aristolochia rotunda.

È un'erbacea perenne dal fusto semplice o ramificato alla base che può raggiungere i 50 cm di altezza circa. Le foglie amplessicauli, di forma ovata-orbicolare e larghe circa 5 cm, presentano un picciolo non più lungo di 5 mm e una base profondamente cordata. I fiori sono tubulosi, lunghi circa 5 cm, di colore bruno-porpora. I frutti hanno una forma a palloncino lungo circa 1–2 cm. I semi sono triangolari e piatti. Il periodo di fioritura va da aprile a giugno.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È diffusa in tutta l'Europa meridionale.[1] In Italia è piuttosto comune nelle regioni del centro-sud, mentre è più rara al nord. È comune in campi incolti, prati e boscaglie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Aristolochia rotunda, in Plants of the World Online, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 7/2/2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Flora mediterranea - Conoscere, riconoscere e osservare tutte le piante mediterranee più diffuse, ed. DeAgostini, ISBN 88-415-8890-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]