Reichsgau Tirol-Vorarlberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reichsgau Tirol-Vorarlberg
Reichsadler der Deutsches Reich (1933–1945).svg Flag of the NSDAP (1920–1945).svg
Informazioni generali
Nome ufficiale Reichsgau Tirol-Vorarlberg
Capoluogo Innsbruck
Dipendente da Terzo Reich
Amministrazione
Forma amministrativa Reichsgau
Gauleiter Franz Hofer
Evoluzione storica
Inizio 12 marzo 1938
Causa Anschluss
Fine 8 maggio 1945
Causa Capitolazione tedesca
Preceduto da Succeduto da
Tirolo
Vorarlberg
Tirolo
Vorarlberg
Cartografia
NS administrative Gliederung 1944.png

Il Reichsgau Tirol-Vorarlberg fu una divisione amministrativa del partito nazista, e conseguentemente della Germania, composta dai vecchi lander austriaci del Vorarlberg e del Tirolo Settentrionale, con l'esclusione quindi di quello orientale. Il Reichsgau fu istituito immediatamente dopo l'Anschluss del 1938 e durò fino al crollo del nazismo nel 1945. Per tutti i sette anni della sua esistenza, fu affidato al gauleiter Franz Hofer.[1]

Nel 1943, in seguito alla capitolazione italiana e all'occupazione nazista del Nord Italia, al Reichsgau furono politicamente incorporati i territori dell'OZAV, ossia la Venezia Tridentina (ovvero le attuali province autonome di Trento e Bolzano) e la provincia di Belluno, divenendo di fatto parte del Terzo Reich.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN134294730 · GND: (DE4368349-6
Nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo