Occupazione tedesca delle isole del Canale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come parte del Vallo Atlantico, tra il 1940 e il 1945 le forze di occupazione tedesche e l'Organizzazione Todt costruirono fortificazioni intorno alle coste delle isole del Canale come questa torre di osservazione la batteria Moltke.

Le isole del Canale furono occupate dalle forze tedesche per la maggior parte della seconda guerra mondiale, ovvero dal 30 giugno 1940 fino alla loro liberazione il 9 maggio 1945.[1]

Il Baliato di Jersey e Baliato di Guernsey sono le uniche due dipendenze della corona britannica nel Canale della Manica in Normandia. Le isole del Canale furono l'unica parte delle isole britanniche occupata dalla Wehrmacht durante la guerra.

Prima dell'occupazione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Gorey, utilizzata dai tedeschi durante l'occupazione
Saint-Clément, Grouville, Saint-Martin, Jersey

Tra il 3 settembre 1939, quando il Regno Unito dichiarò guerra contro la Germania e il 9 maggio 1940, poco cambiò nelle isole del Canale. La coscrizione non esisteva, ma un certo numero di persone si recò in Gran Bretagna per unirsi alle truppe regolari come volontari. L'orticoltura e gli scambi turistici continuavano come normalmente; il governo britannico rilassò le restrizioni ai viaggi tra il Regno Unito e le isole del Canale dal marzo 1940, consentendo ai turisti dal Regno Unito a prendere le ferie per tali località tradizionali.[2] Il 10 maggio 1940 la Germania attaccò i Paesi Bassi, il Belgio e il Lussemburgo per via aerea e terrestre e la guerra si avvicinò.

La battaglia di Francia stava raggiungendo il suo culmine nell'Empire Day, il 24 maggio, quando il re Giorgio VI parlando via radio, disse: "La lotta decisiva è ora su di noi ... Nessuno si sbaglia, non è una pura conquista territoriale che i nostri nemici stanno cercando: è il rovesciamento, completo e finale di questo impero e di tutto ciò per cui si trova, e dopo che la conquista del mondo e se la loro volontà prevale, porterà alla sua realizzazione tutto l'odio e crudeltà che hanno già mostrato".[3] La guerra si stava muovendo rapidamente verso le isole, ma ancora queste non reagivano.

In data 11 giugno 1940, come parte dello sforzo bellico britannico nella battaglia di Francia, una lunga serie di velivoli appartenenti alla RAF effettuarono una sortita aerea utilizzando 36 bombardieri A.W.38 Whitley contro le città italiane di Torino e Genova e partendo da piccoli aeroporti come quelli di Jersey e Guernsey, come parte dell'operazione Haddock.[4] Le condizioni meteorologiche determinarono che solo 10 Whitley raggiunsero i loro obiettivi previsti.[5] Due avversari andarono perduti durante l'azione.[4]

Attendendosi una rapida vittoria della Gran Bretagna, gli occupanti sperimentarono mediante un approccio delicato nell'occupazione delle isole per i cinque anni successivi. Le autorità dell'isola adottarono un atteggiamento simile, dando origine ad accuse di collaborazionismo. Tuttavia, con il passare del tempo, la situazione peggiorò gradualmente, tanto che nell'inverno tra il 1944 e il 1945 le isole restarono senza cibo.

Demilitarizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il forte Hommet a Guernsey

Il 15 giugno, dopo la sconfitta degli Alleati in Francia, il governo britannico decise che le Isole del Canale non avevano alcuna importanza strategica e che quindi non sarebbero state difese, ma non dissero ai tedeschi queste informazioni. Così, nonostante la riluttanza del primo ministro Winston Churchill, il governo britannico rinunciò al possesso più antico della corona "senza sparare un colpo solo".[6] Le isole del Canale non servirono ad alcun scopo ai tedeschi, se non a scopo propagandistico in quanto territorio britannico occupato. Le "isole del Canale erano state demilitarizzate e dichiarate ..."una città aperta"".[7]

Il 16 giugno 1940 i governatori di ciascuna isola furono istruiti a mettere a disposizione il maggior numero di barche possibili per aiutare l'evacuazione di Saint-Malo. Guernsey era troppo lontana per aiutarci con così poco tempo di preavviso. Il Baliato di Jersey chiese al Saint Helier Yacht Club di poterlo aiutare. Quattro imbarcazioni partrono immediatamente, con altri 14 pronte entro le 24 ore. Le prime imbarcazioni arrivarono a Saint-Malo la mattina del 17 giugno e imbarcarono sulle navi di trasporto le truppe in attesa sulla riva; le altre imbarcazioni di Jersey arrivarono il 18 giugno.[2]

Il 17 giugno 1940, un aereo arrivò a Jersey da Bordeaux evacuando la brigata del generale Charles de Gaulle dalla Francia.[8] Dopo un caffè e il rifornimento, l'aereo è volato a Heston, fuori Londra, dove il giorno dopo il generale ha fatto il suo appello storico del 18 giugno al popolo francese tramite la BBC. Le ultime truppe lasciarono le isole il 20 giugno, partendo così rapidamente che i pasti e le lenzuola sono stati lasciati al castello Cornet.[9]

Evacuazione[modifica | modifica wikitesto]

Un gruppo di ragazze in fuga dalle isole del Canale provano abiti e scarpe donate dagli USA nel 1940

La realizzazione della necessità per l'evacuazione civile dalle isole del Canale arrivò molto tardi. Senza nessuna pianificazione, le comunicazioni tra i governi delle isole e il Regno Unito si svolsero in un'atmosfera di confusione. Il governo britannico concluse che la migliore politica sarebbe stata quella di rendere disponibili quante più navi possibile, in modo che gli isolani avessero la possibilità di partire se lo avessero voluto verso la madrepatria.

Poco prima dell'occupazione, molti bambini furono evacuati in Inghilterra, presso parenti o estranei. Altri civili furono invece deportati nel lager Lindele, campo di concentramento nel sud della Germania, vicino a Biberach an der Riß.[10][11]

Le autorità di Alderney, che non avevano alcuna comunicazione diretta con il Regno Unito, raccomandarono che tutti gli abitanti lasciassero l'isola, ma solo pochi lo fecero. La Dama di Sark, Sibyl Hathaway, incoraggiò tutti a rimanere. Guernsey evacuò l'80% dei bambini di età scolare, dando ai genitori la possibilità di tenere i loro figli con loro o di evacuarli con la loro scuola.[12] Il 21 giugno dopo che in totale 193 bambini lasciarono l'isola, si rese evidente al governo di Guernsey che sarebbe stato impossibile evacuare chiunque volesse lasciare e la priorità doveva essere data a categorie speciali. Il messaggio a Guernsey fu cambiato in un ordine contrario all'evacuazione, in totale, 5.000 bambini delle scuole e 12.000 adulti su 42.000 furono evacuati. A Jersey, dove i bambini erano in vacanza per aiutare con la coltura di patate, 23.000 civili decisero di lasciare l'isola;[13] comunque la maggioranza degli isolani: 81 seguendo il consiglio insistente del governo dell'isola scelse di rimanere con soli 6.600 su 50.000 lasciati sulle navi d'evacuazione. Nei dintorni di Cherbourg erano già presenti le forze tedesche ancor prima che le navi d'evacuazione partissero il 20 giugno; l'ultima nave rimasta partì il 23 giugno,[14] anche se le navi e quelle da carico continuavano a effettuare trasporti con le isole fino al 28 giugno.[15]

La maggior parte dei bambini evacuati furono separati dai genitori, alcuni bambini evacuati furono assistiti finanziariamente dal "Piano Foster per i bambini affetti da guerra", dove ogni bambino fu sponsorizzato da un americano ricco. Una ragazza, Paulette, fu sponsorizzata dalla first lady statunitense Eleanor Roosevelt.[16]

Governo di emergenza[modifica | modifica wikitesto]

L'Home Office britannico ordinò ai governatori che, in caso di richiamo dei rappresentanti della corona, gli incaricati dovessero assumersi le proprie responsabilità e che gli ufficiali giudiziari e coronati dovessero rimanere al loro posto. Il Luogotenente Governatore di Jersey discusse con il Baliato di di Jersey se era necessario portare avanti l'amministrazione sotto gli ordini tedeschi. Il governatore giudicò che ciò sarebbe contrario al suo giuramento di fedeltà, ma fu deciso altrimenti.[2]

Gli accordi dell'ultimo minuto furono fatti per consentire all'amministrazione britannica di continuare legalmente nelle circostanze di occupazione. Il ritiro dei governatori il 21 giugno 1940 e il taglio dei contatti con il Consiglio Privy impedirono che il consenso reale venisse dato alle leggi adottate dalle legislature.[17] I tribunali assunsero le funzioni civili, ma non quelle militari, dei governatori.[14] I governi tradizionali basati sul consenso dei bailiwicks erano inadatti a una rapida azione esecutiva e quindi, di fronte all'occupazione imminente, furono adottati strumenti di governo più piccoli. Dal momento che le legislature si sono incontrate in sessione pubblica, la creazione di organismi esecutivi più piccoli che potessero incontrarsi dietro porte chiuse consentivano una discussione più libera su questioni come la portata di conformarsi agli ordini tedeschi.[2]

A Guernsey, gli Stati di Deliberazione votarono il 21 giugno 1940 per consegnare la responsabilità di gestire gli affari dell'isola a un comitato di controllo sotto la presidenza del delegato Ambrose Sherwill, che è stato scelto piuttosto che Victor Carey.[18] Gli Stati del Jersey superarono il 27 giugno 1940 il regolamento 1940 del Difesa (trasferimento di poteri) per amalgamare i vari comitati esecutivi in otto dipartimenti ciascuno sotto la presidenza di un membro degli Stati. I presidenti insieme ai coronni formavano il Consiglio Superiore sotto la presidenza del quarantottenne capitano Alexander Coutanche.[2]

L'invasione[modifica | modifica wikitesto]

