Reichsgau Kärnten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reichsgau della Carinzia
Reichsadler der Deutsches Reich (1933–1945).svg Flag of the NSDAP (1920–1945).svg
Informazioni generali
Nome ufficiale Reichsgau Kärnten
Capoluogo Klagenfurt
Dipendente da Terzo Reich
Amministrazione
Forma amministrativa Reichsgau
Gauleiter Friedrich Rainer
Evoluzione storica
Inizio 12 marzo 1938
Causa Anschluss
Fine 8 maggio 1945
Causa Capitolazione tedesca
Preceduto da Succeduto da
Carinzia
Tirolo orientale
Slovenia
Carinzia
Tirolo orientale
RS Slovena
Cartografia
NS administrative Gliederung 1944.png

Il Reichsgau Kärnten fu una divisione amministrativa del partito nazista, e conseguentemente della Germania, inizialmente composta dal vecchio land austriaco della Carinzia e dal distretto del Tirolo orientale. Il Reichsgau fu istituito immediatamente dopo l'Anschluss del 1938 e durò fino al crollo del nazismo nel 1945.

Negli ultimi quattro anni della sua esistenza, fu affidato al gauleiter Friedrich Rainer.[1]

Nel 1941, in seguito all'attacco delle Potenze dell'Asse alla Jugoslavia e alla conseguente occupazione totale del territorio del paese balcanico, la Germania applicò l'antico principio del diritto internazionale della debellatio ed annesse integralmente la metà settentrionale della Slovenia, che per la sua porzione occidentale fu integrata nel Reichsgau della Carinzia.

Nel 1943, in seguito alla capitolazione italiana e all'occupazione nazista del Nord Italia, al Reichsgau furono politicamente incorporati i territori dell'OZAV, ossia la Venezia Giulia, la Slovenia meridionale e il Friuli, sebbene amministrativamente essi rimasero parte della RSI. In particolare, nella Provincia di Lubiana i nazisti proclamarono il governo militare diretto, procedendo anche all'emanazione di una valuta d'occupazione, la lira di Lubiana.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ vedi
  2. ^ Nel diritto internazionale esistono tre gradi di occupazione militare: nello Stato fantoccio, all'occupazione di fatto si accompagna una finzione dell'occupante che afferma falsamente di rispettare l'indipendenza del paese soggetto; nell'occupazione semplice l'occupante esercita esplicitamente poteri di governo sul territorio ma, per tutto ciò che non sia esplicitamente decretato dall'invasore, si continua ad applicare il precedente diritto dello Stato territoriale, talvolta permettendo anche un certo grado di normale funzionamento del governo legittimo; nell'occupazione diretta invece, tutte le autorità locali vengono esautorate, ed ogni potere di governo è esercitato dall'occupante, ivi compresa l'amministrazione civile e la polizia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN157940164 · GND: (DE5163913-0
Nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo