Race of Champions 1976

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 1976.
Regno Unito Gran Premio Race of Champions 1976
Gara non valida per il Mondiale
Circuit Brandshatch.png
Data 14 marzo 1976
Nome ufficiale XI Daily Mail Race of Champions
Circuito Circuito di Brands Hatch
Percorso 4,207 km / 2,613 US mi
Distanza 40 giri, 168,280 km/ 104,520 US mi
Clima Pioggia e nevischio
Risultati
Pole position Giro più veloce
Sudafrica Jody Scheckter Regno Unito James Hunt
Tyrrell-Ford Cosworth in 1'20"42 McLaren-Ford Cosworth in 1'23"78
Podio
1. Regno Unito James Hunt
McLaren-Ford Cosworth
2. Australia Alan Jones
Surtees-Ford Cosworth
3. Belgio Jacky Ickx
Hesketh-Ford Cosworth


La Race of Champions 1976 (XI Daily Mail Race of Champions) è stata una gara di Formula 1, non valida per il campionato del mondo, disputata il 14 marzo 1976 sul Circuito di Brands Hatch, nel Regno Unito.

La gara venne vinta da James Hunt su McLaren-Ford Cosworth. Il pilota inglese fece segnare anche il giro più veloce. Questa fu la sua seconda vittoria in una gara non titolata, dopo quella ottenuta nel BRDC International Trophy 1974.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Il tracciato venne leggermente modificato in qualche curva, modificandone la lunghezza. La Scuderia Ferrari portò all'esordio il modello Ferrari 312 T2.[1]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La gara rappresentò l'esordio stagionale in Europa, dopo il tradizionale avvio in Brasile e Sud Africa. La gara si posizionò nel calendario due settimane prima del Gran Premio di Long Beach.

Fece il suo esordio la scuderia britannica RAM con due vetture Brabham private. Anche la Scuderia Everest, gestita da Giancarlo Minardi debuttò, utilizzando una Ferrari 312 T. La Williams impiegò una Hesketh 308C, che durante il mondiale veniva definita come Wolf-Williams.

Piloti e team[modifica | modifica wikitesto]

Solo la Lotus e la RAM iscrissero due piloti. La prima confermò la coppia Evans-Nilsson, mentre la RAM portò Loris Kessel e Patrick Nève. La Scuderia Ferrari portò il solo Lauda, mentre sulla vettura iscritta dall'Everest fece il suo debutto Giancarlo Martini.

I seguenti piloti e costruttori vennero iscritti alla gara:[2]

Team Telaio Gomme Nr. Pilota
Italia Scuderia Ferrari Ferrari 312 T2 G 1 Austria Niki Lauda
Regno Unito Elf Team Tyrrell Tyrrell 007-Ford Cosworth G 3 Sudafrica Jody Scheckter
Regno Unito John Player Team Lotus Lotus 77-Ford Cosworth G 5 Regno Unito Bob Evans
6 Svezia Gunnar Nilsson
Regno Unito Motor Racing Developments Brabham BT45-Alfa Romeo G 8 Brasile Carlos Pace
Regno Unito Beta Team March March 761-Ford Cosworth G 9 Italia Vittorio Brambilla
Regno Unito Texaco Marlboro Team Texaco McLaren M23-Ford Cosworth G 11 Regno Unito James Hunt
Regno Unito Shadow Racing Team Shadow DN5-Ford Cosworth G 16 Regno Unito Tom Pryce
Regno Unito Team Surtees Surtees TS19-Ford Cosworth G 19 Australia Alan Jones
Canada Walter Wolf Racing
Frank Williams Racing Cars
Hesketh 308C-Ford Cosworth G 20 Belgio Jacky Ickx
Regno Unito Team Ensign Ensign N174-Ford Cosworth G 22 Nuova Zelanda Chris Amon
Regno Unito Hesketh Racing Hesketh 308D-Ford Cosworth G 24 Austria Harald Ertl
Stati Uniti City Bank Team Penske Penske PC3-Ford Cosworth G 28 Regno Unito John Watson
Regno Unito RAM Racing Brabham BT42-Ford Cosworth G 32 Svizzera Loris Kessel
Brabham BT44-Ford Cosworth 33 Belgio Patrick Nève
Italia Scuderia Everest Ferrari 312 T G 36 Italia Giancarlo Martini

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Le prove si tennero nella sola giornata del sabato, con una sessione la mattina e una nel pomeriggio. Il miglior tempo venne staccato da Jody Scheckter su Tyrrell, davanti al campione del mondo Niki Lauda. Il sudafricano avendo ottenuto il miglior tempo nella sessione dell mattina ottenne in premio centro bottigli di champagne.