Soldati tedeschi a Jersey

I tedeschi non si erano resi conto che le isole erano state demilitarizzate (le notizie della demilitarizzazione erano state soppresse fino al 30 giugno 1940) e si avvicinarono con cautela. I voli di ricognizione erano inconcludenti. Il 28 giugno 1940 mandarono una squadriglia di bombardieri sulle isole e bombardarono i porti di Guernsey e Jersey. Nel porto di Saint Peter, la città principale di Guernsey, alcuni camion disposti a caricare i pomodori per l'esportazione in Inghilterra furono scambiati dalla ricognizione per il trasporto truppe. Un attacco simile si verificò a Jersey dove nove persone morirono. In totale, 44 isolani furono uccisi nei raid. La BBC trasmise un messaggio tardivo in cui le isole furono dichiarate come se fossero delle "città aperte" e, più tardi, denunciò il bombardamento tedesco dell'isola.[19]

Mentre la Wehrmacht stava preparando l'Operazione Grünpfeil ("freccia verde") un'invasione pianificata delle isole con truppe di assalto composto da due battaglioni, un pilota di ricognizione, Hauptmann Liebe-Pieteritz, effettuò una prova di atterraggio presso l'aviocampo di Guernsey il 30 giugno per determinare il livello di difesa. Segnalò il suo breve atterraggio a Luftflotte 3 che è venne a sapere che le isole non erano più difese. Un aereo della Luftwaffe fu trasferito quella sera a Guernsey da aerei di trasporto Junkers. L'ispettore Sculpher della polizia di Guernsey andò all'aeroporto con una lettera firmata dall'ufficiale giudiziario affermando che "questa isola è stata dichiarata Isola Aperta dal governo del Regno Unito da Sua Maestà. Non ci sono forze armate di qualsiasi tipologia. Il portatore è stato incaricato di consegnare questa comunicazione. Non capisce la lingua tedesca. "Ha scoperto che l'aeroporto era stato preso da Luftwaffe. L'alto ufficiale tedesco, il maggiore Albrecht Lanz, ha chiesto di essere portato al capo dell'isola. Sono andati con l'auto della polizia al Royal Hotel dove sono stati aggiunti l'esecutore, il presidente della commissione di controllo e altri funzionari. Lanz annunciò tramite un interprete che Guernsey era ora sotto occupazione tedesca. In questo modo la Luftwaffe ha anticipato piani di invasione della Wehrmacht.[2] Jersey si arrese il 1º luglio. Alderney, dove rimase solo una manciata di isolani, fu occupata il 2 luglio e un piccolo distaccamento passò da Guernsey a Sark, che si arrese il 4 luglio. Le prime truppe tedesche provenienti da navi costituite da due unità anti-aeree arrivarono nel porto di San Pietro sul cargo catturato di SS Holland il 14 luglio.[20]

Occupazione[modifica | modifica wikitesto]

Le forze tedesche consolidarono rapidamente le loro posizioni. Portarono la fanteria, stabilirono le comunicazioni e le difese antiaeree, istituirono un servizio aereo nonostante la terraferma fosse occupata, e raggrupparono i militari britannici in licenza.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

I tedeschi organizzarono la loro amministrazione come parte del dipartimento della Manica, amministrata come parte del governo militare dell'Area A, con sede a St. Germain. Feldkommandantur 515 è stato istituito a Jersey, con una Nebenstelle a Guernsey (che copre anche Sark), un Aussenstelle in Alderney, e una logistica Zufuhrstelle a Granville.[2]

Il comandante emise un'ordinanza a Guernsey il 2 luglio 1940 e a Jersey l'8 luglio 1940 istruendo che le leggi approvate dai legislatori avrebbero dovuto essere approvate dal comandante e che gli ordini tedeschi dovevano essere registrati come legislazione. I tribunali civili continueranno in funzione, ma i tribunali militari tedeschi avrebbero cercato violazioni del diritto tedesco. In un primo momento gli ufficiali giudiziari hanno presentato una legislazione per il parere conforme del Kommandant firmato a loro capacità come luogotenenti governatori. Alla fine del 1941, il comandante si oppose a questo stile e la successiva legislazione fu presentata semplicemente come ufficiale giudiziario.[2]

Le autorità tedesche hanno cambiato il fuso orario ddelle isole da GMT a CET per allineare le isole con la maggior parte dell'Europa continentale, così come la guida a destra.[21] Lo scrip (ovvero il denaro proveniente dall'occupazione) è stato emesso nelle isole per mantenere l'economia in corso. Le forze militari tedesche hanno usato lo scrip per il pagamento di beni e servizi. Anche i locali impiegati dai tedeschi venivano pagati in Occupation Reichsmarks.

I tedeschi permisero all'intrattenimento di continuare tra cinema e teatro; le loro bande militari si esibivano in pubblico. Nel 1944, la popolare attrice cinematografica tedesca Lil Dagover arrivò per intrattenere le truppe tedesche a Jersey e Guernsey con un tour teatrale per aumentare il morale.[22]

Accuse di collaborazionismo[modifica | modifica wikitesto]

I governi delle isole avevano l'obbligo legale e morale di fare del loro meglio per la popolazione delle isole. Ciò significava fino a che la Germania avesse occupato o meno le stesse. Gli errori sono stati fatti in quanto non c'erano linee guida su come un governo avrebbe dovuto agire quando è sotto occupazione. L'Austria fu annessa mentre la Cecoslovacchia e la Polonia furono invase e furono diretti dai governi militari tedeschi. La Danimarca decise invece per un governo di protettorato e rimase al potere assumendo una visione passiva e pro tedesca accettando un patto di non aggressione. In Norvegia fu imposto un governo alla popolazione, lo stesso nei Paesi Bassi e in Belgio. La Francia fu divisa in due con il governo che controllava la zona meridionale. Le isole hanno deciso le loro azioni in modo indipendente l'una dall'altra e su tali decisioni hanno ricevuto opinioni molto simili che hanno permesso alle strutture civili e giuridiche esistenti di rimanere sul posto.

La visione della maggioranza degli isolani sulla resistenza attiva al dominio tedesco fu probabilmente espressa da John Lewis, un medico di Jersey. "Qualsiasi tipo di sabotaggio non era solo rischioso ma completamente controproducente, ma ancora più importante ci sarebbero ripercussioni immediate sulla popolazione civile che era molto vulnerabile a ogni tipo di rappresaglia".[23] Sherwill sembra aver espresso le opinioni di una maggioranza degli isolani il 18 luglio 1940 quando si lamentò di una serie di incursioni da parte dei commando britannici su Guernsey. "Le attività militari di questo tipo erano molto sgradite e potevano provocare la perdita di vite umane tra la popolazione civile". Ha chiesto al governo britannico di lasciare le isole del Canale in pace.[24] Sherwill fu poi imprigionato dai tedeschi per il suo ruolo nell'aiutare due spie britanniche su Guernsey[25] e una volta rilasciato, deportato in un campo di internamento tedesco.

La situazione di Sherwill illustra la difficoltà per il governo dell'isola e i suoi cittadini a cooperare, ma si ferma a non collaborare con i loro occupanti e a mantenere la massima indipendenza dal dominio tedesco. La questione della collaborazione tra isolani e tedeschi rimase in sospeso per molti anni, ma fu accesa negli anni '90 con il rilascio di archivi di guerra e la successiva pubblicazione di un libro intitolato The Model Occupation: The Channel Islands under German Rule, 1940-1945 scritto da Madeleine Bunting. La questione della collaborazione è stata ulteriormente accresciuta dal programma televisivo immaginario Island at War (2004) che mostrava una storia d'amore tra un soldato tedesco e una ragazza isolana e raffigurava favorevolmente il comandante militare tedesco dell'occupazione. Il punto di vista di Bunting era che gli isolani non agivano in modo "Churchilliano", ovvero "non combattevano sulle spiagge, nei campi o nelle strade, non si suicidarono e non uccisero nessun tedesco, ma si stabilirono con pochi segni evidenti di resistenza, a cinque anni di occupazione duri, noiosi ma relativamente pacifici, in cui più della metà della popolazione lavorava per i tedeschi".[26] Vi furono alcuni suicidi e dal momento che il libro di Bunting è stato pubblicato, diversi nuovi libri e articoli di riviste sono stati pubblicati descrivendo ulteriori incidenti di resistenza, sia attivi che passivi, da parte degli isolani.

Charles Cruickshank ha riassunto il punto di vista opposto e ufficiale sulla condotta dei governi delle isole del Canale sotto l'occupazione tedesca dicendo "sarebbe difficile esprimere critiche nei confronti dei loro rapporti con gli occupanti". Se i capi dell'isola avessero semplicemente "tenuto le loro teste fuori dall'acqua e fatto ciò che gli era stato detto dal potere occupante non sarebbe stato un problema di censura, ma hanno portato la guerra amministrativa nel campo nemico in molte occasioni; hanno commesso alcuni errori che è sorprendente, ma che hanno fatto tanto bene in circostanze di grandissima difficoltà".[27]

La vita civile durante l'occupazione[modifica | modifica wikitesto]

La vita da civile durante l'occupazione è stata uno shock. Avere i propri governi continuando a governarli ha attenuato il colpo e ha tenuto lontani i civili dai loro oppressori. Molti hanno perso il lavoro quando le aziende hanno chiuso ed è stato difficile trovare un nuovo lavoro per i datori di lavoro non tedeschi. Con il progredire della guerra, la vita divenne più dura e il morale cadde, specialmente quando le radio furono confiscate e con l'inizio delle deportazioni che si svolsero nel settembre del 1942. Cibo, carburante e medicinali divennero scarsi e il crimine aumentò. Dopo il 6 giugno 1944, la liberazione divenne più probabile nella mente popolare, ma i tempi più difficili per i civili dovevano ancora venire, dato che l'inverno del 1944-45 era molto freddo e affamato, la popolazione fu salvata dalla fame solamente grazie ai pacchi arrivati dalla Croce Rossa.

Resistenza[modifica | modifica wikitesto]

Placca commerativa

La popolazione che resisteva attivamente all'occupazione tedesca nei paesi dell'Europa continentale era compresa tra lo 0,6% e il 3% e la percentuale delle popolazioni di isole che partecipavano alla resistenza attiva era comparabile.[28] Da una popolazione di guerra di 66.000 abitanti nelle Isole del Canale,[29] un totale di circa 4000 isolani furono condannati per infrazione alle leggi (circa 2600 a Jersey e 1400 a Guernsey), sebbene molti di questi fossero per atti criminali ordinari piuttosto che per resistenza. 570 prigionieri furono mandati nelle prigioni e nei campi continentali, e almeno 22 da Jerseymen e 9 da Guernesman non fecero ritorno.[14] Willmott ha stimato che oltre 200 persone a Jersey hanno fornito sostegno materiale e morale ai fuggitivi che parteciparono ai lavori forzati, tra cui oltre 100 che sono stati coinvolti nella rete di case sicure che proteggono i fuggitivi.[28]

Nessun isolano si unì alle unità militari tedesche attive;[30] un piccolo numero di uomini britannici che erano stati bloccati nelle isole all'inizio dell'occupazione arruolato dal carcere. Eddie Chapman, un inglese, è stato in prigione per furto con scasso a Jersey quando è avvenuta l'invasione, e si è offerto di lavorare per i tedeschi come spia sotto il nome in codice Fritz, poi è diventato un doppio agente britannico con il nome in codice ZigZag.

La V di Churcill

La resistenza implicava una resistenza passiva, atti di sabotaggio di minore entità, protezione e aiuto alle persone fuggite e la pubblicazione di giornali contenenti notizie dalla radio della BBC. Non c'era alcun movimento di resistenza armata nelle isole del Canale. Gran parte della popolazione in età militare si era già unita alle forze armate britanniche o francesi. A causa delle dimensioni ridotte delle isole, la maggior parte della resistenza ha coinvolto persone che rischiano la vita per salvare qualcun altro.[31] Il governo britannico non ha incoraggiato la resistenza nelle isole del Canale.[14] Gli isolani si unirono alla campagna del segno V di Churchill tagliando la lettera "V" (per la vittoria) sui cartelli tedeschi.[18]

I tedeschi inizialmente seguirono una politica di presentare una presenza non minacciosa alla popolazione residente per il suo valore di propaganda in vista di un'eventuale invasione e occupazione del Regno Unito. Molti isolani erano disposti ad andare d'accordo con le necessità dell'occupazione finché sentivano che i tedeschi si stavano comportando in modo corretto e legale. Due eventi hanno particolarmente scosso molti isolani da questo atteggiamento passivo: la confisca delle radio e la deportazione di ampie fasce della popolazione.[28]

Nel maggio del 1942, tre giovani, Peter Hassall, Maurice Gould e Denis Audrain, tentarono di fuggire da Jersey su una barca. Audrain annegò e Hassall e Gould furono imprigionati in Germania, dove Gould morì.[14] In seguito a questo tentativo di fuga, furono introdotte restrizioni sulle piccole imbarcazioni, furono imposte restrizioni alla proprietà delle attrezzature fotografiche (i ragazzi avevano portato con sé fotografie di fortificazioni) e le radio furono confiscate alla popolazione. Un totale di 225 isolani, come Peter Crill, fuggirono dalle isole in Inghilterra o in Francia: 150 da Jersey e 75 da Guernsey.[14] Il numero di fughe è aumentato dopo il D-Day, quando le condizioni nelle isole sono peggiorate dal momento che le rotte di approvvigionamento verso il continente sono state interrotte e il desiderio di unirsi alla liberazione dell'Europa è aumentato.

Placca commemorativa a Saint Ouen (Jersey)

Ascoltare la radio della BBC era stato vietato nelle prime settimane di occupazione e poi (sorprendentemente data la politica altrove nell'Europa occupata dai nazisti) tollerato per un periodo prima di essere nuovamente proibito. Nel 1942 il divieto è diventato intransigente, l'ascolto della radio (anche a stazioni tedesche grazie al contributo di William Joyce) era bandito dagli occupanti, un divieto sostenuto dalla confisca di apparecchi radio. Negato l'accesso alle trasmissioni della BBC, le popolazioni delle isole sentirono un crescente risentimento nei confronti dei tedeschi e cercarono sempre più di indebolire le regole. Diffusori radio nascosti (oppure l'uso delle cosidette radio a galena) e reti di distribuzione di notizie clandestine vennero maggiormente diffuse. Tuttavia, molti isolani riuscirono a nascondere le loro radio e continuarono ad ascoltare la BBC, nonostante il rischio di essere scoperti dai tedeschi o di essere informati dai vicini.[32][33] Le incursioni regolari del personale tedesco alla ricerca di radio hanno ulteriormente alienato le popolazioni civili occupate.[28]

Il 29 aprile 1941, una carenza della sterlina di Jersey (in parte causata dall'occupazione di truppe che portavano via monete come souvenir) portò al superamento della Legge sulle banconote di Jersey. Una serie di banconote disegnate da Edmund Blampied è stata emessa dagli stati di Jersey in tagli da 6 pence (6d), 1, 2 e 10 scellini (10 / -) e 1 sterlina (£ 1). La nota 6d è stata progettata da Blampied in modo tale che la parola sei sul retro incorporasse una "X" fuori misura in modo che quando la nota fosse piegata, il risultato fosse il simbolo di resistenza "V" per la vittoria.[34] Un anno dopo gli fu chiesto di disegnare sei nuovi francobolli per l'isola, in tagli da ½d a 3d. Come segno di resistenza, ha incorporato nel disegno per il francobollo 3d le iniziali GR (per Georgius Rex) su entrambi i lati del "3" per mostrare lealtà al re Giorgio VI.[35] Edmund Blampied stampò anche francobolli per documenti per i fuggiaschi.[28]

Le deportazioni del 1942 hanno scatenato le prime manifestazioni di massa del patriottismo durante l'occupazione. L'illegalità e l'ingiustizia, in contrasto con la precedente vistosa insistenza dei tedeschi sulla legalità e la correttezza, hanno offeso coloro che sono rimasti indietro e hanno incoraggiato molti a chiudere un occhio sulle attività di resistenza degli altri in supporto passivo.[28]

Poco dopo l'affondamento di HMS Charybdis il 23 ottobre 1943, i corpi di 21 uomini della Royal Navy e dei Royal Marines furono portati a riva nei pressi di Guernsey. Le autorità tedesche li seppellirono con tutti gli onori militari. I funerali divennero un'opportunità per alcuni degli isolani di dimostrare la loro lealtà alla Gran Bretagna e la loro opposizione agli occupanti: circa 5.000 isolani parteciparono ai funerali, depositando 900 ghirlande - abbastanza di una manifestazione contro l'occupazione per i successivi funerali militari da chiudere ai civili dagli occupanti tedeschi.[36]

Alcune donne dell'isola hanno fraternizzato con le forze di occupazione. Questo è stato disapprovato dalla maggioranza degli isolani, che hanno dato loro il soprannome soprannaturale Jerry-bag.[14] Secondo il Ministero della Difesa, un'alta percentuale di donne "di tutte le classi e famiglie" aveva rapporti sessuali con il nemico e 800-900 bambini nati da padri tedeschi.[37] I tedeschi stimavano che le loro truppe fossero state responsabili di aver generato da 60 a 80 nascite illegittime nelle isole del Canale.[14] Per quanto riguarda le cifre ufficiali, 176 nascite illegittime in totale erano state registrate a Jersey tra il luglio 1940 e il maggio 1945; e a Guernsey 259 nascite illegittime tra luglio 1941 e giugno 1945 (la disparità nelle cifre ufficiali è spiegata da diverse definizioni legali di illegittimità nelle due giurisdizioni).[14] Le autorità militari tedesche hanno cercato di proibire la fraternizzazione sessuale nel tentativo di ridurre l'incidenza delle malattie sessualmente trasmissibili. Aprirono bordelli per soldati, impiegati con prostitute francesi sotto sorveglianza medica tedesca.[14]

La vista della brutalità contro gli schiavi ha portato a molti isolani la realtà dell'ideologia nazista dietro la facciata puntigliosa dell'occupazione. Le marce forzate tra campi e luoghi di lavoro da operai disgraziati e bastonate pubbliche rese visibili la brutalità del regime.[28]

La reazione del governo britannico[modifica | modifica wikitesto]

La reazione del governo di Sua Maestà all'invasione tedesca fu attenuata, con il Ministero dell'Informazione che emise un comunicato stampa poco dopo l'atterraggio dei tedeschi.

In diverse occasioni gli aerei britannici hanno lanciato giornali e volantini di propaganda sulle isole.

Raid sulle isole del Canale[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 6 luglio 1940, il 2° tenente Hubert Nicolle, un Guernseyman che serviva con l'esercito britannico, fu inviato in una missione di accertamento dei fatti a Guernsey, l'operazione Anger.[38] Fu sceso dalla costa meridionale di Guernsey da un sottomarino e remò a riva in una canoa sotto la notte. Questa fu la prima delle due visite che Nicolle fece sull'isola.[39] Dopo il secondo, ha perso il suo appuntamento ed è rimasto intrappolato su Guernsey. Dopo un mese e mezzo nascosto, si arrese alle autorità tedesche e fu inviato in un campo di prigionia tedesco.
  • La notte del 14 luglio 1940, l'operazione Ambassador fu lanciata su Guernsey da uomini prelevati da H Troop of N° 3 Commando ai sensi di John Durnford-Slater e No. 11 Independent Company. Questi non sono riusciti a entrare in contatto con la guarnigione tedesca. Quattro commando furono lasciati indietro e furono fatti prigionieri.[38][40]
  • L'operazione Dryad fu un'incursione di successo sul faro di Casquets, 2-3 settembre 1942.[38]
  • L'operazione Branford fu un'incursione senza incidenti contro Burhou, un'isola vicino ad Alderney, il 7-8 settembre 1942.[38]
  • Nell'ottobre del 1942, ci fu un raid commando britannico su Sark, chiamato operation Basalt. Tre soldati tedeschi sono stati uccisi e uno catturato. Le azioni intraprese dai Commandos hanno portato all'azione di rappresaglia tedesca contro gli isolani del canale e uno specifico ordine commando (in tedesco Kommandobefehl) per l'esecuzione dei Commandos catturati.[38]
  • L'operazione Huckaback fu un'incursione originariamente programmata per la notte del 9/10 febbraio 1943, come incursioni simultanee su Herm, Jethou e Brecqhou. L'obiettivo era prendere prigionieri e ottenere informazioni sulla situazione nelle isole della Manica occupate. Annullato a causa del maltempo, Huckaback è stato reinventato come incursione su Herm da solo. Atterrando su Herm e trovando l'isola non occupata, e i Commandos se ne andarono.[38]
  • L'operazione Pussyfoot fu anche un'incursione su Herm, ma la fitta nebbia del 3-4 aprile 1943 sventò il raid e il Commandos non atterrò.[38]
  • L'operazione Hardtack fu una serie di incursioni di commando nelle isole del Canale e sulla costa settentrionale della Francia nel dicembre 1943. L'operazione Hardtack 28 sbarcò a Jersey il 25-26 dicembre, dopo aver scalato la scogliera settentrionale i Commandos parlarono con i locali, ma non trovarono nessun tedesco . Hanno subito due perdite quando una mina è esplosa durante il viaggio di ritorno. Hardtack 7 è stato un raid su Sark il 26-27 dicembre, non riuscendo a scalare le scogliere, è tornato il 27-28 dicembre, ma due sono stati uccisi e la maggior parte degli altri feriti dalle mine durante l'arrampicata, con conseguente fallimento dell'operazione.[38]
  • Nel 1943, il vice ammiraglio Lord Louis Mountbatten propose un piano per riconquistare le isole chiamate operationi Constellation. L'attacco proposto non è mai stato montato.