Le prove del pomeriggio erano iniziate su pista umida che pian piano si stava però asciugando; il ritorno però della pioggia nella parte finale della sessione non permise ai piloti di migliorare ulteriormente le loro prestazioni. In questa fase Vittorio Brambilla fu autore di un'uscita di pista, con susseguente testacoda, che costrinse gli organizzatori a sospendere le prove per un quarto d'ora. Sulla Ferrari 312 T2, all'esordio, la scuderia italiana, per precauzione, vennero montate le sospensiosi indipendenti tradizionali e non il ponte de Dion.[1]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[3] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 3 Sudafrica Jody Scheckter Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'20"42 1
2 1 Austria Niki Lauda Italia Ferrari 1'22"77 2
3 6 Svezia Gunnar Nilsson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'23"56 3
4 20 Belgio Jacky Ickx Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 1'23"72 4
5 11 Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'23"80 5
6 19 Australia Alan Jones Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'23"81 6
7 5 Regno Unito Bob Evans Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'24"05 7
8 28 Regno Unito John Watson Stati Uniti Penske-Ford Cosworth 1'24"26 8
9 16 Regno Unito Tom Pryce Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 1'24"32 9
10 8 Brasile Carlos Pace Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 1'24"50 10
11 22 Nuova Zelanda Chris Amon Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'25"08 11
12 32 Svizzera Loris Kessel Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'25"98 12
13 33 Belgio Patrick Nève Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'26"39 13
14 24 Austria Harald Ertl Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 1'26"67 14
15 36 Italia Giancarlo Martini Italia Ferrari 1'27"75 NP[4]
16 9 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito March-Ford Cosworth 1'30"23 16

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

James Hunt qui intervistato nel corso del weekend della gara.

Nel giro di formazione Giancarlo Martini uscì di pista e non prese parte alla gara. Alla partenza la testa venne presa da Jody Scheckter, seguito da Gunnar Nilsson, Alan Jones, Jacky Ickx, Niki Lauda e James Hunt. Nel corso del primo giro Nilsson fu autore di un testacoda, che lo fece scendere di parecchie posizioni in classifica; commise un errore anche Ickx e lo stesso battistrada, Scheckter, uscì di pista, ritirandosi, cedendo così la prima piazza a Jones.

Jones proseguì in testa per diversi giri, seguito da Hunt, Lauda e John Watson. Il pilota della Penske fu costretto al ritiro dopo 12 giri per un'uscita di pista. Al giro 18 fu il turno di Lauda a ritirarsi, per un guasto al propulsore.

La gara venne decisa al giro 21, quando Hunt passò Jones. Terzo era Ickx, seguito da Bob Evans e Vittorio Brambilla, autore di una bella rimonta, agevolata però da una partenza anticipata, che gli costò un minuto di penalità. Evans fu poi costretto al ritiro per la mancanza di benzina a quattro tornate dal termine. La gara venne vinta da Hunt, davanti a Jones e Ickx.[5]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio sono i seguenti[6]:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia
1 11 Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 40 58'01"23 5
2 19 Australia Alan Jones Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 40 + 18"42 6
3 20 Belgio Jacky Ickx Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 40 + 23"17 4
4 9 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito March-Ford Cosworth 40 + 2'26"58[7] 16
5 22 Nuova Zelanda Chris Amon Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 39 + 1 Giro 11
6 16 Regno Unito Tom Pryce Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 39 + 1 Giro 9
7 33 Belgio Patrick Neve Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 39 + 1 Giro 13
8 6 Svezia Gunnar Nilsson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 38 Motore 3
Rit 5 Regno Unito Bob Evans Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 36 Mancanza di benzina 7
Rit 32 Svizzera Loris Kessel Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 31 Motore 12
Rit 24 Austria Harald Ertl Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 17 Motore 14
Rit 1 Austria Niki Lauda Italia Ferrari 17 Motore 2
Rit 28 Regno Unito John Watson Stati Uniti Penske-Ford Cosworth 12 Incidente 8
Rit 8 Brasile Carlos Pace Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 8 Motore 10
Rit 3 Sudafrica Jody Scheckter Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 2 Incidente 1
NP 36 Italia Giancarlo Martini Italia Ferrari Incidente nel giro di formazione 15

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Carlo Ricono, Lauda secondo in prova con la sua nuova Ferrari, in La Stampa, 14-3-1976, p. 19.
  2. ^ (EN) Race of Champions (entry list), racingsportscars.com. URL consultato il 30-3-2012.
  3. ^ Sessione di qualifica
  4. ^ Giancarlo Martini non prese parte alla gara per un incidente nel giro di formazione.
  5. ^ Carlo Ricono, Lauda si ritira, Hunt domina, in Stampa Sera, 15-3-1976, p. 16.
  6. ^ Risultati del gran premio
  7. ^ Vittorio Brambilla penalizzato di un minuto per partenza anticipata.
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1