Bombardamenti e attacchi navali sulle isole[modifica | modifica wikitesto]

Bristol Beaufort appartenente allo squadrone No. 86 della RAF durante un attacco al porto di St. Peter

La RAF ha effettuato i primi raid di bombardamento nel 1940 anche se negli attacchi vi era il grande rischio di colpire obiettivi non militari mentre c'era il timore di rappresaglie tedesche contro la popolazione civile.[2] Ventidue attacchi aerei alleati sulle isole del Canale durante la guerra hanno provocato 93 morti e 250 feriti, molti dei quali sono stati i lavoratori dell'organizzazione Todt nei porti o sui trasporti. Tredici membri dell'equipaggio sono morti.[38]

Vi furono incidenti mortali causati da attacchi navali tra soldati tedeschi e marinai, civili e lavoratori dell'organizzazione Todt compreso il Minotaur che trasportava 468 lavoratori dell'organizzazione Todt tra cui donne e bambini di Alderney che furono colpiti da navi a motore armate con siluri della Royal Canadian Navy vicino a Saint-Malo; circa 250 dei passeggeri vennero uccisi dalle esplosioni o annegati, il 5 luglio 1944.[38][41]

Nel giugno del 1944 la batteria Blücher aprì il fuoco sulle truppe americane nella penisola di Cherbourg. L'HMS Rodney è stato convocato il 12 agosto per sparare alla batteria. Usando un aereo come un osservatore, ha sparato proiettili da 72x16 pollici in un raggio di 40 km. Due tedeschi furono uccisi e diversi feriti con due dei quattro cannoni danneggiati.[42] Tre cannoni sono tornati in azione ad agosto, il quarto a novembre ma gli spari navali non erano molto efficaci.[38]

Rappresentanza a Londra[modifica | modifica wikitesto]

Come dipendenze della corona autonoma, le isole del Canale non avevano rappresentanti eletti nel Parlamento britannico. Pertanto, prima dell'occupazione, gli sfollati e gli altri isolani che vivevano nel Regno Unito dovevano assicurarsi che gli isolani non venissero dimenticati. La Jersey Society di Londra, che era stata costituita nel 1896, costituì un punto focale per i Jerseymen in esilio.[43] Nel 1943, diversi influenti Guernsey che vivevano a Londra formarono la Guernsey Society per fornire un punto focale e una rete simile per gli esuli di Guernsey. Oltre ai lavori di soccorso, questi gruppi hanno anche intrapreso studi per pianificare la ricostruzione economica e le riforme politiche dopo la fine della guerra. L'opuscolo Nos Îles pubblicato a Londra da un comitato di isolani fu influente nella riforma del 1948 delle costituzioni dei Bailiwicks.[44]

Sir Donald Banks riteneva che ci fosse una voce informata e un corpo di opinione tra i soldati e le donne esiliate che potevano influenzare il governo britannico e assistere le autorità insulari dopo la fine delle ostilità. Nel 1942, fu contattato dal Home Office per vedere se si poteva fare qualcosa per trasmettere un messaggio rassicurante agli isolani, poiché era noto che, nonostante il fatto che le autorità tedesche avessero vietato le radio, la BBC era ancora in ripresa segretamente a Guernsey e Jersey. È stato trasmesso dalla BBC il 24 aprile 1942.[45]

Bertram Falle, un Jerseyman, era stato eletto deputato al Parlamento per la città di Portsmouth nel 1910. Otto volte eletto alla Camera dei Comuni, nel 1934 fu elevato alla Camera dei lord con il titolo di Lord Portsea. Durante l'occupazione ha rappresentato gli interessi degli isolani e ha spinto il governo britannico ad alleviare la loro situazione, soprattutto dopo che le isole erano state tagliate dopo il D-Day.[46]

Committees of émigré Channel islanders in altre parti dell'impero britannico si unirono per fornire assistenza agli evacuati. Per esempio, Philippe William Luce (scrittore e giornalista, 1882-1966) fondò la Vancouver Channel Islands Society nel 1940 per raccogliere fondi per gli sfollati.[47]

Reazioni tedesche[modifica | modifica wikitesto]

All'arrivo nelle isole, i tedeschi hanno emesso proclami che impongono nuove leggi agli isolani residenti. Col passare del tempo, furono aggiunte leggi aggiuntive che limitavano i diritti e dovettero essere rispettate. Le restrizioni includevano:

confische
  • armi (1940)[48]
  • barche (1940)[49]
  • radio (1940) allora (1942))[50]
  • veicoli a motore (vendita forzata) (1940)[51]
  • telecamere (1942)[52]
  • carburante (1940)
  • case (1940-1945)
  • mobili (1940-1945)
restrizioni
  • pesca (1940)
  • bere alcolici (1940)
  • esportazione di merci (1940)
  • modifica dei prezzi delle merci (1940)[49]
  • canzoni e segni patriottici (1940)[53]
  • più di tre persone che si incontrano insieme (1940)[54]
  • accesso alle spiagge[39]
  • carburante[55]
  • libertà di parola (1940)
  • accesso ai farmaci (1940)
  • alcuni club e associazioni[56]
cambiamenti
  • orologi al tempo tedesco (1940)[49]
  • guidare sul lato destro delle strade (1941)[21]
  • razioni (1943, 1944 e 1945)
forzature da sopportare
  • censura (1940)
  • coprifuoco (1940)[53]
  • tasso di cambio a Reichsmarks (1940)[48]
  • censimento (1940)[51]
  • verdure in crescita[48]
  • razionamento alimentare (1940)[49]
  • aumento delle imposte sul reddito a 4 / - (1940)[49]
  • carte d'identità (1941)[54]
  • ciclismo in file singolo (1941)[57]
  • inquilini alloggiati[58]
  • lingua tedesca nelle scuole[59]
  • lavorare per i tedeschi

Fortificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ispezione tedesca dal forte Albert
Un bunker presso la baia di St Ouen, Jersey
Un 22cm K532(f), facente parte dell batteria Dollmann

Come parte del Vallo Atlantico, tra il 1940 e il 1945 le forze tedesche occupanti e l'Organizzazione Todt costruirono fortificazioni, strade e altre strutture nelle isole del Canale. In una lettera dell'Oberbefehlshaber West del 16 giugno 1941, il rafforzamento delle isole doveva essere eseguito su ordine di Hitler, dal momento che un attacco alleato "doveva essere calcolato" nell'estate del 1941.[60] Gran parte del lavoro è stato svolto da lavoratori importati, tra cui migliaia dall'Unione Sovietica[61] e sotto la supervisione delle forze tedesche.[62] I tedeschi trasportarono oltre 16.000 lavoratori nelle isole del Canale per costruire fortificazioni. Cinque categorie di muratori sono state impiegate (o utilizzate) dai tedeschi.[30]

La manodopera straniera retribuita è stata reclutata dall'Europa occupata, inclusi i lavoratori francesi, belgi e olandesi, compresi alcuni membri di movimenti di resistenza che hanno sfruttato l'opportunità di viaggiare per ottenere l'accesso a mappe e piani.[30]

Nel 1941 centinaia di disoccupati francesi algerini e marocchini furono consegnati ai tedeschi dal governo di Vichy e inviati a Jersey. Circa 2000 spagnoli che si erano rifugiati in Francia dopo la guerra civile spagnola e che erano stati internati furono consegnati ai lavori forzati.[30]

La maggior parte degli schiavi sovietici proveniva dalla Repubblica Socialista Sovietica Ucraina.[30] Mille ebrei francesi furono importati.[63]

Il problema dell'uso del lavoro locale è sorto all'inizio dell'occupazione.[60] In una richiesta di lavoro datata 19 luglio 1941, l'Oberbefehlshaber West citava la "estrema difficoltà" di procurarsi manodopera civile locale. Il 7 agosto il deputato Le Quesne, che era a capo del Dipartimento del lavoro di Jersey, rifiutò un ordine tedesco di fornire lavoro per miglioramenti all'aeroporto di Jersey sulla base del fatto che ciò avrebbe dovuto fornire assistenza militare al nemico. Il 12 agosto i tedeschi dichiararono che, a meno che il lavoro non fosse imminente, gli uomini sarebbero stati arruolati. I costruttori che avevano originariamente costruito l'aeroporto intrapresero il lavoro sotto protesta. Di fronte alle minacce alla coscrizione e alla deportazione in Francia, la resistenza alle richieste ha portato a un continuo conflitto sull'interpretazione della Convenzione dell'Aia e sulla definizione di opere militari e non militari. Un esempio che è emerso è stato fino a che punto il "giardinaggio" non militare è stato inteso come camuffamento militare. Il 1º agosto 1941 i tedeschi accettarono che la Convenzione dell'Aja stabiliva che nessun civile potesse essere obbligato a lavorare a progetti militari. Il caso del rafforzamento delle dighe, che potrebbe legittimamente essere descritto come difesa civile del mare (importante per le isole), ma era innegabilmente di beneficio militare in termini di difesa costiera, ha mostrato quanto fosse difficile distinguere nella pratica. La necessità economica ha spinto molti isolani a trovare un impiego offerto dai tedeschi, colto l'opportunità di sabotare o ritardare i lavori e di rubare strumenti e provviste. Gli autotrasportatori hanno aspirato la benzina scarsa per scambiare il cibo con gli agricoltori. I tedeschi hanno anche indotto il lavoro civile offrendo a coloro che violavano il coprifuoco o altri regolamenti l'impiego di progetti di costruzione come alternativa alla deportazione in Germania.[30]

Ingresso di un ospedale sotterraneo presso Jersey

La quinta categoria di lavoratori era costituita da obiettori di coscienza britannici e cittadini appartenenti allo Stato Libero d'Irlanda (in inglese: Irish Free State, in irlandese: Saorstát Éireann). Dato che molti dei giovani delle isole si erano uniti alle forze armate allo scoppio della guerra, c'era un deficit nel lavoro manuale nelle fattorie, in particolare per il raccolto di patate. 150 obiettori di coscienza registrati associati alla Peace Pledge Union e 456 lavoratori irlandesi sono stati reclutati per Jersey. Alcuni hanno scelto di rimanere e sono stati intrappolati dall'occupazione. Alcuni degli obiettori di coscienza erano comunisti e consideravano il patto Molotov-Ribbentrop, ovvero il patto tedesco-sovietico, una giustificazione per lavorare per i tedeschi. Altri hanno partecipato a attività di resistenza non violenta. Poiché i lavoratori irlandesi erano cittadini di un paese neutrale, erano liberi di lavorare per i tedeschi come desideravano e molti lo facevano. I tedeschi tentarono di incoraggiare le simpatie anti-britanniche e dell'Irish Republican Army (IRA) con eventi di propaganda indirizzati agli irlandesi (vedi la collaborazione dell'Abwehr nella seconda guerra mondiale). John Francis Reilly convinse 72 dei suoi compagni irlandesi nel 1942 a fare volontariato per l'impiego nelle ferriere di Hermann Göring vicino a Brunswick. Le condizioni erano spiacevoli e tornarono a Jersey nel 1943. Reilly rimase in Germania per trasmettere alla radio e si unì alle SS Sicherheitsdienst.[30]

Le isole del Canale erano tra le parti più fortificate del Vallo Atlantico, in particolare Alderney, che è la più vicina alla Francia. Il 20 ottobre 1941 Hitler firmò una direttiva, contro il parere del comandante in capo Erwin von Witzleben, per trasformare le isole del Canale in una "fortezza inespugnabile". Nel corso del 1942, una dodicesima delle risorse incanalate nell'intero Vallo Atlantico fu dedicata alla fortificazione delle isole del Canale.[28] Hitler aveva decretato che il 10% dell'acciaio e del calcestruzzo usati nel Vallo Atlantico andavano alle Isole del Canale. Si dice spesso che le Isole del Canale erano meglio difese delle spiagge della Normandia, dato il gran numero di tunnel e bunker attorno al isole. Nel 1944 nel solo tunnel, 244.000 m3 di roccia erano stati estratti collettivamente da Guernsey, Jersey e Alderney (la maggior parte di Jersey). Nello stesso punto nel 1944 l'intero muro atlantico dalla Norvegia al confine franco-spagnolo, escludendo le isole del Canale, aveva estratto circa 225.000 m3.[64]

Le ferrovie cosidette leggere sono state costruite a Jersey e Guernsey soprattutto per fornire uuna linea fortificata lungo la costa. A Jersey, una linea ferroviaria larga un metro è stata tracciata seguendo la rotta dell'ex ferrovia di Jersey da St Helier a La Corbière, con una diramazione che collega la cava di pietra di Ronez a Saint John. Una linea di 60 cm correva lungo la costa occidentale, e un altro era disposto in direzione est da St. Helier a Gorey. La prima linea fu aperta nel luglio del 1942, la cerimonia fu interrotta da alcuni spettatori passivamente resistenti presso Jersey. La ferrovia di Alderney fu rilevata dai tedeschi che sostituirono parte della linea di scartamento standard e la sostituirono con una linea di scartamento metrico, azionata da due locomotive diesel per una ferrovia Decauville (Feldbahn) 0-4-0.[2] L'infrastruttura ferroviaria tedesca fu smantellata dopo la liberazione nel 1945.

Campi di lavoro forzato[modifica | modifica wikitesto]

Il campo di lavoro di Alderney

I tedeschi costruirono molti campi di lavoro forzato a Jersey, a Guernsey e in quattro campi ad Alderney. L'organizzazione nazista Todt gestiva ogni campo e usava il lavoro forzato per costruire bunker, postazioni di cannoni, rifugi antiaerei e fortificazioni in cemento.

Ad Alderney i campi iniziarono le operazioni nel gennaio del 1942 e contavano una popolazione totale di circa 6.000 detenuti. I campi di Borkum e Helgoland erano campi di lavoro "volontari" (Hilfswillige).[65] Il campo Borkum è stato utilizzato per tecnici tedeschi e "volontari" di diversi paesi europei. Il campo Helgoland era pieno di lavoratori della dell'Organizzazione Todt sovietica e gli operai in quei campi venivano pagati per il lavoro svolto, cosa che non avveniva con i detenuti nei due campi di concentramento, Sylt e Norderney, dove i prigionieri venivano utilizzati per il lavoro forzato. Il campo di Sylt ospitava lavoratori forzati ebrei.[66] Il campo di Norderney ospitava i lavoratori europei (principalmente europei orientali ma compresi gli spagnoli) e quelli sovietici. Il 1º marzo 1943, il campo di Norderney e quello di Sylt, sono stati posti sotto il controllo delle SS Hauptsturmführer List Max, trasformandoli in campi di concentramento.

Oltre 700 detenuti dei quattro campi hanno perso la vita ad Alderney o in navi che viaggiano da / verso Alderney prima che i campi fossero chiusi e gli altri detenuti trasferiti in Francia, principalmente nella metà del 1944.[66][67] La nave Minotaur che trasportava 468 lavoratori appartenenti all'Organizzazione Todt, tra cui donne e bambini di Alderney, fu colpita da navi a motore armate con siluri della Royal Canadian Navy vicino a Saint-Malo, circa 250 dei passeggeri furono uccisi dalle esplosioni o annegati, il 5 luglio 1944.[38][41]

A Jersey il numero esatto dei campi non è chiaro. Il campo di Lager Wick a Grouville è stato esaminato e circa 200 lavoratori sono stati ospitati lì.[68]

Repressione[modifica | modifica wikitesto]

Placca presso il porto di Saint Peter in memoria di tre ebrei residenti a Guernsey che furono deportati e morirono nei campi

Le repressioni hanno colpito molte persone nelle isole, le più colpite sono state gli ebrei. Un piccolo numero di ebrei stranieri e britannici vivevano sulle isole del Canale durante l'occupazione. La maggior parte degli isolani ebrei fu evacuata nel giugno 1940, ma le leggi britanniche non consentirono ai cittadini nemici, indipendentemente dalla loro religione, di entrare in Gran Bretagna senza un permesso. C'erano 18 ebrei nelle isole quando arrivarono i tedeschi che si erano registrati da 30 a 50.[14] Poco dopo l'occupazione, i funzionari emisero il primo ordine anti-ebraico (ottobre 1940) che ordinò alla polizia di identificare gli ebrei come parte del processo di registrazione civile. Le autorità dell'isola hanno aderito e le carte di registrazione sono state contrassegnate con "J" rosse; inoltre, è stata compilata una lista di proprietà ebraiche, tra cui proprietà degli ebrei insulari che erano stati evacuati, che è stata consegnata alle autorità tedesche.

Gli ebrei registrati nelle isole, spesso membri della Chiesa anglicana con uno o due nonni ebrei, erano soggetti ai nove Ordini riguardanti le misure contro gli ebrei, compresa la chiusura delle loro attività (o la loro collocazione sotto amministrazione ariana), rinunciando alle loro reti radio, e stare in casa per meno di un'ora al giorno.[14] Le amministrazioni civili si angosciavano per quanto potevano opporsi alla registrazione di questi ordini. Il processo si è sviluppato in modo diverso sulle tre isole. I funzionari locali hanno compiuto alcuni sforzi per mitigare le misure antisemite da parte della forza di occupazione nazista e, come tale, hanno rifiutato di obbligare gli ebrei a indossare stelle gialle identificative e la maggior parte degli ex commercianti ebrei sono tornati dopo la guerra, i funzionari del dipartimento di registrazione hanno anche procurato documenti falsi per alcuni di quelli che cadevano in categorie sospettate dai tedeschi.[14] Le repressioni antiebraiche non sono state condotte sistematicamente. Le repressioni antiebraiche non sono state condotte sistematicamente. Alcuni noti ebrei hanno vissuto l'occupazione in termini di apertura comparativa, compresa Marianne Blampied, la moglie dell'artista Edmund Blampied.[14] Tre donne ebree di nazionalità austriaca e polacca, Therese Steiner, Auguste Spitz e Marianne Grünfeld, erano fuggite dall'Europa centrale a Guernsey negli anni '30, ma non erano state in grado di lasciare Guernsey come parte dell'evacuazione nel 1940 perché erano state escluse dalla legge del Regno Unito. 18 mesi dopo, Steiner avvisò i tedeschi della sua presenza e i tre furono deportati in Francia nell'aprile del 1942 per essere poi spediti presso il campo di concentramento di Auschwitz dove morirono.[14]

La massoneria fu soppressa dai tedeschi. I templi massonici di Jersey e Guernsey furono saccheggiati nel gennaio 1941 e arredi e insegne furono sequestrati e portati a Berlino per essere esposti. Sono state esaminate le liste di appartenenza delle logge massoniche. Gli Stati in entrambi i balenieri approvarono la legislazione per nazionalizzare la proprietà massonica più tardi nel 1941 al fine di proteggere gli edifici e i beni. I legislatori resistettero ai tentativi di superare le misure antimassoniche e nessun singolo Massone fu perseguitato per la sua adesione. Lo scautismo fu bandito, ma continuò sotto copertura,[69] come fece l'Salvation Army.

Deportazioni[modifica | modifica wikitesto]

Placca presso il porto di Saint Peter che commemora 1.003 persone deportate illegalmente da Guernsey

Su ordini specifici di Adolf Hitler, nel 1942, le autorità tedesche annunciarono che tutti i residenti delle isole del Canale che non erano nati nelle isole, così come quegli uomini che avevano prestato servizio come ufficiali nella prima guerra mondiale, dovevano essere deportati. La maggior parte di essi fu trasportata a sud-ovest della Germania, a Ilag V-B a Biberach an der Riß e Ilag VII a Laufen e a Bad Wurzach. Questo ordine di deportazione fu originariamente emanato nel 1941, come rappresaglia per gli 800 civili tedeschi in Iran che furono deportati e internati.[32] Il rapporto era di 20 isolani del Canale da internare per ogni tedesco internato, ma la sua promulgazione fu ritardata e quindi diluita. La paura dell'internamento ha causato il suicidio in tutte e tre le isole. L'infermiera di Guernsey, Gladys Skillett, che era incinta di cinque mesi al momento della sua deportazione a Biberach, divenne la prima isolana a partorire mentre era in rinchiusa in Germania.[70] 45 dei 2.300 deportati sarebbero morti prima della fine della guerra.

Imprigionamenti[modifica | modifica wikitesto]

A Jersey è stato riconosciuto che 22 isolani sono morti a causa di essere stati mandati nelle prigioni e nei campi di concentramento nazisti. Sono commemorati nel giorno della Memoria dell'Olocausto.[71]

Sotto assedio[modifica | modifica wikitesto]

"Let 'em starve. No fighting. They can rot at their leisure." Winston Churchill, 27 settembre 1944, a Jersey

Nel giugno del 1944, le forze alleate lanciarono gli sbarchi del D-Day e la liberazione della Normandia (operazione Overlord). Hanno deciso di aggirare le isole del Canale a causa delle loro forti fortificazioni descritte sopra. Di conseguenza, le linee di fornitura tedesche di cibo e altre forniture attraverso la Francia sono state completamente tagliate. Le scorte di cibo degli isolani stavano già diminuendo, e ciò peggiorò notevolmente le cose: gli isolani e le forze tedesche erano sul punto di morire di fame.

Nell'agosto del 1944, il ministero degli Esteri tedesco fece un'offerta alla Gran Bretagna, attraverso la Croce Rossa svizzera, che avrebbe visto la liberazione e l'evacuazione di tutti i civili dell'isola del Canale, fatta eccezione per gli uomini in età militare. Questa non era una possibilità che gli inglesi avevano previsto. Gli inglesi consideravano l'offerta, un memorandum di Winston Churchill che affermava:

(EN)

« Let 'em starve. No fighting. They can rot at their leisure. »

(IT)

« Lasciamoli morire di fame, possono marcire a loro piacimento. »

(Winston Churchill, 27 settembre 1944)

Non è chiaro se Churchill intendesse i tedeschi o i civili. L'offerta tedesca è stata respinta a fine settembre.[38]

Nel settembre del 1944 una nave salpò dalla Francia a Guernsey sotto una bandiera bianca. L'americano a bordo chiese ai tedeschi se fossero a conoscenza della loro posizione disperata. I tedeschi rifiutarono di discutere i termini di resa e l'americano salpò.

Ci vollero mesi di trattative prolungate prima che il Comitato internazionale della Croce Rossa la nave svedese SS Vega fosse autorizzata a portare soccorso agli isolani affamati nel dicembre 1944, portando con sé pacchi della Croce Rossa, sale e sapone, oltre a forniture mediche e chirurgiche. La SS Vega fece altri cinque viaggi nelle isole, l'ultima dopo che le isole furono liberate il 9 maggio 1945.

L'incursione di Granville avvenne la notte tra l'8 e il 9 marzo 1945, quando una nave da guerra tedesca dalle isole del Canale approdò nella Francia occupata dagli Alleati e riportò rifornimenti alla loro base.[72] Granville era stata la sede di Dwight D. Eisenhower per tre settimane, sei mesi prima.[73]

Liberazione[modifica | modifica wikitesto]

Placca presso la Royal Square di St. Helier
Una scena a bordo dell'HMS Bulldog durante la prima conferenza tra il Kapitänleutnant Zimmermann per la liberazione delle isole del Canale il 9 maggio 1945.

Liberazione[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene i piani fossero stati elaborati e proposti nel 1943 dal vice ammiraglio Lord Louis Mountbatten per l'operazione Constellation, una riconquista militare delle isole, questi piani non furono mai realizzati. Le isole del Canale furono liberate dopo la resa tedesca.

L'8 maggio 1945 alle 10:00 gli isolani furono informati dalle autorità tedesche che la guerra era finita. Churchill fece una trasmissione radiofonica alle 15:00 durante la quale annunciò che:

(EN)

« Hostilities will end officially at one minute after midnight tonight, but in the interests of saving lives the "Cease fire" began yesterday to be sounded all along the front, and our dear Channel Islands are also to be freed today. »

(IT)

« Le ostilità terminano ufficialmente un minuto dopo la mezzanotte di questa sera, ma nell'interesse di salvare vite il "cessate il fuoco" è iniziato ieri per essere suonato lungo tutto il fronte, e anche le nostre care isole del Canale saranno liberate oggi. »

(Winston Churchill)

La mattina seguente, il 9 maggio 1945, l'HMS Bulldog arrivò al porto di St Peter a Guernsey e le forze tedesche si arresero incondizionatamente a bordo della nave all'alba. Poco dopo le forze britanniche sbarcarono al porto di St Peter accolte da una folla di isolani gioiosi ma malnutriti che cantavano, tra le altre canzoni patriottiche, Sarnia-Cherie.

L'HMS Beagle, che era partito allo stesso tempo da Plymouth, ha svolto un ruolo simile nella liberazione di Jersey. Due ufficiali di marina, il tenente del chirurgo Ronald McDonald e il sottotenente R. Milne, furono accolti dal capitano di porto che li accompagnò nel suo ufficio dove issarono la bandiera del Regno Unito, prima di sollevarla anche sull'albero della bandiera del Pomme D'Or Hotel. Sembra che il primo posto liberato a Jersey potrebbe essere stato il ripetitore britannico del New York Post Office. Il signor Warder, un guardalinee del General Post Office (GPO), era rimasto bloccato sull'isola durante l'occupazione. Non attese che l'isola venisse liberata e andò alla stazione dei ripetitori, dove informò l'ufficiale tedesco responsabile che stava prendendo in consegna l'edificio a nome delle poste britanniche.[74]

Sark fu liberato il 10 maggio 1945 e le truppe tedesche ad Alderney si arresero il 16 maggio 1945. I prigionieri di guerra tedeschi vennero rimossi da Alderney il 20 maggio 1945 e la sua popolazione iniziò a ritornare nel dicembre 1945, dopo che era stato effettuato lo sbarco. fuori dalle truppe tedesche sotto la supervisione militare britannica.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 maggio 1945 viene proclamato il restauro dell'amministrazione britannica

Le principali forze di liberazione arrivarono nelle isole il 12 maggio 1945. Una proclamazione reale letta dal brigadiere Alfred Snow a Guernsey e Jersey gli conferì l'autorità del governo militare. Il governo britannico aveva pianificato il soccorso e il ripristino dell'ordine nelle isole. Cibo, vestiti, pentole, padelle e generi di prima necessità erano stati accumulati in modo da rifornire immediatamente gli isolani. È stato deciso che per ridurre al minimo le perturbazioni finanziarie i marchi del Reich continuerebbero a circolare fino a quando non potrebbero essere scambiati per la sterlina.[2]

A Sark, la Dame fu lasciata al comando delle 275 truppe tedesche nell'isola fino al 17 maggio quando furono trasferite come prigionieri di guerra in Inghilterra. Il Ministro degli Interni del Regno Unito, Herbert Stanley Morrison, visitò Guernsey il 14 maggio e Jersey il 15 maggio e offrì una spiegazione personale negli Stati Uniti in entrambi i casi in cui era stato ritenuto nell'interesse delle isole non difenderle nel 1940 e non usare la forza per liberarli dopo il D-Day.[2]

Il 7 giugno il re e la regina hanno visitato Jersey e Guernsey per dare il benvenuto ai più antichi possedimenti della corona in libertà.[2]

Poiché lo stato delle cose nelle isole era stato in gran parte sconosciuto e c'era stata incertezza sulla portata della resistenza da parte delle forze tedesche, il regolamento della Difesa (Isole del Canale) del 1944 aveva investito ampi poteri amministrativi nel governatore militare. Come si è scoperto che la resa tedesca era del tutto pacifica e ordinata e l'ordine civile era stato mantenuto, questi regolamenti erano usati solo per scopi tecnici come il ritorno al Greenwich Mean Time. Ogni settore di competenza è stato lasciato per fare i suoi regolamenti, se necessario. La situazione della legislazione retrospettivamente regolarizzata approvata senza Royal Assent doveva essere trattata. Il 13 giugno il Brigadier Snow firmò un regolamento (promulgato il 16 giugno) per rinnovare gli ordini a Jersey e le ordinanze a Guernsey come se non vi fosse stata alcuna interruzione nella loro validità tecnica. Il periodo di governo militare durò fino al 25 agosto 1945 quando furono nominati nuovi Luogotenenti Governatori in ciascun settore di competenza.[2]

Dopo la liberazione del 1945, sono state indagate le accuse di collaborazione con le autorità occupanti. Nel novembre del 1946, il Ministro dell'Interno del Regno Unito era in grado di informare la Camera dei Comuni che la maggior parte delle accuse mancava di sostanza e solo 12 casi di collaborazione erano considerati per l'accusa, ma il Direttore dei pubblici ministeri aveva escluso i procedimenti giudiziari per motivi insufficienti.[75] In particolare, è stato deciso che non esistevano motivi giuridici per procedere contro coloro che sarebbero stati informati delle autorità di occupazione contro i loro concittadini.[76] Gli unici processi relativi all'occupazione delle Isole della Manica da condurre secondo il Treachery Act del 1940 erano contro individui tra quelli che erano venuti nelle isole dalla Gran Bretagna nel 1939-1940 per lavori agricoli. Questi includevano obiettori di coscienza associati alla Peace Pledge Union e persone di estrazione irlandese.[14] Nel dicembre 1945 fu annunciato un elenco di onori britannici per riconoscere un certo numero di eminenti isolani per servizi resi durante l'occupazione.[77]

In Jersey e Guernsey, le leggi sono state approvate a confiscare retrospettivamente i guadagni finanziari fatti da profittatori di guerra e mercato nero, anche se queste misure hanno colpito coloro che avevano fatto profitti legittimi durante gli anni di occupazione militare.[78][79]

Le "Jerry-bag" erano donne che avevano fraternizzato con soldati tedeschi. Ciò aveva suscitato indignazione tra alcuni cittadini. Nelle ore successive alla liberazione, i membri delle forze di liberazione britanniche furono obbligati a intervenire per prevenire attacchi di vendetta.[80]

Per due anni dopo la liberazione, Alderney fu gestita come una fattoria comunale. Gli artigiani venivano pagati dai loro datori di lavoro, mentre altri erano pagati dal governo locale per il profitto derivante dalla vendita di prodotti agricoli. I profitti restanti sono stati accantonati per ripagare il governo britannico per la riparazione e la ricostruzione dell'isola. A causa del risentimento da parte della popolazione locale per il fatto di non avere il permesso di controllare la propria terra, l'Home Office ha avviato un'inchiesta che ha portato al "Government of Alderney Law 1948", entrato in vigore il 1º gennaio 1949. La legge prevedeva uno stato eletto di Alderney, un sistema giudiziario e, per la prima volta ad Alderney, l'imposizione delle tasse. A causa della piccola popolazione di Alderney, si riteneva che l'isola non potesse essere autosufficiente nella gestione dell'aeroporto e del porto, oltre a fornire un livello accettabile di servizi. Le tasse sono state quindi riscosse nei fondi generali del Bailiwick di Guernsey (allo stesso tasso di Guernsey) e amministrate dagli Stati di Guernsey. Guernsey divenne responsabile di molte funzioni e servizi governativi.

In particolare a Guernsey, che ha evacuato la maggior parte dei bambini in età scolare prima dell'occupazione, l'occupazione ha indebolito la cultura indigena dell'isola. Molti ritenevano che i bambini "lasciassero i Guern e tornassero come inglesi". Ciò è stato particolarmente sentito nella perdita del dialetto locale - i bambini che erano fluenti in guernesiais quando se ne sono andati hanno scoperto che dopo cinque anni di non utilizzo avevano perso molto della lingua.

Le attrezzature e le fortificazioni tedesche abbandonate rappresentavano un serio rischio per la sicurezza e vi furono molti incidenti dopo l'occupazione che provocarono diversi decessi. Molti dei bunker, batterie e tunnel sono ancora visibili oggi. Alcuni sono stati restaurati, come Battery Lothringen e Ho8, e sono aperti al pubblico per la visita. Dopo l'occupazione, gli isolani hanno usato alcune delle fortificazioni per altri scopi, ma la maggior parte è stata spogliata in discariche (e dai cacciatori di souvenir) e abbandonata. Un bunker è stato trasformato in un vivaio di pesci e un grande complesso di tunnel è stato trasformato in una fattoria per custodire funghi.

Le isole erano seriamente in debito, con i governi dell'isola che dovevano pagare più di £ 10.000.000,[81] avendo dovuto pagare per le navi di evacuazione, i costi sostenuti dagli sfollati nel Regno Unito, il costo delle "forze di occupazione", come salari, cibo, alloggio e trasporto così come il costo di fornire domestici per i tedeschi, fornendo lavoro civile per gli isolani e la necessità di pagare per la ricostruzione e il risarcimento dopo la guerra. Le entrate fiscali sono diminuite drasticamente durante il periodo bellico. Infine, i Reichsmark di Occupazione ora senza valore e i depositi bancari RM sono stati convertiti in Sterline al tasso di 9.36 RM a £ 1.[82] Una parte di questo debito è stata soddisfatta da un "regalo" del governo britannico di £ 3.300.000 che è stato utilizzato per rimborsare gli isolani che avevano subito danni e perdite.[83] Inoltre, il costo del mantenimento degli sfollati, stimato in 1.000.000 di sterline, è stato cancellato dal governo. Dato che si poteva comprare una casa per £ 250 negli anni '40, il regalo equivaleva al valore di 17.000 case.

Processi per crimini di guerra[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la seconda guerra mondiale, un caso della corte marziale fu allestita contro l'ex SS Hauptsturmführer Max List (ex comandante dei campi di Norderney e di Sylt), citando atrocità ad Alderney.[84] Non è stato processato e si ritiene che abbia vissuto vicino ad Amburgo fino alla sua morte negli anni '80.[85]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tony Bellows, What was the "Occupation" and why is "Liberation Day" celebrated in the Channel Islands?, Société Jersiaise. URL consultato il 24 ottobre 2006.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n (EN) Charles G. Cruickshank, (1975) The German Occupation of the Channel Islands, The Guernsey Press, ISBN 0-902550-02-0
  3. ^ (EN) Judd Denis, George VI, London, I.B. Tauris & Co., 2012, p. 191, ISBN 978-1-78076-071-1.
  4. ^ a b (EN) 11 June 1940, Homepage.ntlworld.com, 11 giugno 1940. URL consultato il 2 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2012).
  5. ^ (EN) Tim Cook, Volume 1 of History of World War II, Marshall Cavendish Corporation, 2004, p. 281, ISBN 0-7614-7482-X.
  6. ^ (EN) Hazel R. Knowles Smith, The changing face of the Channel Islands Occupation, 2007, Palgrave Macmillan, UK
  7. ^ (EN) Frank Falla, The Silent War, Burbridge, 1967, ISBN 0-450-02044-4.
  8. ^ (EN) Charles De Gaulle, The complete war memoirs of Charles de Gaulle, ISBN 0-7867-0546-9.
  9. ^ (EN) James Marr, Bailiwick Bastions, ISBN 0-902550-11-X.
  10. ^ (EN) Evacuees from Guernsey recall life in Scotland, BBC News, 12 novembre 2010. URL consultato il 12 novembre 2010.
  11. ^ (EN) Janie Corbet, I escaped the Nazi Holocaust, su thisisguernsey.com, 9 luglio 2005.
  12. ^ (EN) Roy Lowe, Education and the Second World War: Studies in Schooling and Social Change, Routledge, 2012, ISBN 978-1-136-59015-3.
  13. ^ (EN) Simon Hamon, Channel Islands Invaded: The German Attack on the British Isles in 1940 Told Through Eye-Witness Accounts, Newspapers Reports, Parliamentary Debates, Memoirs and Diaries, Frontline Books, 2015, ISBN 978-1-4738-5160-3.
  14. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Paul Sanders, The British Channel Islands under German Occupation 1940–1945, Jersey, Jersey Heritage Trust / Société Jersiaise, 2005, ISBN 0-9538858-3-6.
  15. ^ (EN) Ambrose Sherwill, A fair and Honest Book, ISBN 978-1-84753-149-0.
  16. ^ (EN) Eleanor Roosevelt and the Guernsey Evacuee | Guernsey Evacuees Oral History, Guernseyevacuees.wordpress.com, 6 dicembre 2010. URL consultato il 4 ottobre 2012.
  17. ^ (EN) C. W. Duret Aubin, Enemy Legislation and Judgments in Jersey, in Journal of Comparative Legislation and International Law, 3, vol. 31, 3/4, 1949, pp. 8–11.
  18. ^ a b (EN) Barry Turner, Outpost of Occupation: The Nazi Occupation of the Channel Islands, 1940-1945, Aurum Press (April 1, 2011), ISBN 978-1-84513-622-2.
  19. ^ (EN) Gwen Drawmer, My Memories of the German Occupation of Sark, 1940-1945, Studio House, 2001.
  20. ^ (EN) Simon Hamon, Channel Islands Invaded: The German Attack on the British Isles in 1940 Told Through Eye-Witness Accounts, Newspapers Reports, Parliamentary Debates, Memoirs and Diaries, Frontline Books, 2015, pp. 214, ISBN 1-4738-5159-9.
  21. ^ a b (EN) Peter King, The Channel Islands War: 1940-1945, Hale, 1991, page 31
  22. ^ (DE) Lil Dagover: Schauspielerin
  23. ^ (EN) Dr. John Lewis, (1982), A Doctor's Occupation,, St. John, Jersey: Channel Island Publishing, p. 44
  24. ^ Cruickshank, p. 89
  25. ^ Cruickshank, p. 222
  26. ^ Bunting, p. 316
  27. ^ Cruickshank, p. 329
  28. ^ a b c d e f g h (EN) Louise Willmot, The Goodness of Strangers: Help to Escaped Russian Slave Labourers in Occupied Jersey, 1942–1945, in Contemporary European History, vol. 11, nº 2, maggio 2002, pp. 211–227, DOI:10.1017/s0960777302002023, JSTOR 20081829.
  29. ^ (EN) Louise Willmot, (May 2002) The Goodness of Strangers: Help to Escaped Russian Slave Labourers in Occupied Jersey, 1942-1945," Contemporary European History, Vol. 11, No. 2, p. 214. Downloaded from JSTOR.
  30. ^ a b c d e f g (EN) Michael Ginns, Jersey Occupied: The German Armed Forces in Jersey 1940–1945, Channel Island Publishing, 2009, ISBN 1-905095-29-5.
  31. ^ (EN) Senator is a driving force behind move for international recognition, Jersey Evening Post, 9 March 2010
  32. ^ a b Bunting (1995)
  33. ^ Maughan (1980)
  34. ^ (EN) Marguerite Syvret, Edmund Blampied, London 1986 ISBN 0-906030-20-X
  35. ^ Cruickshank (1975)
  36. ^ (EN) Charybdis Association, H.M.S. Charybdis: A Record of Her Loss and Commemoration, in World War 2 at Sea, naval-history.net, 1º dicembre 2010. URL consultato il 3 agosto 2012.
  37. ^ (EN) Barry James, Documents Show Government's Concern : Was Duke of Windsor A Nazi Sympathizer?, in The New York Times, 4 dicembre 1996.
  38. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) Will Fowler, The Last Raid: The Commandos, Channel Islands and Final Nazi Raid, The History Press, ISBN 978-0-7509-6637-5.
  39. ^ a b (EN) Peter Tabb, A peculiar occupation, Ian Allan Publishing, ISBN 978-0-7110-3113-5.
  40. ^ Durnford-Slater 1953, pp. 22–33.
  41. ^ a b (EN) George Forty, ATLANTIC WALL: CHANNEL ISLANDS:, Pen and Sword (June 2002), ISBN 978-0-85052-858-9.
  42. ^ (EN) Colin Partridge, The Fortifications of Alderney, Alderney Publishers, ISBN 0-9517156-0-7.
  43. ^ (EN) Jerseysocietyinlondon.org
  44. ^ (EN) Marguerite Syvret e Joan Stevens, Balleine's History of Jersey (1998) ISBN 1-86077-065-7
  45. ^ (EN) Kinnerley, RA, Obituary: Major-General Sir Donald Banks, KCB DSO MC TD, Review of the Guernsey Society, Winter 1975
  46. ^ (EN) HL Deb 04 October 1944 vol 133 cc365-6, Hansard.
  47. ^ (EN) Guernsey evacuees and kind canadians during the second world war, Exodus.
  48. ^ a b c (EN) The First Attack on England, Calvin.
  49. ^ a b c d e (EN) John Nettles, Jewels and Jackboots, Channel Island Publishing; 1st Limited edition (25 October 2012), ISBN 978-1-905095-38-4.
  50. ^ (EN) Guernsey files reveal how islanders defied Nazi occupation, The Guardian.
  51. ^ a b (EN) Herbert Winterflood, Occupied Guernsey: July 1940–December 1942, Guernsey Press, ISBN 978-0-9539166-6-5.
  52. ^ (EN) Julia Tremayne, War on Sark: The secret letters of Julia Tremayne, Webb & Bower (1981), ISBN 978-0-906671-41-2.
  53. ^ a b (EN) Simon Hamon, Channel Islands Invaded: The German Attack on the British Isles in 1940 Told Through Eye-Witness Accounts, Newspapers Reports, Parliamentary Debates, Memoirs and Diaries, Frontline Books, 2015, ISBN 978-1-4738-5162-7.
  54. ^ a b (EN) Alice Evans, Guernsey Under Occupation: The Second World War Diaries of Violet Carey, The History Press (2009), ISBN 978-1-86077-581-9.
  55. ^ (EN) William Parker, Life in Occupied Guernsey: The Diaries of Ruth Ozanne 1940–45, Amberley Publishing Limited, 2013, ISBN 978-1-4456-1260-7.
  56. ^ (EN) Martin Le Page, A Boy Messenger's War: Memories of Guernsey and Herm 1938-45, Arden Publications (1995), ISBN 978-0-9525438-0-0.
  57. ^ (EN) Richard Le Tissier, Island Destiny: A True Story of Love and War in the Channel Island of Sark, Seaflower Books, ISBN 978-1-903341-36-0.
  58. ^ (EN) Gilly Carre, Protest, Defiance and Resistance in the Channel Islands, Bloomsbury Academic (August 14, 2014), ISBN 978-1-4725-0920-8.
  59. ^ (EN) Charles Cruickshank, The German Occupation of the Channel Islands, The History Press; New edition (30 Jun. 2004), ISBN 978-0-7509-3749-8.
  60. ^ a b (EN) Russian State Military Archives, Inventory 500, Documents of the OB West.
  61. ^ (EN) Occupation Memorial HTML Library, Thisisjersey.co.uk. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  62. ^ (EN) Occupation Memorial | Resources | Forced Workers, Thisisjersey.co.uk. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  63. ^ (EN) The British Channel Islands; 1940–45 (Historical Boys Clothing)
  64. ^ (EN) Michael Ginns, Jersey's German Tunnels, MBE, CIOS Jersey
  65. ^ (DE) Christian Streit, Keine Kameraden: Die Wehrmacht und die Sowjetischen Kriegsgefangenen, 1941–1945, Bonn: Dietz (3. Aufl., 1. Aufl. 1978), ISBN 3-8012-5016-4
  66. ^ a b (EN) Subterranea Britannica, SiteName: Lager Sylt Concentration Camp, su subbrit.org.uk, febbraio 2003. URL consultato il 6 giugno 2009.
  67. ^ Alderney, a Nazi concentration camp on an island Anglo-Norman(FR) Matisson Consultants, Aurigny ; un camp de concentration nazi sur une île anglo-normande (English: Alderney, a Nazi concentration camp on an island Anglo-Norman), su matisson-consultants.com. URL consultato il 6 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2014).
  68. ^ (EN) Lager Wick, Jersey, Channel Islands
  69. ^ (EN) Scouting in Occupied Countries: Part Eight Archiviato il 27 aprile 2013 in Internet Archive.
  70. ^ (EN) Gladys Skillett : wartime deportee and nurse, in The Times (London), 27 febbraio 2010. URL consultato il 9 marzo 2010.
  71. ^ (EN) The 22 Islanders who died in Nazi captivity, in Jersey Evening Post, 28 gennaio 2013.
  72. ^ (EN) Samuel Eliot Morison, History of United States Naval Operations in World War II, p.306
  73. ^ (EN) Daniel K. R. Crosswell, Beetle: The Life of General Walter Bedell Smith, University Press of Kentucky, 2010, p. 679, ISBN 978-0-8131-2649-4.
  74. ^ Pether (1998), p. 7
  75. ^ (EN) Hansard (Commons), vol. 430, col. 138
  76. ^ (EN) The German Occupation of the Channel Islands, Cruickshank, London 1975 ISBN 0-19-285087-3
  77. ^ (EN) The Times, 12 dicembre 1945.
  78. ^ (EN) War Profits Levy (Jersey) Law 1945
  79. ^ (EN) War Profits (Guernsey) Law 1945
  80. ^ (EN) Leslie Sinel, Occupation Diary, Jersey 1945
  81. ^ (EN) Peter Tabb, A peculiar occupation, Ian Allan Publishing, ISBN 978-0-7110-3113-5.
  82. ^ (EN) Charles Cruickshank, The German Occupation of the Channel Islands, The Guernsey Press Co, Ltd..
  83. ^ (EN) Darryl Ogier, The Government and Law of Guernsey, States of Guernsey, ISBN 978-0-9549775-1-1.
  84. ^ (EN) Frederick Cohen, The Jews in the Channel Islands During the German Occupation 1940–1945, by the President of the Jersey Jewish Congregation, jerseyheritagetrust.org Archiviato il 28 September 2007 Data nell'URL non combaciante: 28 settembre 2007 in Internet Archive.
  85. ^ (EN) Guy Walters, The Occupation, ISBN 0-7553-2066-2

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Bell, William M. (2002), Guernsey Occupied But Never Conquered, The Studio Publishing Services, ISBN 978-0952047933
  • (EN) Bunting, Madeleine (1995), The Model Occupation: the Channel Islands under German rule, 1940–1945, London: Harper Collins, ISBN 0-00-255242-6
  • (EN) Carr, Gillian; Sanders, Paul; Willmot, Louise. (2014). Protest, Defiance and Resistance in the Channel Islands: German Occupation, 1940-45. London: Bloomsbury. ISBN 147250920X
  • (EN) Cruickshank, Charles G. (1975), The German Occupation of the Channel Islands, The Guernsey Press, ISBN 0-902550-02-0
  • (EN) Dunford-Slater, John (1953). Commando: Memoirs of a Fighting Commando in World War Two. Reprinted 2002 by Greenhill Books. ISBN 1-85367-479-6
  • (EN) Edwards, G. B. (1981), The Book of Ebenezer le Page, (New York Review of Books Classics; 2006).
  • (EN) Evans, Alice Alice, (2009), Guernsey Under Occupation: The Second World War Diaries of Violet Carey, The History Press, ISBN 978-1-86077-581-9
  • (EN) Hamlin, John F. (1999), No 'Safe Haven': Military Aviation in the Channel Islands 1939–1945 Air Enthusiast # 83 September/October 1999 article pp. 6–15
  • (EN) Hayes, John Crossley, teacher in charge of Vauvert school (1940–1945) and composer of Suite Guernesiaise, premiered in Guernsey October 2009. Documents of life in war time Guernsey at https://web.archive.org/web/20111120142147/http://www.johncrossleyhayes.co.uk/.
  • (EN) Lewis, John (1983), A Doctor's Occupation, New English Library Ltd; New edition (July 1, 1983), ISBN 978-0450056765
  • (EN) Maughan, Reginald C. F. (1980), Jersey under the Jackboot, London: New English Library, ISBN 0-450-04714-8
  • (EN) Money, June, (2011) Aspects of War, Channel Island Publishing, ISBN 978-1-905095-36-0
  • (EN) Nettles, John (2012), Jewels & Jackboots, Channel Island Publishing & Jersey War Tunnels, ISBN 978-1-905095-38-4
  • (EN) Pether, John (1998), The Post Office at War and Fenny Stratford Repeater Station, Bletchley Park Trust Reports, 12, Bletchley Park Trust
  • (EN) Read, Brian A. (1995), No Cause for Panic – Channel Islands Refugees 1940–45, St Helier: Seaflower Books, ISBN 0-948578-69-6
  • (EN) Sanders, Paul (2005), The British Channel Islands under German Occupation 1940–1945, Jersey Heritage Trust / Société Jersiaise, ISBN 0953885836
  • (EN) Shaffer, Mary Ann, and Barrows, Annie (2008), The Guernsey Literary and Potato Peel Pie Society, ISBN 978-0-385-34099-1
  • (EN) Tabb, Peter A peculiar occupation, Ian Allan Publishing, ISBN 978-0-7110-3113-5
  • (EN) Winterflood, Herbert, Occupied Guernsey : July 1940-December 1942, Guernsey Press, ISBN 978-0-9539166-6-5
  • (EN) Winterflood, Herbert, (2005), Occupied Guernsey 1943-1945, MSP Channel Islands, ISBN 978-0-9539116-7-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegomenti esterni[modifica | modifica wikitesto]